liceo-di-bellinzona-e-lockdown-bilancio-in-chiaro-scuro
Zeno Casella, coordinatore del Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
29 min

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
40 min

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
56 min

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
2 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
3 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
7 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
22 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
23 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
1 gior

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
1 gior

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
laR
 
10.07.2020 - 06:00
Aggiornamento: 08:29

Liceo di Bellinzona e lockdown, 'bilancio in chiaro-scuro'

Il Sisa conferma l'esistenza di docenti che non hanno seguito le disposizioni del Decs. Zeno Casella: 'Ma in generale la scuola ha reagito bene'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Scarso insegnamento a distanza tramite video-lezioni, materiale didattico inviato senza un approccio diretto con la classe o col singolo allievo, mancanza di contatto personale. Il tutto in barba alle disposizioni emanate dal Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) all’inizio dell’insegnamento a distanza. Quanto descritto nel nostro articolo apparso nell’edizione del 6 luglio, riferito a un buon numero di docenti del Liceo di Bellinzona in base a testimonianze critiche e preoccupate di genitori e studenti raccolte dalla redazione negli ultimi mesi, potrà essere confrontato con un sondaggio che il Decs intende lanciare prossimamente nel settore dell’insegnamento medio-superiore. L’indagine sarà l’occasione per analizzare nel dettaglio i problemi vissuti nell’insegnamento a distanza, ma anche per mettere in luce i comportamenti virtuosi ed esemplari di docenti e allievi che nonostante le evidenti difficoltà si sono attivati subito con un approccio proattivo che ha fatto la differenza rispetto a chi ha preferito limitarsi al minimo indispensabile. Un quadro, quello emerso, corroborato in buona sostanza dal sondaggio interno promosso in aprile dal Comitato studentesco (vedi la 'Regione' del 9 luglio) i cui risultati evidenziano la presenza di una serie di problemi sull'asse Decs-Direzione-docenti-studenti che andrebbero risolti in vista della ripresa scolastica di settembre e delle incognite Covid che potrebbero ripresentarsi.

'Corsi di recupero per evitae l'effetto ghigliottina'

Proprio l’aspetto legato alle lacune che possono essersi formate da marzo a giugno, e che rischiano di presentarsi accentuate fra poche settimane, ha ora indotto il Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) a segnalare al Decs – nell’ambito della consultazione in corso – la richiesta di istituire corsi di recupero sia durante le ultime settimane delle ferie estive, sia nel primo periodo scolastico. «La richiesta – spiega alla ‘Regione’ Zeno Casella, coordinatore del Sisa – s’inserisce nella volontà di evitare il cosiddetto ‘effetto ghigliottina’ che rischia di tagliare fuori gli studenti che per vari motivi non sono riusciti a seguire debitamente l’insegnamento a distanza». La soluzione immaginata «potrebbe venire concretizzata con l’aumento del monte ore e/o tramite un credito straordinario che permetta di retribuire docenti incaricati per questo scopo».

'Problemi presenti anche in altre scuole'

Quanto all’articolo della ‘Regione’, dopo essersi consultato con membri e aderenti del Sisa il suo coordinatore rileva come esso «sollevi problematiche di cui siamo coscienti e che abbiamo visto essere presenti al Liceo di Bellinzona come in altre scuole. È evidente che l’insegnamento a distanza ha posto numerosi problemi: da un lato docenti non adeguatamente formati all’uso dei nuovi strumenti implementati dall’oggi al domani, dall’altra studenti non di rado sprovvisti dei necessari supporti informatici. A ogni modo sarebbe sbagliato fare di tutta l’erba un fascio affermando che tutti i docenti non hanno lavorato adeguatamente durante la pandemia», cosa che la ‘Regione’ non ha fatto indicando l’esistenza del problema in un “buon numero di docenti assenti”. «Il nostro riscontro – sottolinea Zeno Casella – è in chiaro-scuro. Anche noi abbiamo registrato al Liceo di Bellinzona, come in altri ordini di scuola, vari casi di insegnanti che non hanno seguito le disposizioni del Decs. Ma in generale, visto il carattere emergenziale della situazione, possiamo dire che la scuola abbia reagito abbastanza bene. Ora è importante fare in modo che determinati problemi non si ripetano nei prossimi mesi autunnali e invernali». Il coordinatore del Sisa rimarca peraltro che le direttive del Decs «riprendevano talune rivendicazioni da noi avanzate all’inizio della pandemia».

Questione stipendio, 'proposta deleteria'

Non condivisibile per contro, stando al Sisa, l’opinione di una madre intervistata dal nostro giornale secondo cui si sarebbe potuto condizionare una parte dello stipendio all’effettivo impegno dimostrato nel seguire classi e studenti: «Una proposta deleteria, perché i diritti del lavoratore non si eguagliano diminuendo quelli di chi sta meglio, ma piuttosto lottando, nel caso specifico, per aiutare chi ha avuto problemi durante la pandemia, migliorando le condizioni quadro e i mezzi a disposizione della scuola, contenendo al contempo il numero di allievi per classe. Fattori che, se migliorati, inciderebbero positivamente anche sull’insegnamento a distanza. In questo senso credo che occorra analizzare a fondo quanto fatto di positivo e negativo durante la primavera per guardare in modo proattivo al mese di settembre e ai prossimi autunno e inverno quando confidiamo che si faccia tutto il possibile per riprendere l’insegnamento in presenza, situazione sanitaria permettendo». Uno dei punti sollevati nel servizio della ‘Regione’ era anche la mancanza di una guida da parte della Direzione del Liceo. «Direzione che gioca un ruolo fondamentale – annota Zeno Casella – nel supervisionare e verificare che venga fatto tutto quanto indicato dalle direttive del Decs, interpellando i docenti che per vari motivi dovessero presentare delle lacune o delle difficoltà e richiamando all’ordine chi dovesse agire in modo negligente e quindi inaccettabile».

'Aiuti mirati alle fasce sociali più fragili'

Sempre l’emergenza Covid – aggiunge poi il coordinatore del Sisa – ha messo in evidenza «quanto le già presenti disparità sociali, sicuramente accentuatesi con l’insegnamento a distanza, hanno inciso negativamente sulle possibilità degli studenti di seguire il percorso formativo. Perciò chiediamo che il Decs riservi maggiore attenzione e forme di sostegno mirate alle fasce sociali più fragili e agli studenti con situazioni familiari problematiche. Abbiamo ad esempio ricevuto segnalazioni riguardanti ragazzi costretti ad accudire in casa l’insegnamento a distanza dei fratelli minori essendo i genitori occupati nel telelavoro, o assenti per lavoro, o colpiti da Covid». Pure da abolire, secondo il Sisa, la disposizione introdotta nel 2015 in base alla quale è ammessa nel medio-superiore una sola bocciatura nei primi tre anni (due in casi eccezionali): «Regola che ancora una volta colpisce in modo particolare gli studenti alle prese con problemi sociali». Una riflessione che «vale ancora di più per l’immediato futuro, visto che si teme per il nuovo anno scolastico, a seguito delle lacune formative accumulate, una severa selezione dopo le bocciature non fatte quest’anno. Una selezione che già in tempi normali contestiamo perché va contro la missione formativa della scuola».

'Comprensibile l'esigenza del Decs'

Un ulteriore aspetto – sollevato dal Collegio dei docenti del Liceo di Bellinzona in un recente servizio pubblicato dal ‘CdT’ – concerne l’agire del Decs che ha elaborato e trasmesso le direttive per l’insegnamento a distanza senza consultare i docenti. «Un effettivo coinvolgimento di allievi e insegnanti nel processo decisionale è sempre auspicabile – commenta Zeno Casella – sebbene nel caso specifico si possa comprendere l’esigenza del Decs di elaborare e impartire disposizioni in tempi rapidi. Ora, come detto, il Decs in vista di settembre ha avviato una consultazione allargata. Un passo molto positivo, che dimostra la buona volontà nel coinvolgere le varie componenti della scuola. Ci auguriamo che le nostre rivendicazioni vengano ascoltate e messe in pratica. Perché non metterle in pratica corrisponderebbe a non ascoltarci».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved