liceo-di-bellinzona-e-lockdown-bilancio-in-chiaro-scuro
Zeno Casella, coordinatore del Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
8 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
9 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
9 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
10 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
10 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
10 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
10 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
11 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
11 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
11 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
11 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
11 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
Mendrisiotto
12 ore

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
Ticino
13 ore

Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre

Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
14 ore

Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati

Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Mendrisiotto
14 ore

Cinema sotto le stelle al Lido di Riva San Vitale

In programma tra luglio e la metà di agosto cinque appuntamenti con il grande schermo open air
Locarnese
15 ore

Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici

Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
15 ore

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
15 ore

Rinviato al 2 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo

L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Mendrisiotto
16 ore

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
laR
 
10.07.2020 - 06:00
Aggiornamento: 08:29

Liceo di Bellinzona e lockdown, 'bilancio in chiaro-scuro'

Il Sisa conferma l'esistenza di docenti che non hanno seguito le disposizioni del Decs. Zeno Casella: 'Ma in generale la scuola ha reagito bene'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Scarso insegnamento a distanza tramite video-lezioni, materiale didattico inviato senza un approccio diretto con la classe o col singolo allievo, mancanza di contatto personale. Il tutto in barba alle disposizioni emanate dal Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) all’inizio dell’insegnamento a distanza. Quanto descritto nel nostro articolo apparso nell’edizione del 6 luglio, riferito a un buon numero di docenti del Liceo di Bellinzona in base a testimonianze critiche e preoccupate di genitori e studenti raccolte dalla redazione negli ultimi mesi, potrà essere confrontato con un sondaggio che il Decs intende lanciare prossimamente nel settore dell’insegnamento medio-superiore. L’indagine sarà l’occasione per analizzare nel dettaglio i problemi vissuti nell’insegnamento a distanza, ma anche per mettere in luce i comportamenti virtuosi ed esemplari di docenti e allievi che nonostante le evidenti difficoltà si sono attivati subito con un approccio proattivo che ha fatto la differenza rispetto a chi ha preferito limitarsi al minimo indispensabile. Un quadro, quello emerso, corroborato in buona sostanza dal sondaggio interno promosso in aprile dal Comitato studentesco (vedi la 'Regione' del 9 luglio) i cui risultati evidenziano la presenza di una serie di problemi sull'asse Decs-Direzione-docenti-studenti che andrebbero risolti in vista della ripresa scolastica di settembre e delle incognite Covid che potrebbero ripresentarsi.

'Corsi di recupero per evitae l'effetto ghigliottina'

Proprio l’aspetto legato alle lacune che possono essersi formate da marzo a giugno, e che rischiano di presentarsi accentuate fra poche settimane, ha ora indotto il Sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) a segnalare al Decs – nell’ambito della consultazione in corso – la richiesta di istituire corsi di recupero sia durante le ultime settimane delle ferie estive, sia nel primo periodo scolastico. «La richiesta – spiega alla ‘Regione’ Zeno Casella, coordinatore del Sisa – s’inserisce nella volontà di evitare il cosiddetto ‘effetto ghigliottina’ che rischia di tagliare fuori gli studenti che per vari motivi non sono riusciti a seguire debitamente l’insegnamento a distanza». La soluzione immaginata «potrebbe venire concretizzata con l’aumento del monte ore e/o tramite un credito straordinario che permetta di retribuire docenti incaricati per questo scopo».

'Problemi presenti anche in altre scuole'

Quanto all’articolo della ‘Regione’, dopo essersi consultato con membri e aderenti del Sisa il suo coordinatore rileva come esso «sollevi problematiche di cui siamo coscienti e che abbiamo visto essere presenti al Liceo di Bellinzona come in altre scuole. È evidente che l’insegnamento a distanza ha posto numerosi problemi: da un lato docenti non adeguatamente formati all’uso dei nuovi strumenti implementati dall’oggi al domani, dall’altra studenti non di rado sprovvisti dei necessari supporti informatici. A ogni modo sarebbe sbagliato fare di tutta l’erba un fascio affermando che tutti i docenti non hanno lavorato adeguatamente durante la pandemia», cosa che la ‘Regione’ non ha fatto indicando l’esistenza del problema in un “buon numero di docenti assenti”. «Il nostro riscontro – sottolinea Zeno Casella – è in chiaro-scuro. Anche noi abbiamo registrato al Liceo di Bellinzona, come in altri ordini di scuola, vari casi di insegnanti che non hanno seguito le disposizioni del Decs. Ma in generale, visto il carattere emergenziale della situazione, possiamo dire che la scuola abbia reagito abbastanza bene. Ora è importante fare in modo che determinati problemi non si ripetano nei prossimi mesi autunnali e invernali». Il coordinatore del Sisa rimarca peraltro che le direttive del Decs «riprendevano talune rivendicazioni da noi avanzate all’inizio della pandemia».

Questione stipendio, 'proposta deleteria'

Non condivisibile per contro, stando al Sisa, l’opinione di una madre intervistata dal nostro giornale secondo cui si sarebbe potuto condizionare una parte dello stipendio all’effettivo impegno dimostrato nel seguire classi e studenti: «Una proposta deleteria, perché i diritti del lavoratore non si eguagliano diminuendo quelli di chi sta meglio, ma piuttosto lottando, nel caso specifico, per aiutare chi ha avuto problemi durante la pandemia, migliorando le condizioni quadro e i mezzi a disposizione della scuola, contenendo al contempo il numero di allievi per classe. Fattori che, se migliorati, inciderebbero positivamente anche sull’insegnamento a distanza. In questo senso credo che occorra analizzare a fondo quanto fatto di positivo e negativo durante la primavera per guardare in modo proattivo al mese di settembre e ai prossimi autunno e inverno quando confidiamo che si faccia tutto il possibile per riprendere l’insegnamento in presenza, situazione sanitaria permettendo». Uno dei punti sollevati nel servizio della ‘Regione’ era anche la mancanza di una guida da parte della Direzione del Liceo. «Direzione che gioca un ruolo fondamentale – annota Zeno Casella – nel supervisionare e verificare che venga fatto tutto quanto indicato dalle direttive del Decs, interpellando i docenti che per vari motivi dovessero presentare delle lacune o delle difficoltà e richiamando all’ordine chi dovesse agire in modo negligente e quindi inaccettabile».

'Aiuti mirati alle fasce sociali più fragili'

Sempre l’emergenza Covid – aggiunge poi il coordinatore del Sisa – ha messo in evidenza «quanto le già presenti disparità sociali, sicuramente accentuatesi con l’insegnamento a distanza, hanno inciso negativamente sulle possibilità degli studenti di seguire il percorso formativo. Perciò chiediamo che il Decs riservi maggiore attenzione e forme di sostegno mirate alle fasce sociali più fragili e agli studenti con situazioni familiari problematiche. Abbiamo ad esempio ricevuto segnalazioni riguardanti ragazzi costretti ad accudire in casa l’insegnamento a distanza dei fratelli minori essendo i genitori occupati nel telelavoro, o assenti per lavoro, o colpiti da Covid». Pure da abolire, secondo il Sisa, la disposizione introdotta nel 2015 in base alla quale è ammessa nel medio-superiore una sola bocciatura nei primi tre anni (due in casi eccezionali): «Regola che ancora una volta colpisce in modo particolare gli studenti alle prese con problemi sociali». Una riflessione che «vale ancora di più per l’immediato futuro, visto che si teme per il nuovo anno scolastico, a seguito delle lacune formative accumulate, una severa selezione dopo le bocciature non fatte quest’anno. Una selezione che già in tempi normali contestiamo perché va contro la missione formativa della scuola».

'Comprensibile l'esigenza del Decs'

Un ulteriore aspetto – sollevato dal Collegio dei docenti del Liceo di Bellinzona in un recente servizio pubblicato dal ‘CdT’ – concerne l’agire del Decs che ha elaborato e trasmesso le direttive per l’insegnamento a distanza senza consultare i docenti. «Un effettivo coinvolgimento di allievi e insegnanti nel processo decisionale è sempre auspicabile – commenta Zeno Casella – sebbene nel caso specifico si possa comprendere l’esigenza del Decs di elaborare e impartire disposizioni in tempi rapidi. Ora, come detto, il Decs in vista di settembre ha avviato una consultazione allargata. Un passo molto positivo, che dimostra la buona volontà nel coinvolgere le varie componenti della scuola. Ci auguriamo che le nostre rivendicazioni vengano ascoltate e messe in pratica. Perché non metterle in pratica corrisponderebbe a non ascoltarci».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved