la-legge-svizzera-sulle-banche-viola-la-liberta-di-stampa
Ti-Press
‘La protezione globale del segreto bancario è contraria al diritto internazionale’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Primo Sì al divieto nazionale per le terapie di conversione

La Comm. affari giuridici al Nazionale approva una mozione che vieta le terapie volte a modificare o reprimere orientamento sessuale o identità di genere
Svizzera
1 ora

Neomamme più protette dal licenziamento, no a proposta ticinese

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha respinto il testo che estendeva a 12 mesi, anziché 16 settimane, il periodo di protezione dopo il parto
Svizzera
4 ore

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale
Svizzera
5 ore

Tariffe forfettarie ambulatoriali sulla buona strada

Il documento elaborato da Ospedali svizzeri (H+) e assicuratori malattia santésuisse potrebbe diventare effettivo entro la fine del 2023
Svizzera
5 ore

I camper devono poter pesare di più. Fino a 4,25 tonnellate

Inoltrata alla Cancelleria federale una petizione che chiede di innalzarne il limite. Per poterli guidare, però, saranno necessari corsi ad hoc
Svizzera
7 ore

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese
Svizzera
7 ore

‘Il sondaggio non è stato condotto in maniera obiettiva’

Gli oppositori alla riforma Avs puntano il dito sulle risultanze dell’inchiesta. ‘Ignorato il divario pensionistico delle donne’
Svizzera
7 ore

Motociclista gravemente ferito sul Flüela

L’uomo, un 28enne austriaco, è stato tradito dall’asfalto scivoloso. Cadendo è andato a sbattere contro il guardrail
Svizzera
8 ore

Reti termiche, ecco la carta per il loro potenziamento

Direttori cantonali dell’energia, Associazione dei Comuni svizzeri e Unione delle Città svizzere gomito a gomito per promuovere il teleriscaldamento
02.05.2022 - 21:54
Aggiornamento: 03.05.2022 - 19:26
Ats, a cura de laRegione

‘La Legge svizzera sulle banche viola la libertà di stampa’

Lo sostiene Irene Khan, relatrice dell’Onu sulla libertà di stampa. La questione sarà tema di discussione davanti alla commissione il 24 giugno.

La legge svizzera sulle banche viola i diritti umani e la libertà di stampa, secondo la relatrice dell’Onu sulla libertà di stampa. Irene Khan ha quindi annunciato l’intenzione di criticare severamente la Svizzera davanti al Consiglio dei diritti umani dell’Onu a giugno per le conseguenze che la normativa comporta per i giornalisti.

"La legge è un esempio di criminalizzazione del giornalismo. È un problema che si riscontra normalmente negli stati autoritari", ha detto Khan in un’intervista pubblicata nell’edizione online del Tages-Anzeiger lunedì sera. La relatrice è molto preoccupata e intende sollevare la questione del segreto bancario in Svizzera al Consiglio dei diritti umani dell’Onu il 24 giugno. Quel giorno presenterà un rapporto sulla "situazione globale della libertà di stampa".

Contraria al diritto internazionale

A suo avviso la protezione globale del segreto bancario è contraria al diritto internazionale, compreso un articolo del Patto Civile delle Nazioni Unite e un articolo della Convenzione dei Diritti Umani, testi che garantiscono la libertà di opinione e di stampa. La Svizzera li ha firmati e deve quindi rispettarli, ha sostenuto Khan.

In base alla nuova normativa la trasmissione di certi dati bancari è punibile con pesanti sanzioni e persino con la reclusione, indipendentemente dal fatto che vi sia un interesse pubblico o meno. Le sanzioni sono molto severe e "questo ha un effetto dissuasivo e spinge i giornalisti a censurarsi", afferma Irene Khan.

È "una censura dei media prima ancora che possano indagare o pubblicare". A suo parere la legge dovrebbe bilanciare il diritto alla privacy delle persone interessate con l’interesse pubblico a conoscere le transazioni finanziarie illegali. Ma il testo attuale "punisce qualsiasi pubblicazione senza eccezione".

Irene Khan aveva già espresso le sue critiche in febbraio, quando un consorzio di media internazionali riferirono che il Credit Suisse aveva accettato per anni autocrati, trafficanti di droga, sospetti criminali di guerra e trafficanti di esseri umani come clienti. I media svizzeri aveva rinunciato a partecipare all’inchiesta, perché i giornalisti rischiavano un procedimento penale, aveva precisato il Tages-Anzeiger su Twitter.

Legge all’esame del Parlamento

La relatrice dell’Onu ha poi scritto una lettera al Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) alla quale ha ricevuto risposta pochi giorni fa, ha detto nell’intervista. Nella missiva il governo svizzero afferma di impegnarsi a favore della libertà di opinione, aggiungendo che nessun giornalista è mai stato perseguito sulla base di questa legge e che il testo è attualmente all’esame del parlamento.

In seguito alle rivelazioni di "Suisse Secrets", la Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale aveva deciso di affrontare nel secondo trimestre la questione della "libertà di stampa nelle questioni relative alla piazza finanziaria" e di tenere audizioni sul tema. Irene Khan spera ora che il governo "modifichi finalmente la legge in questione per metterla in linea con gli standard internazionali dei diritti umani".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti umani irene khan legge svizzera libertà stampa onu
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved