il-nazionale-scioglie-l-iniziativa-per-i-ghiacciai
Keystone
Dibattito fiume al Consiglio nazionale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Munizioni nei laghi un rischio finanziario per la Confederazione

Da un rapporto del Controllo federale delle finanze (Cdf) sul risanamento dei siti contaminati emergono costi valutati in centinaia di milioni di franchi.
Svizzera
7 ore

Zurigo è al quarto posto delle città preferite dagli studenti

La città sulla Limmat si posiziona dopo Londra, Seul e Monaco. Lo racconta il sondaggio ‘Qs Best Student Cities Ranking’
Svizzera
9 ore

Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali

Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
10 ore

Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata

L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
10 ore

Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare

La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
11 ore

Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo

L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
11 ore

Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede

È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
11 ore

La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni

Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
11 ore

La Confederazione si prepara a una penuria di gas

Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
Svizzera
11 ore

Identità elettronica, avviata la consultazione

Il Consiglio federale ci riprova: dopo il secco ‘no’ alle urne, propone un nuovo Id-e emesso che ‘garantirà la massima protezione dei dati’
Svizzera
13 ore

Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte

Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
14 ore

Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’

Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
Svizzera
15 ore

Proposta una tassa per le auto elettriche

Lo suggerisce il Consiglio federale. Queste vetture non sottostanno alle tasse sui carburanti, utilizzate anche per finanziare le infrastrutture stradali.
Svizzera
16 ore

Veicoli più sicuri, al via la consultazione

Si mira a introdurre sistemi di assistenza alla guida e ad adottare un nuovo tachigrafo in grado di monitorare il rispetto degli orari degli autisti
Svizzera
17 ore

Alloggi protetti, anche in Ticino ne servono di più

Secondo un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale anche nella Svizzera occidentale e in quella centrale sono necessarie maggiori strutture
Svizzera
17 ore

La polizia ferma con il taser un uomo armato di ascia a Berna

Il 51enne ha minacciato gli agenti rifiutandosi di gettare le armi. Fermata anche una donna che ha disturbato l’operazione di polizia.
02.03.2022 - 19:44
ATS, a cura di Stefano Guerra

Il Nazionale scioglie l’Iniziativa per i ghiacciai

È cominciato il dibattito fiume alla Camera del popolo. Il controprogetto governativo ha buone chance. Ma la maggioranza vuole agire a livello di legge.

Berna – È iniziato mercoledì pomeriggio al Consiglio nazionale il lunghissimo dibattito – la presidente Irène Kälin (Verdi/Ag) ritiene che durerà complessivamente 8 ore – sull’iniziativa popolare "per i ghiacciai" e sul relativo controprogetto. Dopo i primi interventi appare chiaro che la proposta di modifica costituzionale sarà bocciata e la controproposta accolta.

L’iniziativa "Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)", depositata il 27 novembre 2019 dall’Associazione svizzera per la protezione del clima, chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Contemporaneamente non dovrà in linea di principio più essere possibile immettere sul mercato combustibili e carburanti di origine fossile. Deroghe sarebbero possibili per le applicazioni per le quali non esistono alternative tecniche.

È quest’ultimo aspetto che non piace al governo, alla commissione preparatoria e alla maggioranza dei consiglieri nazionali che si sono espressi mercoledì, i quali chiedono una formulazione più blanda. Per questo motivo la maggioranza sostiene il controprogetto proposto dal Consiglio federale che riprende l’obiettivo di un saldo netto delle emissioni, ma che tiene conto maggiormente degli interessi in gioco circa combustibili e carburanti fossili.

Due controprogetti

Sebbene la commissione sostenga il controprogetto diretto proposto dal governo, ha detto il relatore commissionale Jacques Bourgeois (Plr/Fr), vorremmo tuttavia che la controproposta venisse elaborata in modo indiretto, ossia a livello di legge e non di Costituzione federale. Il motivo? Questa strada è più veloce, ha sostenuto il friburghese.

Nell’attesa dell’elaborazione della legge, che dovrebbe essere pronta per la sessione estiva, è però necessario approvare il controprogetto diretto allo scopo di poter prorogare di un anno i termini di trattazione dell’iniziativa, ha poi precisato Bourgeois. In caso contrario la raccomandazione di voto sull’iniziativa andrà definita nella sessione estiva.

Esprimendosi sugli obiettivi dell’iniziativa, Bourgeois ha detto di essere preoccupato per il cambiamento climatico, anche perché in Svizzera il riscaldamento ambientale è più pronunciato. "Il nostro Paese ha registrato un aumento medio della temperatura doppio rispetto a quello osservato a livello mondiale", ha spiegato il friburghese. Per questo motivo il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050 è indiscusso.

Sfida significativa

Di "sfida significativa" ha parlato Matthias Jauslin (Plr/Ag). Per l’argoviese le contromisure devono essere "ecologicamente, economicamente e socialmente sostenibili". Solo così possono essere "efficaci, accessibili e accettabili per la popolazione".

Jauslin ha chiesto una politica ambientale liberale: gli obiettivi climatici sono raggiungibili con l’innovazione e buone condizioni quadro, non con rigide politiche proibizioniste. In questo senso l’argoviese chiede che l’iniziativa venga bocciata a favore del controprogetto. Quest’ultimo ha il pregio di prendere esplicitamente in considerazione anche le situazioni delle regioni di montagna e periferiche, ha aggiunto Priska Wismer-Felder (Centro/Lu).

Recuperare il tempo perso

A sinistra, il Ps chiede di approvare l’iniziativa e il controprogetto. "Insieme, questi due dossier permetteranno al nostro Paese di recuperare un po’ del ritardo accumulato in questo compito fondamentale del XXI secolo", ha detto Baptiste Hurni (Ps/Ne).

Parlando del consumo di gas, Roger Nordmann (Ps/Vd) ha spiegato, alludendo all’invasione dell’Ucraina, come gli investimenti nelle energie rinnovabili sono importanti anche da un punto di vista geostrategico. Con le proposte in discussione "non stiamo solo imponendo sanzioni al regime russo, non stiamo solo condannando la guerra, ma stiamo cercando di fermare il suo finanziamento", ha sostenuto il vodese.

Per Bastien Girod (Verdi/Zh), che ha evocato l’aumento degli eventi meteorologici estremi, lo scioglimento dei ghiacciai è solo la punta dell’iceberg. Per lo zurighese non si può tergiversare: "Ci stiamo avvicinando sempre più al punto di non ritorno". La vita sulla Terra sarà minacciata con un riscaldamento superiore a 1,5 gradi. Per questo motivo, ha aggiunto lo zurighese, l’iniziativa popolare va accettata. L’ecologista si è invece detto contrario al controprogetto diretto, che a suo dire non porta nessun plusvalore rispetto all’iniziativa.

Priorità all’approvvigionamento

L’Udc è invece contraria sia all’iniziativa che al controprogetto. "Il popolo ha chiaramente detto ‘no’, respingendo la legge sul CO2, agli obiettivi irrealistici della sinistra", ha detto Christian Imark (Udc/So). "Le proposte nebulose non ci portano da nessuna parte", ha aggiunto sostenendo come la Svizzera, a livello internazionale, è già sulla buona strada per quel che concerne le emissioni di CO2.

In ogni caso, ha proseguito Imark, la priorità va data alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico. "Non si può semplicemente decidere di bandire i combustibili fossili senza pensare alla loro sostituzione", ha aggiunto Pierre-André Page (Udc/Fr).

Le discussioni, interrotte alle 19, riprenderanno domani mattina.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale controprogetto dibattito ghiacciai iniziativa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved