ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni

I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
16 ore

Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’

Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
17 ore

I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns

È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
18 ore

Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera

Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
19 ore

Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni

Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
19 ore

Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque

I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
19 ore

Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia

L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
20 ore

Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici

La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
22 ore

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
1 gior

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
1 gior

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
1 gior

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
1 gior

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
1 gior

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
1 gior

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
1 gior

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
02.03.2022 - 19:44

Il Nazionale scioglie l’Iniziativa per i ghiacciai

È cominciato il dibattito fiume alla Camera del popolo. Il controprogetto governativo ha buone chance. Ma la maggioranza vuole agire a livello di legge.

ATS, a cura di Stefano Guerra
il-nazionale-scioglie-l-iniziativa-per-i-ghiacciai
Keystone
Dibattito fiume al Consiglio nazionale

Berna – È iniziato mercoledì pomeriggio al Consiglio nazionale il lunghissimo dibattito – la presidente Irène Kälin (Verdi/Ag) ritiene che durerà complessivamente 8 ore – sull’iniziativa popolare "per i ghiacciai" e sul relativo controprogetto. Dopo i primi interventi appare chiaro che la proposta di modifica costituzionale sarà bocciata e la controproposta accolta.

L’iniziativa "Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)", depositata il 27 novembre 2019 dall’Associazione svizzera per la protezione del clima, chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di CO2 ne possano assorbire. Contemporaneamente non dovrà in linea di principio più essere possibile immettere sul mercato combustibili e carburanti di origine fossile. Deroghe sarebbero possibili per le applicazioni per le quali non esistono alternative tecniche.

È quest’ultimo aspetto che non piace al governo, alla commissione preparatoria e alla maggioranza dei consiglieri nazionali che si sono espressi mercoledì, i quali chiedono una formulazione più blanda. Per questo motivo la maggioranza sostiene il controprogetto proposto dal Consiglio federale che riprende l’obiettivo di un saldo netto delle emissioni, ma che tiene conto maggiormente degli interessi in gioco circa combustibili e carburanti fossili.

Due controprogetti

Sebbene la commissione sostenga il controprogetto diretto proposto dal governo, ha detto il relatore commissionale Jacques Bourgeois (Plr/Fr), vorremmo tuttavia che la controproposta venisse elaborata in modo indiretto, ossia a livello di legge e non di Costituzione federale. Il motivo? Questa strada è più veloce, ha sostenuto il friburghese.

Nell’attesa dell’elaborazione della legge, che dovrebbe essere pronta per la sessione estiva, è però necessario approvare il controprogetto diretto allo scopo di poter prorogare di un anno i termini di trattazione dell’iniziativa, ha poi precisato Bourgeois. In caso contrario la raccomandazione di voto sull’iniziativa andrà definita nella sessione estiva.

Esprimendosi sugli obiettivi dell’iniziativa, Bourgeois ha detto di essere preoccupato per il cambiamento climatico, anche perché in Svizzera il riscaldamento ambientale è più pronunciato. "Il nostro Paese ha registrato un aumento medio della temperatura doppio rispetto a quello osservato a livello mondiale", ha spiegato il friburghese. Per questo motivo il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050 è indiscusso.

Sfida significativa

Di "sfida significativa" ha parlato Matthias Jauslin (Plr/Ag). Per l’argoviese le contromisure devono essere "ecologicamente, economicamente e socialmente sostenibili". Solo così possono essere "efficaci, accessibili e accettabili per la popolazione".

Jauslin ha chiesto una politica ambientale liberale: gli obiettivi climatici sono raggiungibili con l’innovazione e buone condizioni quadro, non con rigide politiche proibizioniste. In questo senso l’argoviese chiede che l’iniziativa venga bocciata a favore del controprogetto. Quest’ultimo ha il pregio di prendere esplicitamente in considerazione anche le situazioni delle regioni di montagna e periferiche, ha aggiunto Priska Wismer-Felder (Centro/Lu).

Recuperare il tempo perso

A sinistra, il Ps chiede di approvare l’iniziativa e il controprogetto. "Insieme, questi due dossier permetteranno al nostro Paese di recuperare un po’ del ritardo accumulato in questo compito fondamentale del XXI secolo", ha detto Baptiste Hurni (Ps/Ne).

Parlando del consumo di gas, Roger Nordmann (Ps/Vd) ha spiegato, alludendo all’invasione dell’Ucraina, come gli investimenti nelle energie rinnovabili sono importanti anche da un punto di vista geostrategico. Con le proposte in discussione "non stiamo solo imponendo sanzioni al regime russo, non stiamo solo condannando la guerra, ma stiamo cercando di fermare il suo finanziamento", ha sostenuto il vodese.

Per Bastien Girod (Verdi/Zh), che ha evocato l’aumento degli eventi meteorologici estremi, lo scioglimento dei ghiacciai è solo la punta dell’iceberg. Per lo zurighese non si può tergiversare: "Ci stiamo avvicinando sempre più al punto di non ritorno". La vita sulla Terra sarà minacciata con un riscaldamento superiore a 1,5 gradi. Per questo motivo, ha aggiunto lo zurighese, l’iniziativa popolare va accettata. L’ecologista si è invece detto contrario al controprogetto diretto, che a suo dire non porta nessun plusvalore rispetto all’iniziativa.

Priorità all’approvvigionamento

L’Udc è invece contraria sia all’iniziativa che al controprogetto. "Il popolo ha chiaramente detto ‘no’, respingendo la legge sul CO2, agli obiettivi irrealistici della sinistra", ha detto Christian Imark (Udc/So). "Le proposte nebulose non ci portano da nessuna parte", ha aggiunto sostenendo come la Svizzera, a livello internazionale, è già sulla buona strada per quel che concerne le emissioni di CO2.

In ogni caso, ha proseguito Imark, la priorità va data alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico. "Non si può semplicemente decidere di bandire i combustibili fossili senza pensare alla loro sostituzione", ha aggiunto Pierre-André Page (Udc/Fr).

Le discussioni, interrotte alle 19, riprenderanno domani mattina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved