a-berna-i-ghiacciai-scaldano-il-dibattito
Ti-Press
Un tema che fa discutere
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 min

L’agire degli agenti è stato proporzionato e corretto

Archiviato il procedimento contro tre agenti dell’unità speciale della polizia argoviese, che nel 2019 avevano fermato un ricercato
Svizzera
26 min

Morto cercando di recuperare un aeromodello

L’incidente è avvenuto sulla parete ovest del Tschuggen, in territorio di Mels. Un 64enne, precipitato per un centinaio di metri, la vittima
Svizzera
1 ora

Inciampa e cade per un’ottantina di metri: morta una 75enne

Finisce in tragedia un’escursione nella regione dell’Alpstein, nel canton Appenzello Interno. La vittima era in compagnia di familiari
Svizzera
1 ora

Squadra unica per l’obiettivo della svolta energetica

BirdLife, Greenpeace, Pro Natura, Fondazione Svizzera per l’Energia, Associazione traffico e ambiente e Wwf sul campo assieme. ‘Vantaggi per tutti’
Svizzera
3 ore

Forti temporali spazzano Giura e Basilea

Nottata di maltempo nella Svizzera nordoccidentale, ma danni relativamente contenuti. A Fahy ben 20,5 millimetri di pioggia in 10 minuti
Svizzera
19 ore

Swiss dovrà cancellare altri voli in estate e autunno

La causa è la carenza di personale. Secondo Lufthansa la situazione non tornerà alla normalità prima del prossimo anno
Svizzera
20 ore

‘Alcuni settori stanno gonfiando i prezzi senza motivo’

Lo afferma ‘Mister prezzi’. La Confederazione, però, sembra non avere i mezzi per fare controlli approfonditi
Svizzera
21 ore

Caso Berset, avviati accertamenti preliminari

La sottocommissione competente del Consiglio degli Stati vuole a fare piena luce sulla scomparsa di alcune e-mail
Svizzera
22 ore

Camion precipita sul Susten: morti due ticinesi

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. A bordo del veicolo militare, usato per scopi civili, si trovavano un 51enne e un 57enne
Svizzera
22 ore

Sarà un’estate con traffico da record

A causa di scioperi e cancellazioni di voli molti sceglieranno l’auto. Il Tcs avverte: in caso di guasto si rischia però di non trovare pezzi di ricambio
Svizzera
23 ore

Sanzioni: 18 possibili violazioni segnalate dall’ufficio dogane

Un paio di giorni fa era emerso che nel mese di maggio sono state importate dalla Gran Bretagna tre tonnellate di oro con denominazione di origine russa
Svizzera
1 gior

Auto finisce nella sala da pranzo di una casa

È successo questa notte nel canton Sciaffusa. Alla guida della macchina c’era un 23enne. Nessuno ha riportato ferite gravi
Svizzera
1 gior

Incidente mortale a Pontresina: la polizia cerca testimoni

Due moto si sono scontrate ieri pomeriggio. Morte tutte le tre persone a bordo
Svizzera
1 gior

Il sogno della casa propria in campagna non tramonta

Il 90% delle persone che vivono in una zona rurale vorrebbe rimanerci anche in futuro. E quasi il 50% vorrebbe trasferirvicisi
Svizzera
1 gior

Plr: sì alla modifica della legge sull’imposta preventiva

Durante l’assemblea dei delegati si è parlato anche in larga misura di sicurezza della Svizzera
Svizzera
1 gior

Cassis e Keller-Sutter smorzano le critiche contro il Governo

Da un lato hanno relativizzato le critiche all’Esecutivo, dall’altro hanno mostrato comprensione di fronte alla stanchezza delle persone.
Svizzera
1 gior

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
2 gior

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
2 gior

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
2 gior

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
2 gior

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
2 gior

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
03.03.2022 - 14:57
Aggiornamento: 16:32

A Berna i ghiacciai ‘scaldano’ il dibattito

Dal dibattito in Consiglio nazionale scaturiscono un ‘no’ all’iniziativa e un ‘sì’ al controprogetto

Dopo il voto negativo alla legge sulla Co2 dello scorso giugno, il Parlamento è tornato a occuparsi delle questioni climatiche, sulla scia del nuovo rapporto allarmante dell’Ipcc presentato lunedì. Sui banchi del Consiglio nazionale c’era l’iniziativa "Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)", che la maggioranza ha chiesto di respingere a favore del controprogetto diretto del Consiglio federale.

«Il voto dello scorso anno ha mostrato chiaramente una cosa: abbiamo bisogno di soluzioni sensate, soluzioni che non pesano troppo sulle spalle della popolazione», ha detto Philipp Bregy (Centro/Vs). «In quest’ottica, l’iniziativa popolare va bocciata perché troppo radicale. Il controprogetto va invece sostenuto anche se ha il difetto di non proporre norme vincolanti». Per il vallesano la soluzione verrà dal controprogetto indiretto, a livello legislativo dunque, che è ancora in fase di gestazione (sarà pronto per la sessione estiva).

«I cantoni di montagna sono già stati sottoposti a diktat, come l’iniziativa Weber (contro le residenze secondarie, ndr)», ha esordito da parte sua Sidney Kamerzin (Ppd/Vs) invitando il plenum a non peggiorare la situazione con l’iniziativa che non avrebbe alcun effetto pratico, ma che penalizzerebbe la mobilità, l’agricoltura di montagna e ancora una volta, appunto, gli abitanti delle regioni dove si trovano i ghiacciai. Ghiacciai che non saranno salvati da questa proposta di modifica costituzionale. Meglio quindi puntare sul controprogetto, come sostenuto dai partiti borghesi, a esclusione dell’Udc. Insomma, per il centro destra l’obiettivo dell’iniziativa – raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 – è da sostenere. A non piacere è invece il proposto divieto dei combustibili fossili.

«Ci sono ancora troppo incertezze sugli sviluppi tecnologici a lungo termine», ha detto Susanne Vincenz-Stauffacher (Plr/Sg). A suo avviso la scelta degli strumenti necessari per agguantare gli obiettivi deve rimanere aperta. «Questo è l’unico modo per garantire la flessibilità necessaria per raggiungerli», ha sostenuto la sangallese.

La sinistra ha chiesto con convinzione l’adozione dell’iniziativa: «Oggi il cambiamento lo viviamo sulla nostra pelle, sull’uscio di casa: incendi, siccità, afa mortale, aumenterà la fame, la miseria e le guerre», ha sostento Greta Gysin (Verdi/Ti). «L’iniziativa sui ghiacciai è fin troppo moderata, non eccessiva», ha aggiunto, affermando che «la sicurezza non è aumentare il budget dell’esercito, non è quella la vera urgenza». Claudia Friedl (Ps/Sg) ha evocato la siccità, che di questi tempi ha per esempio ridotto il Lago Maggiore a livelli bassissimi. Allo schieramento rosso-verde si è unita la voce di Anna Giacometti (Plr/Gr): «Come cittadina ed ex sindaca del comune di Bregaglia conosco bene gli effetti del cambiamento climatico», ha affermato elencando una serie di conseguenze, dalla mancanza di neve, alla siccità. Se vogliamo salvare i paesi alpini dobbiamo intervenire prima che sia troppo tardi poiché nelle Alpi le temperature aumentano più del doppio rispetto alla media mondiale, ha proseguito la grigionese. «Sosterrò per solidarietà l’iniziativa popolare e per convinzione il controprogetto», ha concluso la bregagliotta. Controprogetto che è invece stato bocciato dai Verdi perché ritenuto non abbastanza incisivo.

Di parere diametralmente opposto i parlamentari democentristi, che hanno definito l’iniziativa, ma anche il controprogetto, estrema e dannosa per la Svizzera. «Quali sono le ripercussioni di questa iniziativa sui cittadini e l’economia?», si è chiesto Piero Marchesi (Udc/Ti). «A che cosa siete pronti a rinunciare: alla mobilità, alla digitalizzazione?», ha domandato Monika Rüegger (Udc/Ow) sostenendo come l’iniziativa sia in contraddizione con l’ampliamento delle energie rinnovabili. «Fateci vedere cose serie e non fumo negli occhi», ha affermato all’indirizzo dei fautori del testo. Secondo Marchesi, che ha citato uno studio della Yale University, la Svizzera fa già molto in campo climatico: «È nei primi tre ranghi» per quanto riguarda una serie di fattori ambientali. Insomma, per non si deve «cadere nell’idealismo a scapito della ragionevolezza». A suo avviso la via da percorrere è una sola: «Continuare a migliorare nelle soluzioni quadro per investire nella ricerca».

A destra c’è poi chi, come Andras Gafner (Udc/Be), ha messo in dubbio l’origine umana del riscaldamento ambientale: «I cambiamenti climatici ci sono sempre stati. L’influsso del Co2 sul clima non è così grave come si dice», ha detto, rivolgendosi ai fautori delle proposte in discussione, «che l’influsso dell’umanità sul clima è minore di quello che sostenete». Ci sono già stati periodi di siccità ma non sono stati catastrofici per l’umanità, ce lo mostrano diversi siti archeologici, ha dichiarato il bernese.

Iniziativa e controprogetto

Benché simili, l’iniziativa e il controprogetto si distinguono in alcuni punti. L’iniziativa chiede che a partire dal 2050 la Svizzera non emetta più gas serra di quanto i serbatoi naturali e tecnici di Co2 ne possano assorbire. Entro tale data vanno poi vietati i combustibili fossili. Sono ammesse eccezioni per applicazioni tecnicamente non sostituibili, a condizione che le emissioni vengano compensate in Svizzera.

Anche il controprogetto chiede una compensazione delle emissioni entro il 2050. Una proposta di anticiparla al 2040 è stata bocciata con 110 voti contro 82. Nella controproposta, il consumo di combustibili e carburanti fossili non sarà vietato, ma dovrà essere ridotto «nella misura massima tecnicamente possibile, economicamente sostenibile e compatibile con la sicurezza del Paese». Come l’iniziativa, anche il controprogetto prevede che la legge d’applicazione stabilisca il percorso di riduzione delle emissioni di gas serra sino al 2050. Praticamente all’unanimità, la camera ha approvato una proposta individuale di Marco Romano (Centro/Ti) che chiede di modulare gli obiettivi in funzione della situazione di partenza dei diversi settori economici.

Con 135 voti contro 46 e 11 astenuti, il Nazionale ha poi completato il controprogetto con una proposta di Jon Pult (Ps/Gr) che chiede di tenere conto della situazione speciale delle regioni di montagna e periferiche. Anche la consigliera federale Simonetta Sommaruga era favorevole all’emendamento del grigionese: «Va nella direzione auspicata dal governo», ha detto.

Con 95 voti contro 92 e 5 astenuti la camera ha invece bocciato la proposta di Roger Nordmann (Ps/Vd) che chiedeva alla Confederazione di mettere a disposizione 500 milioni di franchi all’anno per sette anni per sovvenzionare la sostituzione di riscaldamenti a gas, nafta ed elettrici. Il rimpiazzo dei sistemi di riscaldamento è la chiave per abbandonare i combustibili fossili nel settore dell’edilizia, ha sostenuto Martina Munz (Ps/Sh).

«La proposta è interessante, ma la responsabilità per quel che concerne l’edilizia è sicuramente di competenza cantonale», ha replicato Matthias Jauslin (Plr/Ag). «È una disposizione che non ha posto nella Costituzione», ha aggiunto Christine Bulliard-Marbach (Centro/Fr). «Va inserita nella legge sul Co2», gli ha fatto eco Martin Bäumle (Pvl/Zh).

Infine, tanto per l’iniziativa quanto per il controprogetto, la legislazione d’applicazione dovrà essere elaborata entro cinque anni dall’accettazione da parte del popolo e dei Cantoni. Al voto, il controprogetto è stato approvato con 104 voti contro 67 e 21 astenuti. La raccomandazione di bocciare l’iniziativa con 99 voti a 89 e 4 astenuti. Il dossier passa ora al Consiglio degli Stati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale controprogetto ghiacciai iniziativa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved