domande-d-asilo-in-svizzera-ai-livelli-pre-pandemia
Ti-Press
Afghanistan primo Paese di provenienza
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
11 ore

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
15.02.2022 - 15:40
Aggiornamento: 16:13
Ats, a cura de laRegione

Domande d’asilo in Svizzera ai livelli pre-pandemia

L’incremento rispetto al 2020 è del 35,2%, fa sapere la Segreteria di Stato della migrazione. Quest’anno la tendenza al rialzo dovrebbe confermarsi

Berna – Lo scorso anno sono state presentate 14’928 domande di asilo, il 35,2% in più rispetto all’anno precedente. Il dato è in linea con i livelli del 2019, prima che scoppiasse la pandemia. Lo ha reso noto stamane la Segreteria di Stato della migrazione (SEM), prevedendo per l’anno in corso circa 16’500 nuove richieste, con un margine di errore di 1’500.

L’aumento – di 3’887 unità rispetto al 2020 – va ricondotto in prima linea all’allentamento delle restrizioni di viaggio dovute alla crisi sanitaria, precisa la SEM in una nota, ricordando che nel 2019 ne erano state presentate 14’269.

Afghanistan in testa

Il principale Paese di provenienza è stato l’Afghanistan con 3’079 domande. Di queste, 35 vanno ricondotte a ricongiungimenti familiari, 165 a nascite e 90 a domande multiple. Pertanto, le nuove richieste presentate da cittadini afghani sono state 2’789. Tra i maggiori Paesi di origine figurano anche la Turchia (1’455 domande primarie e 875 domande secondarie), l’Eritrea (386/1’642), la Siria (467/554) e l’Algeria (991/21).

Sull’altro fronte, quello amministrativo, nel 2021 la SEM ha liquidato in prima istanza 15’464 domande. Le persone che hanno ottenuto l’asilo sono state 5’369, facendo lievitare la quota di riconoscimento al 37% (2020: 33,3%). La quota di protezione (concessione dell’asilo e ammissione provvisoria successivamente a una decisione di prima istanza) è stata del 60,7% (2020: 61,8%).

La SEM ha pure continuato a ridurre il numero di casi pendenti in prima istanza. Quelli da trattare secondo la vecchia legge sono ormai solo 124 (in calo di 425 unità). Alla fine dell’anno vi erano 4’438 dossier da trattare in prima istanza.

‘Potenziale migratorio elevato’

Nel 2021 la Svizzera ha chiesto ad altri Stati Dublino la presa a carico di 4’936 persone (2020: 4’057 richieste). Nel medesimo periodo, 1’375 persone sono state trasferite nello Stato Dublino competente (2020: 941). Al tempo stesso Berna ha ricevuto 3’381 richieste di presa a carico da altri Stati Dublino (2020: 3’759 richieste) e 745 persone sono state trasferite in Svizzera (2020: 877).

In conclusione, la SEM avanza una previsione per il 2022. Alla luce dei numerosi focolai di crisi e di conflitti nel Vicino e Medio Oriente e sul continente africano, il potenziale migratorio verso l’Europa resta elevato, sostiene. L’afflusso di richiedenti asilo in Svizzera sarà in gran parte determinato dall’ulteriore evoluzione della migrazione verso Grecia, Bulgaria e Italia del Sud nonché della migrazione secondaria lungo la rotta balcanica e dall’Italia. È previsto l’inoltro di 16’500 nuove domande di asilo (+/- 1’500).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asilo domande migrazione sem svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved