ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga

Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
3 ore

Treni fermi tra Landquart e Klosters

Fine pomeriggio di perturbazioni sulla rete ferroviaria dei Grigioni. Il guasto è stato localizzato tra Malans e Schiers
Svizzera
5 ore

Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider

Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
6 ore

In un comune su due installare pannelli solari non conviene

I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
6 ore

Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa

Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
8 ore

Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’

Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
8 ore

La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci

Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
8 ore

Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne

Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
9 ore

Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger

Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
9 ore

Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C

Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
12 ore

Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi

Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
1 gior

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
1 gior

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
08.09.2021 - 17:33
Aggiornamento: 20:01

Certificato Covid, dove sarà obbligatorio e dove no

Il Consiglio federale estende l’obbligo a quasi tutti i luoghi chiusi a partire dal prossimo lunedì. Le principali domande e risposte

certificato-covid-dove-sara-obbligatorio-e-dove-no
Keystone
Dal prossimo lunedì quasi ovunque nei luoghi chiusi

Cos’è il certificato Covid e a cosa serve?

Un ‘documento’ (disponibile sottoforma di pdf, in una app o in versione cartacea) che attesta una vaccinazione anti-Covid-19, la guarigione dalla malattia o il risultato negativo di un test. Il suo impiego riduce il rischio di trasmissione, perché s’incontrano fra loro soltanto persone non contagiose o con un basso rischio di contagio. Permette inoltre di evitare misure più drastiche, come la chiusura di strutture o il divieto di determinate attività. Dal 1° luglio è obbligatorio per le manifestazioni con oltre mille persone nonché in club, discoteche e sale da ballo.

A partire da quale età si deve esibirlo?

L’obbligo del certificato vale dai 16 anni in su.

Chi assume i costi dei test necessari per ottenerlo?

In agosto il Consiglio federale ha deciso che, dal 1° ottobre, chi si sottopone al test per ottenere un certificato dovrà pagarlo di tasca propria.

Dove sarà obbligatorio a partire da lunedì?

  • luoghi chiusi di bar e ristoranti (compresi quelli degli alberghi);
  • strutture sportive, ricreative e per il tempo libero: teatri, sale cinematografiche, sale da gioco, piscine, musei, zoo, ecc.;
  • manifestazioni in luoghi chiusi: concerti, manifestazioni sportive, eventi di associazioni, eventi privati come matrimoni al di fuori di locali privati;
  • manifestazioni con oltre mille persone, club, discoteche e sale da ballo (come finora);
  • università, scuole universitarie e scuole professionali (ma la decisione spetta al Cantone o alla singola struttura)

Fino a quando sarà obbligatorio?

In linea di massima fino al 24 gennaio 2022. Ma la misura potrà essere revocata a dipendenza dell’evolversi della situazione epidemiologica.

Con l’obbligo di certificato cadono le altre misure di protezione (mascherina, distanziamento, ecc.)?

Sì, se il gestore della struttura interessata o gli organizzatori di una manifestazione lo riterranno opportuno.

Cosa succede in caso di inosservanza dell’obbligo?

Gli ospiti senza certificato di strutture o manifestazioni per le quali il certificato è obbligatorio saranno passibili di una multa di 100 franchi. Alle strutture e alle manifestazioni che non osservano l’obbligo potranno essere applicate sanzioni che vanno dalla multa alla chiusura dell’esercizio. Per il controllo sono responsabili i Cantoni.

Dove non sarà obbligatorio?

  • trasporti pubblici, commercio al dettaglio e zone di transito degli aeroporti;
  • manifestazioni private in spazi privati con al massimo 30 persone (es. allenamenti sportivi o prove musicali);
  • manifestazioni religiose, funerali e manifestazioni per la formazione dell’opinione politica con al massimo 50 persone;
  • sessioni parlamentari e assemblee comunali;
  • prestazioni delle autorità nonché servizi alla persona come saloni di parrucchieri, offerte terapeutiche e di consulenza, offerte gastronomiche in centri di consulenza (p. es. mensa per i poveri in un luogo chiuso);
  • luoghi di lavoro e centri di formazione (comprese le mense).
  • aree esterne (eccetto nel caso in cui i visitatori di strutture sportive, ricreative e per il tempo libero facciano la spola tra le aree interne e quelle esterne);
  • visite a familiari in ospedali e case di riposo (ma alcune strutture lo hanno già introdotto di propria iniziativa)

Anche i collaboratori di una struttura con obbligo di certificato devono esserne provvisti?

No. Un datore di lavoro può però esigere dai lavoratori, nel quadro del proprio obbligo di tutela, che siano provvisti di un certificato (es. negli ospedali). I datori di lavoro sono autorizzati a verificare se i loro lavoratori possiedono un certificato, se questo serve a stabilire misure di protezione opportune (es. mascherina, barriere di plexiglas) o all’attuazione del piano di test.

Quali regole valgono nei Paesi confinanti?

Anche loro hanno introdotto quest’estate un sistema di certificato Covid-19. In Italia, ad esempio, il ‘Green pass’ è obbligatorio da inizio agosto per mangiare al chiuso nei ristoranti, accedere ai musei o alle palestre, così come per gli operatori sanitari. Dal 1° settembre l’obbligo è stato esteso ai docenti così come ai passeggeri di treni, navi, aerei e autobus a lunga percorrenza. L’obbligo potrebbe essere esteso ad altri settori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved