ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Disoccupazione? Per la Seco livelli mai così bassi

Situazione giudicata buona ma con dei lati negativi: manca infatti la manodopera qualificata e le aziende faticano a trovare personale adeguato
Svizzera
6 ore

Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino

Il tasso di iscritti negli uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
udc
16 ore

Anche Rickli si tira fuori per il dopo-Maurer

La consigliera di Stato zurighese non si candida alla successione. Finora nessuna candidatura ufficiale
energia
16 ore

Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio

La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
23 ore

Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale

Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
1 gior

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
1 gior

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
1 gior

Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino

In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
1 gior

Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera

Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
1 gior

Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse

L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
1 gior

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
1 gior

È corsa ai gadget per il risparmio energetico

In Svizzera è boom di vendite per misuratori di energia, timer, ciabatte con interruttori, soffioni doccia a risparmio idrico e candele
08.09.2021 - 17:33
Aggiornamento: 20:01

Certificato Covid, dove sarà obbligatorio e dove no

Il Consiglio federale estende l’obbligo a quasi tutti i luoghi chiusi a partire dal prossimo lunedì. Le principali domande e risposte

certificato-covid-dove-sara-obbligatorio-e-dove-no
Keystone
Dal prossimo lunedì quasi ovunque nei luoghi chiusi

Cos’è il certificato Covid e a cosa serve?

Un ‘documento’ (disponibile sottoforma di pdf, in una app o in versione cartacea) che attesta una vaccinazione anti-Covid-19, la guarigione dalla malattia o il risultato negativo di un test. Il suo impiego riduce il rischio di trasmissione, perché s’incontrano fra loro soltanto persone non contagiose o con un basso rischio di contagio. Permette inoltre di evitare misure più drastiche, come la chiusura di strutture o il divieto di determinate attività. Dal 1° luglio è obbligatorio per le manifestazioni con oltre mille persone nonché in club, discoteche e sale da ballo.

A partire da quale età si deve esibirlo?

L’obbligo del certificato vale dai 16 anni in su.

Chi assume i costi dei test necessari per ottenerlo?

In agosto il Consiglio federale ha deciso che, dal 1° ottobre, chi si sottopone al test per ottenere un certificato dovrà pagarlo di tasca propria.

Dove sarà obbligatorio a partire da lunedì?

  • luoghi chiusi di bar e ristoranti (compresi quelli degli alberghi);
  • strutture sportive, ricreative e per il tempo libero: teatri, sale cinematografiche, sale da gioco, piscine, musei, zoo, ecc.;
  • manifestazioni in luoghi chiusi: concerti, manifestazioni sportive, eventi di associazioni, eventi privati come matrimoni al di fuori di locali privati;
  • manifestazioni con oltre mille persone, club, discoteche e sale da ballo (come finora);
  • università, scuole universitarie e scuole professionali (ma la decisione spetta al Cantone o alla singola struttura)

Fino a quando sarà obbligatorio?

In linea di massima fino al 24 gennaio 2022. Ma la misura potrà essere revocata a dipendenza dell’evolversi della situazione epidemiologica.

Con l’obbligo di certificato cadono le altre misure di protezione (mascherina, distanziamento, ecc.)?

Sì, se il gestore della struttura interessata o gli organizzatori di una manifestazione lo riterranno opportuno.

Cosa succede in caso di inosservanza dell’obbligo?

Gli ospiti senza certificato di strutture o manifestazioni per le quali il certificato è obbligatorio saranno passibili di una multa di 100 franchi. Alle strutture e alle manifestazioni che non osservano l’obbligo potranno essere applicate sanzioni che vanno dalla multa alla chiusura dell’esercizio. Per il controllo sono responsabili i Cantoni.

Dove non sarà obbligatorio?

  • trasporti pubblici, commercio al dettaglio e zone di transito degli aeroporti;
  • manifestazioni private in spazi privati con al massimo 30 persone (es. allenamenti sportivi o prove musicali);
  • manifestazioni religiose, funerali e manifestazioni per la formazione dell’opinione politica con al massimo 50 persone;
  • sessioni parlamentari e assemblee comunali;
  • prestazioni delle autorità nonché servizi alla persona come saloni di parrucchieri, offerte terapeutiche e di consulenza, offerte gastronomiche in centri di consulenza (p. es. mensa per i poveri in un luogo chiuso);
  • luoghi di lavoro e centri di formazione (comprese le mense).
  • aree esterne (eccetto nel caso in cui i visitatori di strutture sportive, ricreative e per il tempo libero facciano la spola tra le aree interne e quelle esterne);
  • visite a familiari in ospedali e case di riposo (ma alcune strutture lo hanno già introdotto di propria iniziativa)

Anche i collaboratori di una struttura con obbligo di certificato devono esserne provvisti?

No. Un datore di lavoro può però esigere dai lavoratori, nel quadro del proprio obbligo di tutela, che siano provvisti di un certificato (es. negli ospedali). I datori di lavoro sono autorizzati a verificare se i loro lavoratori possiedono un certificato, se questo serve a stabilire misure di protezione opportune (es. mascherina, barriere di plexiglas) o all’attuazione del piano di test.

Quali regole valgono nei Paesi confinanti?

Anche loro hanno introdotto quest’estate un sistema di certificato Covid-19. In Italia, ad esempio, il ‘Green pass’ è obbligatorio da inizio agosto per mangiare al chiuso nei ristoranti, accedere ai musei o alle palestre, così come per gli operatori sanitari. Dal 1° settembre l’obbligo è stato esteso ai docenti così come ai passeggeri di treni, navi, aerei e autobus a lunga percorrenza. L’obbligo potrebbe essere esteso ad altri settori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved