non-vaccinati-e-ingresso-in-svizzera-due-test-o-test-e-quarantena
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
42 min

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
1 ora

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
15 ore

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
15 ore

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
16 ore

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
19 ore

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
Svizzera
19 ore

Sostegno ai media, diverse personalità si attivano per il ‘sì’

Sono oltre 100 i personaggi che hanno accolto ‘l’Appello urgente’ per una democrazia non fatta solo di opinioni, ma anche di conoscenze
Svizzera
21 ore

Cassis a Berlino per incontrare Scholz, Baerbock e Steinmeier

Il presidente della Confederazione giovedì sarà in Germania per dialogare con i vertici del Governo tedesco
Svizzera
22 ore

Gli esperti: ‘Un registro anche per i casi di long-Covid’

Più aumenta il numero di contagi in Svizzera e maggiore è il rischio di danni a lungo termine, si legge sulla stampa domenicale
08.09.2021 - 14:300
Aggiornamento : 17:44

Non vaccinati e ingresso in Svizzera: due test o test e quarantena

Il Consiglio federale ha messo in consultazione due varianti per le disposizioni sull’entrata nel Paese di persone non vaccinate. Esclusi frontalieri e bambini

a cura de laRegione

Giro di vite per i non vaccinati di rientro dall'estero: per evitare la diffusione del virus e delle sue varianti, il Consiglio federale ha avanzato due proposte che contemplano un doppio test a distanza di qualche giorno, oppure tampone e quarantena. Il governo deciderà sulla questione il prossimo 17 settembre e le nuove regole di viaggio entreranno presumibilmente in vigore lunedì 20 settembre.

Le nuove misure di ingresso in Svizzera si applicano solo alle persone che non sono né vaccinate, né guarite da un'infezione di Covid-19 negli ultimi 6 mesi, tiene a precisare il governo in un comunicato odierno.

Le nuove disposizioni poste in consultazione oggi mirano a "definire una normativa efficace in vista delle vacanze autunnali" ed entrambe le opzioni "considerano che la popolazione adulta ha la possibilità di farsi vaccinare e integrano il certificato Covid come documento riconosciuto a livello internazionale".

Due tamponi oppure test e quarantena

La prima proposta prevede che le persone non vaccinate e non guarite dal Covid che entrano in Svizzera – indipendentemente dalla loro provenienza – debbano presentare un test negativo all'ingresso. In seguito, dai quattro ai sette giorni dopo l'arrivo in Svizzera, dovranno eseguire un altro test. Questo tampone sarà a pagamento, dovrà essere effettuato in Svizzera e il risultato sarà poi trasmesso al Cantone.

La seconda proposta, sulla falsa riga della prima, prevede che un test negativo debba obbligatoriamente essere presentato all'ingresso in Svizzera da una persona che non è né vaccinata, né guarita dal Covid. Invece di sottoporsi a un secondo test, i viaggiatori dovranno mettersi in quarantena per dieci giorni. La quarantena potrà essere ridotta dopo sette giorni sottoponendosi a un test (a pagamento) e ottenendo un risultato negativo.

Esclusi i frontalieri e i bambini

Per entrambe le due varianti proposte, chi arriva in Svizzera deve compilare il modulo di iscrizione elettronico (Passenger Locator Form). La misura vale per ogni metodo di entrata in Svizzera: a piedi, in bicicletta, in aereo, in treno, in nave, in autobus e in auto. I controlli saranno intensificati e, se necessario, saranno inflitte multe.

Sono invece esclusi da queste misure i frontalieri, i bambini sotto i 16 anni, i passeggeri in transito e gli autotrasportatori che attraversano la Svizzera.

Niente più lista dei Paesi a rischio

La lista dei Paesi utilizzati in passato dall'Ufficio federale della sanità pubblica, in cui circolano varianti di virus preoccupanti, è ormai inadeguata. La variante Delta, altamente contagiosa, ha portato a un notevole aumento del numero di casi in molti Paesi nel giro di pochi giorni.

Rimane invece in vigore la lista dei Paesi ad alto rischio della Segreteria di Stato della migrazione (Sem), che stabilisce da quale Paese si può entrare in Svizzera.

Il Consiglio federale ha avviato oggi la consultazione che durerà fino a mercoledì 14 settembre. In seguito, il governo prenderà presumibilmente una decisione durante la sua seduta di venerdì 17 settembre. L'entrata in vigore è invece prevista per il 20 settembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved