ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
non-vaccinati-e-ingresso-in-svizzera-due-test-o-test-e-quarantena
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 min

Per la terza dose ‘la Svizzera non dovrà aspettare troppo’

Lo ha dichiarato Claus Bolte, capo della sezione autorizzazioni di Swissmedic. Probabile la somministrazione inizialmente solo alle persone a rischio
Svizzera
26 min

Dalla Corea del Nord missile balistico verso il mar del Giappone

L’allarme è stato diffuso dai militari sudcoreani. Il missiile è atterrato in mare senza fare danni nè vittime
Svizzera
14 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
15 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
16 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
18 ore

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
18 ore

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
20 ore

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
21 ore

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
08.09.2021 - 14:300
Aggiornamento : 17:44

Non vaccinati e ingresso in Svizzera: due test o test e quarantena

Il Consiglio federale ha messo in consultazione due varianti per le disposizioni sull’entrata nel Paese di persone non vaccinate. Esclusi frontalieri e bambini

Giro di vite per i non vaccinati di rientro dall'estero: per evitare la diffusione del virus e delle sue varianti, il Consiglio federale ha avanzato due proposte che contemplano un doppio test a distanza di qualche giorno, oppure tampone e quarantena. Il governo deciderà sulla questione il prossimo 17 settembre e le nuove regole di viaggio entreranno presumibilmente in vigore lunedì 20 settembre.

Le nuove misure di ingresso in Svizzera si applicano solo alle persone che non sono né vaccinate, né guarite da un'infezione di Covid-19 negli ultimi 6 mesi, tiene a precisare il governo in un comunicato odierno.

Le nuove disposizioni poste in consultazione oggi mirano a "definire una normativa efficace in vista delle vacanze autunnali" ed entrambe le opzioni "considerano che la popolazione adulta ha la possibilità di farsi vaccinare e integrano il certificato Covid come documento riconosciuto a livello internazionale".

Due tamponi oppure test e quarantena

La prima proposta prevede che le persone non vaccinate e non guarite dal Covid che entrano in Svizzera – indipendentemente dalla loro provenienza – debbano presentare un test negativo all'ingresso. In seguito, dai quattro ai sette giorni dopo l'arrivo in Svizzera, dovranno eseguire un altro test. Questo tampone sarà a pagamento, dovrà essere effettuato in Svizzera e il risultato sarà poi trasmesso al Cantone.

La seconda proposta, sulla falsa riga della prima, prevede che un test negativo debba obbligatoriamente essere presentato all'ingresso in Svizzera da una persona che non è né vaccinata, né guarita dal Covid. Invece di sottoporsi a un secondo test, i viaggiatori dovranno mettersi in quarantena per dieci giorni. La quarantena potrà essere ridotta dopo sette giorni sottoponendosi a un test (a pagamento) e ottenendo un risultato negativo.

Esclusi i frontalieri e i bambini

Per entrambe le due varianti proposte, chi arriva in Svizzera deve compilare il modulo di iscrizione elettronico (Passenger Locator Form). La misura vale per ogni metodo di entrata in Svizzera: a piedi, in bicicletta, in aereo, in treno, in nave, in autobus e in auto. I controlli saranno intensificati e, se necessario, saranno inflitte multe.

Sono invece esclusi da queste misure i frontalieri, i bambini sotto i 16 anni, i passeggeri in transito e gli autotrasportatori che attraversano la Svizzera.

Niente più lista dei Paesi a rischio

La lista dei Paesi utilizzati in passato dall'Ufficio federale della sanità pubblica, in cui circolano varianti di virus preoccupanti, è ormai inadeguata. La variante Delta, altamente contagiosa, ha portato a un notevole aumento del numero di casi in molti Paesi nel giro di pochi giorni.

Rimane invece in vigore la lista dei Paesi ad alto rischio della Segreteria di Stato della migrazione (Sem), che stabilisce da quale Paese si può entrare in Svizzera.

Il Consiglio federale ha avviato oggi la consultazione che durerà fino a mercoledì 14 settembre. In seguito, il governo prenderà presumibilmente una decisione durante la sua seduta di venerdì 17 settembre. L'entrata in vigore è invece prevista per il 20 settembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved