ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 ore

Due morti a Disentis per una valanga

La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
16 ore

La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna

Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
18 ore

La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record

Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
20 ore

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
21 ore

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
23 ore

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior

Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp

Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
1 gior

Il falso poliziotto non passa mai di moda. Due colpi a segno

Malfattori particolarmente attivi nelle truffe telefoniche. Anziani raggirati a Pratteln e San Gallo, per un importo complessivo di 80mila franchi
Svizzera
1 gior

Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola

Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
1 gior

Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci

Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
1 gior

Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice

Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
1 gior

Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo

Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
1 gior

Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino

Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
1 gior

Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta

Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
1 gior

Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima

Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
1 gior

Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate

Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
Svizzera
2 gior

In fuga dalla Polizia ad alta velocità fra i bambini

Spericolato inseguimento a cavallo tra i Cantoni Vaud e Friburgo. L’uomo, poi arrestato, guidava senza patente
Svizzera
2 gior

Incidente mortale su un cantiere a Winterthur

A perdere la vita è stato un operaio edile 27enne, travolto dal crollo di una trincea non protetta
Svizzera
2 gior

Migros fa spesa in farmacia: acquisita Zur Rose

Con un’offerta di 360 milioni di franchi, il gigante arancione mette le mani sulla catena turgoviese
Svizzera
2 gior

Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga

Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
2 gior

Treni fermi tra Landquart e Klosters

Fine pomeriggio di perturbazioni sulla rete ferroviaria dei Grigioni. Il guasto è stato localizzato tra Malans e Schiers
Svizzera
2 gior

Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider

Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
2 gior

In un comune su due installare pannelli solari non conviene

I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
2 gior

Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa

Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
2 gior

Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’

Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
2 gior

La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci

Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
25.08.2021 - 14:31
Aggiornamento: 18:54

Consiglio federale, test a pagamento e CovidPass obbligatorio

Il governo mette in consultazione la proposta di un uso esteso del certificato Covid. Dal 1°ottobre i costi dei test saranno a carico dei richiedenti

consiglio-federale-test-a-pagamento-e-covidpass-obbligatorio
Il consigliere federale Alain Berset (Keystone)

Il Consiglio federale ha messo in consultazione fino al 30 agosto un rafforzamento dei provvedimenti contro la propagazione del coronavirus, proponendo un’estensione dell’obbligo del certificato negli spazi interni di ristoranti, strutture culturali e per il tempo libero e per le manifestazioni al chiuso. Il Consiglio federale ha inoltre deciso che dal 1° ottobre 2021 i costi dei test per il certificato COVID non saranno più assunti dalla Confederazione.

"Da alcune settimane il numero di ricoveri di pazienti affetti da COVID-19 è in forte aumento – afferma il governo nel suo comunicato–. Questa evoluzione è verosimilmente da ricondurre soprattutto al basso tasso di copertura vaccinale: in Svizzera, si è sottoposto almeno alla prima vaccinazione il 56 per cento della popolazione, contro il 63 per cento nell’Unione europea. Il numero di persone non immunizzate che possono contagiarsi rimane elevato". Altre possibili cause dell’aumento, aggiunge l'Esecutvo, sono la maggiore trasmissibilità della variante Delta, i rientri dalle vacanze, la graduale revoca dei provvedimenti dell’obbligo del telelavoro e del divieto di insegnamento in presenza nelle scuole universitarie e un cambiamento nel comportamento della popolazione.

Siccome l’inasprimento dei provvedimenti incide sul numero dei ricoveri dopo due a tre settimane, il Consiglio federale non può attendere che gli ospedali siano sovraccarichi prima di attuarlo: "In caso di sovraccarico degli ospedali – si legge nella nota governativa –, il numero di decessi tra i malati di COVID-19 aumenterebbe e dovrebbero di nuovo essere rinviati interventi non urgenti. Questo avrebbe conseguenze negative sull’assistenza sanitaria dell’intera popolazione".

Estensione dell’obbligo del certificato

Il Consiglio federale ha pertanto deciso di sottoporre preventivamente ai Cantoni e alle parti sociali possibili inasprimenti dei provvedimenti. Come previsto nel modello a tre fasi, il certificato COVID gioca un ruolo centrale: accessibile a tutti, permette di attestare in modo uniforme e a prova di falsificazione l’avvenuta vaccinazione contro la COVID-19, la guarigione dalla malattia o il risultato negativo di un test.

Diversamente dalle ondate precedenti, in questa si vuole rinunciare alla chiusura di interi settori o al divieto di determinate attività. Il certificato permette di ridurre il rischio di trasmissione, perché s’incontrerebbero fra loro soltanto persone non contagiose o con un basso rischio di contagio. Come finora, non è previsto di estendere l’obbligo del certificato ai bambini e ai giovani al di sotto dei 16 anni.

Non è inoltre previsto di modificare le ben note e ampiamente accettate raccomandazioni di igiene e distanziamento sociale, le regole di quarantena e l’obbligo generale di indossare la mascherina nelle aree interne accessibili al pubblico, nei negozi e sui trasporti pubblici.

Obbligo del certificato per i locali interni di ristoranti, bar e club

Il Consiglio federale propone di estendere l’obbligo del certificato, vigente attualmente per le discoteche e le sale da ballo, a tutti gli spazi interni di strutture per la ristorazione, bar e club. Il controllo potrà essere eseguito all’ingresso o al primo contatto con il personale dopo che l’avventore ha preso posto. Sulle terrazze e in altri spazi esterni, l’obbligo non dovrà invece essere introdotto. L’obbligo del certificato non si applicherà inoltre al personale, per il quale vigono già provvedimenti più severi, per esempio l’obbligo della mascherina. Solo se tutti i dipendenti presenti sono in possesso di un certificato, anche il personale potrà rinunciare alla mascherina.

Anche per i ristoranti degli alberghi dovranno valere le stesse regole. Il solo pernottamento non dovrà invece essere soggetto all’obbligo del certificato, in quanto l’accesso agli alberghi dovrebbe essere consentito anche alle persone che non possono farsi testare a breve termine.

Obbligo del certificato per le manifestazioni al chiuso

L’accesso dovrà essere limitato alle persone in possesso di un certificato COVID anche per le manifestazioni al chiuso (concerti, teatro, cinema, manifestazioni sportive, eventi privati come i matrimoni). A tutela dei diritti fondamentali, faranno eccezione per esempio le manifestazioni religiose, i funerali e le manifestazioni per la formazione dell’opinione politica con un massimo di 30 persone. In questi casi, al chiuso sarà obbligatoria la mascherina. Per le manifestazioni all’aperto continueranno a valere le regole vigenti.

Obbligo del certificato per le strutture per la cultura e il tempo libero

Dovrà essere limitato alle persone in possesso di un certificato anche l’accesso a strutture come musei, zoo, palestre, palestre di arrampicata, piscine coperte, parchi acquatici, bagni termali, sale biliardo e case da gioco. Faranno eccezione le strutture che comprendono unicamente spazi all’aperto.

Obbligo del certificato per le attività sportive e culturali

Anche per le attività sportive e culturali al chiuso come allenamenti o prove musicali o teatrali per le quali già oggi non vige più l’obbligo della mascherina, in futuro l’accesso dovrà essere limitato a chi è in possesso del certificato COVID. Questa restrizione non varrà per i bambini e i giovani al di sotto dei 16 anni e per i gruppi a composizione stabile di al massimo 30 persone che si allenano o si esercitano regolarmente insieme in locali separati.

Registrazione dei dati di contatto nelle discoteche e nelle sale da ballo

Per le discoteche e le sale da ballo vige già oggi l’obbligo del certificato. Per agevolare il tracciamento dei contatti dovrà essere introdotto quale provvedimento supplementare l’obbligo di registrare i dati di contatto.

Precisazione dell’impiego del certificato nel mondo del lavoro

Il Consiglio federale propone inoltre di precisare nell’ordinanza l’impiego del certificato nel mondo del lavoro. Ai datori di lavoro dovrà essere espressamente consentito, se utile per la definizione di misure di protezione adeguate o per l’attuazione della strategia di test, di verificare il possesso di un certificato.

Il Consiglio federale adegua la strategia di test

Nella seduta odierna il Consiglio federale ha inoltre adeguato la strategia di test. I test restano un provvedimento importante per tenere sotto controllo la pandemia, interrompere catene di contagio e prevenire il sovraccarico delle strutture ospedaliere. Allo scopo vanno in particolare proseguiti i test a ripetizione nelle scuole e nelle aziende, che continueranno a essere finanziati dalla Confederazione.

Certificato COVID: test preventivi a carico di chi li richiede

Dal 1° ottobre 2021, i costi dei test effettuati per ottenere un certificato COVID saranno a carico delle persone che li richiedono. Tutti coloro che volevano farsi vaccinare hanno potuto farlo: il Consiglio federale ritiene che non sia più compito della collettività sostenere i costi dei test delle persone non vaccinate o non guarite. La popolazione ha tuttora la possibilità di farsi vaccinare gratuitamente contro la COVID-19.

Eccezioni per le persone con sintomi e per i giovani

Per le persone che presentano sintomi di un’infezione da coronavirus, i test rimangono a carico della Confederazione, ma non danno diritto al certificato COVID. La Confederazione continuerà a rimborsare anche i test antigenici rapidi per le persone che, per motivi medici, non possono essere vaccinate e per i bambini e i giovani al di sotto dei 16 anni. Anche chi si reca in una struttura sanitaria, per esempio in una casa di cura o per anziani o in un ospedale, potrà continuare a sottoporsi gratuitamente al test. Rimane infatti essenziale proteggere le persone particolarmente a rischio. Se il test dà esito negativo, invece del certificato sarà rilasciato un documento che ne attesta il risultato.

Test a campioni aggregati aperti a tutti

A chi non presenta sintomi, la Confederazione intende dare la possibilità di partecipare a proprie spese, in farmacia, ai test PCR salivari a campioni aggregati. Questi test hanno il vantaggio di essere più precisi e attendibili dei test antigenici rapidi. Sarà inoltre possibile prelevarsi autonomamente un campione salivare PCR a domicilio; tuttavia il prelievo dovrà essere controllato, così come andrà verificata l’identità della persona che si sottopone al test.

Risultati della consultazione

La grande maggioranza dei Cantoni e delle parti sociali consultati, come pure la competente commissione del Consiglio nazionale hanno accolto con favore l’adeguamento della strategia di test, in particolare il fatto che la Confederazione continuerà a finanziare i test a ripetizione condotti nelle scuole e nelle aziende. Hanno tuttavia proposto alcune modifiche relative al rimborso dei test e richiesto disposizioni più severe per evitare abusi. Il Consiglio federale ha parzialmente dato seguito a queste proposte, decidendo che i giovani fino a 16 anni potranno continuare a sottoporsi gratuitamente ai test e che, per le persone di oltre 16 anni, il certificato COVID attestante un risultato negativo sarà rilasciato soltanto se il test sarà stato pagato da chi lo ha richiesto.

Vaccinazione degli svizzeri all’estero

Il Consiglio federale ha deciso anche una modifica dell’ordinanza sulle epidemie. In futuro potranno farsi vaccinare nel nostro Paese anche gli svizzeri all’estero e i membri del loro nucleo familiare (coniugi/partner, figli, genitori e suoceri che vivono nella stessa economia domestica) che non hanno l’assicurazione malattie obbligatoria in Svizzera e i frontalieri che si trovano nella stessa situazione. Come richiesto dai Cantoni, i costi saranno a carico della Confederazione. 

Estensione dei test sulle acque reflue

Il Consiglio federale ha inoltre deciso di estendere i test sistematici su campioni di acque reflue prelevati negli impianti di depurazione delle acque di scarico per rilevarvi tracce del coronavirus. I test copriranno ora un territorio in cui risiede il 60 per cento circa della popolazione e le zone turistiche di rilevanza epidemiologica. In questo modo si potranno identificare rapidamente eventuali focolai locali e adottare per tempo i necessari provvedimenti di contenimento.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved