nella-pagella-di-chi-inquina-di-piu-vincono-i-trasporti
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

‘Imposta sulle Pmi’ o ‘regalo fiscale’ alle grandi aziende?

Governo e Parlamento vogliono abolire la tassa d’emissione sul capitale proprio, la sinistra non ne vuole sapere. Risposte alle principali domande
Svizzera
9 ore

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili
Svizzera
16 ore

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
18 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
19 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
19 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
23 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
1 gior

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
1 gior

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
1 gior

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
1 gior

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera

Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
1 gior

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
1 gior

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
1 gior

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
1 gior

Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti

Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
1 gior

Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato

La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
Svizzera
2 gior

I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio

Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza
Svizzera
2 gior

Vent’anni di prigione per l’assassino di Yverdon

Un giovane, oggi ventiduenne, riconosciuto colpevole di avere ucciso un ventunenne con un colpo alla testa, per questioni di droga
Svizzera
2 gior

In Svizzera più contagi ma ricoveri stabili e meno decessi

Continua a scendere il tasso di riproduzione del virus, oggi a 1,12. Rispetto a lunedì scorso, circa 4’000 casi in più ma stesso numero di ricoveri
22.05.2021 - 10:300

Nella pagella di chi inquina di più, vincono i trasporti

L'analisi delle emissioni di gas serra negli ultimi 30 anni evidenzia che economie domestiche, agricoltura e servizi hanno fatto i compiti

Meglio economie domestiche, industria, agricoltura e servizi, male invece i trasporti. Nella ‘pagella’ di chi inquina di più emerge che nel 2019 le emissioni di gas serra in Svizzera sono calate solo leggermente: 46,2 milioni di tonnellate di CO2 (0,3 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2018). L’inventario dell’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) evidenzia che la Confederazione difficilmente raggiungerà l’obiettivo climatico che prevede una riduzione del 20% entro il 2020 (rispetto al 1990) delle emissioni di gas serra. La verifica avverrà nei primi mesi del 2022, il settore messo peggio è quello dei trasporti. E già si guarda alla prossima ambiziosa tappa: ridurre le emissioni di gas serra nei settori trasporti, edifici e industria di quasi il 90% entro il 2050. Ma va cambiata marcia: “A questo ritmo, la Svizzera raggiungerà l’obiettivo di zero emissioni fra 154 anni”, hanno commentato gli ambienti ecologisti. La Confederazione intende presentare un bilancio neutro delle emissioni di gas serra entro il 2050. Per riuscirci il Parlamento ha recentemente adottato una revisione della legge sul CO2 contro la quale è stato lanciato il referendum e su cui andremo a votare il 13 giugno, dal suo esito dipende la continuazione dell’impegno elvetico a favore del clima.

Chi ha fatto i compiti e chi no

Bisogna fare meglio degli ultimi 20 anni. Ma quale è stata l’evoluzione delle emissioni dal 1990 a oggi? Chi ha fatto i compiti e chi no? Dal monitoraggio delle emissioni dell’Ufficio federale dell’ambiente (vedi grafica) si constata dal 1990 al 2019 una riduzione complessiva del 14%. Le differenze tra i settori sono evidenti. “Si registrano miglioramenti in particolare nelle economie domestiche, industria, agricoltura e servizi. Nel campo dei gas sintetici si assiste per contro a un preoccupante incremento mentre nei trasporti, che costituiscono ben un terzo delle emissioni totali, si marcia sul posto”, analizza Riccardo De Gottardi, che per 30 anni si è occupato di pianificazione del territorio e della mobilità al Dipartimento del territorio. Ci aiuta a leggere questi dati in vista delle sfide ecologiche che ci attendono. Trasporti e industria sono da tempo i settori che più producono emissioni di gas serra.


FONTE: UFFICIO FEDERALE DELL’AMBIENTE, INVENTARIO DELLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN SVIZZERA, BERNA 2021/ELABORAZIONE PROPRIA

Auto verdi vanificate dai troppi chilometri

Nel settore dei trasporti l’obiettivo di ridurre del 20% rispetto al 1990 le emissioni entro il 2020 appare lontano. Le emissioni nel 2019 hanno superato addirittura dell’1% il livello del 1990. “Tre quarti delle emissioni sono generate dalle automobili, con i motocicli e i bus privati, seguiti da veicoli pesanti e furgoncini per il trasporto delle merci. Altri tipi di trasporto (treno, bus dei servizi pubblici, battelli, pipeline, aviazione nazionale, ecc.) costituiscono una parte molto marginale”. Eppure c’è un grande sforzo per mettere sul mercato autovetture sempre più verdi: “Purtroppo il notevole aumento del traffico dal 1990 in poi ha annullato l’effetto dei progressi tecnologici nel campo dei motori tradizionali e anche la diffusione dell’automobile ibrida o elettrica, che peraltro in Svizzera e in Ticino costituisce ancora una minima parte del parco autoveicoli (meno del 5% nel 2020), non ha permesso d’invertire la rotta e dunque men che meno di raggiungere l’obiettivo di riduzione. Addirittura la media delle emissioni di CO2 delle automobili nuove messe in circolazione ha ricominciato ad aumentare a partire dal 2017”. Un pessimo risultato dunque.

L’industria non fa ancora abbastanza

Le emissioni dell’industria nel 2019 hanno totalizzato 11,2 milioni di tonnellate di CO2, circa il 14% in meno rispetto al 1990. Negli ultimi anni sono rimaste a un livello relativamente stabile e, continuando di questo passo, l’obiettivo di riduzione del 15% rischia di essere mancato. Per quanto riguarda gli edifici, le emissioni sono state pari a 11,2 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti (CO2-eq), inferiori del 34% rispetto al 1990. L’efficienza energetica e la sostituzione di sistemi di riscaldamento a olio e a gas con pompe di calore e fonti di energia rinnovabili ha permesso di mantenere il livello invariato rispetto al 2018, non abbastanza per raggiungere l’obiettivo di riduzione del 40% entro il 2020.


FONTE: UFFICIO FEDERALE DELL’AMBIENTE, INVENTARIO DELLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN SVIZZERA, BERNA 2021/ELABORAZIONE PROPRIA

Ora o mai più

La Svizzera si è impegnata a contrastare i cambiamenti climatici, che anche nelle regioni alpine già stanno manifestando i loro effetti negativi e generano costi importanti non ancora interamente visibili. Un recente studio della società di riassicurazione Swiss Re conclude che il cambiamento climatico è la minaccia più grande per l’economia globale: senza misure per ridurre le emissioni di gas serra le temperature rischiano di aumentare oltre i 3 gradi nei prossimi 30 anni e il prodotto interno lordo mondiale potrebbe crollare del 18%.
“I trasporti, essenzialmente la circolazione stradale di persone e di merci, contribuiscono per circa un terzo alle emissioni di gas serra e consumano il 30% dell’energia finale. Costituiscono dunque gli elementi fondamentali della strategia energetica elvetica di riduzione dei consumi, di sostituzione delle energie fossili e di maggiore indipendenza dall’estero così come per raggiungere la sostenibilità ambientale. Senza ulteriori sforzi per contenere gli spostamenti, per incoraggiare il trasferimento dalla strada alla ferrovia e alla mobilità ciclo-pedonale e per incentivare l’adozione di nuove tecnologie questi obiettivi non potranno essere raggiunti. Da ciò la posta in gioco con la votazione sulla legge sul CO2 appare fondamentale”, conclude De Gottardi.

La tabella di marcia 

L’agenda per il clima ha due fasi: si guarda al 2030 per abbassare il tasso d’inquinamento e al 2050 per azzerarlo. Il record di caldo a livello globale nel 2020, le emissioni di gas serra nel 2021 mai così alte da 10 anni, sono conferme di quanto ripete da tempo la scienza. Ratificando l’Accordo sul clima di Parigi nel 2017, la Svizzera (con altri 189 Paesi) si è impegnata a ridurre le emissioni di gas serra in modo da mantenere il riscaldamento climatico al di sotto di 2 gradi. Concretamente, Berna deve dimezzare entro il 2030 le proprie emissioni rispetto ai valori del 1990. C’è una strategia climatica (il Governo l’ha approvata a gennaio 2019) il cui obiettivo è ridurre le emissioni a zero entro il 2050. Stabilisce dieci principi strategici per orientare le azioni in materia di politica climatica nei prossimi anni e indica i possibili obiettivi di riduzione nei diversi settori. La strategia è coordinata con la strategia energetica 2050, approvata dal popolo nel 2017, che persegue l’incremento dell’efficienza energetica, l’aumento della quota di energie rinnovabili e l’abbandono del nucleare.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved