l-anno-della-pandemia-e-delle-truffe-digitali
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Due morti in un incidente stradale sul Bernina

Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni.
Svizzera
17 ore

Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale

Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
17 ore

Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo

Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
18 ore

Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese

I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
19 ore

Engadina, presenza quasi certa di tre orsi

Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
Svizzera
20 ore

Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil

L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
21 ore

L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’

Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
22 ore

Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago

Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
23 ore

‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’

Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
23 ore

Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’

Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
22.03.2021 - 10:25
Aggiornamento: 12:16
Ats, a cura de laRegione

L'anno della pandemia e delle truffe digitali

Oltre 24mila: interessati acquisti on line, immobiliari e finte relazioni amorose. Ecco la statistica criminale

Nel 2020, caratterizzato dalla pandemia di Covid-19, in Svizzera le varie polizie hanno registrato 24'398 reati digitali, quali per esempio truffe legate agli acquisti online, agli annunci immobiliari o alla simulazione di una relazione amorosa. È quanto emerge dai primi risultati ottenuti dalla statistica criminale di polizia (SCP) dell'Ufficio federale di statistica (UST). Sono invece calati i furti con scasso e con introduzione clandestina.

Dei quasi 24'400 reati di criminalità digitale commessi lo scorso anno, l'84,2% riguardava la "cibercriminalità economica", il 10,7% i "ciberdelitti sessuali" e il 5,1% le "ciberlesioni della reputazione e pratiche sleali", indica l'UST in una nota odierna, in cui si precisa che tali reati sono presi in considerazione per la prima volta nella statistica.

Reati "tipicamente digitali"

Per quanto attiene ai reati "tipicamente digitali", dalla SCP risulta che l'82,7% concerneva il danneggiamento di dati, l'81,3% la pornografia, il 79,3% il riciclaggio di denaro e il 70,4% la truffa (70,4%).

Le persone danneggiate per queste infrazioni digitali ammontavano a 15'714 e si suddividevano in particolare in 8'056 uomini (58%), 5'822 donne (42%) e 1'834 persone giuridiche. In generale, quando si interpretano queste cifre occorre tener presente che si sta parlando solo di quelli noti alla polizia, precisa ancora l'UST.

Furti con scasso in calo

Per quanto riguarda le altre categorie di reati, nel 2020, in tutta la Svizzera sono stati denunciati 32'819 furti con scasso e con introduzione clandestina. Si tratta del 9,9% in meno rispetto al 2019 e viene così confermato il costante calo dal 2012.

"La popolazione era maggiormente presente in casa a causa del telelavoro", ha spiegato il presidente della Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali, Mark Burkhard, citato in una nota.

Se la maggior parte dei furti è diminuita, come quelli "non altrimenti specificati" (-14,6%) e quelli "con borseggio" (-28,7%), i furti di veicoli o quelli "con scasso di veicolo" sono invece aumentati rispettivamente del 15,4% e del 7,4%. Anche il numero di furti di biciclette elettriche denunciati alla polizia, che ammonta a 6'082 reati, è fortemente progredito nell'anno pandemico rispetto a quello precedente (+37,5%).

Stabile il numero di omicidi

Nel 2020 la polizia ha inoltre registrato 47 omicidi (46 nel 2019), 28 dei quali commessi in situazioni di violenza domestica (29 nel 2019). Per quanto riguarda le vittime, risulta che 11 di loro sono donne uccise dal partner o dall'ex-partner, mentre 9 sono bambini uccisi da uno dei genitori.

I reati di violenza grave denunciati nel 2020 sono stati 1'668, ovvero 137 in più (+8,9%) rispetto al 2019, quando ammontavano a 1'531. Tale incremento riguarda in particolar modo i tentati omicidi (+45 reati), le violenze carnali (+34) e le lesioni gravi (+32).

Stando alla task force "Violenza domestica e Covid-19" della Confederazione, durante la pandemia si è assistito a un numero crescente di conflitti famigliari in tutte le regioni del Paese.

Altri reati complessivamente in calo

La SCP ha infine esaminato i reati ai sensi del Codice penale (CP), della legge sugli stupefacenti (LStup) e della legge sugli stranieri e la loro integrazione (LStrI) registrati dalla polizia.

Per queste tre leggi, tra il 2019 e il 2020 sono state osservate delle diminuzioni dell'ordine rispettivamente del 2,4%, 9,4% e 11,5%. Per quanto riguardato le infrazioni al CP, si tratta dell'ottavo calo consecutivo e non è quindi imputabile unicamente alla situazione straordinaria legata all'epidemia di coronavirus.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pandemia reati truffe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved