il-nazionale-vuole-un-eta-minima-per-film-e-videogiochi
Keystone
Dall’autoregolamentazione a uno standard minimo vincolante sul piano nazionale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
4 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
5 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
6 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
6 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
7 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
8 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
8 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
8 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
11 ore

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
12 ore

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
1 gior

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
1 gior

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
1 gior

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
1 gior

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
1 gior

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
Votazioni federali
1 gior

Votazioni federali, ecco i risultati definitivi

Sostegno a Frontex oltre le previsioni, consenso presunto bocciato solo da Svitto e dai semicantoni di Appenzello. Sì alla Lex Netflix dal 58,4%
Svizzera
1 gior

Cade da una gru e muore in un cantiere a Zurigo

Ancora da chiarire le dinamiche di quanto accaduto verosimilmente nella notte ad Altstetten
Votazioni federali
1 gior

Votazioni federali, verso tre ‘sì’ comodi dalle urne

Frontex, ‘Lex Netflix’ e Legge trapianti verso l’accettazione popolare in modo abbastanza chiaro
Svizzera
1 gior

L’Udc vuole limitare l’accoglienza dei profughi ucraini

Per la consigliera nazionale Martina Bircher, lo statuto S dovrebbe essere accordato solo a chi è direttamente implicato in zone di guerra
17.03.2021 - 21:19

Il Nazionale vuole un’età minima per film e videogiochi

I giovani vanno maggiormente protetti, sostiene la maggioranza della Camera del popolo. Respinta la proposta di non entrata in materia dell’Udc.

Berna – Proteggere i minorenni dai contenuti mediali inadeguati, uniformando per esempio a livello nazionale l'età minima per guardare un film o acquistare un videogioco. Ne è convinta una maggioranza del Consiglio nazionale che oggi ha respinto (115 voti a 69 e 2 astensioni) una proposta di non entrata nel merito dell'Udc, sostenuta da diversi Plr, su un progetto governativo in tal senso. Per mancanza di tempo, il dibattito di dettaglio è stato rimandato a una prossima sessione. 

Per i democentristi, la protezione dei minori in questi settori è una questione privata. Tocca ai genitori porre dei limiti e sorvegliare la prole, ha affermato Verena Herzog (Udc/Tg), spiegando che padri e madri non vanno messi sotto tutela da una legge dello Stato. I mezzi tecnici per farlo ci sono già, ha aggiunto. Questa legge non impedirà ai giovani di avere accesso a video o film violenti oppure contenuti sessuali espliciti. Si tratta di una "falsa sicurezza", ha sottolineato la deputata turgoviese.

Regolamentazione ‘confusa’

La maggioranza è invece convinta che occorrano nuove disposizioni legali al fine di proteggere i minori da contenuti di film e di videogiochi inappropriati. "La maggior parte dei giovani è già stata confrontata con contenuti a rischio - droga odio, pornografia“, ha affermato Mathias Reynard (Ps/Vs). Purtroppo in Svizzera, ha spiegato il vallesano, la regolamentazione a protezione dei giovani in quest'ambito è confusa, specie per il consumo di video su richiesta: molto è lasciato all'autoregolamentazione del settore, per non parlare che le disposizioni, quando esistono, cambiano da Cantone a Cantone. Ci vuole insomma un minimo comune denominatore a livello nazionale, ha sottolineato il deputato vallesano.

Reynard ha insistito anche sulla necessità di adoperarsi a livello di prevenzione per ridurre il rischio di dipendenza da videogiochi, un fenomeno che viene agevolato dalla possibilità di eseguire micro transazioni. I minorenni incominciano sempre più presto a consumare contenuti sui media elettronici e dedicano sempre più ore a questo passatempo, ha sostenuto Sandra Locher Benguerel (Ps/Gr).

Anche per Stefania Prezioso Batou (Verdi/Ge) è indispensabile una regolamentazione a livello nazionale, come chiedono 5 Cantoni che dispongono di leggi in materia, ma che deplorano questa frantumazione del diritto. Il progetto del Consiglio federale risponde a questa richiesta e a una mozione sul tema.

Plr diviso

Dello stesso parere Simone de Montmollin (Plr/Ge) che ha però criticato alcuni aspetti del disegno, da lei giudicati "complessi", che rischiano di creare problemi nell'applicazione della legge, specie da parte dei Cantoni. Per questo motivo, il PLR è diviso su questo progetto.

Simon Stadler (Centro/Ur) ha sottolineato il bisogno di una regolamentazione nazionale: molti genitori sono del tutto impreparati per far fronte al problema, che va ben oltre le loro capacità. Tuttavia, il progetto non intende mettere sotto tutela padre e madri, bensì dare una risposta alle loro preoccupazioni. Ai genitori si aggiungono anche le associazioni a protezione dei giovani.

Thomas Brunner (Sg) dei Verdi liberali ha insistito nel suo intervento sulla dipendenza causata dal videogiochi e da Internet in generale, e dai rischi che ciò comporta in fatto di manipolazione. I Verdi liberali auspicano tuttavia un maggior coinvolgimento del settore per determinare ciò che è pericoloso e inappropriato da ciò che non lo è.

Il progetto governativo

Il disegno del Consiglio federale, presentato nel settembre 2020, intende uniformare a livello nazionale l'età minima per guardare un film o acquistare un videogioco. Attualmente, infatti, non esistono norme federali in materia. La competenza di legiferare spetta ai Cantoni. Per quel che concerne i film - proiezioni cinematografiche, acquisto di DVD e Blu-ray - esiste una Commissione svizzera del film e della tutela dei giovani che formula raccomandazioni in merito all'età minima. Se praticamente tutti i cantoni vi hanno aderito (solo il Ticino non lo ha fatto), soltanto i due Basilea, Neuchâtel, Vaud, Vallese e Zurigo hanno disposizioni legali in materia.

Nei videogiochi si è assistito a una autoregolamentazione a livello europeo tramite il sistema Pegi. Esso indica l'età a partire dalla quale un videogame è adeguato. Attualmente oltre il 90% dei giochi è venduto con l'etichetta Pegi. Tuttavia, anche qui sono solo i due cantoni di Basilea e quelli di Neuchâtel, Vaud, Vallese e Zurigo ad aver emanato disposizioni legali.

Proteggere i giovani

Le regolamentazioni in materia di protezione dei minori per film e videogiochi sono in Svizzera molto frammentarie ed eterogenee. Per i genitori non è inoltre è sempre facile, se non impossibile, sorvegliare cosa guardano i figli, considerato anche il numero di possibilità di accesso, stando all'esecutivo. Da qui la necessità di agire a livello federale, in modo da garantire un livello di protezione analogo a quello esistente nell'Unione europea. L'obiettivo è proteggere i minorenni da rappresentazioni di cruda violenza o di natura sessuale e da altri contenuti inadeguati, che potrebbero nuocere al loro sviluppo fisico, mentale, psichico, morale o sociale. Tuttavia, il governo non vuole in alcun modo sostituirsi alla responsabilità dei genitori. Si tratta al contrario di offrire un sostegno fissando regole chiare e uniformi.

Obblighi per il settore

Una volta la nuova legge entrata in vigore, tutti i cinema, le videoteche, i venditori al dettaglio online, i punti di vendita e i portali video in Svizzera saranno tenuti a indicare l'età minima richiesta e a effettuare controlli d'età. L'obbligo varrà anche per i fornitori di servizi di piattaforma per video e videogiochi, come YouTube e Twich.

Spetterà agli operatori del settore, in associazione con le organizzazioni per la protezione dei minori, fissare le regole per l'indicazione dell'età minima e per il suo controllo. Al Consiglio federale toccherà poi dichiararle vincolanti per tutti. Tuttavia, se due anni dopo l'entrata in vigore della nuova legge non sarà ancora stata dichiarata vincolante alcuna regolamentazione in materia, il governo potrà emanare prescrizioni per il settore in questione (film o videogiochi).

La nuova legge prevede anche obblighi per i fornitori di media audiovisivi a richiesta ("video on demand") con sede in Svizzera (come Swisscom, Sunrise e Upc, ndr). Questi, in linea con la recente direttiva dell'Ue sui servizi di media audiovisivi, dovranno implementare un sistema di controllo dell'età.

I Cantoni saranno competenti per verificare, tramite test di acquisto, se le indicazioni dell'età minima sono rispettate. L'Ufficio federale delle assicurazioni sociali eserciterà la vigilanza per quel che concerne gli acquisti online. L'attuazione concreta della protezione della gioventù dai rischi dei media spetterà alle organizzazioni per la protezione dei minori. Per chi non dovesse applicare le nuove disposizioni sono previste multe fino a 40mila franchi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio nazionale età minima film giovani protezione videogiochi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved