ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni

Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
8 min

Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque

I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100 mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
15 min

Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia

L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
1 ora

Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna alcolici

La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani son diminuiti del 30%
Svizzera
3 ore

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
14 ore

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
19 ore

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
21 ore

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
21 ore

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
22 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
22 ore

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
23 ore

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
1 gior

Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche

La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
1 gior

La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico

Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
09.06.2021 - 10:27
Aggiornamento: 22:12

Videogiochi e film, ‘la protezione dei minori va migliorata’

È quanto sostiene il Consiglio nazionale, che ha approvato con 112 voti a 74 una nuova legge federale in materia

Ats, a cura de laRegione
videogiochi-e-film-la-protezione-dei-minori-va-migliorata
(Foto Ti-Press)

I minorenni vanno protetti dai contenuti mediali inadeguati, per esempio uniformando a livello nazionale l'età minima per guardare un film o acquistare un videogioco. Ne è convinto il Consiglio nazionale, che ha accolto per 112 voti a 74 una nuova legge federale in materia. Il dossier va agli Stati.

L'oggetto era già stato trattato dalla Camera del popolo nel corso della sessione primaverile, ma, per questioni di tempo, ci si era fermati alla discussione di entrata in materia. Il dibattito dettagliato era stato rinviato e si è dunque svolto durante la seduta odierna.

Tutelare dai contenuti sensibili

La nuova legge federale ha lo scopo di tutelare i più giovani dai contenuti di film e videogiochi che potrebbero nuocere al loro sviluppo fisico, mentale, psichico, morale o sociale. Il riferimento è a scene particolarmente sensibili, come quelle di natura violenta o sessuale.

Tutti i cinema, i venditori al dettaglio (anche online) e i servizi a richiesta ("on demand") in Svizzera saranno tenuti a indicare l'età minima necessaria e a svolgere controlli in merito. L'obbligo varrà pure piattaforme quali YouTube e Twitch.

L'obiettivo è anche di uniformare le norme a livello svizzero. Attualmente, in assenza di linee guida federali, la competenza di legiferare spetta infatti ai Cantoni, ma molto è lasciato all'autoregolamentazione del settore. Il panorama legale sul tema è quindi molto frammentario ed eterogeneo.

Udc scettica

A non essere convinta dal progetto era l'Udc, sostenuta da diversi Plr, che ha detto no alla legge. Per i democentristi, i quali avevano già proposto senza successo la non entrata nel merito a marzo, la protezione dei minori in tali settori è una questione privata, di competenza della famiglia.

"Il problema è serio, ma l'accento va messo sulla parola efficace. Non si può disciplinare tutto, va data fiducia ai giovani", ha detto Verena Herzog (Udc/Tg). "È strano che gli stessi partiti che invocano la responsabilità dei genitori poi si oppongano a misure sociali come la parità salariale. Li si vuole sia far lavorare oltre 50 ore a settimana, sia gestire da soli questi aspetti", le ha replicato Stefania Prezioso Batou (Verdi/Ge).

Disciplinamento delle microtransazioni 

I deputati hanno optato per inserire qualche aggiunta al disegno governativo. Per 98 voti a 67 hanno per esempio scelto di disciplinare gli acquisti addizionali opzionali, ovvero le cosiddette microtransazioni, prevedendo tra l'altro la possibilità di limitare quelle effettuate da minori.

"Si compra un gioco per uno o due franchi, poi vengono chiesti altri soldi per passare di livello o sbloccare dei vantaggi", ha dichiarato a nome della commissione preparatoria Matthias Aebischer (Ps/Be), spiegando il meccanismo.

Regolamentazione

Per quanto riguarda la regolamentazione, spetterà agli operatori del settore, in associazione con le organizzazioni per la protezione dei minori, fissare le norme per l'età minima e per il suo controllo. Al Consiglio federale toccherà poi dichiararle vincolanti per tutti.

I Cantoni saranno competenti per verificare se le indicazioni dell'età minima sono rispettate. L'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas) eserciterà la vigilanza per quel che concerne gli acquisti online. Chi non dovesse applicare le nuove disposizioni deve aspettarsi multe potenziali fino a 40mila franchi.

Destra: 'Rischio di un mostro burocratico'

La destra ha avanzato una serie di proposte di minoranza con l'idea di rendere meno stringente il disegno. Stando a Christian Wasserfallen (Plr/Be), "va evitata una densità di norme esagerate, privilegiando la flessibilità. La vigilanza deve essere snella e decidere se una regola ha senso o meno spetta a chi lavora nel campo".

"Un'autoregolamentazione simile significa introdurre un conflitto d'interesse", ha replicato Prezioso Batou, incassando il supporto del consigliere federale Alain Berset, preoccupato dal rischio di "indebolire e rimettere in questione il progetto".

Pure Mauro Tuena (Udc/Zh) ha insistito sulla necessità di scongiurare la creazione di uno strumento eccessivo. "Non si può dar vita a un mostro burocratico", ha affermato. "I parametri devono essere chiari", ha seccamente ribattuto a questi timori Simon Stadler (Centro/Ur).

Pacchetto contro cyber-dipendenze

I tentativi della destra sono tutti stati rispediti al mittente in sede di votazione. Il Nazionale ha infatti, tra le altre cose, seguito la maggioranza di commissione per adeguare i requisiti delle organizzazioni per la protezione dei minori affinché siano tenute a ricorrere a esperti quali membri permanenti e per obbligare l'ufficio federale competente ad adottare provvedimenti per la promozione delle competenze mediali e della prevenzione.

Infine, il plenum si è pronunciato su un postulato della sua Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura, approvandolo per 123 voti a 60, che chiede all'esecutivo di elaborare un pacchetto di misure per lottare contro le diverse forme di cyber-dipendenza.

Leggi anche:

Si isolano, sono ammalati di videogiochi, ‘Casi in crescita’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved