Empoli
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
maggioranza-degli-svizzeri-contro-riapertura-ristoranti
Un ristorante chiuso a Lucerna (Foto Keystone)
Svizzera
04.03.2021 - 07:570

Maggioranza degli svizzeri contro riapertura ristoranti

Lo sostiene il politologo Michael Hermann, sulla base di un monitoraggio svolto per Srf, che indica pure come la popolazione sostenga il Consiglio federale

La popolazione svizzera sostiene le misure contro il coronavirus adottate dal Consiglio federale, secondo il politologo Michael Hermann. La posizione del governo federale riflette bene quella della popolazione, ha detto ai giornali del gruppo Tamedia.

In alcuni casi, la popolazione avrebbe decretato misure ancora più severe del Consiglio federale, ha detto Hermann. Sulla base del monitoraggio che svolge per la radiotelevisione svizzerotedesca Srf, aggiunge che è sorprendente constatare quanto la popolazione sia ben informata sulle misure per contenere la pandemia.

Popolazione meno favorevole alla chiusura dei negozi

Conformemente alle circostanze i cittadini hanno una visione differenziata delle misure, ha precisato. In passato, per esempio, la maggioranza si era espressa contro la chiusura dei negozi. Allo stesso tempo, però, la popolazione ha votato a favore della chiusura dei ristoranti a causa del rischio di infezione. In autunno, gli svizzeri hanno potuto osservare cosa succede se le misure di protezione non sono sufficienti. Il virus continua a diffondersi e il numero di infezioni aumenta.

Mascherina promossa anche se i casi diminuiscono

Il direttore del centro di ricerca Sotomo aggiunge che il Consiglio Nazionale, che chiede la riapertura dei ristoranti e delle strutture ricreative tra poco meno di tre settimane, non ha l'appoggio della maggioranza della popolazione. Il monitoraggio "Covid Norms" dell'Università di Zurigo mostra anche che la linea del Consiglio federale ha il sostegno della popolazione. I sondaggi indicano che la popolazione è favorevole alle regole di distanziamento sociale e all'obbligo di indossare mascherine, anche se il numero di casi è in calo.

© Regiopress, All rights reserved