pacchetto-light-in-pole-position
Keystone
Attesa per la seduta del Consiglio federale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Contromano in autostrada: quattro feriti di cui due gravi

L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi di Delémont (JU). I contusi sono stati trasportati in elicottero agli ospedali di Basilea e Berna
Svizzera
12 ore

Intervengono gli artificieri, ma era un router abbandonato

È successo in un autosilo a Zurigo. L'allarme per l'oggetto sospetto è stato lanciato verso le 9.30 e la situazione è ritornata alla normalità dopo le 14
Svizzera
13 ore

Dalla Svizzera 600 respiratori all'Indonesia

Oltre ai concentratori di ossigeno sono state inviate anche tute protettive e mascherine
Svizzera
13 ore

Canton Berna, uomo investito da un treno in un tunnel

Il corpo è stato trovato ieri mattina. L'identità della vittima non è ancora stata chiarita
Svizzera
15 ore

Parmelin incontra il primo ministro giapponese Yoshihide Suga

Per il consigliere federale si tratta del primo incontro ufficiale del suo soggiorno
Svizzera
18 ore

Coda di 14 km al portale nord della galleria del San Gottardo

Lo ha comunicato il Tcs su Twitter. Il tempo di attesa è di circa due ore e venti minuti
Svizzera
1 gior

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
1 gior

Proiettile vecchio di cent'anni rimosso dalle rive del Sitter

Era una granata d'acciaio da 7,5 cm proveniente da un antico pezzo di artiglieria: oggi a mezzogiorno è stata portata via da un camion messo in sicurezza
Svizzera
1 gior

Panne all’aereo: Parmelin salta l’incontro con Naruhito

Problemi tecnici al jet del Consiglio federale in volo per Tokyo. Cancellati gli appuntamenti con l’imperatore e il ministro degli esteri giapponesi.
Svizzera
1 gior

Vaccini e effetti collaterali: non gravi quasi 2/3 dei casi

Delle 4'319 notifiche di effetti indesiderati, 2'782 (64,4%) sono classificate come 'non serie'. L'età media delle persone colpite è di 60,2 anni
Svizzera
1 gior

La grandine ha causato più danni delle inondazioni in Svizzera

Ammontano a centinaia di milioni di franchi i danni causati dalla grandine, secondo i dati delle assicurazioni
Svizzera
1 gior

Marijuana in coltura di canapa legale: mille piante sequestrate

In una serra di Rothenturm (Sz): il 60enne responsabile dell'impianto ha ammesso che quanto coltivato contiene stupefacente
Svizzera
1 gior

Vaccinato con due dosi il 46,1% della popolazione svizzera

La media delle vaccinazioni è di 45'536 al giorno. Il ritmo è diminuito del 17% rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
1 gior

Quest'anno le pere e le mele si faranno attendere

La fioritura in Svizzera è avvenuta 17 giorni dopo rispetto al 2020, i frutti potranno essere raccolti con tre settimane di ritardo rispetto all'anno scorso
Svizzera
1 gior

In Svizzera calano (di poco) i contagi, 2 decessi

Il tasso di positività scende di oltre un punto percentuale. La situazione ospedaliera resta stabile a livelli bassi circa i letti occupati da pazienti Covid
coronavirus
17.12.2020 - 22:400

Pacchetto ‘light’ in pole position

Berset per la chiusura di bar e ristoranti, scrivono ‘Blick’ e ‘Tagi’. Cosa farà il Governo?

Il Consiglio federale voleva comunicare soltanto il 28 nuove misure di lotta al coronavirus, dopo quelle decretate sette giorni fa (stop alle 19 per ristoranti e bar, negozi chiusi la domenica, ecc.). Poi però la situazione sul piano epidemiologico è peggiorata. E sono piovuti appelli ad agire subito, con misure incisive, uniformi a livello nazionale. Li hanno lanciati i direttori degli ospedali, parecchi governi cantonali, gli esperti della task force scientifica della Confederazione, noti economisti, il presidente dell’associazione dei medici cantonali, lo stesso Ufficio federale della sanità pubblica e persino un funzionario della Segreteria di Stato dell’economia (il che è tutto dire...). Dovrebbe bastare per indurre il Consiglio federale a non tergiversare oltre.

L’esecutivo potrebbe varare ulteriori restrizioni già domani, hanno scritto stasera ‘Tages-Anzeiger’ e ‘Blick’. In particolare: bar, ristoranti, strutture per il tempo libero e lo sport, musei e biblioteche verrebbero chiusi da martedì 22, per un mese, quantomeno nei cantoni dove la situazione epidemiologica appare compromessa. Eccezioni sarebbero previste per take-away, servizi di distribuzione pasti e ristoranti per gli ospiti degli alberghi. Secondo i quotidiani svizzero-tedeschi, il ‘piano’ del ministro della sanità Alain Berset non contemplerebbe per contro alcuna restrizione supplementare per i negozi. Conterrebbe invece una sorta di ‘lex Gipfel’, per consentire alle panetterie di vendere cornetti e brioches la domenica, in deroga all’obbligo di chiusura dei negozi nei giorni festivi.

A favore di un nuovo inasprimento adesso è anche Economiesuisse. “Per quanto deplorevole sia, siamo arrivati a un punto dove non possiamo più attendere oltre”, ha detto la direttrice Monika Rühl alla ‘Nzz’. A suo avviso, il Consiglio federale dovrebbe adottare già domani misure più energiche. Per evitare che gli ospedali vadano in tilt. Ma non solo. Anche l’economia avrebbe tutto da guadagnarci. “Se ora aspettiamo troppo a lungo, le misure dovranno essere più dure e durare più a lungo, se vogliamo evitare il collasso del sistema ospedaliero”. Sin qui Economiesuisse si era opposta a provvedimenti più incisivi. Adesso Rühl ritiene invece opportune misure come la chiusura di ristoranti e bar o la limitazione del numero dei clienti presenti nei negozi. Meno netta la posizione delle altre organizzazioni economiche. L’Unione svizzera arti e mestieri è disposta a discutere di puntuali rafforzamenti del dispositivo anti-coronavirus, ha affermato il suo presidente Fabio Regazzi alla Rsi. In una lettera sottoscritta da 52 parlamentari di Udc, Ppd e Plr, l’Usam chiede però al Consiglio federale di rinunciare a un nuovo lockdown. Contraria a qualsiasi nuova misura è invece l’Unione svizzera degli imprenditori.

Tre opzioni sul tavolo

Sono i cantoni svizzerotedeschi a invocare a gran voce un giro di vite sul piano nazionale. I più convinti sono proprio quelli (Zurigo, Argovia, San Gallo) che fino alla scorsa settimana se ne sono stati praticamente con le mani in mano. Nessuno (tranne Argovia, ha scritto il ‘Tages-Anzeiger’) si spinge a chiedere il ritorno a un confinamento come quello sperimentato la scorsa primavera, o come quello attuato da inizio novembre per cinque settimane nel canton Ginevra, dove sono rimasti aperti solo i negozi che vendono prodotti di uso quotidiano. Stando al ‘Tagi’ e alla Srf, alcuni cantoni (Zurigo, Berna, Turgovia, Soletta, San Gallo, Argovia) si dicono però più o meno esplicitamente favorevoli a una chiusura di ristoranti, bar e strutture per il tempo libero e lo sport. 

Il Consiglio federale ha sottoposto ai cantoni tre pacchetti di misure per frenare la crescita esponenziale dei contagi da Covid-19. Quale di questi verrà attuato, dipenderà da due fattori: il numero di riproduzione R (se è maggiore di 1 significa che, in media, ogni persona infettata ne contagia più di una, la malattia si diffonde e il numero di nuovi casi aumenta) e l’occupazione dei letti nei reparti di terapia intensiva. Il pacchetto ‘light’ (R>1; occupazione letti>80%) prevede la chiusura degli esercizi pubblici e delle strutture per il tempo libero e lo sport. Nel pacchetto ‘mild’ (R>1,1; occupazione letti>85%) rientrano anche la chiusura di negozi e mercati durante il fine settimana, una limitazione della capacità dei commerci, il diritto al telelavoro e una protezione rafforzata per i lavoratori a rischio. Nel pacchetto ‘strong’ (R>1,2; occupazione letti>90%), infine, viene ad aggiungersi la chiusura dei negozi che non vendono prodotti essenziali e dei mercati, così come una limitazione degli incontri privati a 10 persone di due economie domestiche.

Attualmente, solo cinque cantoni (Obvaldo, Ginevra, Giura, Vallese e Neuchâtel) sfuggirebbero alle nuove restrizioni. In tutti gli altri, il valore R è superiore a 1 e il tasso di occupazione dei letti di cure intense supera l’80%. Per loro, come detto, Berset prospetterebbe il pacchetto ‘light’. Ma non è detto che la sua linea passi in Consiglio federale. 

© Regiopress, All rights reserved