ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
9 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
11 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
12 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
12 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
13 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
17 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
20 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
1 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
2 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
2 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
2 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
2 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
2 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
Svizzera
2 gior

Alla sbarra per abuso della forza due agenti bernesi

La vicenda risale al giugno del 2021, quando alla stazione della capitale venne controllato, e poi fermato, un 28enne marocchino
Svizzera
2 gior

Caduta mortale per un ciclista 76enne a Dättlikon

L’incidente si è verificato ieri sera poco prima delle 19. A nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo
Svizzera
3 gior

Niente pista di ghiaccio nel centro di Coira

Una decisione sofferta (considerando il pienone dell’anno scorso), ma necessaria visto il rischio di penuria energetica
Svizzera
3 gior

Automobilista trovato esanime in mezzo alla strada

Forse un malore la causa del decesso dell’uomo, rinvenuto privo di vita nel pomeriggio sulla strada tra Ginevra e Vésenaz
Svizzera
3 gior

Lavrov: ‘La Svizzera torni a essere neutrale’

È la richiesta formulata dal ministro degli esteri russo in occasione dell’incontro con Ignazio Cassis ieri a New York
Svizzera
3 gior

Metà degli svizzeri pronta a consumare meno energia

Le più propense ad abbassare il riscaldamento o a spegnere le luci sono le donne. La doccia al posto del bagno misura di risparmio più gettonata
Svizzera
3 gior

La Protezione civile ‘corteggia’ le donne

Dopo l’esercito, anche la Pc punta ad allargare i suoi ranghi: presentata una campagna informativa per servizio volontario femminile
Svizzera
3 gior

Tribunale penale federale di Bellinzona, risorse insufficienti

Il fabbisogno in seno alla Corte d’appello è stato sottostimato. È quanto emerge dall’indagine delle Commissioni della gestione del Parlamento
18.12.2020 - 15:17
Aggiornamento: 19:04

Chiusura di un mese per ristorazione, tempo libero e cultura

Le misure scatteranno dal 22 dicembre e saranno valide fino al 22 gennaio. Esteso anche l'uso dei test rapidi. Deroghe con i cantoni con tasso Rt sotto 1

chiusura-di-un-mese-per-ristorazione-tempo-libero-e-cultura
(Keystone)

E alla fine si chiude, almeno per quanto riguarda  i bar e ristoranti e le strutture  per la cultura, il tempo libero e lo sport. Dal 22 Dicembre al 22 gennaio serrande abbassate dunque per bar, club, discoteche e sale da ballo per quanto riguarda la ristorazione e i locali pubblici. Chiude anche la cultura: stop ai musei, i cinema, le biblioteche, le case da gioco, i giardini botanici e gli zoo e altre strutture culturali e per il tempo libero. Restano inoltre le restrizioni agli orari di apertura, con i negozi che dovranno chiudere alle 19, la domenica, nonchè il 25 e 26 dicembre e l'1 gennaio.  Possibili deroghe per i cantoni in cui l'indice di riproduzione del virus si mantiene sotto l'1,00 per una settimana, così come l'incidenza. Il Consiglio federale ha inoltre esteso  l’impiego dei test rapidi per riuscire a testare un numero ancora maggiore di persone consentendoli anche alle persone asintomatiche.

'Prendiamoci cura gli uni degli altri'

La consigliera federale Simonetta Sommaruga ha lanciato un appello alla solidarietà reciproca, in vista delle feste che a causa delle misure porteranno molte persone a restare da sole. «Vorrei che ci guardassimo l'un l'altro, che fossimo lì l'uno per l'altro, che ci prendessimo cura l'uno dell'altro» ha dichiarato, aggiungendo che la Svizzera è forte «quando siamo solidali, quando tutti si impegnano e agiscono insieme»

'Aumento esponenziale dei casi'

Alain Berset ha ricordato che l'aumento dei casi in modo esponenziale, considerato il livello di contagi alto, è molto preoccupante, per cui l'obiettivo è di ridurre l'indice di riproduzione sotto l'1. «Non siamo al punto dove avremmo auspicato di essere» ha ripetuto Berset. «Gli ospedali da settimane sono al limite delle capacità e il personale è sotto pressione da mesi»

'Comprensori sciistici grossa responsabilità per i cantoni'

Nonostante la competenza per l'apertura delle stazioni sciistiche sia dei cantoni, Berset ha ricordato il rischio di dover far fronte a livello ospedaliero agli infortuni sugli scii, esortando dunque i cantoni ad attuare un comportamento responsabile. Berset ha inoltre precisato che anche i ristoranti nei comprensori sciistici saranno chiusi, così come i negozi.

'Le misure decise vanno molto in là'

Rispetto all'osservazione che da più parti, soprattutto dal mondo sanitario, è giunto l'appello a mettere in atto misure drastiche, Simonetta Sommaruga ha rivendicato il fatto che queste misure siano già molto incisive, ribadendo anche il fatto che è comunque il Consiglio Federale come organo politico a prendere le decisioni. Concetto ribadito anche da Alain Berset, che ha sottolineato come il sistema "a semaforo" con i tre livelli di rischio è di difficile applicazione in quanto prevede degli automatismi non sempre attuabili. Il Consiglio Federale ha comunque dei criteri per prendere delle decisioni politiche di cui si assume la responsabilità. 

Le misure in dettaglio

Chiusura dei ristoranti 

Le strutture della ristorazione devono chiudere. Non sono previste deroghe durante le  festività. Possono rimanere aperte soltanto le mense aziendali, le mense scolastiche della  scuola dell’obbligo e le strutture della ristorazione degli alberghi riservate ai propri ospiti.  Restano inoltre consentite la vendita di cibi e bevande da asporto e i servizi di consegna. 

Chiusura degli impianti sportivi 

Vengono chiuse le strutture sportive, segnatamente centri sportivi e palestre, piste di pattinaggio e piscine. La pratica dello sport all’aperto è consentita in gruppi di  non più di cinque persone. Le squadre delle leghe professionistiche possono disputare  partite, ma senza spettatori. Sono ammesse le attività sportive, ad eccezione delle competizioni, e culturali di bambini e ragazzi che non hanno ancora compiuti i 16 anni. 

Chiusura delle strutture per la cultura e il tempo libero 

I musei, i cinema, le biblioteche, le case da gioco, i giardini botanici e gli zoo e altre strutture  culturali e per il tempo libero devono chiudere. È possibile svolgere attività culturali in piccoli  gruppi. Restano per contro vietate le manifestazioni con pubblico. Sono però ammesse  forme di manifestazioni alternative, per esempio quelle trasmesse on-line.

Ulteriore riduzione della capienza nei negozi 

L’afflusso di clienti nei negozi viene ulteriormente limitato. Il numero massimo di persone  consentito dipende dalla superficie di vendita liberamente accessibile. I negozi devono  applicare severi piani di protezione. Sono mantenute le restrizioni degli orari di apertura: i  negozi devono rimanere chiusi tra le 19 e le 6, così come la domenica e nei giorni festivi.  

Allentamenti possibili in singoli Cantoni 

I Cantoni che presentano un’evoluzione epidemiologica favorevole possono prevedere  allentamenti e decidere, per esempio, di aprire i ristoranti e gli impianti sportivi. I criteri per  poterlo fare sono, in particolare, il numero di riproduzione, che deve essere inferiore a 1, e  l’incidenza su sette giorni, che deve situarsi sotto la media svizzera.  

Raccomandazione: restare a casa 

La popolazione è invitata a restare a casa, a ridurre il più possibile i contatti sociali e a  rinunciare a viaggi e spostamenti non strettamente necessari.  

Il Consiglio federale vuole poter reagire rapidamente se nelle prossime settimane la  situazione dovesse continuare a peggiorare. Per questo motivo segue da vicino l’evoluzione.  Il 30 dicembre procederà a una valutazione intermedia e all’inizio di gennaio traccerà un  bilancio. 

La responsabilità delle stazioni sciistiche resta dei Cantoni 

I comprensori sciistici restano di competenza dei Cantoni. Il loro esercizio è però soggetto a  condizioni severe: la situazione epidemiologica deve permetterlo e devono essere garantite  sufficienti capacità negli ospedali, per il tracciamento dei contatti e per i test. Devono inoltre  essere elaborati severi piani di protezione la cui attuazione deve essere garantita. Se queste condizioni non sono adempiute non può essere rilasciata un’autorizzazione all’esercizio.  

I provvedimenti in sintesi:

Il Consiglio federale estende l’impiego dei test rapidi 

Per permettere alla popolazione di farsi testare ancora più facilmente, il Consiglio federale  estende l’impiego dei test rapidi. Allo scopo ha deciso una modifica dell’ordinanza 3 COVID 19 che entra in vigore il 21 dicembre.  

Attualmente sono riconosciuti soltanto i test antigenici rapidi eseguiti a partire da un tampone  nasofaringeo. In futuro nelle farmacie, negli ospedali, negli studi medici e nei centri di test  potranno essere eseguiti tutti i tipi di test rapido che soddisfano i criteri dell’Ufficio federale  della sanità pubblica (UFSP). 

Test rapidi anche in assenza di sintomi 

I test rapidi potranno inoltre essere eseguiti anche su persone senza sintomi riconoscibili che  non soddisfano i vigenti criteri di test dell’UFSP. Potranno essere per esempio integrati quale  protezione supplementare nei piani di protezione delle case per anziani, degli alberghi o sul  posto di lavoro. Un risultato negativo è riferibile soltanto al giorno del test. Finora i test rapidi  erano consentiti soltanto a persone con sintomi, a persone che avevano ricevuto una  segnalazione dall’app SwissCovid o nel quadro di indagini sui focolai disposte dalle autorità  competenti. 

Persone o istituzioni che svolgono test rapidi al di fuori dei criteri di test devono sostenerne i  costi. Chi risulta positivo, dovrebbe sottoporsi immediatamente a un test PCR di conferma. Il  motivo risiede nella maggior probabilità dei test rapidi di produrre risultati falsi positivi. I costi  del test PCR di conferma sono assunti dalla Confederazione. 

I test rapidi non sono un’alternativa alle regole d’igiene e di comportamento I test rapidi non sostituiscono le regole d’igiene e di comportamento dell’UFSP. Lavarsi le  mani, tenersi a distanza, portare la mascherina e ridurre i contatti sociali restano misure  fondamentali per proteggersi dal contagio e combattere l’epidemia.

Prorogato il lavoro ridotto

A causa della situazione epidemiologica tesa e delle ulteriori restrizioni imposte alle attività economiche, il Consiglio federale ha deciso oggi di prorogare nuovamente, fino al 31 marzo 2021, le misure in materia di indennità per lavoro ridotto (ILR). Le relative modifiche dell'ordinanza COVID-19 entreranno in vigore il 1° gennaio 2021.

 

 

Leggi anche:

Coronavirus, prorogate le misure per il lavoro ridotto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved