WAS Capitals
2
COL Avalanche
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
PIT Penguins
1
DAL Stars
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
NJ Devils
2
SEATTLE KRAKEN
0
1. tempo
(2-0)
TB Lightning
0
FLO Panthers
0
1. tempo
(0-0)
MON Canadiens
0
SJ Sharks
4
2. tempo
(0-3 : 0-1)
BUF Sabres
1
VAN Canucks
2
1. tempo
(1-2)
DETROIT RED WINGS
0
COB Jackets
0
1. tempo
(0-0)
CHI Blackhawks
NY Islanders
02:00
 
NAS Predators
LA Kings
02:00
 
MIN Wild
WIN Jets
02:00
 
EDM Oilers
ANA Ducks
03:00
 
grandi-eventi-i-cantoni-per-noi-un-enorme-sfida
Svizzera
02.09.2020 - 16:560

Grandi eventi, i Cantoni: 'Per noi un'enorme sfida'

Per i direttori cantonali della sanità dovrebbe essere Berna a valutare i piani di protezione. Oltre 1000 persone? 'Difficile comunque il tracciamento'

Per la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della sanità (Cds) rispettare i criteri imposti dal Consiglio federale per le grandi manifestazioni rappresenta una grande sfida.

Oggi il governo federale ha deciso che dal primo ottobre, a precise condizioni, si potranno tenere manifestazioni con oltre mille persone in Svizzera; la competenza per autorizzare gli eventi sportivi, culturali o di altra natura spetterà ai Cantoni.

Richieste dei cantoni in larga parte accettate

La modifica dell'ordinanza adottata oggi dal Consiglio federale dopo aver consultato i Cantoni, scrive la Cds in un comunicato, corrisponde in larga misura alle richieste di questi ultimi, ma non completamente.

La Conferenza auspica che i piani di protezione allestiti dalle grandi federazioni delle associazioni sportive e culturali vengano esaminati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), in quanto permetterebbe un'attuazione unitaria da parte degli organizzatori e un miglior controllo da parte delle autorità cantonali.

Le capacità nel tracciamento dei contatti non possono essere aumentate all'infinito e l'attuazione sarà in ogni caso difficile per le manifestazioni con oltre mille partecipanti, sottolinea la Cds. In questo contesto l'ordinanza prevede che in determinate circostanze i Cantoni potranno limitare o revocare le autorizzazioni, ad esempio se nel frattempo la situazione epidemiologica dovesse sensibilmente peggiorare. In tal caso l'organizzatore non avrà diritto a un indennizzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved