coronavirus-solo-due-terzi-degli-stati-pieni
Alain Berset
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
10 ore

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
1 gior

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
1 gior

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
1 gior

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
2 gior

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
2 gior

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
2 gior

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
2 gior

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
2 gior

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
02.09.2020 - 15:01
Aggiornamento: 19:22
Ats, a cura de laRegione - laRegione

Coronavirus, solo due terzi degli stati pieni

Solo posti a sedere (tranne eccezioni), tracciamento garantito e, per calcio e hockey, massimo 2/3 dei posti occupati. Cade il divieto dell'alcol

Solo posti a sedere, obbligo di rimanere seduti, tracciamento dei contatti garantito da parte del cantone, e - per calcio e hockey - niente tifosi ospiti, obbligo della mascherina e occupazione del massimo di 2/3 dei posti disponibili per facilitare la gestione dei flussi di gente. Cade invece l'ipotesi di proibire l'alcol all'interno degli stadi. Sono queste in grandi linee le rigorose regole stabilite dal Consiglio federale, d'intesa con i Cantoni, per le grandi manifestazioni con più di mille partecipanti che saranno possibili di nuovo dal 1° ottobre 2020. 

Le regole si applicano su tutto il territorio svizzero, ma tengono conto della situazione locale: eventi sportivi, manifestazioni culturali, congressi e altri eventi possono essere approvati (la competenza per farlo è dei singoli cantoni) se la situazione epidemiologica nel cantone o nella regione lo consente. Inoltre, il Cantone interessato potrà dare luce verde alle manifestazioni con più di mille persone solo se dispone delle capacità necessarie per la ricerca dei contatti. Gli organizzatori inoltre devono avere un concetto di protezione che deve essere approvato dai cantoni e in cui si specifica, tra le altre cose, come vengono gestiti i flussi degli spettatori e come ci si assicura di sapere chi si trovava dove durante l'evento in modo da essere rintracciabili in caso della presenza di persone che risultano poi positive al virus. Con una regola che vale sopra tutte: «Chi è malato sta a casa», ha precisato il consigliere federale Alain Berset durante l'incontro con la stampa.

«Siamo il primo paese ad aprire le grandi manifestazioni, e in particolare quelle sportive, in modo così permissivo», ha fatto notare Berset. «Altri paesi, come la Francia, parlano di inizio novembre» per riaprire gli stadi. La regola dei 2/3 di posti seduti occupabili, che preoccupa in particolare i club di hockey, si applica anche agli stadi dove gli spalti sono stati trasformati eccezionalmente in tribune. È stata voluta «sia per mantenere le distanze sia per poter gestire meglio i flussi delle persone», ha aggiunto Berset, cosciente che ciò si applica a stadi dove l'abolizione dei posti in piedi ha già ridotto in maniera importante la capacità e dove i singoli cantoni possono ridurre ulteriormente la capacità a seguito di situazioni particolari dettate dalla pandemia. 

«Siamo coscienti che gli organizzatori di alcuni tipi di manifestazioni, soprattutto le grandi manifestazioni culturali, sono in difficoltà. Fa male, certo. Ma abbiamo già vissuto una realtà dove la pandemia era fuori controllo. Era metà marzo e non vogliamo rivivere quell'esperienza», ha aggiunto il consigliere federale, convinto che la riapertura «vale comunque la pena».

'Situazione epidemiologica fragile'

La ripresa delle manifestazioni con più di mille persone «è una buona notizia per il pubblico, ma è pure una grande responsabilità per gli organizzatori. Per loro non sarà sempre facile rispondere a tutti i criteri», ha fatto Berset. «La situazione epidemiologica in Svizzera resta delicata: dal mese di giugno si hanno cifre che continuano ad aumentare. Non si può parlare di seconda ondata, ma i numeri sono più alti di quanto pensavamo prima dell'inizio dell'estate. Ora bisogna mantenere il controllo della situazione fragile, il che richiede anche uno sforzo civico da parte di tutti». Berset ha poi aggiunto che, «per ora il virus c'è ancora, non è meno aggressivo, ma la situazione è comunque sotto controllo. Gli ospedali per ora non sono pieni e le ospedalizzazioni sono poche. Per ora sono i giovani ad essere i più toccati e loro hanno in genere decorsi meno gravi. Tuttavia non bisogna abbassare la guardia, per evitare che l'infezione torni ad essere trasmessa agli anziani».

Solo seduti, tranne casi eccezionali

In linea di principio, il posto a sedere è obbligatorio nei grandi eventi. I posti in piedi possono essere autorizzati solo in casi eccezionali, ad esempio in occasione di gare di sci o bici all'aperto o di feste paesane all'aperto.

Gli organizzatori devono sottoporre al Cantone un'analisi dei rischi e un concetto di protezione che deve specificare, tra le altre cose, come viene regolato il flusso di persone, come i dati dei partecipanti saranno raccolti correttamente o se è necessaria una maschera.

Hockey e calcio (Nessun divieto di alcol)

Il Consiglio federale ha stabilito regole speciali per le partite delle leghe nazionali di hockey su ghiaccio e di calcio professionistico. Questi sono valutati e approvati in modo uniforme in tutta la Svizzera. Pertanto, si applicano concetti di protezione più dettagliati rispetto ad altri eventi importanti.

Negli stadi sono ammessi solo posti a sedere ed è richiesta una maschera. Sia negli stadi chiusi che all'aperto possono essere occupati un massimo di due terzi degli spazi. Il Consiglio federale lascia alle autorità preposte al rilascio delle licenze il compito di determinare l'entità dell'occupazione di uno stadio caso per caso. Non sono ammessi contingenti di spazio per i fan ospiti.

Cibo e bevande possono essere consumati solo seduti. Il Consiglio federale ha revocato il divieto assoluto di alcol negli stadi. Tuttavia, le vendite e il consumo devono essere limitati in misura tale da non compromettere il rispetto del concetto di protezione da parte degli osservatori. Gli organizzatori devono garantire che i tifosi si attengano alle regole e che eventuali violazioni siano punite.

Autorizzazioni senza garanza

Una volta ottenute, le autorizzazioni potranno comunque essere annullate se la situazione epidemiologica futura cambierà. Allo stesso modo potranno essere ridotti il numero di partecipanti. «Siamo coscienti che questo può essere un problema per grandi manifestazioni che hanno bisogno di essere autorizzate con mesi di anticipo», ha commentato Berset. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved