laRegione
coronavirus-giro-di-vite-su-mascherine-ed-eventi-privati
Foto Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 gior

Coronavirus e sport, incontro mercoledì a Berna

La tavola rotonda è stata convocata dalla consigliera federale Viola Amherd a seguito della nuova situazione sanitaria
Svizzera
1 gior

Covid, fioccano le misure cantonali per contenere i contagi

Cantone per Cantone ecco i giri di vite decisi oggi da diversi Esecutivi cantonali. I Grigioni riattivano lo Stato maggiore di condotta
Svizzera
1 gior

'Serve una norma per regolare l'home office'

Lo sostiene l'Unione sindacale svizzera, secondo cui nel nostro paese esistono lacune su protezione della salute e materiale d'ufficio
Svizzera
1 gior

Coronavirus, 'Se non si agisce subito, sarà il collasso'

Secondo il capo della task force federale, a questo ritmo gli ospedali saranno pieni entro inizio novembre. Kuster: 'Messi peggio di tutti i paesi vicini'
Grafici
Svizzera
1 gior

Covid, superata soglia 6'500 casi. Un tampone su 4 positivo

In Svizzera nelle ultime 24 ore si sono registrati 6'634 nuovi contagi (tasso di positività al 26,5%), 117 nuovi ricoveri e 10 decessi
Svizzera
2 gior

Escursionista muore sul Grosser Mythen

Incidente in montagna nel Canton Svitto. A perdere la vita un 69enne recuperato dalla Rega
Svizzera
2 gior

La giornata della solidarietà permette di raccogliere 4 milioni

'La popolazione ha dato prova di grande generosità' per aiutare le persone colpite dalla pandemia nei paesi più poveri
Svizzera
2 gior

Sondaggio Ssr: prossime votazioni verso un doppio sì

Al voto ci sono due iniziative popolari: per vietare il finanziamento di materiale bellico e per imprese a tutela di persone e ambiente
Svizzera
2 gior

Ramadan indagato per stupro su una quinta donna

I fatti che coinvolgono l'islamologo svizzero risalirebbero al biennio 2013-2014
Svizzera
2 gior

‘Coronavirus internazionale’, raccolti 4 milioni

L'azione della Catena della solidarietà vuole aiutare le persone colpite da Covid-19 in tutto il mondo
Svizzera
2 gior

‘No’ a un tetto fisso per i salari dei manager delle ex regie

Il Consiglio federale è contrario al progetto elaborato da una commissione del Parlamento, giudicato ‘troppo rigido’.
Svizzera
2 gior

'Nuovo lockdown in Svizzera sempre più probabile'

Secondo il direttore del Centro di ricerca congiunturale del Eth, Jan-Egbert Sturm, un mini-confinamento sarebbe un'utopia
Svizzera
2 gior

A 128 km/h su 60: pirata della strada, e pure senza patente

Un 34enne a velocità folle pizzicato da un radar fisso nella notte tra giovedì e venerdì scorsi in riva al lago di Bienne
Svizzera
2 gior

Accordo quadro, Calmy-Rey: 'Non firmate, prendiamoci del tempo'

Secondo l'ex direttrice del dipartimento affari esteri l'accordo naufragherebbe di fronte al popolo. Prima bisogna quindi costruire un consenso interno
Svizzera
2 gior

Svizzera nella lista rossa della Germania: 'Schiaffo al turismo'

Lo sostiene Svizzera Turismo: 'Decisione estremamente spiacevole e deplorevole'. Si spera che la situazione si normalizzi per Natale
Svizzera
2 gior

Coronavirus, ‘altre misure possono e devono essere prese’

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità preme sull’acceleratore. Il presidente Lukas Engelberger: non un nuovo lockdown, bensì uno slowdown.
Svizzera
2 gior

Coronavirus, i Cantoni vogliono misure ancora più incisive

La richiesta è giunta oggi dalla Conferenza dei direttori cantonali della sanità pubblica durante un incontro con Alain Berset
Svizzera
2 gior

Coronavirus, in Svizzera secondo giorno sopra i 5'000 casi

Il tasso di positività è analogo a quello di ieri: 19,8%. Nelle ultime 24 ore sono morte di Covid-19 altre 11 persone; 106 sono i nuovi ospedalizzati
Svizzera
2 gior

Fuggire da un incidente è punibile anche se non ci si accorge

Lo stabilisce in una sentenza il Tribunale federale, confermando così la giurisprudenza in vigore dal 1967
Svizzera
2 gior

Coronavirus, per la Germania la Svizzera è paese a rischio

La disposizione entra in vigore da sabato e coinvolge anche Polonia, buona parte di Austria e gran parte dell'Italia
Svizzera
2 gior

Gamberi e pesci a rischio: estesa la lista

Con l'approvazione della modifica dell'ordinanza concernente la legge federale sulla pesca, in vigore dal prossimo primo gennaio, altre 25 specie da proteggere.
Svizzera
2 gior

Sul Passo del Bernina una nuova webcam filma anche di notte

L'operazione ha una valenza di carattere turistico, ma nel contempo offre un contributo prezioso anche a chi utilizza queste strade a scopo professionale.
Svizzera
2 gior

Quasi il 20% dei lavoratori ha lasciato il proprio impiego

Negli ultimi due anni: lo rende noto l'Ufficio federale di statistica. Mobilità molto forte tra i giovani
Svizzera
3 gior

I 'rutti al metano' delle mucche nemici dell'ambiente

Uno studio commissionato da Wwf punta l'indice contro le bevande a base di latte, consigliando quelle di origine vegetale
Grigioni
3 gior

Scambio di strade fra Cantone e Comune di Bregaglia

Interessati sono i collegamenti per le località Montaccio e Coltura
Svizzera
18.10.2020 - 14:150
Aggiornamento : 19.10.2020 - 01:00

Coronavirus, giro di vite su mascherine ed eventi privati

In Svizzera da domani la protezione sarà obbligatoria in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico, nonché alle fermate. Stretta sugli eventi privati

Di fronte al rapido incremento di casi di Covid-19, la Confederazione rafforza le misure di contenimento. Da domani, lunedì 19 ottobre 2020, sarà obbligatorio indossare la mascherina dai 12 anni in tutti luoghi chiusi accessibili al pubblico. Saranno inoltre vietati gli assembramenti di più di 15 persone nello spazio pubblico e in bar e ristoranti si potrà consumare solo stando seduti. Le disposizioni sono state comunicate oggi dal Consiglio federale al termine di una riunione urgente e previa consultazione con i Cantoni.

Le misure in breve

Da domani:

  • Mascherina obbligatoria in tutti i luoghi chiusi accessibile al pubblico (ad esempio negozi, centri commerciali, banche, uffici postali, biblioteche, cinema, teatri, sale da concerto, hotel (ad eccezione delle stanze), ristoranti, bar, discoteche, studi medici, ospedali, chiese e istituzioni religiose).
  • Mascherina obbligatoria sui trasporti pubblici e in tutti i luoghi in cui li si attendono.
  • Vietati gli assembramenti con più di 15 persone nei luoghi pubblici.
  • Eventi privati saranno concessi, ma sconsigliati, senza limitazini fino a 15 perosne.
  • Eventi privati cui partecipano tra 16 e 100 partecipanti potranno svolgersi solo a patto che tutti portino la mascherina. La si potrà togliere solo per mangiare o bere, quando si è seduti al proprio posto. Le consumazioni dovranno avvenire solo da seduti. Vi è l'obbligo della registrazione dei contatti.
  • Eventi privati con più di 100 persone necessitano di un piano di protezione.
  • Negli esercizi pubblici vige l'obbligo della mascherina, che potrà essere rimossa solo quando seduti al proprio posto e mentre si sta mangiando o bevendo.

'È il momento di riprendere il controllo della situaizone'

«In una settimana i malati sono raddoppiati e l'andamento è esponenziale. È importante poter fermare la diffusione del virus adesso. È nell'interesse della salute, ma anche dell'economia: ogni giorno conta», ha sottolineato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga durante la conferenza stampa di questo pomeriggio, aggiungendo che le misure prese vanno nella direzione di quanto chiesto dai cantoni e sono state adottate con il loro accordo. «Sono interventi preventivi e mercoledì prossimo incontreremo la task force scientifica», ha rilevato Sommaruga, rispondendo a chi chiedeva se non si sia andati con la mano troppo leggera. «In ogni caso, se lo ritengono, i cantoni possono prendere misure più stringenti». Cantoni che continueranno a essere responsabili per il contact tracing – a disposizione vi sono militi della protezione civile – e per le autorizzazioni per le grandi manifestazioni.

«Da una decina di giorni la situazione è cambiata: gli esperti ci dicono che potremmo attenderci un raddoppio dei casi ogni settimana se non facciamo nulla, dal momento che il tasso di replicazione del virus è a 1,6 – ha commentato Berset –. Le ospedalizzazioni stanno aumentando, ma l'effetto dell'incremento dei contagi odierni lo vedremo sui ricoveri solo tra 2 o 4 settimane. Quanto accade oggi è il riflesso di quanto accaduto un mese fa, quando pensavamo che tutto fosse tranquillo. Non dobbiamo avere paura di questa evoluzione, ma dobbiamo averne rispetto. Sappiamo cosa dobbiamo fare per reagire. Ci vuole però la collaborazione di tutti, compreso della popolazione».

Berset ha tenuto a precisare che quanto deciso oggi non è paragonabile «alle misure che abbiamo preso in marzo. Oggi, tuttavia, bisogna reagire presto e in maniera decisa» per evitare provvedimenti più dolorosi. «Il momento di riprendere il controllo della situazione è adesso», anche «scaricando l'applicazione Swiss-Covid».

Le proteste? 'Quando si parla con parenti di malati o dottori, si capisce che non è una situazione da prendere alla leggera'

Di fronte alla domanda sulle proteste di chi si oppone al porto della mascherina e che ritiene ogni misura eccessiva, Sommaruga ha chiarito: «In Svizzera vige la libertà d'espressione. Tuttavia quando si parla con il personale sanitario o con chi i parenti di chi è gravemente malato di coronavirus, si capisce che è necessario fare molto attenzione non prendere questa situazione sotto gamba. Noi vogliamo preservare la salute della popolazione ed evitare problemi all'economia»

Le misure

Da domani, lunedì 19 ottobre, sarà obbligatorio indossare la mascherina non solo su trasporti pubblici, ma anche quando si attende treno o bus. In particolare sui marciapiedi delle stazioni, in tutte le stazioni ferroviarie, presso tutti gli aeroporti e, in generali, in punti di accesso ai trasporti pubblici.

Oltre al trasporto pubblico, sarà ora obbligatorio indossare una maschera in tutti gli edifici accessibili al pubblico in tutta la Svizzera. Questi includono, ad esempio, negozi, centri commerciali, banche, uffici postali, biblioteche, cinema, teatri, sale da concerto, hotel (ad eccezione delle stanze), ristoranti, bar, discoteche, studi medici, ospedali, chiese e istituzioni religiose. La protezione per bocca e naso deve essere indossata inoltre in tutti gli edifici delle amministrazioni accessibili al pubblico.

Niente mascherine nelle scuole

Il governo ha tuttavia rinunciato all'obbligo generale di indossare la mascherina nelle scuole dell'obbligo, nelle scuole secondarie superiori e terziarie, nonché negli asili nido. In questi contesti la protezione è obbligatoria solo se fa parte del concetto di protezione. Da questo punto di vista, il Ticino ha adottato misure più stringenti per il post-obbligo.

Eventi privati da evitare

Poiché molte persone sono state contagiate durante gli incontri con familiari e amici, Berna consiglia di evitare il più possibile i raduni privati. Il Consiglio federale ha deciso di imporre la mascherina per tutti gli eventi con più di 15 persone, tranne quando si è seduti. Le consumazioni dovranno avvenire obbligatoriamente al proprio posto assegnato mentre gli organizzatori dovranno assicurare che i contatti dei presenti siano registrati e disponibili. Gli eventi privati con più di 100 persone devono avere un concetto di protezione e possono essere svolti solo in strutture accessibili al pubblico. 

Vista l'evoluzione, ha aggiunto Berset, «bisogna chiedersi se non sia il caso di rimandare gli incontri privati a tempi migliori».

Spazi pubblici

Gli assembramenti di più di 15 persone sono ora vietati nei luoghi pubblici, nei percorsi pedonali e nei parchi. Secondo il Consiglio federale, ciò dovrebbe impedire che eventi privati ​​vengano ricollocati nella sfera pubblica. Eventi organizzati come raduni e manifestazioni della società civile e politica sono ancora consentiti con un concetto di protezione. 

Regole per ristoranti, bar e club

Giro di vite anche per ristoranti e bar: la maschera può essere rimossa solo quando un ospite è seduto. E solo coloro che siedono possono mangiare e bere. Questa regola si applica indipendentemente dal fatto che l a consumazione all'interno o all'esterno.

Il Consiglio federale ha inoltre integrato la "situazione speciale del regolamento Covid-19" con un paragrafo sul ministero degli interni. I datori di lavoro sono quindi tenuti a osservare le raccomandazioni del Ministero degli interni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Bag).

Le aziende sono infine invitate a preferire il telelavoro in modo da evitare di dover mandare in quarantena intere squadre qualora vi fosse un caso positivo all'interno dell'azienda. Lavorare da casa, precisa il Consiglio federale, evita grandi raduni di persone, soprattutto nelle ore di punta, e impedisce contatti stretti sul luogo d'impiego.  

Evitare di sovraccaricare gli ospedali

Le misure sono ora necessarie perché "preoccupante" è il forte aumento del numero di casi negli ultimi giorni. Ci sono più infezioni in tutte le fasce d'età e in tutti i cantoni.

Lo scopo delle misure è prevenire un sovraccarico del sistema sanitario nelle prossime settimane e mesi, scrive il Consiglio federale. Inoltre, l'aumento del numero di casi dovrebbe essere rallentato in modo tale che i Cantoni possano garantire in modo coerente e completo la ricerca dei contatti.

La Conferenza dei direttori sanitari e diversi epidemiologi avevano chiesto (e chiedono) misure più severe a livello federale negli ultimi giorni. 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved