ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
2 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
3 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
3 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
4 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
5 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
6 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett

L’isola delle rose

Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
laR
 
10.06.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:59

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo

la-legge-sul-terrorismo-minaccia-un-po-tutti
(Ti-Press)

A tagliarla con l’accetta, la polemica sulla nuova legge contro il terrorismo si riduce all’apparente contrasto tra sicurezza e Stato di diritto. Da una parte c’è chi sostiene la norma perché crede che coi presunti terroristi non si possa andare troppo per il sottile, e quindi va bene conferire alla polizia e ai servizi segreti la facoltà di limitarne autonomamente la libertà, sottoporli a restrizioni e interrogatori preventivi. Anche per salvarli da se stessi, come ci ha detto la consigliera nazionale Plr Jacqueline de Quattro riferendosi ai casi di ragazzini che si radicalizzano su internet (la legge si applicherebbe in molti casi a partire dai 12 anni). Dalla parte del no sta chi crede che non si possano svincolare questi interventi dal parere di un giudice, come vuole la separazione dei poteri alla base della democrazia, tanto più che la definizione di atti terroristici inclusa nella legge comprende tutto e niente: “Azioni tendenti a influenzare o a modificare l’ordinamento dello Stato, che si intendono attuare o favorire commettendo o minacciando di commettere gravi reati o propagandando paura e timore”.

Molto probabilmente domenica vincerà il sì: mentre tutti hanno un’idea concreta di cosa sia la sicurezza – non saltare in aria mentre vai a un concerto o a fare la spesa –, è molto più difficile apprezzare lo Stato di diritto, quell’impalpabile insieme di protezioni e libertà che ci permette di non subire abusi di potere. Ma poi, anche a capirne bene il valore, molti di noi potranno rispondere che questa legge si applica solo a chi quello Stato e quel diritto li vuole distruggere, “male non fare paura non avere”.

Quel contrasto tra sicurezza e diritto, però, è appunto apparente. Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi vuole “influenzare l’ordinamento dello Stato” – tema spinoso anche per il più scafato dei giuristi – si fa più concreto il rischio di ritrovarci in una rete che credevamo destinata a ben altri pesci. Viene da chiedersi ad esempio quanti ragazzi, infatuati magari per un secondo e mezzo da una pagina Facebook o da un raduno di fanatici, possano infilarsi in rogne legali immani e tirarsene dietro le conseguenze per una vita.

Poi ci sono i terroristi seri, quelli che non sono passati per sbaglio dalla Playstation ai meme dell’Isis, quelli che davvero vogliono rovesciare un sistema. Gente che difficilmente si farà incastrare per un post su Facebook o si lascerà intimidire da un colloquio in polizia. Per loro le leggi e gli strumenti d’inchiesta esistono già: il Codice penale non sanziona solo il fatto compiuto, ma anche la sua preparazione; i terroristi che per questo vengono giudicati ogni anno sono decine, la nuova legge non cambierà nulla. Come cambierà poco per i casi ‘borderline’, quelli nei quali alla fragilità psicologica si unisce una radicalizzazione rapsodica e sfuggente: viene in mente il caso dell’accoltellamento di Lugano, del tutto scisso da grandi reti del terrore, eppure commesso da una persona ben nota alle autorità. Che avevano gli strumenti necessari per fermarla, se solo fosse così facile distinguere chi sta male da chi si mette in testa di farne al prossimo. Purtroppo è impossibile prevenire tutto, risolvere in un solo scatto di manette disagio ed eversione. Non senza rischiare di ammanettare anche libertà e diritti, s’intende.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved