GOLUBIC V./TEICHMANN J.
KICHENOK L./OSTAPENKO J.
03:30
 
NJ Devils
1
ARI Coyotes
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
NY Rangers
2
TOR Leafs
3
2. tempo
(1-3 : 1-0)
la-legge-sul-terrorismo-minaccia-un-po-tutti
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
21 ore

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
2 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
2 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
4 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
4 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
5 gior

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
6 gior

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
 
10.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:59

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo

A tagliarla con l’accetta, la polemica sulla nuova legge contro il terrorismo si riduce all’apparente contrasto tra sicurezza e Stato di diritto. Da una parte c’è chi sostiene la norma perché crede che coi presunti terroristi non si possa andare troppo per il sottile, e quindi va bene conferire alla polizia e ai servizi segreti la facoltà di limitarne autonomamente la libertà, sottoporli a restrizioni e interrogatori preventivi. Anche per salvarli da se stessi, come ci ha detto la consigliera nazionale Plr Jacqueline de Quattro riferendosi ai casi di ragazzini che si radicalizzano su internet (la legge si applicherebbe in molti casi a partire dai 12 anni). Dalla parte del no sta chi crede che non si possano svincolare questi interventi dal parere di un giudice, come vuole la separazione dei poteri alla base della democrazia, tanto più che la definizione di atti terroristici inclusa nella legge comprende tutto e niente: “Azioni tendenti a influenzare o a modificare l’ordinamento dello Stato, che si intendono attuare o favorire commettendo o minacciando di commettere gravi reati o propagandando paura e timore”.

Molto probabilmente domenica vincerà il sì: mentre tutti hanno un’idea concreta di cosa sia la sicurezza – non saltare in aria mentre vai a un concerto o a fare la spesa –, è molto più difficile apprezzare lo Stato di diritto, quell’impalpabile insieme di protezioni e libertà che ci permette di non subire abusi di potere. Ma poi, anche a capirne bene il valore, molti di noi potranno rispondere che questa legge si applica solo a chi quello Stato e quel diritto li vuole distruggere, “male non fare paura non avere”.

Quel contrasto tra sicurezza e diritto, però, è appunto apparente. Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi vuole “influenzare l’ordinamento dello Stato” – tema spinoso anche per il più scafato dei giuristi – si fa più concreto il rischio di ritrovarci in una rete che credevamo destinata a ben altri pesci. Viene da chiedersi ad esempio quanti ragazzi, infatuati magari per un secondo e mezzo da una pagina Facebook o da un raduno di fanatici, possano infilarsi in rogne legali immani e tirarsene dietro le conseguenze per una vita.

Poi ci sono i terroristi seri, quelli che non sono passati per sbaglio dalla Playstation ai meme dell’Isis, quelli che davvero vogliono rovesciare un sistema. Gente che difficilmente si farà incastrare per un post su Facebook o si lascerà intimidire da un colloquio in polizia. Per loro le leggi e gli strumenti d’inchiesta esistono già: il Codice penale non sanziona solo il fatto compiuto, ma anche la sua preparazione; i terroristi che per questo vengono giudicati ogni anno sono decine, la nuova legge non cambierà nulla. Come cambierà poco per i casi ‘borderline’, quelli nei quali alla fragilità psicologica si unisce una radicalizzazione rapsodica e sfuggente: viene in mente il caso dell’accoltellamento di Lugano, del tutto scisso da grandi reti del terrore, eppure commesso da una persona ben nota alle autorità. Che avevano gli strumenti necessari per fermarla, se solo fosse così facile distinguere chi sta male da chi si mette in testa di farne al prossimo. Purtroppo è impossibile prevenire tutto, risolvere in un solo scatto di manette disagio ed eversione. Non senza rischiare di ammanettare anche libertà e diritti, s’intende.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved