DJOKOVIC N. (SRB)
2
DELLIEN H. (BOL)
0
fine
(6-2 : 6-2)
BENCIC B. (SUI)
0
PEGULA J. (USA)
0
1 set
(2-2)
terrorismo-nuova-legge-le-ragioni-del-si-e-del-no
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
55 min

Coda di 14 km al portale nord della galleria del San Gottardo

Lo ha comunicato il Tcs su Twitter. Il tempo di attesa è di circa due ore e venti minuti
Svizzera
15 ore

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
16 ore

Proiettile vecchio di cent'anni rimosso dalle rive del Sitter

Era una granata d'acciaio da 7,5 cm proveniente da un antico pezzo di artiglieria: oggi a mezzogiorno è stata portata via da un camion messo in sicurezza
Svizzera
17 ore

Panne all’aereo: Parmelin salta l’incontro con Naruhito

Problemi tecnici al jet del Consiglio federale in volo per Tokyo. Cancellati gli appuntamenti con l’imperatore e il ministro degli esteri giapponesi.
Svizzera
17 ore

Vaccini e effetti collaterali: non gravi quasi 2/3 dei casi

Delle 4'319 notifiche di effetti indesiderati, 2'782 (64,4%) sono classificate come 'non serie'. L'età media delle persone colpite è di 60,2 anni
Svizzera
18 ore

La grandine ha causato più danni delle inondazioni in Svizzera

Ammontano a centinaia di milioni di franchi i danni causati dalla grandine, secondo i dati delle assicurazioni
Svizzera
19 ore

Marijuana in coltura di canapa legale: mille piante sequestrate

In una serra di Rothenturm (Sz): il 60enne responsabile dell'impianto ha ammesso che quanto coltivato contiene stupefacente
Svizzera
19 ore

Vaccinato con due dosi il 46,1% della popolazione svizzera

La media delle vaccinazioni è di 45'536 al giorno. Il ritmo è diminuito del 17% rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
19 ore

Quest'anno le pere e le mele si faranno attendere

La fioritura in Svizzera è avvenuta 17 giorni dopo rispetto al 2020, i frutti potranno essere raccolti con tre settimane di ritardo rispetto all'anno scorso
Svizzera
20 ore

In Svizzera calano (di poco) i contagi, 2 decessi

Il tasso di positività scende di oltre un punto percentuale. La situazione ospedaliera resta stabile a livelli bassi circa i letti occupati da pazienti Covid
Svizzera
21 ore

Due ex islamisti condannati dal Tribunale penale federale

Condanne a 30 mesi di reclusione, parzialmente sospesi, e 22 mesi sospesi per due residenti a Ginevra. Entrambi si sono distanziati dall'Islam radicale
Svizzera
22 ore

Raffreddare la città usando il fiume, Berna ci pensa

L'azienda comunale che si occupa dell'infrastruttura della capitale sta pensando di usare l'energia dell'Aare per impianti di raffreddamento ecologici
Svizzera
1 gior

La task-force: sistema 'a colori' per i Paesi a rischio

Gli esperti chiedono la quarantena per chi proviene da una zona 'viola', ovvero ad alta circolazione di varianti preoccupanti anche per i vaccinati
Svizzera
1 gior

'Cultura del rispetto': il biscotto Negrita cambia nome

Questione di sensibilità: Nestlé cambierà il nome del popolare biscotto, venduto da 60 anni in Cile. Si chiamerà Chokita.
Svizzera
1 gior

‘La vaccinazione degli infermieri va incoraggiata’

L’associazione di categoria giudica l’obbligo controproducente. Ma afferma che immunizzarsi 'è la migliore opzione per proteggere se stessi e gli altri'
Svizzera
1 gior

La pandemia nel 2020 ha frenato i costi della sanità

Lo rivela uno studio della società Accenture. L'aumento è dell'1,2% contro una media del 3,9%. I fisioterapisti i più colpiti dalla mancanza di pazienti (-2,7%)
Svizzera
1 gior

Iata: 'I costi dei tamponi Pcr scoraggiano dal viaggiare'

L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) cerca di sensibilizzare i governi sul freno che il costo dei tamponi pone alla ripresa dei viaggi
Svizzera
1 gior

861 nuovi contagi in Svizzera, situazione ospedaliera stabile

Il tasso di positività è al 3,95%. Segnalati 14 ricoveri e 7 decessi, ma le cifre fornite potrebbero contenere dati risalenti a più di due settimane fa
Svizzera
1 gior

Contagi da coronavirus aumentati dell'85% la scorsa settimana

Lo riporta il rapporto settimanale dell'Ufficio federale di sanità pubblica. Raddoppiati anche i ricoveri rispetto alla settimana precedente. Solo un decesso
Svizzera
1 gior

I robot tagliaerba mettono in pericolo i ricci

Lo sottolinea la Protezione animali svizzera. I robot non riconoscono gli animali e non si spengono in tempo
Svizzera
1 gior

Penuria di miele in Svizzera a causa del maltempo

La produzione del prodotto è inferiore di dieci volte rispetto al solito. Di conseguenza il prezzo salirà.
Svizzera
1 gior

Martullo-Blocher: rinviare lo stop delle centrali nucleari

Secondo la consigliera nazionale Udc, la Svizzera rischia di rimanere a corto di corrente. I Verdi: idea bislacca
Svizzera
1 gior

Ogni anno 200 incidenti a causa di ciclisti indisciplinati

Per l'Ufficio prevenzione infortuni si tratta del 10% di tutte le collisioni gravi in Svizzera. Nella maggior parte dei casi non rispettano la precedenza.
Svizzera
2 gior

Eventi, meglio live ma prendono piede anche quelli online

Stando a uno studio della Zhaw, il pubblico è disposto a pagare fino alla metà del prezzo del biglietto per le versioni digitali, ad esempio di teatri
Svizzera
2 gior

Tolleranza zero con chi guida dopo essersi fatto una canna

Il Tribunale federale respinge il ricorso di un automobilista che contestava il valore limite di Thc. Ma ammette: la regolamentazione non è chiara.
Svizzera
2 gior

Non più m/f: negli annunci di lavoro arriva la 'a'

Sta per 'alle' e sta facendo capolino nella Svizzera tedesca. Obiettivo: far sì che qualunque persona senta di essere il destinatario della proposta d'impiego.
Svizzera
2 gior

Lite in auto: lei tira il freno a mano e la vettura si ribalta

È accaduto nei pressi di Scuol (Gr). Il conducente svizzero e la passeggera tedesca sono rimasti illesi e hanno potuto uscire dall'autoveicolo senza aiuto esterno
Svizzera
15.05.2021 - 11:410

Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’

Le vodesi Jacqueline de Quattro (Plr) e Virginie Cavalli (Verdi liberali) si confrontano in un faccia a faccia sulle norme sottoposte a referendum il 13 giugno

Misura fondamentale per prevenire azioni terroristiche o pericolosa eccezione ai diritti dell’uomo e alla libertà individuale? È più o meno attorno a questo dilemma – dunque al difficile equilibrio tra sicurezza e libertà – che si gioca il referendum per la nuova legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (Mpt). Ne parliamo con due politiche vodesi: una consigliera nazionale favorevole alla nuova legge, la liberale Jacqueline de Quattro, e Virginie Cavalli, copresidente della sezione giovanile dei Verdi liberali tra i capofila del ‘no’.

La comunicazione ufficiale parla di prevenire il terrorismo in senso generale, ma nell’immaginario collettivo si pensa anzitutto a quello islamico. Finora la Svizzera è stata risparmiata da grandi attentati, anche se si sono registrati un accoltellamento fatale a Morges e uno non fatale a Lugano. Serve davvero una nuova legge?

De Quattro: Proprio questi episodi mostrano la necessità di poter intervenire su soggetti che si sapevano già radicalizzati e pericolosi, anche perché dagli attentati di Parigi del 2015 se ne sono registrati altri 75 in Europa e non possiamo illuderci di essere immuni dai rischi.

Ma non parliamo solo di terrorismo islamico: c’è anche ad esempio quello politico, con le frange violente di estrema destra come di estrema sinistra. In tutti questi casi vediamo soggetti spesso fragili, strumentalizzati per far loro compiere azioni irreparabili. Dobbiamo dare la possibilità alla nostra polizia di intervenire in maniera preventiva, beninteso solo in presenza di indizi gravi e concreti di minaccia della pubblica sicurezza. Ad esempio convocando queste persone per colloqui regolari, o in casi peggiori imponendo loro di non recarsi in certi luoghi e non incontrare certe persone. È un modo per difendere la sicurezza pubblica, ma anche per proteggere i potenziali terroristi da loro stessi.

Cavalli: Non c’è dubbio sul fatto che il terrorismo sia un pericolo da prendere molto sul serio, non dobbiamo essere ingenui. Ritengo però che sia possibile farlo restando nel solco dello Stato di diritto, evitando misure che la polizia al contempo decide e applica, senza validazione da parte di un giudice, con l’eccezione degli eventuali arresti domiciliari; e quindi travalicando la separazione dei poteri ed esponendosi al rischio di gravi abusi. Peraltro i nostri codici prevedono già la possibilità di sorvegliare i sospetti in via preventiva: non a caso i due responsabili dei delitti di Morges e Lugano erano noti alle autorità. Nel caso di Morges, l’accoltellatore era anche già stato in custodia cautelare in carcere. Esiste infine nel Codice Penale una sanzione esplicita per gli atti preparatori di delitto. Insomma: gli strumenti legali ci sono già. Lo Stato vuole sempre più potere e leggi per legittimarlo, mentre dovrebbe concentrarsi sull’utilizzo efficace dei mezzi che sono già a sua disposizione. Credo insomma che si possa e si debba combattere con strumenti che rispettano le libertà delle persone, ad esempio velocizzando i tempi della procedura penale.

La legge definisce le attività terroristiche come “azioni tendenti a influenzare o a modificare l’ordinamento dello Stato, che si intendono attuare o favorire commettendo o minacciando di commettere gravi reati o propagando paura e timore”. Si tratta di una definizione corretta?

Cavalli: No, quell’“influenzare l’ordinamento dello Stato” è decisamente troppo generico, e fa il paio con l’incertezza nel capire cosa sia un terrorista potenziale, come ha ammesso lo stesso Consiglio federale. Aggiungendosi al campo libero lasciato alla polizia, la definizione consente di intervenire su ogni sorta di militante: non si può escludere che venga utilizzata per intervenire ad esempio su attivisti per il clima o gruppi politici. Si tratta di rischi di arbitrio analoghi a quelli sperimentati con lo scandalo delle schedature. Io ho piena fiducia nella polizia, ma anche se fossi in auto col più prudente conducente del mondo preferirei indossare le cinture di sicurezza: ecco, in questo caso a mancare sono le cinture, i limiti capaci di circoscrivere l’applicazione della legge e le sue modalità.

De Quattro: La definizione di terrorismo si trova nella legge sulle attività informative che regola la nostra intelligence, e i consulenti legali di governo e parlamento hanno confermato la sua piena conformità al diritto, come quella della legge nel suo complesso. D’altronde anche la sicurezza e l’integrità fisica sono un diritto, e la legge per come è oggi non fornisce strumenti preventivi per bloccare certi potenziali terroristi prima che passino all’azione, cosa peraltro ben distinta dal normale attivismo politico. Il problema è simile a quello che abbiamo vissuto in passato su temi quali la violenza negli stadi e quella domestica, ambiti per i quali oggi sono effettivamente previste misure preventive quali il divieto di recarsi a seguire le partite o di avvicinarsi al domicilio del partner. Va infine ricordato che si prevede una gradualità nell’applicazione delle misure e una sua limitazione nel tempo, e che esse devono sempre restare sussidiarie e complementari alle misure educative, terapeutiche e integrative. Per ogni misura è possibile il ricorso e inoltre gli arresti domiciliari sono subordinati all’approvazione preventiva da parte di un giudice dei provvedimenti coercitivi.

Eppure numerose critiche sono giunte non solo da una sessantina di giuristi svizzeri, ma anche dal Consiglio d’Europa e dall’Alto commissariato delle Nazioni unite per i diritti umani. Tra le altre cose, desta dubbi l’applicabilità della legge già a partire dai 12 anni di età, 15 per gli arresti domiciliari.

De Quattro: il diritto penale prevede già misure per i più giovani a partire dai 10 anni, naturalmente di natura diversa rispetto a quelle rivolte agli adulti. La stessa Convenzione Onu sui diritti del fanciullo ammette la legittimità di misure di polizia se in gioco c’è la pubblica sicurezza. Io ritengo sia molto utile, ad esempio, poter convocare a colloquio un ragazzino tornato coi genitori da zone di guerra jihadista o che sappiamo essere in contatto con cellule radicalizzate sui social network. Permette alla polizia di farlo riflettere, di fargli comprendere i rischi e le conseguenze di ciò che sta facendo. Meglio non aspettare che la sua incoscienza e magari un contesto familiare problematico lo facciano sbattere contro i risultati di certe scelte. Pensiamo ad esempio al minorenne che progettava di far saltare in aria la stazione di Losanna: non possiamo abbandonare questi giovani a loro stessi. Proprio i giovani sono spesso le prime vittime della radicalizzazione, si tratta di proteggerli.

Cavalli: Sono assolutamente d’accordo sul fatto che non si possano abbandonare giovani in difficoltà e potenziali prede del radicalismo. Ma è lo stesso diritto penale minorile del quale si è appena parlato che opera secondo principi di educazione e risocializzazione, del tutto ignorati da questa nuova legge. Io penso che il lavoro vero sia da fare a monte: controllando e bloccando le attività dei gruppi estremisti su internet e sui social network, sensibilizzando genitori e allievi a partire dalle prime classi scolastiche, lavorando sulla prossimità sociale con progetti che vanno ben oltre il colloquio alla stazione di polizia e le misure coercitive. E poi, ancora una volta, si pone il problema di chi decide cosa: non è ammissibile affidare il destino dei giovani – come d’altronde anche quello degli adulti – a operazioni la cui idoneità e proporzionalità non viene neppure vagliata da un giudice.

Infine, c’è chi teme che la legge faccia della Svizzera un ‘cattivo esempio’ per altri Paesi, anche non democratici, che vedendo quanto succede in una nazione-simbolo dei diritti umani avrebbero una scusa in più per prendere a spallate lo Stato di diritto.

De Quattro: Non si tratta di misure nuove. Sono già in vigore in Gran Bretagna, Francia, Paesi Bassi, Germania. Tra l’altro, firmando la Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione del terrorismo, abbiamo preso un impegno che non può rimanere solamente di facciata, e il cui mancato rispetto sarebbe problematico tanto dal punto di vista diplomatico quanto da quello della sicurezza collettiva. Anche questo è rispetto dei trattati e del diritto internazionale. Inoltre conta anche come si applicano le norme: non siamo una repubblica delle banane, sappiamo già che la nostra polizia non si abbandona ad eccessi in stile americano. Infine, per me gli interessi delle vittime sono chiaramente prioritari rispetto a quelli degli aggressori.

Cavalli: In realtà misure simili in Paesi come la Francia hanno già mostrato di essere di efficacia discutibile e di aprire la strada alla repressione di gruppi che poco hanno a che vedere col terrorismo. Resta il fatto che si tratterebbe di una legge di gran lunga tra le più severe tra i codici dei Paesi democratici. Quanto al fatto di non essere una repubblica delle banane: concordo, ed è esattamente per questa ragione che mi batto contro una legge che si fa beffe della nostra democrazia liberale. Una democrazia nella quale il potere giudiziario veglia su quello esecutivo e di polizia, il che aiuta a non sottoporre il cittadino ad arbitrio sulla base di timori vaghi. La nostra libertà può convivere con la sicurezza di tutti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved