laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
15 ore
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
1 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
1 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
2 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
5 gior
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
6 gior
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
1 sett
Ticino - Cina: la bocca del cavallo!
Evitiamo beatificazioni: la democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa!
Commento
12.06.2020 - 06:300

Troppi medici da fuori? Ma allora formiamoli!

E poi basta con le non soluzioni destinate al primo ricorso ad essere bocciate da Losanna

I medici nel nostro cantone non devono conoscere una seconda lingua nazionale. Ovvero: tale requisito non può essere preteso per ottenere l’autorizzazione all’esercizio della professione medica. Una condizione illegale, visto che la legge federale prevede che basti la conoscenza di una sola lingua nazionale per esercitare. Lo ha sancito il Tribunale federale.

Primanostristi ad ogni costo

Che così sarebbe andata a finire già lo si sapeva, perché, quando il parlamento cantonale ha inserito quella disposizione nella legge ticinese, il governo e qualche gran consigliere non primanostrista ad ogni costo aveva avvisato i deputati: non illudete nessuno, in caso di ricorso la norma verrà cancellata. E così è stato, perché la clausola discriminatoria è stata di fatto voluta per sfavorire chi viene da fuori e farsi belli verso il proprio pubblico. 

Resta sul tavolo la domanda non peregrina: da un profilo molto pratico, come faremmo a coprire il fabbisogno di professionisti nel settore (e non solo qui a Sud delle Alpi), quando oltre la metà di medici nel nostro cantone è straniero, è nato e si è formato fuori dai nostri confini e l’offerta made in Switzerland è insufficiente? A questa domanda si potrebbe (anzi dovrebbe) rispondere – considerata pure l’esigenza di dipendere almeno un po’ meno dall’estero per il personale sanitario (per esempio in caso di pandemia) – aumentando il potenziale di formazione di medici in Svizzera. Ma la politica è pronta a farlo? 

L'importanza dell'inglese

Abbiamo interpellato alcuni medici che qui vivono e che si sono formati nelle nostre università e ci sono sembrati concordi. Conoscere una seconda lingua nazionale è importante per chi qui opera, visto che viviamo in un paese plurilingue e che la maggior parte della popolazione parla e scrive nelle altre due lingue nazionali. Meglio quindi conoscerle per riuscire a interloquire coi pazienti confederati, soprattutto in un cantone come il nostro: il tedesco, ad esempio, serve parecchio se si opera nel Locarnese e nel Luganese. Ma, oggi come oggi, la letteratura medica da consultare, o i seminari di formazione, si tengono piuttosto in inglese. Ragione per cui la questione della seconda lingua nazionale per questioni scientifiche risulta secondaria rispetto alla conoscenza dell’inglese.

Formazione non scorciatoie

L’impressione che abbiamo ricavato dal prevedibile dietrofront imposto dai giudici di Losanna al Gran Consiglio, è che si cerchi (e non è la prima volta) la scorciatoia che poi finisce in un vicolo cieco e si deve innestare la retromarcia. Altra via, ben più impegnativa, è quella di formare medici, anziché importarli per poi lagnarsi che non conoscono i nostri approcci alla medicina, che hanno poca esperienza pratica rispetto a chi si forma qui, che non sanno nulla di un complicato sistema Lamal e via dicendo.  

Formarne di più considerando anche che gli aspiranti medici, che si presentano ogni anno agli esami d’ammissione alle nostre università sono sempre molti rispetto a chi (una minima parte) riesce poi a superare gli esami anche solo di ammissione e, laddove non c’è la prima scrematura, a scalare l’alto scoglio del primo anno. Se si continua a formarne un numero tutto sommato molto ridotto rispetto al fabbisogno, non c’è altra scelta se non aprire, anzi spalancare le frontiere. Insomma la soluzione al problema c’è: vogliamo più medici cresciuti qui? Formiamoli!

© Regiopress, All rights reserved