laRegione
Nuovo abbonamento
giorno-della-memoria-bisogna-combattere-l-indifferenza
La porta di ingresso ad Auschwitz (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 ore

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
23 ore

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
4 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
6 gior

Giudici, Merlini e agli altri i pomodorini

Ansia e imbarazzo in casa liberale radicale a Locarno dopo le dimissioni di Salvioni. Oppure era tutto previsto
Commento
27.01.2020 - 14:010
Aggiornamento : 15:27

Giorno della memoria: bisogna combattere l'indifferenza

La recrudescenza di atti di intolleranza e di antisemitismo è un segnale che deve preoccupare. 'Guai a dimostrarsi passivi, incuranti o disinteressati'

Perché lottare con tutte le forze per ricordare lo sterminio degli ebrei e tramandarne la memoria a chi dopo di noi verrà? Perché tornare al buio pesto della storia europea del Novecento, proprio ora che per questioni anagrafiche i testimoni diretti delle atrocità naziste ci stanno abbandonando? Perché quei fatti storici ci rammentano che superare limiti di disumanità ritenuti invalicabili è stato possibile. Che Auschwitz e ciò che il suo nome oggi simboleggia non sono dettagli della storia, ma la Storia.

Ricordiamo e strappiamo all’oblio per ragionare su ciò che è stato e per impegnarci affinché non avvenga mai più, ben sapendo che da allora in altre parti del mondo sono avvenute altre mattanze aventi come obiettivo ancora le pulizie etniche. Non è quindi impossibile che analoghe atrocità si rimanifestino in qualche altra forma, che nuove follie prendano i comandi. Del resto gli atti d’intolleranza e persino di antisemitismo – è questa la nostra impressione – sono tornati a fare cronaca con una certa frequenza. Segnali che non possono non preoccupare.

Il nostro invito è dunque quello di non essere mai indifferenti rispetto agli atti d’ingiustizia, a maggior ragione quando mossi dalla messa in discussione della dignità degli esseri umani e del principio sacrosanto di uguaglianza. Nel suo recente libro ('Una certa idea di giustizia') Dick Marty ha  scritto: "In un certo senso gli eventi accaduti all’inizio degli anni Trenta non mi sembrano poi così distanti dalla nostra realtà odierna"; e ancora: "La storia non si ripete, ma certe analogie sono sempre molto pericolose e bisogna temerle". Conveniamo: bisogna temerle. Ma per temerle bisogna conoscerle e riconoscerle.

Si potranno così intercettare per tempo le nefaste dinamiche che attizzano il fuoco del razzismo che può diventare incendio e anche inferno. Guai, perciò, a non porsi domande, a dimostrarsi passivi, impauriti o semplicemente disinteressati rispetto a quello che sta succedendo, magari perché non si è coinvolti in prima persona. Guai a guardare dall’altra parte perché intanto tocca altri e guai a dirsi: 'Intervenire? Ma chi me lo fa fare…'.

Ebbene in occasione della Giornata della memoria, che celebriamo oggi, nel nostro cantone abbiamo colto diverse pregiate occasioni di riflessione e sensibilizzazione realizzate in svariate forme. All’interno delle scuole (come abbiamo segnalato sull’edizione di sabato raccontando del lavoro svolto alle Medie di Barbengo); al Teatro Sociale di Bellinzona con una pièce teatrale; nei cinema di Bellinzona, Lugano e Locarno con la proiezione della docufiction ‘La casa di vetro’ di Aldo Sofia ed Enzo Pasotti, seguita poi da riflessioni con preziosi ospiti. E molto altro ancora. Lasciatecelo scrivere: questo, mentre tante candele di memoria diretta si spengono, è un buon segno.

© Regiopress, All rights reserved