bosnia-il-timore-di-una-secessione-si-fa-sempre-piu-forte
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Trump: la tenuta di Mar-a-Lago perquisita dall’Fbi

L’operazione sarebbe legata alla ricerca di alcuni documenti riservati che l’ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca
l'amicizia con putin
13 ore

L’Spd grazia Schröder per suoi rapporti con Mosca

Ma caso non ancora chiuso. E si riapre quello Warburg che inguiaia il cancelliere Scholz
la guerra in ucraina
13 ore

La Russia brucia il gas in eccesso che non dà all’Europa

Allarme Onu per la centrale atomica di Zaporizhzhia, Mosca vuole sospendere il programma di contenimento delle armi nucleari firmato con gli Usa
Estero
14 ore

Italia: famiglia colpita da un fulmine in spiaggia, 4 feriti

Ad avere la peggio un uomo ricoverato in ospedale nel reparto di rianimazione. In ospedale anche la moglie e il figlio di sei anni
Estero
22 ore

Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard

La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
1 gior

Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati

Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
1 gior

Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan

Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
1 gior

Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato

L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
1 gior

Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto

Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
1 gior

Tregua tra israeliani e palestinesi

Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
1 gior

Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria

La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Est Europa
08.12.2021 - 19:22
Ats, a cura de laRegione

Bosnia, il timore di una secessione si fa sempre più forte

Venerdì ci sarà una riunione straordinaria del parlamento della Republika Srpska, l’entità del Paese a maggioranza serba

In Bosnia-Erzegovina sale pericolosamente la tensione in vista della sessione straordinaria del parlamento della Republika Srpska, l’entità del Paese a maggioranza serba, che venerdì si riunirà per esaminare il ripristino a favore dell’entità di una serie di prerogative e competenze in materia di difesa, sicurezza, fisco e amministrazione.

Si tratta di competenze che, secondo il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik, sono state usurpate in modo illegittimo dallo stato centrale bosniaco.

Nell’agenda della seduta vi è anche la decisione di Dodik di cancellare decine di leggi e provvedimenti ritenuti illegittimi, molti dei quali emanati negli ultimi anni dall’Alto rappresentante internazionale in Bosnia-Erzegovina, figura del quale il leader serbo-bosniaco non riconosce la legittimità.

L’ultima di tali leggi contestate è quella che vieta la negazione del genocidio di Srebrenica e la glorificazione dei criminali di guerra, imposta lo scorso luglio da Valentin Inzko alla scadenza del suo mandato di Alto rappresentante internazionale in Bosnia-Erzegovina.

La comunità internazionale teme che le crescenti aspirazioni autonomistiche di Dodik sfocino rapidamente in una vera e propria secessione della Republika Srpska dallo stato bosniaco. Oggi il Comitato esecutivo del Consiglio per l’attuazione della pace in Bosnia, (Pic, Peace Implementation Council) ha lanciato un avvertimento a Dodik, ammonendolo a non compiere atti unilaterali poiché in tal caso subirà delle conseguenze.

Alla riunione di due giorni dei direttori politici non hanno preso parte i rappresentanti della Russia, seppure invitati, dal momento che Mosca non riconosce la legittimità di Christian Schmidt, successore di Inzko, quale Alto rappresentante internazionale.

I direttori politici del Pic ancora una volta hanno riaffermato che l’Accordo di pace di Dayton, che nel 1995 pose fine alla guerra civile, continua a rappresentare il fondamento per una Bosnia stabile, sicura e prospera e hanno invitato tutti a rispettare l’Accordo di pace con tutti i suoi annessi.

Il Pic ha ribadito che le entità non hanno il diritto di secessione dallo stato centrale a Sarajevo, e che esistono legalmente solo in base alla Costituzione della Bosnia. L’organismo ha inoltre espresso pieno appoggio all’Alto rappresentante, il tedesco Christian Schmidt, che Dodik non riconosce in quanto non è stato nominato dal Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Schmidt, come altri rappresentanti della Comunità internazionale, è particolarmente preoccupato anche per la profonda crisi economica in cui versa il Paese a causa del boicottaggio e del blocco politico-istituzionale attuato dalla componente serbo-bosniaca, con la conseguente mancanza di fiducia e investimenti, e preoccupazione al riguardo hanno espresso sia il Fondo monetario internazionale che la Banca mondiale.

Nonostante ciò, Dodik continua deciso per la sua strada e conferma per venerdì prossimo la seduta del Parlamento dell’entità nella quale si parlerà dell’abolizione delle leggi ritenute illegittime per il loro trasferimento dall’entità allo stato centrale. A cominciare da quelle su Difesa, magistratura e tassazione indiretta. E il 10 dicembre per la seduta del Parlamento serbo-bosniaco, ha osservato Dodik, è stato scelto perché in quella stessa data nel 1997 fu deciso di conferire poteri speciali all’Alto rappresentante internazionale.

Alla pericolosità di una escalation di tensione nel Paese si è riferito il membro bosgnacco musulmano della presidenza tripartita bosniaca Sefik Dzaferovic. Al termine di un colloquio oggi a Sarajevo con l’inviato speciale Usa per i Balcani occidentali, Gabriel Escobar, Dzaferovic ha detto che quella di Dodik non è la strada che deve percorrere la Bosnia-Erzegovina. Da parte sua Bakir Izetbegovic, leader dell’Sda, maggiore partito musulmano del Paese, ha annunciato che tutte le decisioni che saranno adottate venerdì dal parlamento serbo-bosniaco verranno annullate dalla Corte costituzionale bosniaca.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosnia bosnia-erzegovina dodik republika srpska serba
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved