Lazio
0
Atalanta
0
1. tempo
(0-0)
Zugo
4
Langnau
2
2. tempo
(3-0 : 1-2)
Ambrì
2
Davos
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
Friborgo
2
Lakers
1
2. tempo
(0-1 : 2-0)
Ginevra
1
Bienne
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Lugano
0
Berna
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Visp
4
Ticino Rockets
3
fine
(0-0 : 2-1 : 1-2 : 1-0)
La Chaux de Fonds
4
Zugo Academy
1
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 2-1)
Kloten
5
Sierre
0
2. tempo
(1-0 : 4-0)
BUF Sabres
5
PHI Flyers
2
2. tempo
(4-2 : 1-0)
BOS Bruins
WIN Jets
21:00
 
bosnia-il-timore-di-una-secessione-si-fa-sempre-piu-forte
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Siria: oltre 90 morti negli scontri tra Isis e curdi

Il bollettino arriva dopo tre giorni di combattimenti nel nord-est del Paese
Germania
7 ore

Merz eletto presidente Cdu con quasi 95% voti

L’avvocato finanziario, 66 anni, succede ad Armin Laschet
Estero
10 ore

Onu, riformare il sistema economico tra le priorità del 2022

Per il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, è necessario sconfiggere la pandemia e rivedere le regole della finanza mondiale
Stati Uniti
10 ore

California, Schwarzenegger coinvolto in incidente auto

L’incidente, che ha coinvolto quattro auto, è avvenuto a Brentwood (Los Angeles). Una donna è rimasta leggermente ferita, l’attore invece illeso
italia
15 ore

Quirinale, istruzioni per l’uso

Chi vota il presidente della Repubblica italiana e come. Record, stranezze e nomi improbabili, dalla moglie di Massimo D’Alema a Ezio Greggio
cile
23 ore

La nipote di Allende ministra a 50 anni dal golpe

La rivincita di Maya. Tante donne nei posti chiave del governo
usa-russia a ginevra
23 ore

Mosca provoca: “Via la Nato da Romania e Bulgaria”

L’incontro in Svizzera è l’ennesimo nulla di fatto. Il Cremlino insiste sulle sue posizioni intransigenti legate alla situazione in Ucraina
Estero
1 gior

‘Fermate lo sterminio di criceti’, bufera ad Hong Kong

La infezioni legate ai roditori potrebbero contenere una nuova mutazione del virus, giustificando l’abbattimento di migliaia di animali domestici
Estero
1 gior

Bagno di sangue nello Yemen

Un bombardamento saudita ha provocato la morte o il ferimento di oltre 200 persone
Confine
1 gior

Como, tre arresti per frode nel settore del compro oro

I beni sequestrati dalla Guardia di finanza ammontano a 383mila euro. La frode si basava su un collaudato sistema di cooperative fantasma
Estero
1 gior

Gli americani non rivogliono Biden presidente

Secondo un sondaggio, soltanto il 28% degli interpellati è per la ricandidatura
Est Europa
08.12.2021 - 19:220

Bosnia, il timore di una secessione si fa sempre più forte

Venerdì ci sarà una riunione straordinaria del parlamento della Republika Srpska, l’entità del Paese a maggioranza serba

In Bosnia-Erzegovina sale pericolosamente la tensione in vista della sessione straordinaria del parlamento della Republika Srpska, l’entità del Paese a maggioranza serba, che venerdì si riunirà per esaminare il ripristino a favore dell’entità di una serie di prerogative e competenze in materia di difesa, sicurezza, fisco e amministrazione.

Si tratta di competenze che, secondo il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik, sono state usurpate in modo illegittimo dallo stato centrale bosniaco.

Nell’agenda della seduta vi è anche la decisione di Dodik di cancellare decine di leggi e provvedimenti ritenuti illegittimi, molti dei quali emanati negli ultimi anni dall’Alto rappresentante internazionale in Bosnia-Erzegovina, figura del quale il leader serbo-bosniaco non riconosce la legittimità.

L’ultima di tali leggi contestate è quella che vieta la negazione del genocidio di Srebrenica e la glorificazione dei criminali di guerra, imposta lo scorso luglio da Valentin Inzko alla scadenza del suo mandato di Alto rappresentante internazionale in Bosnia-Erzegovina.

La comunità internazionale teme che le crescenti aspirazioni autonomistiche di Dodik sfocino rapidamente in una vera e propria secessione della Republika Srpska dallo stato bosniaco. Oggi il Comitato esecutivo del Consiglio per l’attuazione della pace in Bosnia, (Pic, Peace Implementation Council) ha lanciato un avvertimento a Dodik, ammonendolo a non compiere atti unilaterali poiché in tal caso subirà delle conseguenze.

Alla riunione di due giorni dei direttori politici non hanno preso parte i rappresentanti della Russia, seppure invitati, dal momento che Mosca non riconosce la legittimità di Christian Schmidt, successore di Inzko, quale Alto rappresentante internazionale.

I direttori politici del Pic ancora una volta hanno riaffermato che l’Accordo di pace di Dayton, che nel 1995 pose fine alla guerra civile, continua a rappresentare il fondamento per una Bosnia stabile, sicura e prospera e hanno invitato tutti a rispettare l’Accordo di pace con tutti i suoi annessi.

Il Pic ha ribadito che le entità non hanno il diritto di secessione dallo stato centrale a Sarajevo, e che esistono legalmente solo in base alla Costituzione della Bosnia. L’organismo ha inoltre espresso pieno appoggio all’Alto rappresentante, il tedesco Christian Schmidt, che Dodik non riconosce in quanto non è stato nominato dal Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Schmidt, come altri rappresentanti della Comunità internazionale, è particolarmente preoccupato anche per la profonda crisi economica in cui versa il Paese a causa del boicottaggio e del blocco politico-istituzionale attuato dalla componente serbo-bosniaca, con la conseguente mancanza di fiducia e investimenti, e preoccupazione al riguardo hanno espresso sia il Fondo monetario internazionale che la Banca mondiale.

Nonostante ciò, Dodik continua deciso per la sua strada e conferma per venerdì prossimo la seduta del Parlamento dell’entità nella quale si parlerà dell’abolizione delle leggi ritenute illegittime per il loro trasferimento dall’entità allo stato centrale. A cominciare da quelle su Difesa, magistratura e tassazione indiretta. E il 10 dicembre per la seduta del Parlamento serbo-bosniaco, ha osservato Dodik, è stato scelto perché in quella stessa data nel 1997 fu deciso di conferire poteri speciali all’Alto rappresentante internazionale.

Alla pericolosità di una escalation di tensione nel Paese si è riferito il membro bosgnacco musulmano della presidenza tripartita bosniaca Sefik Dzaferovic. Al termine di un colloquio oggi a Sarajevo con l’inviato speciale Usa per i Balcani occidentali, Gabriel Escobar, Dzaferovic ha detto che quella di Dodik non è la strada che deve percorrere la Bosnia-Erzegovina. Da parte sua Bakir Izetbegovic, leader dell’Sda, maggiore partito musulmano del Paese, ha annunciato che tutte le decisioni che saranno adottate venerdì dal parlamento serbo-bosniaco verranno annullate dalla Corte costituzionale bosniaca.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved