bosnia-dodik-a-maas-a-causare-la-crisi-non-i-serbi
Twitter
21.11.2021 - 13:26
Aggiornamento: 14:18

Bosnia, Dodik a Maas: ‘A causare la crisi non i serbi’

Il leader serbo-bosniaco ha inviato una lettera al ministro degli Esteri tedesco, invitandolo a cercare le ‘vere’ ragioni del conflitto politico in Bosnia

Ats, a cura de laRegione

Il leader serbo-bosniaco Milorad Dodik ha inviato una lettera al ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas invitandolo a cercare le vere ragioni della crisi politico-istituzionale in Bosnia-Erzegovina.

Quale rappresentante di un Paese così importante come la Germania, Maas non può definire le sue posizioni sulla base di voci e dicerie, ha scritto Dodik, che è membro serbo della presidenza tripartita bosniaca. La crisi in Bosnia-Erzegovina, afferma Dodik, non è stata causata dalle politiche portate avanti dalla Republika Srpska, come sostiene Maas, ma è il risultato del mancato rispetto da 26 anni della Costituzione della Bosnia-Erzegovina.

“Immaginate che per un solo giorno qualcuno cerchi di non rispettare la Costituzione della Germania”, ha proseguito Dodik. La Republika Srpska, ha ribadito, si è sempre impegnata a favore della pace poiché la guerra degli anni Novanta ha comportato tali costi e sofferenze da non poter consentire nuovi conflitti. “I serbi sono sopravvissuti al genocidio e alla pulizia etnica, dai quali ancora oggi non ci siamo ripresi del tutto. Per questo, rispettabile ministro, quelli che evocano e parlano di conflitti non sono da ricercare nella Republika Srpska”.

Il leader serbo-bosniaco ha quindi ribadito che la Republika Srpska è parte integrante della Bosnia-Erzegovina e che non esiste alcun piano di una sua secessione dallo Stato bosniaco, come sostenuto da molti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosnia heiko maas milorad dodik republika srpska
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved