ULTIME NOTIZIE Estero
Russia
2 min

Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’

Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
15 min

Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino

Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
2 ore

Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno

Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
6 ore

Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese

Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
Gran Bretagna
7 ore

Passo indietro: le tasse dei ricchi restano dove sono

Liz Truss e il suo ministro delle Finanze annullano il piano fiscale che non era piaciuto ai mercati facendo sprofondare la sterlina
Stati Uniti d'America
8 ore

Florida sotto accusa, soccorsi in ritardo dopo l’uragano

Un’ottantina di morti ed enormi i danni per Ian che ha colpito con estrema violenza (qui l’uragano Fiona) anche l’isola di Porto Rico
Estero
8 ore

Putin ‘fuori controllo’, ma la minaccia atomica pare improbabile

Il capo del Pentagono, Lloyd Austin, in una intervista alla Cnn, ha commentato le minacce nucleari del presidente russo
Russia
9 ore

‘Non sono pronto a uccidere’, rapper si toglie la vita

Ivan Petunin, 27 anni, detto Walkie, ha compiuto l’estremo gesto in segno di protesta contro la guerra scatenata da Vladimir Putin
Brasile
9 ore

Sul filo di lana Lula va al ballottaggio con Bolsonaro

A pesare sul risultato sarebbero stati gli indecisi, il tasso di astensione e quanti hanno creduto di abbracciare la scelta del ‘voto utile’
Estero
17 ore

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
18 ore

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
26.11.2021 - 22:42

Escalation sui migranti, strappo Parigi-Londra

Il premier Johnson: ‘Riprendetevi i migranti’. Per la Francia è ‘inammissibile’. Ritirato l’invito al mini-vertice alla ministra dell’interno britannica.

Ansa, a cura de laRegione
escalation-sui-migranti-strappo-parigi-londra
Keystone
Adieu la France

Parigi – Un’escalation imprevedibile, poi lo strappo: tra Francia e Gran Bretagna la tensione cresce di ora in ora. Prima con dichiarazioni sprezzanti e risposte fuori dai denti, poi con la decisione di Parigi di ritirare l’invito alla ministra dell’Interno di Londra per il vertice sui migranti a Calais. Il naufragio con la morte di 27 disperati partiti dalla costa francese per inseguire il sogno di sbarcare in Inghilterra ha provocato una crisi gravissima fra Londra e Parigi. Con i pescatori francesi che, intanto, continuano a protestare per le condizioni di lavoro post-Brexit e bloccano porti e tunnel sotto la Manica.

Parigi ha giudicato “inammissibile” una lettera diffusa dal premier inglese Boris Johnson, nella quale si chiede alla Francia di “riprendere" tutti gli immigrati che sbarcano sul suolo britannico. La lettera ha fatto sobbalzare i vertici francesi, prima il portavoce del governo Gabriel Attal che l’ha definita "arida e fuori luogo”, poi Macron - in conferenza stampa al fianco di Mario Draghi a Roma per la firma del Trattato del Quirinale - ha lamentato mancanza di serietà dall’altra parte della Manica: “Non si comunica con i tweet o con le lettere” di fronte a fatti tanto gravi, ha lamentato.

Invito ritirato

Intanto, il ministro dell’Interno Gérald Darmanin aveva provveduto - con gesto clamoroso - a ritirare l’invito alla collega inglese, Priti Patel, per un mini vertice sui migranti convocato per domenica proprio nella città simbolo della tragedia, Calais. Ci saranno i ministri belga, tedesco, olandese e il rappresentante della Commissione europea sull’immigrazione.

Al momento gli inglesi restano fuori, anche perché nel pomeriggio Johnson ha rincarato la dose non esprimendo alcun rammarico per la lettera che ha fatto infuriare Parigi. Per il suo portavoce, al contrario, è stata scritta “in uno spirito di partnership e di cooperazione” con la Francia: “Si tratta di una sfida mondiale - ha aggiunto il portavoce - alla quale dobbiamo rispondere in modo collettivo, con i francesi e gli altri nostri partner europei”. Neppure Darmanin è tornato sui suoi passi, anzi ha spiegato che se la lettera rappresenta "una delusione”, la decisione di pubblicarla è "ancora peggio”.

Sbarchi continui

La dolorosa situazione dei migranti, ormai sempre più in difficoltà visto che anche i loro campi vengono continuamente smantellati nel nord della Francia e anche attorno a Parigi, è oggetto da anni di tensione fra i due Paesi. Il governo conservatore britannico ha fatto della lotta contro l’immigrazione uno dei suoi cavalli di battaglia, inasprendo gesti e dichiarazioni di principio dopo la Brexit. Ciononostante, sulla costa meridionale dell’Inghilterra i migranti continuano ad arrivare a centinaia.

La Francia, dal canto suo, rifiuta di farsi mettere all’angolo come capro espiatorio e chiama a raccolta i partner e i Paesi confinanti. Al tempo stesso, rimprovera proprio a Johnson il disastro attuale, ritenendo che proprio la Brexit ha tradito le promesse del premier di “riprendere il controllo” della situazione. In molti si interrogano stasera sulla tenuta degli accordi del Touquet, che nel 2004 fissarono la frontiera britannica sulla costa francese in cambio di una contropartita finanziaria.

Blocchi dei pescatori francesi

E se a complicare i rapporti non fossero bastate le scorie dello scontro di due mesi fa dei sottomarini australiani, con la Francia isolata e perdente di fronte ad Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna, intervengono in queste ore anche i blocchi dei pescatori francesi. Sono passati all’azione dopo settimane di proteste per le difficoltà poste dalla Gran Bretagna nel dopo-Brexit alla concessione delle licenze di pesca. Da oggi i loro pescherecci bloccano i traghetti diretti da Calais verso la Gran Bretagna, e con i blocchi stradali l’accesso dei camion al tunnel sotto la Manica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved