ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
3 ore

Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore

In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
3 ore

Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito

La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Italia
7 ore

Cambia il decreto rave, escluse le manifestazioni

Non muta invece la pena, che resta da 3 a 6 anni, come restano possibili le intercettazioni, circoscritte alle indagini sull’organizzazione dell’evento
Estero
11 ore

È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin

Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
Video
Italia
13 ore

Frana a Ischia: la vignetta dello scandalo

Intanto è spuntato nelle ultime ore un video che riprende il momento esatto del tragico scoscendimento
Tunisia
13 ore

Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato

All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
14 ore

Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro

I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
Estero
23 ore

Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio

Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
Estero
23 ore

La Cina sceglie la repressione, ma non solo

Pechino incolpa le ‘forze ostili’ ed è pronta a prevenire e sedare ulteriori proteste contro le misure anti-Covid, ma non esclude qualche allentamento
Confine
1 gior

Confine, possibili scioperi dei treni italiani

Il due dicembre sarà una giornata di astensione dal lavoro in tutte le categorie pubbliche e private. Questo potrebbe causare disagi a chi viaggia
Estero
1 gior

L’Ue sempre più tecnologica: arrivano i droni 2.0

Potranno essere impiegati per servizi di emergenza, mappatura, ispezione e sorveglianza, consegna urgente di medicinali o anche come ‘aerotaxi’
28.10.2021 - 21:36

Escalation nella guerra del merluzzo tra Parigi e Londra

La Francia blocca un peschereccio britannico nella Manica. La Gran Bretagna risponde convocando l’ambasciatore francese.

escalation-nella-guerra-del-merluzzo-tra-parigi-e-londra
Keystone
In acque agitate i rapporti tra Londra e Parigi

Parigi – Non è una battaglia navale ma un po’ ci assomiglia. La cosiddetta ‘guerra’ del merluzzo e delle capesante tra Francia e Gran Bretagna ha raggiunto proporzioni inedite, con lo scambio di accuse e veleni tra le due sponde della Manica, il sequestro di un peschereccio britannico da parte dei gendarmi francesi e, in serata, la convocazione al Foreign Office dell’ambasciatore francese a Londra Catherine Colonna, cui è stata consegnata una nota ufficiale di protesta. E c’è da giurare che nel loro incontro al margine del G20 di Roma tra Emmanuel Macron e Boris Johnson, questo sarà l’argomento clou.

Il nodo della contesa riguarda il ristretto numero di licenze sulla pesca concesse da Londra ai pescatori francesi che Parigi considera in violazione degli impegni assunti da Londra nell’ambito degli accordi post-Brexit. Le tensioni sono riesplose ieri quando l’amministrazione del presidente Emmanuel Macron ha annunciato misure di ritorsione, a partire da martedì 2 novembre, a meno che entro quella data la politica britannica non rispetti i patti sulle licenze.

Prima raffica di sanzioni

Questa prima raffica di sanzioni, ha precisato il portavoce del governo francese Gabriel Attal, riguarderà “controlli doganali e sanitari sistematici sui prodotti sbarcati in Francia nonché il divieto di sbarcare prodotti del mare“. Il portavoce ha inoltre evocato una risposta graduale, con una “possibile seconda serie di ritorsioni "; in particolare, "misure energetiche che riguardano la fornitura di corrente elettrica per le isole anglo-normanne”, incluso Jersey.

“Le minacce della Francia sono deludenti e sproporzionate e non corrispondono a quanto potremmo aspettarci da un alleato e partner vicino”, ha ribattuto un portavoce del governo britannico, citato in un tweet del segretario di Stato per l’attuazione della Brexit, David Frost. Un botta e risposta a cui è seguito il fermo di due navi da pesca britanniche per controlli sulla Manica. Una delle due imbarcazioni è stata dirottata al porto di Le Havre con la scorta da una pattuglia della gendarmeria. Il primo è stato solo multato per "intralcio ai controlli”, mentre il secondo rischia sanzioni penali, il sequestro del natante e la confisca del prodotto della pesca perché non sarebbe in possesso di una licenza valida.

‘Con Johnson serve il linguaggio della forza’

Questi controlli, abituali nella stagione della pesca alle patelle, rientrano anche nell’inasprimento dei controlli sulla Manica nell’ambito delle discussioni sulle licenze di pesca fra il Regno Unito e la Commissione Ue, seguite alla Brexit, ha riconosciuto la ministra francese del Mare, Annick Girardin. Il carico da 11 è arrivato in seguito dal segretario di Stato agli Affari Ue, Clément Beaune, per il quale con l’attuale esecutivo di Boris Johnson si deve "parlare il linguaggio della forza perché temo sia l’unico che capisca”.

Il portavoce di Downing Street ha precisato che oggi sulla questione si è tenuta una riunione tecnico-governativa presieduta da Lord Frost. Riunione durante la quale le iniziative della Francia sono state qualificate come “inaccettabili e non compatibili né con l’accordo di libero scambio e cooperazione (Tca) sottoscritto con l’Ue” per il dopo Brexit, "né con il diritto internazionale più ampio". "Ci rammarichiamo - prosegue Londra - del linguaggio provocatorio ripetutamente usato dal governo francese su questo dossier, che non aiuterà certo a rendere più facile la situazione. Noi abbiamo già sollevato con forza le nostre preoccupazioni tanto con la Francia quanto con la Commissione Europea e, come prossimo passo, la ministra degli Esteri ha incaricato la sottosegretaria Morton di convocare l’ambasciatore francese”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved