ULTIME NOTIZIE Estero
iran
1 ora

Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne

Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco
siria
1 ora

Ucciso il capo dell’Isis, già annunciato un nuovo Califfo

Abu al-Hassan ‘morto in combattimento’, mistero sul quarto leader
Confine
5 ore

Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore

In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
6 ore

Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito

La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Italia
9 ore

Cambia il decreto rave, escluse le manifestazioni

Non muta invece la pena, che resta da 3 a 6 anni, come restano possibili le intercettazioni, circoscritte alle indagini sull’organizzazione dell’evento
Estero
14 ore

È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin

Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
Video
Italia
15 ore

Frana a Ischia: la vignetta dello scandalo

Intanto è spuntato nelle ultime ore un video che riprende il momento esatto del tragico scoscendimento
Tunisia
15 ore

Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato

All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
16 ore

Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro

I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
25.11.2021 - 21:12

Ricucitura tra Parigi e Londra dopo il naufragio nella Manica

Tre bimbi e una donna incinta tra le vittime. Francia e Gran Bretagna cercano di mettere da parte le polemiche e di avviare una cooperazione.

Ansa, a cura de laRegione
ricucitura-tra-parigi-e-londra-dopo-il-naufragio-nella-manica
Keystone
Fine del viaggio

Parigi – Stop ai viaggi mortali nella Manica. All’indomani del disastro nel braccio di mare che separa Francia e Gran Bretagna, con almeno 27 migranti morti, tra cui tre bambini e una donna incinta, Parigi e Londra cercano di mettere da parte tensioni e scambi d’accuse per evitare che la Manica si trasformi nel secondo cimitero a cielo aperto d’Europa dopo il Mediterraneo.

Da Zagabria, dove si trovava per la sua prima visita ufficiale in Croazia prima di giungere a Roma per la firma del Trattato del Quirinale, Emmanuel Macron è tornato ad esprimere il “cordoglio della nazione rispetto a quelle donne e quegli uomini che hanno perso la vita in mare per fuggire la miseria, l’oppressione politica, l’assenza di libertà. Faremo di tutto per rintracciare e condannare i responsabili che sfruttano la miseria e la sofferenza”, ha assicurato il presidente, invocando una “cooperazione europea più forte” per smantellare le reti di trafficanti.

‘Sforzi congiunti’

A cominciare da quella con la Gran Bretagna, segnata da forti tensioni diplomatiche che ora rischiano di riemergere a causa di una nuova escalation sulla pesca. Nel colloquio telefonico di ieri sera, Macron e il premier britannico Boris Johnson hanno tentato di superare i veleni concordando “sull’urgente necessità di aumentare gli sforzi congiunti per impedire gli attraversamenti e fare tutto il possibile per fermare i trafficanti che mettono a rischio la vita” dei migranti, ha affermato un portavoce di Downing Street.

Intanto, mentre gauche e le associazioni umanitarie come il Secours Catholique invocano un miglioramento della politica di accoglienza della Francia, Parigi ha invitato i ministri incaricati dell’immigrazione del Belgio, della Germania, dei Paesi Bassi e della Gran Bretagna, come anche la Commissione Ue, ad un incontro domenica a Calais. Una riunione, hanno spiegato i servizi del premier Jean Castex, che ha l’obiettivo di “definire le vie e i mezzi di rafforzare la cooperazione di polizia, giudiziaria e umanitaria” ma anche di “lottare più efficacemente contro le reti di passeur”.

Pattugliamenti, respinta l’offerta britannica

“La Francia - ha dichiarato Macron - è un Paese di transito, ci battiamo contro queste reti di trafficanti che sfruttano la miseria, ma dobbiamo per questo migliorare la cooperazione europea”. Parole in linea con quelle della ministra degli Interni britannica, Priti Patel, che ha invocato uno “sforzo internazionale coordinato” ribadendo l’offerta di Londra di pattugliamenti congiunti sulle coste francesi, al momento respinta da Parigi.

Secondo la procura di Lille, le vittime del naufragio sono 17 uomini, sette donne e tre bambini. Due i sopravvissuti recuperati in gravi condizioni di ipotermia. A Calais, altri migranti vicini alle vittime sono sotto shock mentre cinque presunti passeur sono stati fermati. Il dramma è avvenuto a bordo di un long boat, un battello gonfiabile partito da Dunkerque, con a bordo curdi, iracheni, iraniani e afghani che sognavano di raggiungere l’Inghilterra.

Alla tragedia dei migranti si sommano però le tensioni franco-britanniche sulla pesca. Con i pescatori francesi che hanno annunciato per domani il blocco del traffico merci agli accessi di tre porti della Manica e nel tunnel che le passa sotto in segno di protesta per chiedere la concessione rapida da parte di Londra delle licenze di pesca post-Brexit.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved