respingeremo-i-migranti-in-francia-lite-londra-parigi
Keystone
Tensioni diplomatiche attorno agli sbarchi illegali
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 min

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
25 min

Un carro attrezzi per rimuovere... solo le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
LIVE

L’Ucraina teme attacchi da parte della Bielorussia

Sui soldati del battaglione Azov il negoziatore russo chiarisce: ‘Nessuno scambio con l’oligarca Medvedchuk’. Segui il live de laRegione
Estero
54 min

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
1 ora

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
Estero
5 ore

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
Estero
5 ore

Cina e politica ‘zero covid’: l’atout è diventato un handicap

I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.
Estero
5 ore

Ragni consegnati per posta: un mercato senza controllo

L’interesse per gli aracnidi è aumentato durante la pandemia. A causa del commercio illegale molte specie sono a rischio estinzione.
Estero
16 ore

Voli europei, tariffe quasi raddoppiate

Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
speciale ucraina
17 ore

Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’

Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
09.09.2021 - 21:53

‘Respingeremo i migranti in Francia’, lite Londra-Parigi

Polemica sugli sbarchi illegali di migranti che attraversano la Manica. La replica: ‘La Gran Bretagna non violi il diritto, non accettiamo ricatti’

Londra – Salgono i toni del braccio di ferro tra Londra e Parigi sugli sbarchi illegali di migranti attraverso le acque inclementi e talora mortali della Manica: fenomeno in costante aumento nelle ultime settimane in direzione dell'isola, fino a picchi record di quasi mille disperati al giorno, nonostante il giro di vite post Brexit ai confini sbandierato dal governo di Boris Johnson.

Spazientita dall'inefficacia della sorveglianza imputata alle autorità francesi sui flussi, la ministra dell'Interno di Johnson, Priti Patel, responsabile del dossier e falco della compagine Tory, ha lasciato trapelare in queste ore sui media la minaccia dell'adozione di una politica - sia pur selettiva - di respingimento delle imbarcazioni degli scafisti, con il loro carico umano: adombrando la possibilità di rispedirne indietro qualcuna in Francia e magari revocare il contributo britannico da 60 milioni di euro concesso nell'ambito di un accordo bilaterale siglato nel luglio scorso per cofinanziare le spese relative ai controlli in partenza.

‘Tutte le opzioni disponibili’ al vaglio

Minacce che Parigi non ha gradito affatto, rispondendo immediatamente per le rime; e che hanno suscitato critiche e perplessità anche dall'opposizione laburista britannica, come da organizzazioni sindacali secondo le quali i respingimenti in mare sono in realtà un'arma spuntata, pressoché inapplicabile in base alla legislazione vigente.

Fonti dell'Home Office hanno in ogni caso confermato che la questione dei rinvii è stata sottoposta dalla ministra - che ha origini indiane ed è figlia d'immigrati ella stessa - ai consulenti legali del dicastero, in vista di un'ipotetica applicazione della linea dura limitata peraltro a "circostanze molto specifiche e ristrette". Mentre un portavoce di Downing Street ha richiamato più genericamente la volontà di "valutare e sperimentare tutte le opzioni disponibili alla Border Force per fermare le piccole barche che intraprendono questi viaggi, tanto pericolosi quanto inutili"; non senza assicurare che qualunque misura sarà "rispettosa del diritto internazionale e della nostra normativa interna".

Tensioni su tensioni

Sia come sia, la replica di Parigi non si è fatta attendere. La Francia non accetterà "alcuna pratica contraria al diritto del mare, né alcun ricatto finanziario", ha twittato secco il ministro dell'Interno Gérald Darmanin, facendo riferimento al faccia a faccia avuto ieri con Patel a Londra prima d'un vertice ministeriale dei Paesi del G7 a cui per l'Italia ha partecipato la titolare del Viminale, Luciana Lamorgese. "L'impegno della Gran Bretagna va mantenuto: l'ho detto chiaramente alla mia omologa Priti Patel", ha poi aggiunto a proposito del contributo da 60 milioni promesso.

Il contenzioso franco-britannico minaccia di tracimare e di sommarsi a quello che ha già scatenato tensioni da dopo Brexit tra i due alleati sulle limitazioni dei diritti di pesca francesi nel Canale: fino all'invio nei mesi scorsi di due cannoniere della Royal Navy a protezione dell'isola di Guernsey. Tanto più che Boris Johnson, interpellato in prima persona sul tema immigrazione alla Camera dei Comuni, non ha esitato a usare parole di fuoco contro "l'abbietto traffico di esseri umani" nella Manica e "lo sfruttamento "di persone disperate e spaventate" da parte dei "gangster" del mare. Avvertendo che l'obiettivo prioritario di Londra resta quello di "far sì che le imbarcazioni non lascino le coste francesi"; ma con la rivendicazione del diritto ad adottare qualunque "tattica legittima a nostra disposizione" se le partenze a monte "non avranno fine".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran bretagna londra migranti parigi polemica sbarchi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved