ULTIME NOTIZIE Estero
italia
1 ora

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
1 ora

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 ora

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
2 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
2 ore

“La Nato non entrerà nel conflitto”

Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
4 ore

Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto

Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
6 ore

Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti

Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
8 ore

Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia

Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
9 ore

Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa

Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
11 ore

Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi

All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
09.09.2021 - 21:53

‘Respingeremo i migranti in Francia’, lite Londra-Parigi

Polemica sugli sbarchi illegali di migranti che attraversano la Manica. La replica: ‘La Gran Bretagna non violi il diritto, non accettiamo ricatti’

respingeremo-i-migranti-in-francia-lite-londra-parigi
Keystone
Tensioni diplomatiche attorno agli sbarchi illegali

Londra – Salgono i toni del braccio di ferro tra Londra e Parigi sugli sbarchi illegali di migranti attraverso le acque inclementi e talora mortali della Manica: fenomeno in costante aumento nelle ultime settimane in direzione dell'isola, fino a picchi record di quasi mille disperati al giorno, nonostante il giro di vite post Brexit ai confini sbandierato dal governo di Boris Johnson.

Spazientita dall'inefficacia della sorveglianza imputata alle autorità francesi sui flussi, la ministra dell'Interno di Johnson, Priti Patel, responsabile del dossier e falco della compagine Tory, ha lasciato trapelare in queste ore sui media la minaccia dell'adozione di una politica - sia pur selettiva - di respingimento delle imbarcazioni degli scafisti, con il loro carico umano: adombrando la possibilità di rispedirne indietro qualcuna in Francia e magari revocare il contributo britannico da 60 milioni di euro concesso nell'ambito di un accordo bilaterale siglato nel luglio scorso per cofinanziare le spese relative ai controlli in partenza.

‘Tutte le opzioni disponibili’ al vaglio

Minacce che Parigi non ha gradito affatto, rispondendo immediatamente per le rime; e che hanno suscitato critiche e perplessità anche dall'opposizione laburista britannica, come da organizzazioni sindacali secondo le quali i respingimenti in mare sono in realtà un'arma spuntata, pressoché inapplicabile in base alla legislazione vigente.

Fonti dell'Home Office hanno in ogni caso confermato che la questione dei rinvii è stata sottoposta dalla ministra - che ha origini indiane ed è figlia d'immigrati ella stessa - ai consulenti legali del dicastero, in vista di un'ipotetica applicazione della linea dura limitata peraltro a "circostanze molto specifiche e ristrette". Mentre un portavoce di Downing Street ha richiamato più genericamente la volontà di "valutare e sperimentare tutte le opzioni disponibili alla Border Force per fermare le piccole barche che intraprendono questi viaggi, tanto pericolosi quanto inutili"; non senza assicurare che qualunque misura sarà "rispettosa del diritto internazionale e della nostra normativa interna".

Tensioni su tensioni

Sia come sia, la replica di Parigi non si è fatta attendere. La Francia non accetterà "alcuna pratica contraria al diritto del mare, né alcun ricatto finanziario", ha twittato secco il ministro dell'Interno Gérald Darmanin, facendo riferimento al faccia a faccia avuto ieri con Patel a Londra prima d'un vertice ministeriale dei Paesi del G7 a cui per l'Italia ha partecipato la titolare del Viminale, Luciana Lamorgese. "L'impegno della Gran Bretagna va mantenuto: l'ho detto chiaramente alla mia omologa Priti Patel", ha poi aggiunto a proposito del contributo da 60 milioni promesso.

Il contenzioso franco-britannico minaccia di tracimare e di sommarsi a quello che ha già scatenato tensioni da dopo Brexit tra i due alleati sulle limitazioni dei diritti di pesca francesi nel Canale: fino all'invio nei mesi scorsi di due cannoniere della Royal Navy a protezione dell'isola di Guernsey. Tanto più che Boris Johnson, interpellato in prima persona sul tema immigrazione alla Camera dei Comuni, non ha esitato a usare parole di fuoco contro "l'abbietto traffico di esseri umani" nella Manica e "lo sfruttamento "di persone disperate e spaventate" da parte dei "gangster" del mare. Avvertendo che l'obiettivo prioritario di Londra resta quello di "far sì che le imbarcazioni non lascino le coste francesi"; ma con la rivendicazione del diritto ad adottare qualunque "tattica legittima a nostra disposizione" se le partenze a monte "non avranno fine".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved