NJ Devils
2
PHI Flyers
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
BOS Bruins
1
VAN Canucks
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
0
1. tempo
(0-0)
haile-selassie-principe-dell-inganno
Bissiri-Selassié con una della figlie nel servizio di Oggi (Oggi)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Barbados diventa Repubblica e rimpiazza Elisabetta

Il 30 novembre, a 50 anni dall’indipendenza dal Regno Unito, s’insedierà la prima presidente. Alla cerimonia parteciperà anche il principe Carlo.
coronavirus
5 ore

Avanza la variante Omicron, un caso sospetto in Svizzera

Gli esperti: ‘Più contagiosa, ma meno pericolosa’. Israele chiude i confini e aumentano i casi rilevati in Europa
Estero
5 ore

Frontex, sorvoli per evitare altri morti nella Manica

Vertice sui migranti senza il Regno Unito, ma Parigi tende la mano: ‘Lavoriamo tutti assieme’
stati uniti
6 ore

Spara col fucile per gioco e uccide l’amico di 5 anni

A premere il grilletto un ragazzino di appena 13 anni, portato in carcere dalla polizia. Aumentano le vendite di armi negli Usa
Estero
11 ore

Moderna: se necessario, un nuovo vaccino pronto a inizio 2022

La casa farmaceutica precisa che serviranno circa due settimane per un’idea precisa sull’efficacia dei vaccini contro la variante Omicron
Estero
14 ore

Repubblica Ceca, Petr Fiala è il nuovo premier

Il nuovo governo dovrebbe avere 18 ministri dei cinque partiti che a novembre hanno firmato l’accordo di coalizione
Estero
15 ore

Ripartono domani a Vienna i colloqui con l’Iran sul nucleare

Pochi giorni fa Teheran aveva ribadito di non voler rinunciare al proprio programma. Il clima prevalente è di generale pessimismo
Estero
15 ore

Serbia, bagno di folla per Vucic alla convention del suo partito

In un clima elettrizzato, con cori da stadio e sventolio di vessilli, il presidente ha sfoderato alcuni elementi del suo repertorio nazionalpatriottico
Estero
15 ore

‘Omicron dà sintomi lievi’

Così si è espressa Angelique Coetzee, presidente della Associazione dei medici del Sudafrica
Estero
17 ore

Omicron, Israele chiude le sue frontiere

Il primo ministro Naftali Bennett: ‘La priorità assoluta ora è mantenere un’economia funzionante e un sistema scolastico attivo’
Estero
1 gior

Test molecolare e isolamento per chi entra in Gb

Lo ha detto il premier Boris Johnson, il quale ha anche dichiarato che sarà introdotto l’obbligo della mascherina nei negozi e sui trasporti pubblici
Estero
1 gior

Il popolo saharawi in cerca della libertà

Dopo 30 anni di negoziati infruttosi, il conflitto ha ripreso nel Sahara occidentale. Intervista a Omeima Abdeslam dl Fronte Polisario
Estero
1 gior

Moderna, booster con dose più alta per Omicron

L’azienda farmaceutica annuncia di avere in corso di test uno specifico vaccino contro la nuova variante
Estero
1 gior

Primi due casi di variante Omicron rilevati in Inghilterra

Sono stati segnalati a Nottingham e a Chelmsford, nell’Essex. Entrambi i positivi si stanno autoisolando insieme alle loro famiglie
Estero
1 gior

Russia, 60 persone ancora ricoverate dopo l’incidente in miniera

Secondo il ministero della salute russo, le condizioni di quattro pazienti sono stimate come gravi
Estero
1 gior

Omicron, caso sospetto in Germania

“La variante è già arrivata, con grande probabilità”, ha scritto su Twitter Kai Klose ministro degli affari sociali nell’Assia
Estero
1 gior

Sudafrica: ‘puniti per aver scoperto la variante’

Così si esprime il governo del Paese in merito alla chiusura delle frontiere. “L’eccellenza scientifica dovrebbe essere applaudita”
Estero
1 gior

Italia, i No Pass lanciano gli ‘Home bar’

Sono le case dei cittadini che si organizzano con gli amici per bere o mangiare qualcosa come se si fossero al ristorante
Estero
1 gior

A Milano da oggi obbligo mascherina in centro

L’ordinanza sarà in vigore per il periodo delle feste natalizie fino al 31 dicembre, tutti i giorni, dalle 10 alle 22
Estero
01.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 09:24

Hailé Selassié, principe dell’inganno

Figlio di un giardiniere del re etiope si spacciava per erede al trono. Denunciato da tre ticinesi per truffa è il papà di tre concorrenti del GF Vip

Il principe cerca rogne. E le trova pure. Anche perché non sarebbe un principe. Lo ha fatto credere a tutti a tal punto da crederci lui stesso, che è poi il modo migliore di convincere gli altri. Finora gli era sempre andata bene, ma le sue parole e i suoi documenti non hanno convinto la polizia lussemburghese e il tribunale di Lugano. Ora il sedicente principe d’Etiopia Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié dovrà passare almeno i prossimi tre mesi in carcere in compagnia di Giulio Bissiri, cioè se stesso. Questi nomi insieme contengono talmente tante bugie e inganni da far apparire la vicenda un infinito gioco di scatole cinesi, o meglio, etiopi. C’è il raggiro genealogico, la truffa storica, l’imbroglio televisivo, in un mix che sembra una caotica partita a Trivial Pursuit in cui possono coesistere la Repubblica di Weimar, il Rastafarianesimo e il Grande Fratello Vip.

Tom Waits, che non è un altro alias del principe, ma il grande cantautore americano, in “Whistlin’ Past The Graveyard” cantava: “I never told the truth so I can never tell a lie”. Non ho mai detto la verità così non potrò mai dire una bugia.

Giulio Bissiri, a quanto pare, ha iniziato a mischiare le due cose molto presto, da quando frequentava – quello sì – le stanze e soprattutto i giardini del negus Hailé Selassié, l’originale, imperatore d’Etiopia, autoproclamato Re dei Re, Potenza della Trinità e Ras Tafari, incarnazione di Dio sulla Terra per i rastafariani. Bissiri – questo il cognome che compare nel mandato d’arresto del 5 marzo – nato in Etiopia e figlio del giardiniere italiano di Sua Maestà, era talmente benvoluto a corte da mischiarsi spesso con i nipoti di Selassié, di cui era compagno di giochi. Quella contiguità non bastava al piccolo Giulio, che crescendo si mette in testa di diventare uno di loro fino ad assumerne l’identità e firmare lettere e documenti con il nome Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié preceduto – come se non bastasse – dalla sigla H.I.H., Sua Altezza Imperiale.

Inserirsi all’interno di una famiglia potente e numerosa (Selassié aveva sei figli) non è facile, conquistarne la fiducia è difficile, eppure Bissiri comparirebbe come quarto nella linea di successione al potere. Una lista d’attesa al momento inutile, visto che anche il titolare Zera Iacob Amhà Selassié – a oggi – è costretto a sedersi non sul trono ma in panchina. Dal 1991 l’Etiopia è una repubblica democratica e non c’è spazio per una dinastia di imperatori.


Il Negus Hailé Selassié (Keystone)

Il re senza corona è nato nel 1953, Bissiri è del 1956: i due, insomma, erano compagni di giochi nei giardini del Negus, poi ciascuno ha preso la sua strada mentre in Etiopia accadeva di tutto. Hailé Selassié, rientrato dall’esilio nel 1941 dopo gli anni dell’occupazione fascista, era rimasto al potere fino alla guerra civile del 1974. Nella sua lunga vita non ha fatto in tempo a vedere l’omaggio contenuto nell’album “Rastaman Vibration” di Bob Marley, datato 1976, in cui il cantante utilizzò parti di un suo vecchio discorso all’Onu per il testo della canzone “War”.

Deposto dal nuovo governo comunista, Selassié fu ucciso un anno più tardi su ordine del “Negus rosso” Menghistu Hailé Mariàm con un epilogo da dramma teatrale più che da dittatore africano, soffocato con un cuscino. Il suo corpo venne poi sepolto sotto uno dei bagni del palazzo presidenziale e riesumato solo nel 1991 con l’arrivo della democrazia.

La doppia identità

Nel frattempo Bissiri, diventato Sua Altezza Imperiale, scala la gerarchia familiare, come ha spiegato il settimanale italiano Oggi: “Rientrato in Italia ha vissuto il sogno di recuperare l’immenso tesoro del Negus. Fu così che convinse alcuni discendenti legittimi di Hailé Selassié, ormai poveri in canna che vivevano in vari Paesi, a firmargli una delega e a chiudere un occhio sulla sua affermata discendenza dal duca di Harar, secondogenito dell’imperatore. Riuscendo infine a far modificare i suoi documenti”.

Le informazioni su Bissiri restano frammentarie, ci sono alcune interviste in italiano e in inglese in cui talvolta l’interlocutore si rivolge a lui chiamandolo “Vostra Altezza”, testi firmati in cui parla dell’Etiopia e del suo ruolo nella comunità internazionale; su alcuni siti specializzati il suo lungo e regale nome etiope è legato a tre società tutte con sede nel Regno Unito, l’ultima è la Dnknesh Asset Management Limited, attiva dal 2012. Sulla sua pagina Linkedin, l’imprenditore con mire da imperatore si dilunga con un messaggio che mette insieme etica e futuro, mettendo l’accento sulla “grande nazione etiope”, la sua storia millenaria, il suo popolo fiero.


Le tre sorelle nella casa del GF Vip (Grande Fratello)

Se le accuse che l’hanno portato all’arresto dovessero essere comprovate ci sarebbe poco da andare fieri, Bissiri-Selassié avrebbe infatti estorto oltre 10 milioni di franchi a tre facoltosi ticinesi che si erano fidati di un affare che sembra uscito da una sceneggiatura cinematografica: il denaro, infatti, sarebbe servito a finanziarie una fantomatica trattativa che l’uomo sosteneva di avere avviato con lo Stato tedesco per l’incasso di vecchi bond del 1922 emessi per rispettare gli impegni assunti con il Trattato di Versailles dopo la sconfitta nella Prima guerra mondiale.

Una storia, questa dei bond della Repubblica di Weimar, che ogni tanto viene fuori: eppure basta una veloce ricerca su internet per trovare articoli che parlano di goffi tentativi di truffa e dell’impossibilità di trarre guadagni da quei vecchi pezzi di carta. Dopo tre anni di tanti bonifici e pochi risultati, gli svizzeri avrebbero deciso di denunciare l’uomo, che – spiega Oggi – per corroborare la sua storia avrebbe ostentato lussi di ogni tipo. Bugie su bugie su bugie che a forza di stratificarsi hanno seppellito ogni verità.

La notizia dell’arresto dell’uomo è arrivata anche alle figlie Clarissa, Jessica e Lucrezia, vistose concorrenti del Grande Fratello Vip entrate nella casa laureate e principesse e ora spogliate di entrambi i titoli. Smascherate tra le mille polemichette in cui sguazza il programma presentato da Alfonso Signorini, la laurea se l’erano inventata loro, la discendenza nobile l’ha inventata il padre. Non sempre in eredità si lascia un trono.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved