ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
7 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
7 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
16 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
16 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
16 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
16 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
16 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
16 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
17 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
18 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
18 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
19 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
19 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
19 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
19 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
19 ore

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
19 ore

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
Ticino
20 ore

BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni

I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Bellinzonese
20 ore

Il Coro Alto Ticino in concerto a Faido

Appuntamento per il 10 dicembre alle 17.30 nella chiesa dei Frati Cappuccini
Ticino
20 ore

Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni

Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
laR
 
28.09.2022 - 19:11
Aggiornamento: 29.09.2022 - 12:38

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni

un-principe-poco-da-favola-di-un-regno-di-bugie
L’uomo con una delle figlie gieffine

C’era una volta un principe, ma non uno delle favole. L’unico elemento in comune con la narrativa favolistica è che di credibile c’è ben poco. Titolo nobiliare compreso. «Uno con il titolo di principe ci nasce e ci muore, come diceva Totò», si è difeso il 66enne con grande serietà.

L’uomo che da oggi, mercoledì, siede al banco degli imputati, dinanzi alla Corte delle assise criminali di Mendrisio in Lugano è infatti è il sedicente principe d’Etiopia Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié, padre delle principessine che hanno partecipato al Grande fratello, per assurdo non quello classico ma quello "Vip". Perlomeno è questo il nome e il titolo che si è autoattribuito, così da riuscire per più di 10 anni, dal 2007 al 2017, a truffare tre imprenditori del Mendrisiotto procacciandosi con l’inganno quasi 13 milioni di franchi.

In carcere da ottobre 2021, il 66enne è chiamato a rispondere in aula penale alle accuse di truffa per mestiere e falsità ripetuta di documenti. Per la pubblica accusa, rappresentata dalla procuratrice Chiara Borelli, valgono una pena di 7 anni di carcere e 10 di espulsione. La sentenza sarà pronunciata domani, giovedì, dal presidente della Corte, il giudice Amos Pagnamenta. Giovedì prenderà la parola anche l’avvocato della difesa Andrea Minesso.

Una storia vecchia cent’anni

È una storia che, come ha ricordato la procuratrice pubblica Chiara Borelli, «è già passata da queste aule circa 100 anni fa quando compariva il principe Tewanna Ray, detto anche ‘cervo bianco’, che dopo aver peregrinato in Europa arrivò fino in Ticino attribuendosi false qualità e titoli e millantando onorificenze, di aver conosciuto il duce e il papa, di aver territori gonfi di petrolio e di essere in attesa di un’importante eredità». Una storia che si ripete quindi. «Oggi – ha proseguito la pp durante la requisitoria –, non c’è la causa del popolo dei pellerossa ma di quello etiope. Non ci sono terreni ricchi di petrolio ma una transazione di 178 miliardi di dollari in attesa di essere ricevuta». La trama è più complessa e articolata, composta da centinaia di documenti falsi con lo scopo d’ingannare le sue vittime.

La vera identità nascosta

L’imputato sarebbe in realtà nato sì, in Etiopia, ma dal giardiniere italiano di Sua Maestà il negus Hailé Selassié. Benvoluto a corte è riuscito a mischiarsi spesso con i nipoti del re, di cui era compagno di giochi. Il suo alias, o meglio il suo vero nome è Giulio Bissiri. «Sappiamo che delle origini imperiali c’è tutto e il contrario di tutto. L’unico dato concreto è l’esistenza di un documento ufficiale che attesta che Benjamino Bissiri è il padre di Giulio», ha concluso la procuratrice pubblica.

Un sogno per sé, un incubo per gli altri

Il piccolo Giulio, cresciuto nell’ombra della ricchezza dell’imperatore d’Etiopia, a un certo punto si è immedesimato così bene nella vita dei regnanti da credersi lui stesso un discendente imperiale. Da bambini, si sa, è bello divertirsi coi giochi di ruolo, ma Giulio, a questi giochi non ha mai saputo rinunciare. Non si è spogliato di quella finzione, non durante tutti gli anni in cui ha saputo raggirare le sue vittime, e neanche oggi in aula penale di fronte alla Corte. Il giovane ambizioso Giulio vuole diventare uno degli eredi al trono tanto da assumerne l’identità e firmare lettere e documenti con il nome Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié preceduto dalla sigla H.I.H., Sua Altezza Imperiale.

Tre vittime del Mendrisiotto

A essere caduti nella trappola del furbo predatore sono stati tre grossi imprenditori del Mendrisiotto. Il primo, un fiduciario con una carriera ben avviata, è stato avvicinato nel lontano 1997 da Bissiri attraverso alcune conoscenze della vittima, il quale si è presentato – senza alcuno scrupolo né vergogna – come il discendente legittimo dell’ultimo imperatore etiope e guadagnandosi la sua fiducia per oltre vent’anni. A proposito di questo primo uomo, l’imputato ha affermato: «Gli voglio bene comunque, nonostante mi abbia denunciato e mandato in galera».

In che modo? Affermando di essere detentore di gold bonds dal valore di 178 miliardi di dollari. Uno stratagemma quello dei bond della Repubblica di Weimar nota alle cronache: eppure basta una veloce ricerca su internet per capire che si tratta di un goffo tentativo di truffa e che risulta impossibile trarre guadagni da quei vecchi pezzi di carta.

Lo stesso modus operandi Bissiri-Sellasié lo ha adottato e utilizzato nei rapporti con le altre due vittime, conosciute nel 2011 e 2013. Questa volta però anche il rapporto di amicizia e affari con il fiduciario ticinese – che ha dedicato un caveau intero ai documenti riservati del principe – ha contribuito alla riuscita del suo piano malefico. E così, nell’arco di più di dieci anni, il mitomane Bissiri sarebbe riuscito a farsi versare quasi 13 milioni di franchi. «Erano tutti ammaliati da questa figura – ha raccontato la pp – e grazie ai suoi meccanismi da ‘castello di bugie’ riusciva a tenersi accanto le persone».

Un, due, tre truffa

Il castello è poi crollato fino a diventare polvere di bugiardaggine quando i tre imprenditori ticinesi hanno deciso di denunciarlo. Ma prima di arrivare a prendere questa decisione è passata tanta acqua sotto ai ponti. Tutti e tre hanno ceduto al fascino delle origini principesche dell’uomo e sono caduti nella sua tela. «Neanche il più astuto ragno sarebbe riuscito a tessere una tela così fine», ha dichiarato il legale di uno degli accusatori privati, l’avvocato Pascal Delprete.

«A sentire oggi ‘Makonnen’ – ha ribadito Luigi Mattei patrocinatore privato del fiduciario – con tutte le cose che raccontava e il modo in cui ha risposto, è evidente che ciò che racconta non sta né in cielo né in terra. Sorge spontanea quindi la domanda: come hanno fatto tutte queste persone a credere a quanto diceva? Perché quando ‘Makonnen’ era ben altra persona. Giocava molto sulla presunta discendenza imperiale, e si presentava con alterigia, tanto che in Etiopia la gente gli si inchinava davanti». A rimarcare l’abilità del presunto principe è stato anche il terzo avvocato Sascha Schlub: «Io stesso ispezionando i documenti giustificativi ho potuto constatare quanto fossero ben fatti».

Mattei: ‘Niente di più machiavellico’

Più avanti, oltre alle scuse e ai documenti falsi per giustificare il ritardo nell’incasso dei gold bonds, Bissiri distribuisce alle sue vittime altre menzogne. Questa volta legate al suo stato di salute precario, arrivando pure a minacciare di togliersi la vita. E ancora gli venivano quindi versati dei soldi. Finché poi tutti e tre lo hanno smascherato con l’aiuto dei loro legali.

La perla finale del principe

Oltre alla condanna, adesso il sedicente principe rischia anche l’espulsione dal territorio elvetico. Il 66enne ha risposto che la accetta. Ha aggiunto poi però un commento che ben dimostra la sua percezione distorta della realtà: «Se lo Stato etiope dovesse però darmi un incarico istituzionale, saranno poi i governi a dover trattare per il mio impiego diplomatico».

Leggi anche:

Hailé Selassié, principe dell’inganno

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved