il-giorno-nero-della-democrazia-usa-e-le-sue-conseguenze
Tra golpe e operetta (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
4 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
4 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
9 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
10 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
11 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
20 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
21 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
22 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
1 gior

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
1 gior

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
1 gior

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
1 gior

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
1 gior

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
1 gior

Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran

Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
1 gior

Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni

Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
1 gior

L’Austria dice addio alle mascherine

Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
1 gior

YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa

Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
Speciale Ucraina
1 gior

L‘Ue accusa: ’Ci sono prove che la Russia ruba il grano ucraino’

Kiev non esclude la possibilità di scambiare, in futuro, il soldato condannato all’ergastolo. Segui il live de laRegione
la guerra in ucraina
1 gior

La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti

Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e antisemiti fanno proseliti su Telegram
oms
1 gior

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
laR
 
08.01.2021 - 06:05
Aggiornamento : 11:37

Il ‘giorno nero’ della democrazia Usa e le sue conseguenze

Cos’è successo davvero? Perché? E adesso cosa capiterà? Lo chiediamo a Francesco Costa, vicedirettore del ‘Post’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Lo si è già ripetuto fino allo sfinimento: il 6 gennaio 2021 è stato un giorno nero, che difficilmente la politica e la storia Usa dimenticheranno tanto in fretta. La giornata nella quale i Repubblicani del presidente Donald Trump hanno perso in Georgia anche l’ultimo avamposto di potere che gli rimaneva – il Senato – si è conclusa con centinaia di manigoldi sotto la cupola del Congresso, tra scontri e violenze. Eventi che richiederanno anni per essere sdipanati come si deve, ma sui quali è importante riflettere subito.

Lo facciamo con Francesco Costa, vicedirettore del ‘Post’, autore di ‘Questa è l’America’ e del nuovissimo ‘Una storia americana. Joe Biden, Kamala Harris e una nazione da ricostruire’, in libreria dal 19 gennaio.

Su una scala da 1 a 10, quanto ritiene gravi gli episodi di mercoledì per la democrazia americana?

Facciamo 9. Naturalmente potevano accadere cose peggiori, ma non possiamo prendere una guerra civile come pietra di paragone. A essere grave è il fatto che l’invasione violenta del legislativo sia avvenuta in una delle democrazie più grandi e antiche del mondo, uno dei primi Paesi che ha iniziato a trasferire il potere in modo pacifico quando altrove era impensabile. Ora il passaggio viene colpito là dove avviene, da una folla fomentata direttamente dal presidente uscente. Difficile immaginare una crisi istituzionale più profonda.

C’è chi dice che certi fenomeni, più che a Trump, siano dovuti agli effetti della disperazione economica esacerbata dalla pandemia.

Naturalmente sul lungo periodo ci sono molti fattori che entrano in gioco. Non si deve però dimenticare che chi mercoledì ha attaccato il Congresso non costituiva uno spaccato fedele di quell’America, ma un gruppo minoritario di estremisti sobillati da Trump e da una parte significativa del partito repubblicano.

Chi sono questi estremisti?

Intanto va ricordato che l’America ha una lunga storia di milizie estremiste. Scaturiscono dal tessuto stesso di una società estremamente variegata, sparpagliata su un territorio molto ampio. Questo aiuta a spiegare l’emergere di sette come Qanon, gente che crede nell’esistenza di una congiura di satanisti, cannibali e pedofili coordinata dai Democratici. Cose che viste da qui magari ci fanno ridere e che esistevano già, ma che hanno trovato in Trump il loro rappresentante nelle istituzioni e, come abbiamo visto ieri, il loro detonatore.

Si è trattato di un attacco spontaneo o pianificato?

Bastava dare una scorsa ai social media nei giorni scorsi per capire che c’era un certo grado di pianificazione. D’altronde, un gesto simbolico di sfida al Congresso ritenuto corrotto è da anni nell’immaginario di certe frange. Non credo si possa attribuire tale pianificazione a Trump, che però sperava di avvantaggiarsene: già nelle settimane scorse alcuni suoi collaboratori avevano evocato scenari come la legge marziale per riaffermarne la forza.

Ma allora perché la polizia si è fatta prendere alla sprovvista? Di solito in America si finisce col naso sul marciapiede per molto meno.

Di questo penso che si discuterà per mesi, ed è ancora presto per trarre conclusioni. Ma si possono fare delle ipotesi. C’è chi ritiene che la polizia non volesse intervenire per evitare morti e feriti; però è anche vero che un’operazione che costringe i parlamentari a scappare e barricarsi negli uffici non si può certo dire riuscita. C’è anche chi fa notare lo scarso equipaggiamento e il numero esiguo di agenti, un problema aggravato dalla particolarità di Washington: non essendoci un governatore, anche la mobilitazione della Guardia nazionale a protezione delle istituzioni diventa laboriosa, tanto che mercoledì è intervenuta prima quella della Virginia. Peraltro Trump stesso si è opposto al suo dispiegamento, voluto invece dal vicepresidente: quindi non si può escludere anche una responsabilità di tipo politico. Infine, magari a livello di ranghi più bassi, va ricordato che la polizia ama molto Trump, e forse non tutti gli agenti erano così ostili ai motivi della protesta.

E se a manifestare fosse stato ‘Black Lives Matter’?

Per rispondere basta guardare cosa successe quando marciarono a Washington quest’estate: poliziotti in tenuta antisommossa e Guardia nazionale sui gradini di Capitol Hill, cariche sui manifestanti quando Trump si presentò provocatoriamente davanti alla Casa Bianca con una Bibbia in mano. Nella capitale e altrove – Portland, New York, Minneapolis – abbiamo visto che la mano delle forze dell’ordine è stata molto più pesante. Non è una novità che gli afroamericani subiscano maggiore violenza dalle autorità.

Finora il partito repubblicano ha cercato di cavalcare l’onda della popolarità di Trump. E adesso?

Sarà difficile anche per loro elaborare questo trauma, arrivato al culmine della giornata nella quale hanno perso ogni potere. Molti di loro, eredi di altre esperienze radicali come il Tea Party, hanno trovato in Trump un alleato; ed è pur vero che il sistema elettorale americano tende a incoraggiare un certo estremismo. D’altro canto mai come ora il partito dovrà fare un bilancio di questi anni, che evidentemente non sarà positivo. Se poi sceglierà di voltare le spalle a questi trascorsi dipenderà anche da variabili esterne, come la situazione sanitaria ed economica. In ogni caso, direi che è arrivato il momento della verità.

Cosa capiterà a Trump? Possiamo aspettarci che sia destituito anzitempo per ‘incapacità’ dal vicepresidente Mike Pence, impugnando il 25esimo emendamento, o sottoposto a impeachment? Subirà conseguenze legali?

Essendo tutto inedito è difficile fare previsioni. A pochi giorni dal passaggio delle consegne a Biden, credo che la prospettiva più realistica sia la creazione di un cordone sanitario più o meno robusto attorno a Trump, peraltro già bandito dai social network. Le altre ipotesi – dal 25esimo emendamento al fatto di perseguire il presidente per istigazione alla violenza – saranno certamente dibattute con forza dai Democratici; difficile però dire con quali prospettive. La decisione finale spetterà verosimilmente al Dipartimento della giustizia di Biden.

Il New York Times si chiedeva ieri se quanto accaduto segnerà ‘l’inizio della discesa in un’epoca ancora più buia’ oppure ‘la fine di tale epoca’.

È una previsione complessa. Volendo sposare il proverbiale ottimismo americano, mi auguro che la metabolizzazione di questi episodi coincida con la progressiva uscita dalla pandemia e quindi anche dalla crisi economica: in questo caso potrebbe crearsi un clima più disteso, favorevole a una ripartenza all’insegna del dialogo, dopo almeno vent’anni di logoramento della democrazia e della classe dirigente politica americana.

Leggi anche:

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Trump minaccia di invadere gli Stati Uniti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biden congresso usa francesco costa trump usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved