il-giorno-nero-della-democrazia-usa-e-le-sue-conseguenze
Tra golpe e operetta (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
12 ore

Wojtyla, 40 anni fa l'attentato in Piazza San Pietro

Ali Agca sparò due colpi contro il Pontefice, che venne sottoposto a un'operazione di cinque ore e mezza e riuscì a sopravvivere
Estero
15 ore

"Ridurre diseguaglianze e combattere esclusione sociale"

Sono alcuni tra gli aspetti principali della dichiarazione dei leader Ue sul pilastro sociale adottata stamani
Estero
17 ore

Brexit, 30 cittadini Ue detenuti alla frontiera nel 2021

Avevano tentato di entrare nel Paese per lavoro senza avere il visto necessario o lo status di residenza previsto dallo 'EU Settlement Scheme'
Estero
17 ore

Stadio razzo cinese fotografato nel cielo di Roma

L'astrofisico Gianluca Masi: "L'osservazione era possibile agilmente a occhio nudo"
Estero
18 ore

Covid, in India superata soglia dei 4mila morti in un giorno

Da inizio pandemia sono 238'270 le vittime nel paese a causa del Coronavirus. Nelle ultime 24 ore si registrano 401'078 nuovi casi
Estero
1 gior

L'Europa boccia Biden sui brevetti

Secondo i 27 dell'Ue il problema sta nella produzione, non nella libertà della proprietà intellettuale
Estero
1 gior

Johnson espugna un fortino dei laburisti

I Labour faticano nelle elezioni locali e avanzano i tories del primo ministro in carica. In attesa del voto in Scozia
Estero
1 gior

In aula a Bologna i conti svizzeri di Licio Gelli

Nel nuovo processo sulla strage in stazione del 1980 ricostruiti i flussi di denaro dell'ex capo della P2
Estero
1 gior

Colombia nel caos: ‘Saccheggi ed esecuzioni in strada’

Il bilancio è di 24 morti dopo le proteste per la riforma fiscale che avrebbe sfavorito le classi più povere. ‘Nei negozi manca perfino il latte’
Confine
1 gior

Calano i contagi da Covid-19 a Como. Ma le misure restano

Nel fine settimana in centro stabiliti dei circuiti pedonali a senso unico e posto il divieto di transito per i veicoli
Estero
1 gior

Stati Uniti: una ragazza spara in una scuola, tre feriti

Si tratta di una giovane di prima media, non è ancora chiaro il motivo del gesto
Estero
2 gior

Nella Manica navi da guerra inglesi contro i pescatori francesi

Una diversa interpretazione delle regole marittime dell'accordo Brexit nell'isola di Jersey crea un'escalation tra Londra e Parigi. Ora via alla diplomazia
Estero
2 gior

La South Carolina rispolvera il plotone di esecuzione

Una legge prevede che mancanza del mix di farmaci per l'iniezione letale il condannato possa scegliere oltre alla sedia elettrica (prevista) anche la fucilazione.
Estero
2 gior

Spari a pescherecci italiani, un ferito, ma la Libia nega

I colpi sparati da una motovedetta militare libica verso il peschereccio 'Aliseo'. La marina libica: 'solo colpi di avvertimento in aria'
Estero
2 gior

Scontri in Colombia: 24 morti nelle proteste

Ottavo giorno di mobilitazione in tutto il Paese. Centri della protesta sono Cali e Bogotà
Estero
2 gior

Case farmaceutiche deluse dalla scelta di Biden sui brevetti

La revoca delle protezioni della proprietà intellettuale per accelerare la produzione di vaccini sarebbe la risposta sbagliata a un problema complesso
Estero
2 gior

Il Belgio sposta una pietra e ‘invade’ la Francia

Un cippo che indica il confine è stato riposizionato 2,29 metri più in là. Un caso che scomoda perfino Napoleone, morto il 5 maggio di 200 anni fa
Estero
3 gior

Usa: “Togliamo le protezioni sui brevetti dei vaccini”

In questo modo si potrebbe accelerare la produzione e la distribuzione delle dosi in tutto il mondo
Estero
3 gior

Iniziati a Parigi i processi agli ex terroristi rossi

Parla Marina Petrella: "Siamo alla fine, dolore per tutte le vittime. Ho vissuto un'intera vita in fuga"
Estero
3 gior

Dopo anni di proteste, mai più Columbus Day a New York

Sarà Italian Heritage Day/Indigenous People's Day. E il nuovo calendario include il Juneteenth, giornata per festeggiare l'emancipazione degli schiavi.
Confine
3 gior

‘Rosa camuna’ a don Roberto, obiettivo 25mila firme

La petizione lanciata da Azione Cattolica chiede a Regione Lombardia di concedere al sacerdote ucciso la più alta onorificenza regionale
Confine
3 gior

Speranza di vita in Lombardia, 2 anni e mezzo 'rubati' dal Covid

A Como il calo medio dell'aspettativa di vita è di 2 anni e 4 mesi, un anno e 8 mesi a Varese. A livello nazionale si vive mediamente un anno e 2 mesi in meno
Estero
08.01.2021 - 06:050
Aggiornamento : 11:37

Il ‘giorno nero’ della democrazia Usa e le sue conseguenze

Cos’è successo davvero? Perché? E adesso cosa capiterà? Lo chiediamo a Francesco Costa, vicedirettore del ‘Post’

Lo si è già ripetuto fino allo sfinimento: il 6 gennaio 2021 è stato un giorno nero, che difficilmente la politica e la storia Usa dimenticheranno tanto in fretta. La giornata nella quale i Repubblicani del presidente Donald Trump hanno perso in Georgia anche l’ultimo avamposto di potere che gli rimaneva – il Senato – si è conclusa con centinaia di manigoldi sotto la cupola del Congresso, tra scontri e violenze. Eventi che richiederanno anni per essere sdipanati come si deve, ma sui quali è importante riflettere subito.

Lo facciamo con Francesco Costa, vicedirettore del ‘Post’, autore di ‘Questa è l’America’ e del nuovissimo ‘Una storia americana. Joe Biden, Kamala Harris e una nazione da ricostruire’, in libreria dal 19 gennaio.

Su una scala da 1 a 10, quanto ritiene gravi gli episodi di mercoledì per la democrazia americana?

Facciamo 9. Naturalmente potevano accadere cose peggiori, ma non possiamo prendere una guerra civile come pietra di paragone. A essere grave è il fatto che l’invasione violenta del legislativo sia avvenuta in una delle democrazie più grandi e antiche del mondo, uno dei primi Paesi che ha iniziato a trasferire il potere in modo pacifico quando altrove era impensabile. Ora il passaggio viene colpito là dove avviene, da una folla fomentata direttamente dal presidente uscente. Difficile immaginare una crisi istituzionale più profonda.

C’è chi dice che certi fenomeni, più che a Trump, siano dovuti agli effetti della disperazione economica esacerbata dalla pandemia.

Naturalmente sul lungo periodo ci sono molti fattori che entrano in gioco. Non si deve però dimenticare che chi mercoledì ha attaccato il Congresso non costituiva uno spaccato fedele di quell’America, ma un gruppo minoritario di estremisti sobillati da Trump e da una parte significativa del partito repubblicano.

Chi sono questi estremisti?

Intanto va ricordato che l’America ha una lunga storia di milizie estremiste. Scaturiscono dal tessuto stesso di una società estremamente variegata, sparpagliata su un territorio molto ampio. Questo aiuta a spiegare l’emergere di sette come Qanon, gente che crede nell’esistenza di una congiura di satanisti, cannibali e pedofili coordinata dai Democratici. Cose che viste da qui magari ci fanno ridere e che esistevano già, ma che hanno trovato in Trump il loro rappresentante nelle istituzioni e, come abbiamo visto ieri, il loro detonatore.

Si è trattato di un attacco spontaneo o pianificato?

Bastava dare una scorsa ai social media nei giorni scorsi per capire che c’era un certo grado di pianificazione. D’altronde, un gesto simbolico di sfida al Congresso ritenuto corrotto è da anni nell’immaginario di certe frange. Non credo si possa attribuire tale pianificazione a Trump, che però sperava di avvantaggiarsene: già nelle settimane scorse alcuni suoi collaboratori avevano evocato scenari come la legge marziale per riaffermarne la forza.

Ma allora perché la polizia si è fatta prendere alla sprovvista? Di solito in America si finisce col naso sul marciapiede per molto meno.

Di questo penso che si discuterà per mesi, ed è ancora presto per trarre conclusioni. Ma si possono fare delle ipotesi. C’è chi ritiene che la polizia non volesse intervenire per evitare morti e feriti; però è anche vero che un’operazione che costringe i parlamentari a scappare e barricarsi negli uffici non si può certo dire riuscita. C’è anche chi fa notare lo scarso equipaggiamento e il numero esiguo di agenti, un problema aggravato dalla particolarità di Washington: non essendoci un governatore, anche la mobilitazione della Guardia nazionale a protezione delle istituzioni diventa laboriosa, tanto che mercoledì è intervenuta prima quella della Virginia. Peraltro Trump stesso si è opposto al suo dispiegamento, voluto invece dal vicepresidente: quindi non si può escludere anche una responsabilità di tipo politico. Infine, magari a livello di ranghi più bassi, va ricordato che la polizia ama molto Trump, e forse non tutti gli agenti erano così ostili ai motivi della protesta.

E se a manifestare fosse stato ‘Black Lives Matter’?

Per rispondere basta guardare cosa successe quando marciarono a Washington quest’estate: poliziotti in tenuta antisommossa e Guardia nazionale sui gradini di Capitol Hill, cariche sui manifestanti quando Trump si presentò provocatoriamente davanti alla Casa Bianca con una Bibbia in mano. Nella capitale e altrove – Portland, New York, Minneapolis – abbiamo visto che la mano delle forze dell’ordine è stata molto più pesante. Non è una novità che gli afroamericani subiscano maggiore violenza dalle autorità.

Finora il partito repubblicano ha cercato di cavalcare l’onda della popolarità di Trump. E adesso?

Sarà difficile anche per loro elaborare questo trauma, arrivato al culmine della giornata nella quale hanno perso ogni potere. Molti di loro, eredi di altre esperienze radicali come il Tea Party, hanno trovato in Trump un alleato; ed è pur vero che il sistema elettorale americano tende a incoraggiare un certo estremismo. D’altro canto mai come ora il partito dovrà fare un bilancio di questi anni, che evidentemente non sarà positivo. Se poi sceglierà di voltare le spalle a questi trascorsi dipenderà anche da variabili esterne, come la situazione sanitaria ed economica. In ogni caso, direi che è arrivato il momento della verità.

Cosa capiterà a Trump? Possiamo aspettarci che sia destituito anzitempo per ‘incapacità’ dal vicepresidente Mike Pence, impugnando il 25esimo emendamento, o sottoposto a impeachment? Subirà conseguenze legali?

Essendo tutto inedito è difficile fare previsioni. A pochi giorni dal passaggio delle consegne a Biden, credo che la prospettiva più realistica sia la creazione di un cordone sanitario più o meno robusto attorno a Trump, peraltro già bandito dai social network. Le altre ipotesi – dal 25esimo emendamento al fatto di perseguire il presidente per istigazione alla violenza – saranno certamente dibattute con forza dai Democratici; difficile però dire con quali prospettive. La decisione finale spetterà verosimilmente al Dipartimento della giustizia di Biden.

Il New York Times si chiedeva ieri se quanto accaduto segnerà ‘l’inizio della discesa in un’epoca ancora più buia’ oppure ‘la fine di tale epoca’.

È una previsione complessa. Volendo sposare il proverbiale ottimismo americano, mi auguro che la metabolizzazione di questi episodi coincida con la progressiva uscita dalla pandemia e quindi anche dalla crisi economica: in questo caso potrebbe crearsi un clima più disteso, favorevole a una ripartenza all’insegna del dialogo, dopo almeno vent’anni di logoramento della democrazia e della classe dirigente politica americana.

© Regiopress, All rights reserved