finisce-cosi-quando-alla-casa-bianca-hai-un-teppista
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
2 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
3 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
4 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
4 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
5 gior

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
6 gior

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
07.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 08:16

Finisce così, quando alla Casa Bianca hai un teppista

I disordini di ieri sono il botto finale di un incosciente che non accetta di andarsene senza colpi bassi. Per fortuna in Georgia va molto meglio

Alla fine doveva succedere. Era troppo sperare che l’ostinazione di Donald Trump nel negare la sconfitta potesse limitarsi ai toni del patetico, fino all’ora di prenderlo sottobraccio sussurrandogli “dai, adesso basta, usciamo”. Il Commander-in-chief cercava il botto finale, e ieri lo ha avuto, con una Washington scossa dai disordini, tra morti, feriti e occupazione del Congresso. Un risultato fomentato pochi minuti prima dallo stesso presidente uscente, con un comizio nel quale ha ribadito con sfacciata incoscienza “non ci arrenderemo mai”, “fermate il furto”.

Siamo agli ultimi atti, brutali, di un attacco frontale a tutte le regole della democrazia americana. La dimostrazione del fatto che il primo teppista è quello barricato nello Studio Ovale. La conseguenza di mesi di balle e fiele, già coronati dalla surreale telefonata con la quale chiedeva alle autorità della Georgia di truccare il voto di novembre. Purtroppo una parte d’America molto grande continua a dargli retta (d’altronde, perfino dalle nostre parti si vedono politici che sui social lo difendono e rimestano patetiche teorie del complotto). Il rischio, oltre a una violenza che si spera temporanea, è che l’ombra di Trump continui a oscurare le menti del partito repubblicano, a dettarne la linea politica. Come ha ricordato ieri il sempre lucido storico Mario Del Pero, “l’ipoteca di Trump sui repubblicani è a tutti gli effetti un’ipoteca sulla democrazia statunitense”.

Per fortuna, in Georgia il trucco non ha funzionato. Anzi. Trump ha spaccato l’elettorato con le sue intimidazioni, alienandosi probabilmente molti elettori che al primo turno avevano espresso un voto disgiunto: Biden per la Casa Bianca, i Repubblicani al Senato. Con le sue dichiarazioni ha messo in imbarazzo perfino due fedelissimi galoppini, pronti peraltro a combattere senza regole (hanno accusato gli avversari di essere estremisti di sinistra e perfino molestatori di bambini). Un’anteprima di quella che potrebbe diventare un’aspra lotta interna al partito fra trumpiani e non.

Per contro, quello Democratico è un successo storico, con la conquista di entrambi i seggi e il Senato che passa in mano democratica, seppure solo grazie alla vicepresidente Kamala Harris che potrà fare da ago della bilancia. Spicca in particolare la vittoria di Raphael Warnock, primo senatore democratico afroamericano eletto nella Confederacy, incarnazione di quell’avanguardia politica che spesso si è formata in parrocchie come la sua: la Ebenezer Baptist Church di Atlanta, la stessa di Martin Luther King.

Ironia della sorte. Mentre Washington si riempiva della peggiore ultradestra bianca, dal vecchio Sud arrivava il segno d’un cambiamento in senso progressista. Di una società più variegata e tollerante, proprio là dove fino a qualche decennio fa i Democratici – o meglio, i Dixiecrats – erano ancor più razzisti e segregazionisti dei loro rivali. Viene da sperare che sia il primo di molti cambiamenti a venire.

Ora Joe Biden potrebbe riuscire a governare con maggiore agio, ma non sarà comunque facile. Al di là della tribalizzazione crescente della politica politicante, i fatti di ieri dimostrano che spaccature anche peggiori segnano l’America al di fuori della Beltway di Washington: crepe sociali e identitarie per le quali non basterà lo stucco di una risicata maggioranza al Senato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casa bianca disordini georgia trump
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved