laRegione
finisce-cosi-quando-alla-casa-bianca-hai-un-teppista
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
Commento
07.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 08:16

Finisce così, quando alla Casa Bianca hai un teppista

I disordini di ieri sono il botto finale di un incosciente che non accetta di andarsene senza colpi bassi. Per fortuna in Georgia va molto meglio

Alla fine doveva succedere. Era troppo sperare che l’ostinazione di Donald Trump nel negare la sconfitta potesse limitarsi ai toni del patetico, fino all’ora di prenderlo sottobraccio sussurrandogli “dai, adesso basta, usciamo”. Il Commander-in-chief cercava il botto finale, e ieri lo ha avuto, con una Washington scossa dai disordini, tra morti, feriti e occupazione del Congresso. Un risultato fomentato pochi minuti prima dallo stesso presidente uscente, con un comizio nel quale ha ribadito con sfacciata incoscienza “non ci arrenderemo mai”, “fermate il furto”.

Siamo agli ultimi atti, brutali, di un attacco frontale a tutte le regole della democrazia americana. La dimostrazione del fatto che il primo teppista è quello barricato nello Studio Ovale. La conseguenza di mesi di balle e fiele, già coronati dalla surreale telefonata con la quale chiedeva alle autorità della Georgia di truccare il voto di novembre. Purtroppo una parte d’America molto grande continua a dargli retta (d’altronde, perfino dalle nostre parti si vedono politici che sui social lo difendono e rimestano patetiche teorie del complotto). Il rischio, oltre a una violenza che si spera temporanea, è che l’ombra di Trump continui a oscurare le menti del partito repubblicano, a dettarne la linea politica. Come ha ricordato ieri il sempre lucido storico Mario Del Pero, “l’ipoteca di Trump sui repubblicani è a tutti gli effetti un’ipoteca sulla democrazia statunitense”.

Per fortuna, in Georgia il trucco non ha funzionato. Anzi. Trump ha spaccato l’elettorato con le sue intimidazioni, alienandosi probabilmente molti elettori che al primo turno avevano espresso un voto disgiunto: Biden per la Casa Bianca, i Repubblicani al Senato. Con le sue dichiarazioni ha messo in imbarazzo perfino due fedelissimi galoppini, pronti peraltro a combattere senza regole (hanno accusato gli avversari di essere estremisti di sinistra e perfino molestatori di bambini). Un’anteprima di quella che potrebbe diventare un’aspra lotta interna al partito fra trumpiani e non.

Per contro, quello Democratico è un successo storico, con la conquista di entrambi i seggi e il Senato che passa in mano democratica, seppure solo grazie alla vicepresidente Kamala Harris che potrà fare da ago della bilancia. Spicca in particolare la vittoria di Raphael Warnock, primo senatore democratico afroamericano eletto nella Confederacy, incarnazione di quell’avanguardia politica che spesso si è formata in parrocchie come la sua: la Ebenezer Baptist Church di Atlanta, la stessa di Martin Luther King.

Ironia della sorte. Mentre Washington si riempiva della peggiore ultradestra bianca, dal vecchio Sud arrivava il segno d’un cambiamento in senso progressista. Di una società più variegata e tollerante, proprio là dove fino a qualche decennio fa i Democratici – o meglio, i Dixiecrats – erano ancor più razzisti e segregazionisti dei loro rivali. Viene da sperare che sia il primo di molti cambiamenti a venire.

Ora Joe Biden potrebbe riuscire a governare con maggiore agio, ma non sarà comunque facile. Al di là della tribalizzazione crescente della politica politicante, i fatti di ieri dimostrano che spaccature anche peggiori segnano l’America al di fuori della Beltway di Washington: crepe sociali e identitarie per le quali non basterà lo stucco di una risicata maggioranza al Senato.

© Regiopress, All rights reserved