trump-minaccia-di-invadere-gli-stati-uniti
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
12 ore

Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi

Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
15 ore

L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti

Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
16 ore

La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto

Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
16 ore

Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto

Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
Confine
17 ore

Schianto a Maccagno, 15enne del Bellinzonese rischia la vita

Un’auto con a bordo una donna e due minorenni è uscita di strada ieri sera. Non sono ancora note le cause dell’incidente
Confine
18 ore

Aumentano i sequestri di valuta alla frontiera

A Brogeda e alla stazione di Chiasso sono stati intercettati oltre 23 milioni di euro. Le violazioni accertate dalla Guardia di finanza sono 663
Estero
20 ore

Onu: la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa da forze israeliane

Questa la conclusione dell’inchiesta delle Nazioni Unite. L’uccisione l’11 maggio scorso durante gli scontri a Jenin (Cisgiordania). Israele nega
Confine
21 ore

Mottarone, slitta a settembre il deposito delle perizie

La proroga per ‘sopravvenute esigenze di ulteriori indagini e approfondimenti’. Dai primi accertamenti rilevati dei componenti che andavano sostituiti
Estero
22 ore

Spagna, iniziato lo sciopero del personale di Ryanair

Secondo il quotidiano El País, per il momento la protesta non sta generando particolari disagi ai viaggiatori
Estero
23 ore

Ritiro da Severodonetsk ordinato alle forze ucraine

Il governatore del Lugansk: ‘Non ha più senso rimanere in posizioni che sono state costantemente bombardate per mesi’
Estero
23 ore

Morte sospetta di tartarughe e delfini al largo del Guatemala

Si ipotizza un inquinamento delle acque. Le autorità hanno aperto un’inchiesta
Estero
23 ore

Ideavano un attentato in Italia, fermati due presunti jihadisti

Il giovane uomo è stato posto agli arresti domiciliari per garantire un percorso di deradicalizzazione
02.06.2020 - 20:56

Trump minaccia di invadere gli Stati Uniti

Il presidente, bibbia in mano, avverte: se i governatori non fermano la rivolta invierò l'esercito

di Ansa/e.f.

Donald Trump è uscito dal bunker con in una mano la Bibba e nell'altra il fucile. D'accordo, il fucile l'avevano, per lui, le centinaia di soldati e poliziotti che blindavano la Casa Bianca dopo avere malmenato i dimostranti più pacifici di questi giorni, ma il significato della provocazione del presidente non muta.

Lungi dal cercare parole di conciliazione (che peraltro sarebbero suonate false, nella sua bocca) Trump è stato un monito durissimo nei confronti dei manifestanti che protestano per l'uccisione dell'afroamericano George Floyd da parte di agenti della polizia di Minneapolis, e contro la violenza razzista della polizia. Decidendo di rivolgere la propria polemica contro saccheggiatori e incendiari, (quasi che la protesta si risolvesse in quelle forme)  Trump ha chiaramente scelto di sfruttare tensione e paura a proprio vantaggio. Di qui l'avvertimento: se i governatori non imporranno l'ordine nei rispettivi stati, ci penserà lui inviando l'esercito. "Io sono il presidente dell'ordine e della legalità", ha detto, denunciando "atti di terrorismo interno", ciò che gli consentirebbe di ricorrere all'Insurrection Act del 1807, quello che autorizza il Commander in chief a schierare i soldati all'interno del suo stesso Paese. E mentre parlava dal Rose Garden, in sottofondo si sentiva il boato dei lacrimogeni esplosi per disperdere la folla accalcata davanti alla residenza presidenziale, nonostante il coprifuoco. Una folla che Trump ha voluto sfidare con un colpo di teatro: una copia della Bibbia mostrata al mondo dopo la breve 'passeggiata' fin sul sagrato della St. John Episcopal Church, di fronte alla Casa Bianca. Poco prima, per sgombrare il campo e mettere in scena lo show, agli agenti schierati era giunto l'ordine di caricare e allontanare chi protestava pacificamente. In serata, l'altra photo opportunity con la devotissima moglie davanti a una statua di papa Wojtyla fatto santo.

Inevitabile l'ennesima bufera sul presidente. L'obiettivo di mostrare più che mai un'immagine di leader forte non è stato mai così smaccato, se non altro pe rimediare all'immagine del presidente costretto a riparare nel  bunker della Casa Bianca, come gli era toccato fare venerdì, portatovi dagli agenti del Secret Service. Joe Biden ha additato l'ego smisurato di un presidente che "fomenta l'odio" e alimenta "paure e divisioni". La sindaca e il vescovo della chiesa episcopale di Washington si sono detti "scioccati e indignati" per la messinscena di Trump.

Intanto l'America è in fiamme. Per la settima notte consecutiva in decine di città si sono consumati scontri, cariche della polizia, aggressioni ad agenti, vetrine infrante, saccheggi e auto incendiate. Non serve a placare gli animi il fatto che anche l'autopsia ufficiale sul corpo di George Floyd parli adesso di "omicidio", riconoscendo che la vittima è morta in seguito alla pressione subita sul collo da parte degli agenti che stavano eseguendo il suo arresto. Per New York è stata una vera notte di follia con il cuore di Manhattan, dalla Fifth Avenue a Soho, messo a ferro e fuoco da quella che Trump ha definito "la feccia", attaccando il governatore Andrew Cuomo accusato di non aver fatto nulla per evitare la devastazione. Oltre 700 gli arresti, con il coprifuoco che è stato anticipato alle otto di sera ed esteso fino al 7 giugno, misura senza precedenti. A Chicago i disordini hanno fatto due vittime mentre ad Atlanta, una delle città più calde della protesta, sei agenti della polizia sono stati accusati di uso eccessivo della forza contro i manifestanti. A Louisville, in Kentucky, il capo della polizia è stato silurato dopo che un agente domenica ha sparato, uccidendolo, un afroamericano che manifestava. Ora si teme per l'ottava notte di caos, soprattutto a Washington, New York e Los Angeles.

Cresce intanto il confronto politico per abolire a livello federale la stretta al collo da parte della polizia per immobilizzare gli arrestati, con la quale l'agente Derek Chauvin (il solo finora arrestato e incriminato per omicidio volontario) ha ucciso Floyd. Ci stanno lavorando i democratici al Congresso, e la proposta è stata rilanciata oggi dal governatore di New York Andrew Cuomo. La prassi è stata bandita in alcuni Stati o città, ma non ovunque. A Minneapolis è ancora consentita e la difesa di Chauvin giocherà anche su questo. I dati tuttavia mostrano che la polizia locale l'ha usata prevalentemente contro gli afroamericani: dal 2012, 280 casi su 428, ossia il 65%. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved