laRegione
qanon-i-complottisti-e-donald-trump
Il buono (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

La volpe, l’uva e il racconto di noi

Nella vita i tranelli sono sempre dietro l'angolo (che ve lo dico a fare). Alcuni sono comuni a tutte noi, altri invece capitano solo a poche elette
Ticino7
2 gior

Cristina Di Pietro e la materia

È nata a Locarno e vive a Nivo (Leventina) coi suoi quattro gatti. Ha una folta chioma e una manciata di rasta. Ama lavorare la pietra, ma non è tutto...
Ticino7
2 gior

United Roads of America. Patria, grilletto e milizie

‘We the People’ (noi il popolo) è lʼincipit della Costituzione americana, a cui si rifanno gruppi armati di nazionalisti. Il risultato lo abbiamo visto
Ticino7
2 gior

La mente e i mali invisibili

I disturbi della sfera psichica sono poco conosciuti e quindi fanno paura. Chi ne soffre cerca di non dirlo in giro e si mette ancora più in disparte
Ticino7
2 gior

La telenovela di Franca & Luigi

Mi chiedeva di recente un collega: ma che fine ha fatto la moglie di quel tuo amico? Tutto bene a casa? Eh, magari...
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
1 sett

Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
1 sett

Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini

Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
1 sett

Trump, il boia federale e le carceri strapiene

L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
1 sett

Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits

Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
1 sett

Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli

Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
1 sett

Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone

Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
1 sett

Le parole (dell’anno) sono importanti

"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
1 sett

Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza

Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
2 sett

Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)

Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
Ticino7
3 sett

I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire

20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...
Ticino7
3 sett

Informazione. La via dei "social" alternativi

Preservare la razza, cospirazioni, teorie pseudoscientifiche, complotti. Il mondo dell’internet è diventato un immondezzaio? Fortunatamente no...
Ticino7
3 sett

"La rouso" - Un racconto di Giorgio Genetelli

“A renn ala roisgio, la rouso l’é modigo ma orouso c’a piou”. Ecco. Ma ecco cosa, che non si capisce niente! Tu capisci?
Ticino7
3 sett

Alla vigilia di quel che resta

Questo Natale sarà tutto e il contrario di tutto, credetemi. Per esempio, provate a pensare a come apparirà la vostra tavolata (così silenziosa)?
Ticino7
3 sett

La storia di Lidia e Agata

Una mamma e una figlia ospiti del Centro di accoglienza Casa Astra di Mendrisio si raccontano. Perché non sempre Natale fa rima con serenità
Ticino7
3 sett

2021: andrà tutto meglio

Doveva essere un anno come tutti gli altri, è diventato un incubo planetario. Che per fortuna finirà (dice il calendario).
Ticino7
4 sett

Tradizioni. Come nasce un presepe

Sandro Delmuè da Biasca. Un sacrestano con la passione per il muschio
Ticino7
1 mese

La Nascita di Gesù è un’occasione

Nella sua enciclica Papa Francesco ci ricorda, tra l'altro, come di fronte alle tragedie "nessuno si salva da solo". Uniti possiamo farcela
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Fame, obesità e cibo

C’è più fame oggi negli USA rispetto al 1998. Complici pandemia e stillicidio di posti di lavoro, anche l'alimentazione ne risente pesantemente
Ticino7
1 mese

Casa Astra. Per chi non ha più un tetto

Chi sono le persone che in Ticino si ritrovano a non avere più un alloggio? Per quali motivi questo avviene? E che fine fanno?
Ticino7
1 mese

Il 2020 peggio di Bin Laden?

L’ultima volta che il periodico "Time" ha messo una X in copertina, sotto c’era il volto di un famigerato terrorista...
Ticino7
1 mese

Trovare un senso (anche al Natale)

Amore fraterno, semplicità e gioia. Il pensiero di San Francesco d’Assisi si conferma di scottante attualità. Parola di Papa Francesco.
Ticino7
1 mese

Nel giardino delle fragole. Fortis ricorda Lennon

Nel 1982 il cantautore italiano pubblica un album dedicato al Beatles ucciso nell'80 a New York. Ecco la genesi del disco (e altre emozioni)
Ticino7
1 mese

Ma chi te l’ha chiesto?

"Ora vivo da solo in questa casa buia e desolata / il tempo che dava l'amore lo tengo solo per me / ogni volta in cui ti penso mangio ..."
Ticino7
1 mese

Assi di cuori, assi di picche. Una vita senza sesso

Costituirebbero almeno lʼ1% della popolazione, ma nessuna etichetta pare essere in grado di delinearne con precisione profilo e comportamenti sociali
Ticino7
1 mese

Sul tinteggio e la mazza nostrana

Albano Zuffi di Ponto Valentino: imbianchino e salumiere ʻper la sopravvivenza dei miei clientiʼ. Perché del maiale lui non butta niente
Ticino7
1 mese

Una storia di passioni inattese

«M’hai detto: ti amo. Ti dissi: aspetta. Stavo per dirti: eccomi. Tu m’hai detto: vattene»
Ticino7
1 mese

Che tempo che fa (conduce Luca Panziera)

È una delle voci che giornalmente fanno capolino fra un radiogiornale e l'altro. Perché se piove o non piove, nevica o meno, è un po' colpa sua...
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Le armi, l'altra epidemia

La Pandemia continua a colpire duramente gli Stati Uniti. Purtroppo, contro altre piaghe mortali di antidoti all'orizzonte non se ne vedono
Ticino7
1 mese

A Nord (oppure) a Sud: da parte vai?

Un viaggio curioso tra le polarità geografiche e simboliche che definiscono il nostro mondo. E il nostro Cantone, naturalmente
Ticino7
24.10.2020 - 17:450

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

È una teoria del complotto così ampia da riuscire a fare da filo conduttore per tutte le altre. Una teoria secondo la quale la famiglia Clinton e Barack Obama sono a capo di una setta – ‘Cabal’ – di pedofili satanisti, composta da democratici, star di Hollywood, alcuni magnati della Silicon Valley, i media, Soros, Papa Francesco e il Dalai Lama. Insieme formano uno Stato alternativo, il Deep State, artefice dei mali del mondo: guerre, carestie, cambiamenti climatici… Un solo eroe combatte i malvagi: Donald Trump, aiutato dai militari USA. 

Donald Trump ha più volte strizzato l’occhio a QAnon condividendone i contenuti su Twitter e definendone i membri “persone che amano il loro paese”. Giovedì 15 ottobre il presidente, interrogato da Savannah Guthrie per NBC, si è rifiutato di condannare QAnon. Ha affermato di non sapere quasi niente sul movimento, di non ritenere per forza veritiero il riassunto fornitogli dalla giornalista e di sapere che si tratta di “persone davvero contrarie alla pedofilia e che s’impegnano duramente per combatterla”.
Guthrie ha poi domandato come mai condividesse su Twitter tesi cospirazioniste che accusano i suoi rivali di atti gravissimi (l’ultimo a proposito di Joe Biden e Barack Obama, accusati di avere inscenato la morte di Osama Bin Laden e poi tentato di uccidere la squadra di Navy Seals impegnata nel blitz contro di lui); il presidente ha risposto che un retweet è solo “l’opinione di qualcuno”. I seguaci di QAnon si sono dimostrati entusiasti dalle parole del presidente e hanno visto in esse l’ennesima conferma alla loro teoria. E questi seguaci risultano essere numerosi: in internet sono state trovate comunità QAnon in più di 70 paesi e una somma di utenti complessivi che arriva a toccare i 3 milioni. Il documentario presente tutt’oggi su YouTube (Q - The Plan To Save The World) conta 5’017’417 visualizzazioni e il canale Q-lobal change esiste in undici differenti versioni linguistiche. Molti adepti hanno tentato di entrare in politica e sono stati contati 81 candidati al congresso (attuali e non) legati al mondo di QAnon. Resta tuttavia difficile stabilire a quante persone in carne e ossa corrispondano questi numeri. 

Dal virtuale al reale

Ma come nasce il fenomeno? Il 28 ottobre 2017, su 4chan, piattaforma anonima di condivisione, un utente anonimo chiamato “Q” lascia intendere di essere un membro dei servizi segreti militari. Q posta una serie di enigmi dai quali si evince che Hillary Clinton, e con lei altri personaggi importanti, verranno arrestati. Q è criptico, le sue micro-informazioni, chiamate dagli utenti ‘gocce’ o ‘briciole di pane’, vengono interpretate dalla comunità che si divide dunque in gruppi di lavoro, chiamati ‘fornai’. Q parla di tempesta in arrivo; gli utenti si ricordano delle parole di Donald Trump durante una conferenza stampa quello stesso mese, in cui il presidente, probabilmente del tutto a caso, parlava proprio di ‘quiete prima della tempesta’. Viene trovato un legame a ogni briciola: Hillary Clinton verrà arrestata perché Donald Trump ha scoperto delle cose su di lei, cioè che gestisce un traffico di minori. A volte Q cita solo passi della Bibbia, altre volte il film Matrix, altre ancora usa codici. Un messaggio di Q dice “verità in arrivo su BC” , la sigla viene interpretata come un riferimento a Bill Clinton; “HRC” è Hillary Rodham Clinton, “Hussein” è Obama. 

Complottismo in evoluzione

È qui una delle grandi differenze tra QAnon e qualsiasi altra tesi cospirazionista. È una teoria partecipativa in continua trasformazione: si forma nel tempo e chiunque può contribuire a crearla. QAnon non richiede di essere accettata nella sua totalità, poiché questa non esiste (almeno non ancora). Eventuali dubbi possono essere fugati rispondendosi da soli. I tasselli vengono uniti un po’ alla volta, grazie a una lettura laterale dei fatti dove tutto è atto a dimostrare l’assunto iniziale, nonché l’unico su cui concordano all’unanimità: l’esistenza della Cabal. Il collettivo Wu Ming, che sul fenomeno ha realizzato un’attenta analisi, lo chiama “lo stile paranoico” e lo identifica come un bias cognitivo che fa sì che ogni avvenimento venga reinterpretato e rimodellato in funzione delle proprie convinzioni (è un riassunto molto stringato, il discorso è decisamente più complesso e articolato). Donald Trump è buono. Jeffrey Epstein viene arrestato per una serie di crimini sessuali che coinvolgono minori; Donald Trump aveva legami con Epstein, quindi Donald Trump ha smascherato Epstein. Melania Trump viene immortalata mentre indossa un mantello un po’ eccentrico targato Zara; sei mesi dopo il fondatore di Zara Amancio Ortega annuncia le sue dimissioni dalla dirigenza della società che controlla Zara - e altri 53 marchi –, quindi Ortega è membro della Cabal. Su YouTube esiste un documentario intitolato L’Inizio di un nuovo mondo della durata complessiva di tre ore dove ogni prova fornita segue questo processo logico. La stessa cosa accade nel documentario Out of Shadow (“solo” 1 ora e 17 minuti di video). Q continua a disseminare briciole di pane per il web, cambia piattaforma (prima 8chan, poi 8kun), ma il movimento è ancora confinato, gli utenti continuano a impastare. La storia della Cabal diventa sempre più intricata.

Save The QAnon

QAnon fa poi proselitismo tramite hashtag di associazioni ufficiali come Save The Children, o usandone altri ingannevoli (SaveOurChildren), riuscendo a mascherare la propaganda virtuale come impegno sociale. Sono stati trovati contenuti propagandistici dietro pagine e hashtag chiamati: Save Our Planet Challenge, Stop Child Abuse, End Child Trafficking… I social network, che non possono più ignorare il fenomeno, sono costretti a censurare parte dei loro contenuti. Censura che a poco è valsa, visto che i gruppi bloccati sono rinati sotto forma di nuovi nomi. Da Q si è passati a Cues (indizi), che ricalca il suono della lettera in inglese; i gruppi e le pagine promotrici di QAnon – con titoli non diretti come “Il grande risveglio” o “La tempesta” – sono ancora rintracciabili. L’acronimo WWG1WGA è ancora usato per identificarsi, così come le tre stellette accanto al nickname e il numero 17 – la ‘Q’ è la 17esima lettera dell’alfabeto – e tutto ciò che rimanda al film Matrix.

Soldi & sette

Il movimento si espande anche come impero commerciale: applicazioni per raccogliere i post di Q; merce in vendita su Amazon, incluso un libro che nel 2019 scala le classifiche di vendita; canali YouTube che monetizzano e siti che chiedono donazioni. Sempre dall’inchiesta condotta da NBC risulta che un sito di mappe (Qmaps), ora costretto alla chiusura, incassasse più di tremila dollari al mese solo in donazioni. Il ricercatore Marc André Argentino ha paragonato QAnon a una setta e ha individuato la nascita di chiese nelle quali viene reinterpretata la Bibbia secondo i loro dettami; la messa può essere seguita su Zoom. Fra le varie analogie individuate tra QAnon e una setta religiosa, la tendenza a distaccarsi da amici e familiari in nome della propria credenza, che diventa più forte di qualsiasi altro legame. Altri studiosi hanno evidenziato le similitudini tra QAnon e giochi di realtà aumentata, per la forte tendenza a mischiare elementi fantastici a fatti reali. In un documento dell’FBI, invece, QAnon risulta classificato come potenziale terrorismo domestico. Probabilmente QAnon è tutte quante queste cose insieme, senza dimenticare l’aspetto commerciale che ha assunto dimensioni notevoli. 
A poco serve sapere se Q abbia postato il primo messaggio a scopi ironici o di lucro, dal momento che i seguaci sono passati a compiere azioni nel mondo reale. Tra il 2018 e il 2020, benché QAnon sostenga fossero compiuti da figuranti, sono stati diversi i reati che portavano la loro firma: incendi dolosi, pedinamenti, minacce, istigazioni al suicidio, rapimenti, il tentativo d’inviare pacchi bomba ad alcuni nomi di presunti esponenti della setta e tentati (talvolta riusciti) omicidi. 

TRAME E SOTTOTRAME

Nelle varie sottotrame di QAnon ritroviamo le scie chimiche che servono a creare calamità naturali, il cambiamento climatico e a controllare le menti; la non-morte di J.F. Kennedy e teorie della cospirazione sull’11 settembre. Poi c’è la convinzione che la Cabal prelevi dal sangue dei bambini l’adrenocromo, ormone dal quale i membri della setta sarebbero dipendenti e che userebbero per restare giovani; una storia pericolosamente simile a un antico canard antisemita, secondo il quale gli ebrei userebbero il sangue dei bambini cristiani per compiere dei rituali.
Anche l’idea che Hillary Clinton torturi i minori arriva da una tesi cospirazionista già esistente e diffusasi sul web nel 2016, conosciuta come Pizzagate, tanto che per molti le origini di QAnon affondano proprio in quel caso. Dal 2018 QAnon non è più relegato in una nicchia di internet. Anche grazie all’intervento di alcuni moderatori di 4chan – che intravedendo un potenziale guadagno nel caso in cui diventi un fenomeno di massa e si adoperano nel diffonderlo – il movimento si sposta su social network più popolari: prima Reddit, poi YouTube, Instagram, Facebook e Twitter. Si tratta ormai di un movimento dall’identità forte che ha un proprio gergo, una sua organizzazione in gruppi di lavoro per interpretare quello che dice Q, ma anche gruppi di sorveglianza dai quali vengono segnalati e controllati i potenziali membri della setta, degli eroi e persino degli influencer. Gli algoritmi, che tendono a promuovere contenuti cospirazionisti, giocano a loro favore: complice la quarantena, secondo le analisi di NBC da marzo a luglio 2020 si passa da 213mila utenti complessivi a 1 milione e 400mila.

Pizzagate

PizzaGate è una teoria cospirazionista nata durante le presidenziali USA del 2016: sostiene che nelle e-mail scambiate tra l’ex capo di gabinetto della Casa Bianca John Podesta e la Segretaria di Stato Hillary Clinton – hackerate e pubblicate su WikiLeaks – essi parlassero in codice di traffico di minori. Le sigle usate nelle e-mail hackerate si riferivano a una cena in pizzeria (CP, per Cheese Pizza), ma la teoria le ha distorte e riferite all’abuso di minori (CP come Child Pornography). Su internet, i cospirazionisti hanno ipotizzato che nelle cantine (inesistenti) della pizzeria Comet Ping Pong di Washington venissero torturati dei bambini. Tutto ciò portò un sostenitore a entrarvi armato e ad aprire il fuoco, altri a minacciare i proprietari della pizzeria.

WWG1WGA

È l’acronimo di Where We Go One, We Go All (tutti per uno, uno per tutti), motto che spesso serve a designare l’appartenenza al movimento. La stessa funzione hanno le tre stelle poste accanto al nickname: omaggio a un loro eroe, il tenente generale Michael T. Flynn, sostenitore di QAnon e coinvolto nel RussiaGate, che a detta sua sarebbe una congiura di cui lui sarebbe vittima.

VISTO DALLA RETE - Il Ticino e i complotti

Anche in Ticino, le teorie del complotto sono aumentate a causa del virus. Su Facebook numerosi gruppi e pagine hanno continuato a condividere bufale e notizie dai toni cospirazionisti. Esistono gruppi locali contro il vaccino del Covid-19 (che ancora non esiste) e altri che uniscono il sentimento antiquarantena al timore del 5G. Anche leggendo i commenti sotto gli articoli dei quotidiani si capisce come la tendenza a credere alle cospirazioni sia facile. Come sottolineano anche i Wu Ming queste teorie, che spesso non sbagliano nell’intenzionalità (gli orrori esistono, le persone, anche quelle che formano i governi, fanno cose aberranti in nome del potere), forniscono una versione più comoda dei fatti. Della pandemia si è preferita una narrazione che prevedesse un nemico, piuttosto che un discorso articolato sui cambiamenti climatici, la deforestazione, la sanità privata, il capitalismo o altri temi che avrebbero richiesto un discorso decisamente più articolato. E magari anche di mettere in discussione noi stessi e il nostro stile di vita. 

 

© Regiopress, All rights reserved