ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
1 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
2 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
3 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
4 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
6 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
IL COMMENTO
laR
 
05.11.2020 - 06:00
Aggiornamento: 14:42

Usa, il discorso esemplare di Donald Trump

L'autoproclamazione della vittoria alla Casa Bianca merita di essere rivista e rivista, per parecchi motivi e non solo in America

usa-il-discorso-esemplare-di-donald-trump
(Keystone)

Merita di essere osservato con molta attenzione, il discorso col quale ieri mattina Donald Trump si autoproclamava vincitore delle Presidenziali americane. C’è tutto il riassunto estetico e gestuale di questa presidenza: la folla di lacché vestiti da balera con gli smartphone puntati su di lui, ammassati e senza mascherine; le mossette, l’increspar di labbra, quello sguardo ‘mi faccia Marlon Brando’ che farebbe anche ridere, se non parlassimo di chi ha il dito sul bottone nucleare. Ma soprattutto c’è l’atto estremo di quello che lo storico Mario Del Pero, con tagliente lucidità, ha definito “un mix di analfabetismo istituzionale ed eversione costituzionale”.

In una decina di minuti scarsi, Trump è riuscito ad alludere a inesistenti brogli degli avversari e screditare così l’intera elezione; a invocare un intervento della Corte suprema del quale non si vedono né le ragioni, né le basi legali; e naturalmente ad appuntarsi sul petto la vittoria prima di conoscere l’esito reale, al punto da far dire a un analista della Cnn che “non siamo in Bielorussia”.

Ormai ci si stupisce di stupirsi, davanti a Trump. Nemmeno lui, però, era mai arrivato a tanto: gettare un tale discredito su quelle istituzioni delle quali è massimo rappresentante da rischiare che qualcuno, abboccando alla storiella dell’elezione ‘rubata’, metta mano a torce e fucili. Già prima delle elezioni si è assistito a tafferugli e blocchi stradali: non è detto che quella miscela di risentimento e razzismo resti ora inerte, tanto più che Trump ha continuato le sue insinuazioni sui soliti social network. Mai, proprio mai s’era visto un presidente in carica ridotto così, al punto che perfino i suoi strenui difensori hanno avuto seri problemi a proteggerlo sulle tivù americane (uno è arrivato a dire che “è stanco”).

Chissà che a guardare certe immagini non si ponga finalmente qualche domanda anche chi dà fiducia ai mini-Trump europei e locali, quelli che giocano sugli stessi odi e le stesse guerre tra poveri – si parva licet –, e del loro più ingombrante padrino difendono in queste ore la lotta contro lo ‘stabilishment’, come ha scritto sui social un dotto politico ticinese e nazionale.

Ma Trump non è solo un uomo e un presidente: è anche il sintomo di divisioni sociali che non se ne andranno neanche quando lascerà la Casa Bianca. Lui getta la sigaretta, certo, ma la polveriera di diseguaglianze sociali, discriminazioni razziali ed emergenze sanitarie irrisolte (non solo il coronavirus) ha una lunga storia che non sparirà facilmente. C’è un sistema politico ed elettorale che non rappresenta più gli equilibri e le differenze del paese, come dimostra il fatto che si finisca sempre per deciderne il futuro in tre o quattro Stati. C’è naturalmente quella sofferenza che Trump strumentalizza ma non inventa, in primis quella della vecchia America le cui tute blu sono rimaste nell’armadietto del passato. Neanche questa sofferenza è solo americana, come non lo sono le difficoltà delle minoranze che invece si sono affidate a Joe Biden, anche se la storia e il presente degli Usa non sono certo identici a quelli europei. Forse è proprio questa combinazione di somiglianza e distanza che ci fa osservare con tanta attenzione la loro politica: sappiamo che sebbene attraverso un cannocchiale, a volte perfino rovesciato, riusciamo a scorgere qualcosa di noi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved