usa-il-discorso-esemplare-di-donald-trump
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

La variante omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino.
La formica rossa
1 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
1 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
1 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
3 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
3 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
4 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
4 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
5 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
IL COMMENTO
 
05.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 14:42

Usa, il discorso esemplare di Donald Trump

L'autoproclamazione della vittoria alla Casa Bianca merita di essere rivista e rivista, per parecchi motivi e non solo in America

Merita di essere osservato con molta attenzione, il discorso col quale ieri mattina Donald Trump si autoproclamava vincitore delle Presidenziali americane. C’è tutto il riassunto estetico e gestuale di questa presidenza: la folla di lacché vestiti da balera con gli smartphone puntati su di lui, ammassati e senza mascherine; le mossette, l’increspar di labbra, quello sguardo ‘mi faccia Marlon Brando’ che farebbe anche ridere, se non parlassimo di chi ha il dito sul bottone nucleare. Ma soprattutto c’è l’atto estremo di quello che lo storico Mario Del Pero, con tagliente lucidità, ha definito “un mix di analfabetismo istituzionale ed eversione costituzionale”.

In una decina di minuti scarsi, Trump è riuscito ad alludere a inesistenti brogli degli avversari e screditare così l’intera elezione; a invocare un intervento della Corte suprema del quale non si vedono né le ragioni, né le basi legali; e naturalmente ad appuntarsi sul petto la vittoria prima di conoscere l’esito reale, al punto da far dire a un analista della Cnn che “non siamo in Bielorussia”.

Ormai ci si stupisce di stupirsi, davanti a Trump. Nemmeno lui, però, era mai arrivato a tanto: gettare un tale discredito su quelle istituzioni delle quali è massimo rappresentante da rischiare che qualcuno, abboccando alla storiella dell’elezione ‘rubata’, metta mano a torce e fucili. Già prima delle elezioni si è assistito a tafferugli e blocchi stradali: non è detto che quella miscela di risentimento e razzismo resti ora inerte, tanto più che Trump ha continuato le sue insinuazioni sui soliti social network. Mai, proprio mai s’era visto un presidente in carica ridotto così, al punto che perfino i suoi strenui difensori hanno avuto seri problemi a proteggerlo sulle tivù americane (uno è arrivato a dire che “è stanco”).

Chissà che a guardare certe immagini non si ponga finalmente qualche domanda anche chi dà fiducia ai mini-Trump europei e locali, quelli che giocano sugli stessi odi e le stesse guerre tra poveri – si parva licet –, e del loro più ingombrante padrino difendono in queste ore la lotta contro lo ‘stabilishment’, come ha scritto sui social un dotto politico ticinese e nazionale.

Ma Trump non è solo un uomo e un presidente: è anche il sintomo di divisioni sociali che non se ne andranno neanche quando lascerà la Casa Bianca. Lui getta la sigaretta, certo, ma la polveriera di diseguaglianze sociali, discriminazioni razziali ed emergenze sanitarie irrisolte (non solo il coronavirus) ha una lunga storia che non sparirà facilmente. C’è un sistema politico ed elettorale che non rappresenta più gli equilibri e le differenze del paese, come dimostra il fatto che si finisca sempre per deciderne il futuro in tre o quattro Stati. C’è naturalmente quella sofferenza che Trump strumentalizza ma non inventa, in primis quella della vecchia America le cui tute blu sono rimaste nell’armadietto del passato. Neanche questa sofferenza è solo americana, come non lo sono le difficoltà delle minoranze che invece si sono affidate a Joe Biden, anche se la storia e il presente degli Usa non sono certo identici a quelli europei. Forse è proprio questa combinazione di somiglianza e distanza che ci fa osservare con tanta attenzione la loro politica: sappiamo che sebbene attraverso un cannocchiale, a volte perfino rovesciato, riusciamo a scorgere qualcosa di noi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved