laRegione
elettrificazione-como-lecco-c-e-l-impegno-del-governo-italiano
Ti-Press
Confine
29.12.2020 - 15:490
Aggiornamento : 17:47

Elettrificazione Como-Lecco, c'è l'impegno del governo italiano

Il tema dell'elettrificazione della linea ferroviaria è seguito anche in Ticino: cruciale per l'alleggerimento del traffico veicolare

C'è l'impegno del governo Conte a trovare i 78 milioni di euro che servono per la elettrificazione della linea ferroviaria Como-Cantù-Lecco, quarantadue chilometri tra i due capoluoghi lariani, in attività dal 20 novembre 1888. La Camera dei deputati, e altrettanto farà il Senato, ha approvato un ordine del giorno presentato dai parlamentari comaschi della Lega. “Siamo soddisfatti poichè si tratta di un'opera fondamentale per tutto il territorio comasco e per lo sviluppo economico e sociale dello stesso – si nelle in una nota –. Ora non ci sono più alibi o scuse visto che il governo si è impegnato a trovare le risorse economiche necessarie per finanziare e realizzare questo intervento infrastrutturale e mobilità sostenibile largamente condiviso dal territorio, dalle istituzioni locali, dai sindaci, e dal sistema produttivo lariano”.  Già nelle scorse settimane il ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli aveva lasciato aperto un importante spiraglio, in quanto aveva parlato di un “finanziamento specifico da inserire nella legge di bilancio 2021”. L'ordine del giorno leghista va in questo indirizzo. La responsabile del Ministero dei trasporti non ha escluso di “proporre di finanziare l'opera con le risorse del Recovery Fund”. Sul tema nello scorse settimane c'è stato un intervento congiunto da parte di Astuti (Associazione di tutela degli utenti dei mezzi pubblici) del Ticino e Utp (Associazione utenti del trasporto pubblico) della Lombardia. Le due associazioni, ricordiamo, avevano posto l'accento sulla necessità di procedere all'elettrificazione della Como-Lecco, linea ferroviaria considerata cruciale per il collegamento e per l'alleggerimento del traffico veicolare tra le province pedemontane lombarde e il Ticino. Nessun cronoprogramma per ora. I tempi, comunque, non saranno brevi.

© Regiopress, All rights reserved