elettrificare-la-como-lecco-i-soldi-ora-non-ci-sono
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
18 min

Caterina Sofia e il... battesimo sul traghetto

Fiocco rosa sul battello in servizio tra Intra e Laveno, sul Lago Maggiore. Una bimba nasce a pochi chilometri dall’attracco
Italia
40 min

Saldi all’insegna dell’incertezza in Italia

Via ufficaile nella Penisola alla stagione dei grandi sconti. Sui quali pesa però il caro-bollette
Italia
1 ora

Scarseggia l’acqua, e Verona limita l’uso di quella potabile

Il sindaco firma l’ordinanza: solo uso domestico, niente irrigazione di orti, giardini, campi sportivi o lavaggio di auto
Estero
3 ore

‘Strappo’ in centro a Milano: rubato orologio da 700 mila euro

Vittima del furto un 58enne, che si è visto sfilare dal polso un Richard Mille. Scippato pure un 62enne, ma il suo valeva ‘solo’ 40mila euro
Italia
3 ore

Ubriaco, stacca con un morso parte dell’orecchio a un 19enne

L’insolita aggressione, di cui si è reso protagonista un ventenne messicano, è avvenuta nella notte a Roma
Italia
4 ore

È la cocaina la piaga d’Italia: 12 dosi ogni mille abitanti

Nel 2021 sequestrate (con poco meno di ottomila operazioni di polizia) oltre 20 tonnellate, dato più alto da sempre
Italia
4 ore

Vanno all’appuntamento osé. Ma si fanno picchiare e derubare

Brutta avventura per due minorenni in provincia di Ferrara, adescati su una chat di incontri per adulti
Italia
6 ore

Caro-vacanze: i prezzi dei biglietti aerei... spiccano il volo

Rispetto a maggio sono cresciuti quasi del doppio, e addirittura del 90,4% se paragonati al 2021. Più care anche le strutture ricettive
06.12.2020 - 16:43
di di Marco Marelli

Elettrificare la Como-Lecco, i soldi 'ora non ci sono'

A difesa del progetto di elettrificazione della linea ferroviaria c'è anche Astuti. Ma i soldi, spiega la ministra italiana alle infrastrutture, al momento non ci sono

I soldi, 78 milioni di euro per la elettrificazione della linea ferroviaria Como-Lecco, aperta all'esercizio il 20 novembre 1888, per ora non ci sono. “La richiesta di finanziamento di un'opera certamente importante, non ha trovato accoglimento, in quanto le risorse a disposizione hanno imposto alcuni stralci, fra cui l'elettrificazione della Como-Lecco” scrive Paola De Micheli, ministro alle Infrastrutture, in una lettera ai parlamentari dem comaschi e lecchesi. Una lettera che fa chiarezza sulle polemiche sorte a livello regionale. Regione Lombardia aveva inserito la Como-Lecco nell'elenco delle opere da finanziare in vista delle Olimpiadi invernali 2026 che si terranno dal 6 al 22 febbraio in alcune località lombarde fra cui Bormio e Livigno.

La ministra De Micheli però non ha chiuso la porta. Anzi ha lasciato aperto un importante spiraglio: “Considerata l'importanza dell'opera provvederò al più presto a proporre un finanziamento specifico da inserire nella legge di bilancio 2021, fermo restando che potrebbe trovare copertura in sede di aggiornamento di contratto di programma di Rete ferroviaria italiana”. La responsabile del Ministero dei trasporti non esclude di “proporre di finanziare l'opera con le risorse del Recovery Fund, in linea con le finalità di decarbonizzazione”. Insomma, il rischio (almeno per ora) che il progetto possa finire in un cassetto sembra scongiurato. Corre l'obbligo di tenere alta l'attenzione, come nei giorni scorsi hanno fatto Astuti (Associazione di tutela degli utenti dei mezzi pubblici) e Utp (Associazione utenti del trasporto pubblico) della Lombardia, che hanno scritto a Norman Gobbi e a Claudio Zali per chiedere un loro intervento pro-elettrificazione. Linea ferroviaria considerata cruciale per il collegamento e per l'alleggerimento del traffico veicolare tra le province pedemontane lombarde e il Ticino. Una elettrificazione necessaria per equiparare le infrastrutture esistenti sulla linea che collega i due capoluoghi di provincia a quelle già esistenti sul territorio svizzero. E, conseguentemente, prevedere un collegamento fra Erba, Como, Chiasso e Lugano.

Un'opportunità realizzabile, come detto, solo sostituendo i treni diesel che oggi percorrono la tratta diesel.L'elettrificazione permetterebbe di prolungare il collegamento Tilo. I vantaggi? Notevoli "per i lavoratori frontalieri che ogni giorno si recano in Svizzera e per tutta l’area del Mendrisiotto e della Brianza Lecchese e Comasca alleggerendo notevolmente le strade provinciali dal traffico veicolare". A patto che i Tilo, lì, possano davvero poter circolare. Perché tra le ipotesi citate dalla ministra italiana c'è pure quella di “investire sulle infrastrutture e mezzi aventi propulsione a idrogeno”.

Leggi anche:

In treno da Como a Lecco: 'È la sola soluzione'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
como-lecco elettrificazione linea ferroviaria
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved