ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
3 gior

Credit Suisse, ‘un anno molto difficile’ ma i conti tengono

Secondo il responsabile dell’unità svizzera, che parla di adattamento culturale con l’entrata degli arabi, si è perso solo l’1% della base di asset
Economia
1 sett

Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse

Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett

Splendori e miserie della globalizzazione

Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett

Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute

Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett

La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida

Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett

Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe

Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett

Twitter e il rebus del pagamento dei contenuti

Musk e il nuovo conflitto di interessi che deve gestire
Economia
3 sett

Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione

Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
4 sett

Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo

La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese

Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso

La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese

La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia

Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese

Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022

Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
Economia
1 mese

Mercato dell’auto, brusca frenata del fatturato

Per il 2023 il 55% dei fornitori europei si attende una contrazione del 54%. E per il 27% quello venturo non sarà un anno di profitti
Economia
1 mese

Giovedì nero per Credit Suisse in Borsa: è una Waterloo

Il titolo della grande banca ha chiuso in calo del 18,6%, a fronte di un mercato generalmente orientato a un ribasso di circa l’1%
Economia
1 mese

Credit Suisse taglia 9’000 impieghi entro il 2025

La misura fa parte di un vasto piano di ristrutturazione. Lascia con effetto immediato anche il numero uno dell’investment banking
Economia
1 mese

Credit Suisse a picco: 4 miliardi di perdite trimestrali

Le maggiori difficoltà hanno interessato il settore investment banking. Passi indietro anche in materia di capitalizzazione
Economia
1 mese

L’economia frenerà, ma meno di quanto previsto

Gli analisti rivedono un po’ le previsioni congiunturali per la Svizzera. E sono a tinte più rosee
26.06.2022 - 13:49
Aggiornamento: 16:33

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa

di Walter Riolfi, L’Economia
la-fed-ha-perso-6-7-mesi-e-ora-deve-inseguire-gli-eventi
Keystone
Jerome Powell

Se Wall Street ha perso fino a un massimo del 24% dal record di inizio gennaio, è per colpa dell’aggressiva politica monetaria della Fed: e questo è parzialmente vero, se non altro, perché è nei fatti. Se l’economia americana finisce in recessione, come sembra probabile, sarebbe ancora a causa della Fed, che si ostina ad alzare i tassi, proprio mentre il quadro macroeconomico si fa più incerto: e questa affermazione è assai discutibile o, quantomeno, si fonda su un presupposto sbagliato. In ogni caso, gli operatori pensano così e s’è ben compreso che la banca centrale opera bene quando taglia i tassi d’interesse e inonda i mercati di liquidità e, invece, sbaglia quando fa il contrario.

Nella curiosa esegesi dei mercati il concetto che «la Fed dà, e la Fed toglie» è del tutto assente. Nessuno l’aveva criticata per aver tenuto i tassi quasi a zero per buona parte dei trascorsi ultimi 13 anni (cosicché l’S&P ha potuto crescere del 610%, ossia la bellezza del 15% medio annuo) e nessuno s’era posto il dubbio che perseverare in un quantitative easing da 120 miliardi al mese fino a novembre scorso, quando l’economia cresceva a ritmi del 6-8% e l’inflazione era già al 6%, fosse un tantino sconsiderato.

L’errore

In effetti l’errore della Fed è evidente, benché non sia propriamente quello sottolineato dai mercati. Ci vorrebbe un po’ di umiltà, osserva Mohamed El-Erian: «Ero alquanto sconcertato quando un anno fa così tanta gente si mostrava assai fiduciosa sul fatto che l’inflazione sarebbe stata transitoria», commenta il capoeconomista di Allianz, alludendo tanto all’insipienza della Fed, quanto alla superficialità degli investitori.

L’errore sta nel non aver voluto rialzare i tassi d’interesse prima, ed essere costretta a inseguire gli eventi, 6-7 mesi più tardi: con la conseguenza di dover accelerare pericolosamente la stretta monetaria. Adesso quegli stessi operatori, che fino a pochi mesi fa erano compiaciuti per l’attendismo della banca centrale e, al massimo, si figuravano 4-5 rialzi da 25 centesimi dei tassi Fed, accusano Jerome Powell d’essere rimasto «troppo dietro la curva», come si usa dire nel gergo dei mercati.

Cosa sarebbe successo se la banca avesse alzato i tassi a ottobre o novembre? «Errore della Fed» avrebbero gridato, poiché all’inflazione persistente credevano ancor meno di Powell.

Ultraliberisti solo a parole

Strano atteggiamento quello degli operatori di Wall Street: ultraliberisti a parole, sempre critici quando il governo propone aiuti sociali ai meno abbienti, furibondi quando si parla di sanità pubblica, hanno invece accolto con plauso i lauti sussidi elargiti a pioggia a tutti i cittadini per compensare i danni economici della pandemia: con la conseguenza che milioni di lavoratori si sono ritrovati in tasca più soldi di quanti ne guadagnavano prima del Covid. In sostanza, s’è trattato di un assaggio di quella tanto vituperata (a parole) Modern Monetary Theory, combinata per giunta con l’ultima forsennata ondata di quantitative easing.

Più che incolpare la pandemia o i colli di bottiglia negli approvvigionamenti di beni e materie prime, avrebbero dovuto capire che la crescente inflazione era stata «causata da un’esplosione dello stimolo fiscale e monetario» (parole di Giuseppe Sersale di Anthilia).

La guerra in Ucraina, poi, ha ulteriormente compromesso la situazione. Soprattutto l’ha deteriorata in un’Europa che, quantomeno sul piano fiscale, non aveva seguito l’esempio americano e i sussidi sono stati concepiti più per favorire gli investimenti che per incentivare i consumi.

Recessione più probabile in Eurozona

Il balzo dei costi dell’energia che, a causa della forte dipendenza dal gas russo, sono stati assai più devastanti che in America, hanno da noi esasperato i prezzi alla produzione e falcidiato la capacità di spesa dei consumatori. Se l’avvento di una recessione è probabile negli Usa, lo è ancor di più in Eurozona dove, a differenza della crisi del 2011, le conseguenze economiche non possono venir lenite da nuovi, generosi aiuti statali, poiché i conti pubblici sono già esplosi negli ultimi anni. Per Alessandro Fugnoli di Kairos, la stagflazione è ormai «conclamata» e la recessione è «quasi certa in Europa e Stati Uniti».

Se gli effetti sulla produzione e sui consumi sono massimi in Germania e Italia (economicamente più esposte con la Russia), le conseguenze finanziarie di una nuova recessione peserebbero sui paesi periferici e sull’Italia in particolare, come dimostra il balzo dello spread Btp-Bund fino a 237 punti. Finora, in Eurozona, non ci sono segni evidenti di un crollo dell’attività economica, poiché gli indici manifatturieri e dei servizi sono in territorio positivo, benché in rapido calo verso la soglia dei 50 punti che separa la crescita dalla contrazione. E, forse grazie ai benefici del Next Generation Eu, le previsioni dei grandi broker internazionali (BofA e Goldman Sachs) sono persino superiori a quelle degli Stati Uniti, quantomeno per l’anno in corso.

Ma l’incognita sulla durata della guerra in Ucraina e le conseguenze sul prezzo del gas rendono assai incerto il quadro economico nei prossimi mesi, al punto che Morgan Stanley pronostica in Europa un’inflazione più alta e più duratura di quella americana. Nel frattempo, i mercati, combattuti tra la speranza di un «atterraggio morbido» dell’economia e il timore di una seria recessione, oscillano attorno alla soglia dei 3.700 punti dell’S&P e i 400 dello Stoxx. Ma la convinzione prevalente è che il ribasso sia tutt’altro che finito. È un mercato Orso, dicono (quasi) tutti gli operatori e ogni eventuale rimbalzo è occasione per vendere. La più pessimista (Morgan Stanley) ipotizza un crollo fino ai 3mila punti dell’S&P, ossia un -37% dai massimi, come mediamente s’era visto nelle passate recessioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved