la-fed-alza-i-tassi-di-mezzo-punto-percentuale
Keystone
Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
3 gior

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
5 gior

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
1 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
1 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
2 sett

Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise

Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
04.05.2022 - 22:10
a cura de laRegione

La Fed alza i tassi di mezzo punto percentuale

Si tratta dell’aumento maggiore dal 2000. Pesano i timori per l’inflazione e le conseguenze della guerra in Ucraina

New York - La Fed alza i tassi di interesse di mezzo punto percentuale per la prima volta dal 2000. Una stretta forte e decisa per combattere un’inflazione che galoppa e che rischia di accelerare con la guerra in Ucraina e i lockdown in Cina. Confermandosi falco, la banca centrale americana annuncia anche l’avvio della riduzione del suo bilancio, schizzato a 9mila miliardi di dollari con la pandemia. Il processo inizierà il 1° di giugno a una velocità di 47,5 miliardi di dollari al mese, ma non è escluso che possa successivamente aumentare.

"L’inflazione è troppo alta ed è essenziale abbassarla" per promuovere una crescita a beneficio di tutti, afferma Jerome Powell aprendo la sua prima conferenza stampa in persona in due anni e rivolgendosi direttamente agli americani. "La Fed ha gli strumenti per ridurla e si sta muovendo rapidamente per farlo", aggiunge il presidente della Fed aprendo a ulteriori rialzi da mezzo punto percentuale nelle prossime riunioni. L’inflazione negli Stati Uniti è in corsa ormai da mesi e in marzo è volata all’8,5%, il livello più alto da quaranta anni, mentre nei paesi Ocse è salita addirittura all’8,8%, ai massimi dal 1988.

Al momento non si intravede all’orizzonte negli Stati Uniti una frenata dei prezzi nonostante il rallentamento dell’economia, che nel primo trimestre si è contratta a sorpresa dell’1,4%. L’invasione dell’Ucraina è probabile che crei "ulteriori pressioni al rialzo per l’inflazione oltre a pesare sull’attiività economica. Inoltre i lockdown per il Covid in Cina potrebbero esacerbare le difficoltà delle catene di approvvigionamento. La Fed è molto attenta ai rischi di inflazione", il cui livello attuale riflette gli squilibri fra l’offerta e la domanda, si legge nel comunicato finale diffuso al termine della due giorni di riunione. Nel tentativo di stemperare i timori ormai diffusi di stagflazione, Powell assicura che l’economia americana è forte e può sopportare una politica monetaria meno accomodante. Una recessione nel 2023 è data quasi per scontata dagli analisti, ma la vera paura è quella di un’inflazione alta e di una crescita bassa, un fenomeno molto più difficile da combattere. "Ci attendiamo che l’inflazione torni all’obiettivo del 2% e il mercato del lavoro resti forte", osserva comunque la Fed ribadendo di essere in grado di traghettare l’economia americana a un atterraggio morbido. "Ci sono buone chance" che questo accada, spiega Powell ritenendo "ulteriori aumenti dei tassi di interesse appropriati". La Fed ha aperto il periodo di rialzi dei tassi di interesse più aggressivo della sua storia, è la convinzione di molti analisti secondo i quali in giugno la banca centrale potrebbe alzare il costo del denaro di addirittura 75 punti base. E questo perché - è l’idea dei critici - è stata troppo colomba e ora è in ritardo nella battaglia contro il caro-prezzi. da qui la necessità di agire con rapidità ma con l’elevato rischio di far scivolare l’economia in recessione. L’ipotesi di una stretta da 75 punti base, spiega Powell, non "è considerata attivamente" dalla Fed. La banca centrale avrebbe dovuto alzare i tassi prima, dice senza esitazione l’amministratore delegato di JPMorgan, Jamie Dimon descrivendo come "forte" l’economia americana e quindi in grado di sopportare i rialzi della Fed. Sulle prospettive economiche, ammette però Dimon, pesa l’incertzza dell’Ucraina, che è il rischio maggiore. Nel caso in cui il conflitto dovesse peggiorare, l’Europa potrebbe scivolare in recessione e questo rischierebbe di infliggere un duro colpo alla ripresa americana. Dopo una seduta cauta e una reazione fredda all’atteso rialzo dei tassi di interesse da mezzo punto percentuale, Wall Street avanza decisa, con i listini che brindano a Powell e all’esclusione di un aumento dei tassi da 75 punti base in giugno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fed inflazione tassi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved