Seattle Kraken
2
NAS Predators
4
fine
(1-1 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
tecnologie-innovative-aziende-e-universita-collaborino
Ti–Press
Monica Duca Widmer, presidente del Consiglio Usi
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
19 ore

Per Swatch un 2021 positivo

L’azienda di Bienne (BE) ha registrato un utile netto di 774 milioni di franchi, dopo una perdita di 53 milioni nel 2020. Giro d’affari su del 30,7%
Economia
19 ore

Ubs prevede un +2,9% per il PIL svizzero nel 2022

Nel 2021 la crescita è stata del 3,5%. Per il 2023 le previsioni sono intorno all’1,7%
Economia
22 ore

Credit Suisse, le vendite di immobili salvano il 4° trimestre

La banca prevede un risultato stabile per il quarto trimestre 2021. Gli incassi dalle vendite immobiliari compensano le uscite per controversie legali
Economia
1 gior

Banca Migros, affari in crescita l’anno scorso

L’utile netto è aumentato del 24,4% a 240 milioni grazie a effetti straordinari. In crescita il portafoglio ipoteche a 2,43 miliardi di franchi (+9,7%)
Economia
2 gior

Quanto violenta sarà la svolta monetaria della Fed?

Il temuto rialzo dei tassi di interessi negli Stati Uniti lascia intravedere scenari più o meno preoccupanti
Economia
2 gior

Il radar di Intesa e Unicredit puntato sul mercato europeo

Commerzbank, Otkritie Bank, Julius Bär: i due gruppi leader in Italia hanno le loro carte da giocare
Economia
5 gior

Credit Suisse: multa da 9 milioni di dollari negli Usa

La sua filiale Credit Suisse Securities non ha rispettato le disposizioni sulla protezione degli investitori
Economia
5 gior

La carenza di manodopera è una sfida per la ripresa economica

Lo rivela l’ultimo Barometro dell’occupazione pubblicato oggi dall’Unione svizzera degli imprenditori (USI)
Economia
1 sett

Forte calo delle imposte per le imprese svizzere dal 2019

Da una ricerca del Bak Economics risulta che Nidvaldo ha sostituito Hong Kong al primo posto della graduatoria delle regioni fiscalmente più attrattive
Economia
1 sett

Un sonoro ceffone per Wall Street

Gli investitori non avevano compreso che, con un’inflazione al 7% e un’economia al galoppo, un tasso d’interesse quasi a zero sarebbe un sacrilegio
Economia
1 sett

La sindrome giapponese di Pechino

Il default del secondo più grande costruttore del Paese può essere una svolta che avrà conseguenze di lungo periodo sull’economia internazionale
Economia
2 sett

Vendite Rolls-Royce, il 2021 ‘un’annata fenomenale’

Il celebre marchio delle auto di lusso non sente la crisi del settore: consegnati 5’586 veicoli, con un aumento del 49% rispetto al 2020
Economia
2 sett

Bns verso un utile di 26 miliardi nel 2021

Risultato migliore delle attese. Una somma totale di 6 miliardi di franchi sarà versata per un terzo alla Confederazione e due terzi ai Cantoni
16.11.2021 - 19:190
Aggiornamento : 21:18

Tecnologie innovative: ‘Aziende e università collaborino’

Presentato il Technology outlook Satw 2021. Il documento indica le tendenze tecnologiche più significative in Svizzera. Molte le opportunità per le Pmi

«Le tecnologie offrono tante opportunità per le aziende». Si è espresso così Emanuele Carpanzano, direttore del Dipartimento tecnologie innovative della Scuola universitaria della Svizzera italiana (Supsi), durante la presentazione del ‘Technology outlook Satw 2021’. Il documento indica quali sono le tendenze tecnologiche più significative sul territorio elvetico. «Le tre con maggiore importanza in Svizzera sono l’internet delle cose, le macchine connesse e l’analisi dei ‘big data’», illustra Monica Duca Widmer, presidente del Consiglio dell’Università della Svizzera italiana (Usi). «Questi prodotti sono diventati sempre più accessibili per le piccole e medie imprese (Pmi) e sono d’importanza centrale per essere competitivi in Svizzera».

Come può avvenire lo scambio di competenze dall’ambito accademico a quello delle aziende? «Uno strumento importante in Ticino è la Fondazione Agire», ricorda Duca Widmer. La fondazione infatti sostiene startup e Pmi innovative durante il loro percorso di crescita. Sempre in questo contesto in Ticino è in fase d’implementazione un ‘Innovation park’ (che è parte di quello di Zurigo), il quale cerca di «creare le condizioni quadro ideali per l’innovazione sfruttando le eccellenze che ci sono sul territorio».

‘Il Ticino è aperto alla collaborazione con le università’

«Il tessuto ticinese è estremamente aperto alla collaborazione con le università», afferma Cesare Alippi, professore della Facoltà di scienze informatiche dell’Usi. «Un altro valore aggiunto, per quanto riguarda l’intelligenza artificiale, è che in Svizzera esiste una forte ricerca fondamentale e lavorando con le industrie è possibile vedere quali sono i limiti tecnologici da migliorare. Per farlo servono appunto delle teorie sviluppate ad hoc per consentire alle applicazioni di poter offrire le migliori prestazioni». In Svizzera le quattro tecnologie col più alto livello di competenze e ricerca sono infatti l’apprendimento automatico (che fa parte dell’intelligenza artificiale), la diagnostica ‘point-of-care’, le applicazioni 5G e il fotovoltaico. «Trasformando queste competenze in modelli di business si possono creare posti di lavoro in vari settori», afferma Monica Duca Widmer.

La fotonica, una punta di diamante in Svizzera

«Il nostro futuro sarà transdisciplinare, quindi non è più esclusivamente per ingegneri», dice Anna Valente, responsabile del Laboratorio automation, robots and machines presso il Dipartimento tecnologie innovative della Supsi. «Il mondo della fotonica è molto interessante dal punto di vista del mercato». Un mercato che in Svizzera, nel 2019, contava circa 4,4 miliardi di franchi. «Inoltre impiega circa novemila esperti. Si tratta di un settore che garantisce indotti e attiva filiere con un valore economico ben più importante». Fra gli esempi di applicazione di questa tecnologia la professoressa ha illustrato un tipo di protesi per la spina dorsale in corso di maturazione. Essa, creata tramite la stampa 3D, potrebbe essere in grado di catturare sulla sua superficie le molecole dei farmaci, le quali vengono poi rilasciate localmente col passare del tempo.

Aumenta il bisogno delle aziende di utilizzare l’intelligenza artificiale

«Stiamo cercando di costruire credibilità e fiducia attorno all’intelligenza artificiale – spiega Alessandro Curioni, responsabile della ricerca Ibm a Zurigo –. Oggi abbiamo delle macchine che sono in grado di imparare da un insieme di dati e fare qualcosa di specifico molto meglio dell’uomo. Le applicazioni possibili in campo industriale sono molte. Due anni fa le aziende che dicevano di aver bisogno dell’intelligenza artificiale erano circa il 30 per cento, ora si è passati al 75 poiché la pandemia ha accelerato l’automazione». Per esempio durante il lockdown molti ricercatori non potevano recarsi nei laboratori, anche nel campo della farmacologia: «Abbiamo dunque creato, grazie all’intelligenza artificiale, un sistema che permette agli scienziati di sintetizzare una molecola direttamente da casa».

Ti–Press
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved