NJ Devils
2
PHI Flyers
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
BOS Bruins
1
VAN Canucks
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
0
1. tempo
(0-0)
salute-e-nuove-tecnologie-la-supsi-inaugura-l-istituto-meditech
Supsi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
5 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
7 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
8 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
9 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
9 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
9 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
9 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
10 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
10 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
10 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
10 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
10 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Bellinzonese
10 ore

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
11 ore

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
11 ore

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
11 ore

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
11 ore

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
11 ore

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
11 ore

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Ticino
13.07.2021 - 17:050
Aggiornamento : 17:28

Salute e nuove tecnologie, la Supsi inaugura l'Istituto Meditech

Tra intelligenza artificiale, algoritmi e competenze integrate l'obiettivo è di sfruttare al massimo il progresso per diagnosi e cure nel campo sanitario

Le nuove tecnologie e l'intelligenza artificiale al servizio della salute. Storia del futuro? No, di oggi. La Supsi ha infatti presentato stamattina alla stampa il neonato Meditech, il nuovo Istituto di tecnologie digitali per cure sanitarie personalizzate che avrà sede al Campus Est di Lugano-Viganello. L'obiettivo è duplice: da un lato raggruppare in modo interdisciplinare tante competenze, attività e ricerche già in atto sotto un tetto comune; dall'altro, meramente, svolgere attività di formazione e ricerca focalizzate sull'utilizzo di tecnologie digitali a supporto di nuovi e personalizzati metodi di diagnosi e cura in campo medico sanitario. Soprattutto, cosa importante, non partendo da zero.

Già una trentina di progetti attivi

«Non partiamo con qualcosa di completamente nuovo, perché abbiamo già una trentina di progetti attivi in atto», spiega il direttore del Dipartimento tecnologie innovative della Supsi Emanuele Carpanzano. Che ha l'obiettivo dichiarato di «integrare tre aree: dispositivi e metodi di acquisizione e trattamento dei biosegnali, strumenti di analisi ed elaborazione dei dati per diagnosi e cure personalizzate, piattaforme e sistemi informativi di salute digitale». Se a un primo ascolto possono sembrare concetti difficili affidati a parole altisonanti, il senso è estremamente pratico: partendo dalle esigenze delle persone, sviluppare il modo migliore affinché le nuove tecnologie possano migliorare diagnosi e cure di queste persone. Per questo motivo l'Istituto Meditech, prosegue Carpanzano, «avrà tra le sue fila sia collaboratori in sede sia collaboratori senior affiliati. Partiremo con 23 collaboratori, con l'obiettivo di crescere gradualmente e arrivare, nel 2024, a 46 persone tra professori, ricercatori, assistenti e studenti master». Già, gli studenti. Perché un caposaldo sarà anche la formazione: «L'intenzione nelle prospettive future sarà sviluppare dei percorsi bachelor e master, nonché dottorati e formazioni continue, improntati a unire le sinergie e le competenze». 

Si parte estraendo i dati...

Come funzionerà, concretamente, questo Istituto? Innanzitutto sarà diviso in tre aree, ovviamente collegate tra loro anche da un nesso logico. La prima a essere presentata, coordinata dalla dottoressa Francesca Faraci, è quella sull'Elaborazione dei segnali biomedicali. Un'area che, spiega la stessa Faraci, «avrà il compito di estrarre informazioni da dati oggettivi e soggettivi grazie a tecniche basate sull'intelligenza artificiale. Il nostro obiettivo sarà, grazie anche alla statistica avanzata e ad altre nuove tecnologie, sviluppare sistemi di supporto alla diagnosi e alla terapia personalizzata, anche con l'aiuto del monitoraggio bio-comportamentale». Col fine, sottolinea la responsabile dell'area, «di migliorare la salute del paziente e migliorare il lavoro del personale sanitario, collaborando nello sviluppo di piattaforme intelligenti al servizio delle reali necessità del medico». Un assaggio di come funzionerà il tutto è già sul campo: dal 2018 il progetto ‘E!Spas’ si occupa di assistere il Medico del sonno adattando i più efficienti algoritmi di intelligenza artificiale mettendoli al suo servizio per migliorare la diagnosi, mentre da aprile è attivo anche il progetto ‘E!Cuorema’, per migliorare l'aderenza alla riabilitazione cardiaca di persone con problemi al cuore.

...si continua con la salute digitale...

Concettualmente segue la seconda area. Perché dopo aver estratto le informazioni e averle adattate si entra nel campo della salute digitale, il cui responsabile d'area, il dottor Alessandro Puiatti, spiega essere «un campo dove recentemente abbiamo iniziato ad applicare la digitalizzazione dei processi e dei servizi su larga scala, grazie allo sviluppo di nuove tecnologie di acquisizione e analisi dei dati». Tutto ciò porta a generare «un'enorme quantità di dati medici eterogenei che, aggregati e analizzati, permettono di aumentare la conoscenza delle diverse patologie e allo stesso tempo rendere la medicina più personalizzata e precisa». La salute digitale, afferma Puiatti, «è un dominio multidisciplinare che coinvolge clinici, ricercatori e scienziati, con tecnologie che includono sia software sia hardware. Sviluppiamo sistemi di salute mobile, personalizzata, telemedicina, a supporto della cura e della diagnosi clinica e migliorare i percorsi di cura nelle strutture sanitarie». Anche per questa seconda area non mancano gli esempi: il primo è partito nel 2016 e si chiama ‘Sleep, awake and move’ ed è dedicato ai malati di Parkinson. Lo scopo è quello di capire quanto, e se davvero, il sonno porta un beneficio a chi ha contratto questa malattia. Un secondo progetto, ‘Secure Med’ ha come target tutto il personale infermieristico: identificando il paziente tramite uno smartphone che legge un braccialetto consegnato all'accettazione, chi avrà in cura la persona sarà sempre costantemente informata delle terapie da seguire, dei medicamenti da far assumere e potrà identificare - con una foto e con i dati - il paziente al fine di evitare errori.

...si termina con il creare sistemi e dispositivi

Raccolti i dati prima, entrati nella salute digitale poi, nella terza area si entra nel Settore dispositivi medicali. Come cioè, materialmente, si portano a frutto tutte queste informazioni «nello sviluppo di sistemi e dispositivi che comportano diversi step integrativi che spaziano dalle nanotecnologie alle microtecnologie e ai microdispositivi per arrivare alla realizzazione di sistemi altamente integrati per la comprensione della biologia cellulare e molecolare come anche per la diagnosi e l'aiuto alla terapia», illustra il responsabile di questa terza area, il dottor Igor Stefanini. In progettazione ci sono dispositivi molto ‘attuali’, come uno per valutare attraverso analisi della saliva se una persona ha contratto il Covid o no.

Gervasoni (Supsi): ‘La persona sempre al centro, anche in un contesto di tecnologie’

Insomma, tanta carne al fuoco. E la soddisfazione del direttore generale della Supsi Franco Gervasoni è evidente: «È molto rara la creazione di un nuovo istituto, ma il progresso tecnologico va veloce e noi abbiamo un grande ruolo nello sviluppo e nella formazione. Il nuovo Istituto Meditech ha una prospettiva nel lungo periodo, l'idea è di avere uno sviluppo strategico a 360° complementare a quanto fa l'Università della Svizzera italiana». Con un dettaglio non da poco: «Parliamo di nuove tecnologie, ma al centro c'è la personalizzazione delle cure. Perché la persona ha sempre un ruolo chiave, anche in un contesto di tecnologia».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved