salute-e-nuove-tecnologie-la-supsi-inaugura-l-istituto-meditech
Supsi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
50 min

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
50 min

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
50 min

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
11 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
12 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
12 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
12 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
13 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
13 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
13 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
13 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
13 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
14 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
14 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
15 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
15 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
15 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
13.07.2021 - 17:05
Aggiornamento: 17:28

Salute e nuove tecnologie, la Supsi inaugura l'Istituto Meditech

Tra intelligenza artificiale, algoritmi e competenze integrate l'obiettivo è di sfruttare al massimo il progresso per diagnosi e cure nel campo sanitario

Le nuove tecnologie e l'intelligenza artificiale al servizio della salute. Storia del futuro? No, di oggi. La Supsi ha infatti presentato stamattina alla stampa il neonato Meditech, il nuovo Istituto di tecnologie digitali per cure sanitarie personalizzate che avrà sede al Campus Est di Lugano-Viganello. L'obiettivo è duplice: da un lato raggruppare in modo interdisciplinare tante competenze, attività e ricerche già in atto sotto un tetto comune; dall'altro, meramente, svolgere attività di formazione e ricerca focalizzate sull'utilizzo di tecnologie digitali a supporto di nuovi e personalizzati metodi di diagnosi e cura in campo medico sanitario. Soprattutto, cosa importante, non partendo da zero.

Già una trentina di progetti attivi

«Non partiamo con qualcosa di completamente nuovo, perché abbiamo già una trentina di progetti attivi in atto», spiega il direttore del Dipartimento tecnologie innovative della Supsi Emanuele Carpanzano. Che ha l'obiettivo dichiarato di «integrare tre aree: dispositivi e metodi di acquisizione e trattamento dei biosegnali, strumenti di analisi ed elaborazione dei dati per diagnosi e cure personalizzate, piattaforme e sistemi informativi di salute digitale». Se a un primo ascolto possono sembrare concetti difficili affidati a parole altisonanti, il senso è estremamente pratico: partendo dalle esigenze delle persone, sviluppare il modo migliore affinché le nuove tecnologie possano migliorare diagnosi e cure di queste persone. Per questo motivo l'Istituto Meditech, prosegue Carpanzano, «avrà tra le sue fila sia collaboratori in sede sia collaboratori senior affiliati. Partiremo con 23 collaboratori, con l'obiettivo di crescere gradualmente e arrivare, nel 2024, a 46 persone tra professori, ricercatori, assistenti e studenti master». Già, gli studenti. Perché un caposaldo sarà anche la formazione: «L'intenzione nelle prospettive future sarà sviluppare dei percorsi bachelor e master, nonché dottorati e formazioni continue, improntati a unire le sinergie e le competenze». 

Si parte estraendo i dati...

Come funzionerà, concretamente, questo Istituto? Innanzitutto sarà diviso in tre aree, ovviamente collegate tra loro anche da un nesso logico. La prima a essere presentata, coordinata dalla dottoressa Francesca Faraci, è quella sull'Elaborazione dei segnali biomedicali. Un'area che, spiega la stessa Faraci, «avrà il compito di estrarre informazioni da dati oggettivi e soggettivi grazie a tecniche basate sull'intelligenza artificiale. Il nostro obiettivo sarà, grazie anche alla statistica avanzata e ad altre nuove tecnologie, sviluppare sistemi di supporto alla diagnosi e alla terapia personalizzata, anche con l'aiuto del monitoraggio bio-comportamentale». Col fine, sottolinea la responsabile dell'area, «di migliorare la salute del paziente e migliorare il lavoro del personale sanitario, collaborando nello sviluppo di piattaforme intelligenti al servizio delle reali necessità del medico». Un assaggio di come funzionerà il tutto è già sul campo: dal 2018 il progetto ‘E!Spas’ si occupa di assistere il Medico del sonno adattando i più efficienti algoritmi di intelligenza artificiale mettendoli al suo servizio per migliorare la diagnosi, mentre da aprile è attivo anche il progetto ‘E!Cuorema’, per migliorare l'aderenza alla riabilitazione cardiaca di persone con problemi al cuore.

...si continua con la salute digitale...

Concettualmente segue la seconda area. Perché dopo aver estratto le informazioni e averle adattate si entra nel campo della salute digitale, il cui responsabile d'area, il dottor Alessandro Puiatti, spiega essere «un campo dove recentemente abbiamo iniziato ad applicare la digitalizzazione dei processi e dei servizi su larga scala, grazie allo sviluppo di nuove tecnologie di acquisizione e analisi dei dati». Tutto ciò porta a generare «un'enorme quantità di dati medici eterogenei che, aggregati e analizzati, permettono di aumentare la conoscenza delle diverse patologie e allo stesso tempo rendere la medicina più personalizzata e precisa». La salute digitale, afferma Puiatti, «è un dominio multidisciplinare che coinvolge clinici, ricercatori e scienziati, con tecnologie che includono sia software sia hardware. Sviluppiamo sistemi di salute mobile, personalizzata, telemedicina, a supporto della cura e della diagnosi clinica e migliorare i percorsi di cura nelle strutture sanitarie». Anche per questa seconda area non mancano gli esempi: il primo è partito nel 2016 e si chiama ‘Sleep, awake and move’ ed è dedicato ai malati di Parkinson. Lo scopo è quello di capire quanto, e se davvero, il sonno porta un beneficio a chi ha contratto questa malattia. Un secondo progetto, ‘Secure Med’ ha come target tutto il personale infermieristico: identificando il paziente tramite uno smartphone che legge un braccialetto consegnato all'accettazione, chi avrà in cura la persona sarà sempre costantemente informata delle terapie da seguire, dei medicamenti da far assumere e potrà identificare - con una foto e con i dati - il paziente al fine di evitare errori.

...si termina con il creare sistemi e dispositivi

Raccolti i dati prima, entrati nella salute digitale poi, nella terza area si entra nel Settore dispositivi medicali. Come cioè, materialmente, si portano a frutto tutte queste informazioni «nello sviluppo di sistemi e dispositivi che comportano diversi step integrativi che spaziano dalle nanotecnologie alle microtecnologie e ai microdispositivi per arrivare alla realizzazione di sistemi altamente integrati per la comprensione della biologia cellulare e molecolare come anche per la diagnosi e l'aiuto alla terapia», illustra il responsabile di questa terza area, il dottor Igor Stefanini. In progettazione ci sono dispositivi molto ‘attuali’, come uno per valutare attraverso analisi della saliva se una persona ha contratto il Covid o no.

Gervasoni (Supsi): ‘La persona sempre al centro, anche in un contesto di tecnologie’

Insomma, tanta carne al fuoco. E la soddisfazione del direttore generale della Supsi Franco Gervasoni è evidente: «È molto rara la creazione di un nuovo istituto, ma il progresso tecnologico va veloce e noi abbiamo un grande ruolo nello sviluppo e nella formazione. Il nuovo Istituto Meditech ha una prospettiva nel lungo periodo, l'idea è di avere uno sviluppo strategico a 360° complementare a quanto fa l'Università della Svizzera italiana». Con un dettaglio non da poco: «Parliamo di nuove tecnologie, ma al centro c'è la personalizzazione delle cure. Perché la persona ha sempre un ruolo chiave, anche in un contesto di tecnologia».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
istituto meditech supsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved