ULTIME NOTIZIE Culture
Osi al Lac
56 min

Con Mahler nella modernità

L’Orchestra della Svizzera italiana, Markus Poschner e il baritono Christian Gerhaher, solista: cronaca di un giovedì stupefacente
Società
1 ora

Colpo di spugna di Camilla sulle dame di compagnia

Da metà dicembre si chiameranno ‘compagne della regina’ e non dovranno più occuparsi della corrispondenza e delle pratiche amministrative
Spettacoli
4 ore

Anastacia, secondo stop: nessun concerto a Locarno

Sintomi influenzali e mal di gola hanno costretto la cantante statunitense a dare forfait all’ultimo minuto al Palazzetto Fevi
Società
5 ore

Il mondo della moda in lutto: è morto Renato Balestra

Fra i maggiori rappresentanti dell’alta sartoria mondiale, lo stilista italiano, di origini triestine, si è spento all’età di 98 anni a Roma
Società
7 ore

Il memoir bomba di Harry già disponibile in versione audio

Il libro (‘Il minore’) di oltre 400 pagine preoccupa la famiglia reale soprattutto dopo l’impegno di essere ‘inflessibilmente sincero’
Mostra
1 gior

Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno

La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
1 gior

È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’

L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
1 gior

Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro

Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
1 gior

‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’

L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Scienze
1 gior

Sta nascendo il gemello digitale del pianeta Terra

Messo in campo il budget più importante mai avuto nel settore: con i supercomputer, lo studio dei cambiamenti, a partire da quelli climatici
Cinema
1 gior

‘Il sergente dell’Altopiano’ sbarca a Venezia

Per l’edizione invernale del Cinema svizzero a Venezia, il 29 novembre doppia proposta Imagofilm Lugano
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Christian Bobin

Le sue opere, tradotte in numerose lingue, annullano i confini tra prosa e poesia, narrazione e contemplazione
Culture
1 gior

I musei pubblicano la ‘Lista rossa d’emergenza’ per l’Ucraina

Per il Consiglio internazionale dei musei, uno strumento essenziale per la lotta contro il traffico illecito e per la protezione del patrimonio culturale
Culture
1 gior

Addio a Hans Magnus Enzensberger, faro del dopoguerra tedesco

La Germania piange l’intellettuale onnivoro che “impersonava libertà d’espressione”
Castellinaria
1 gior

Il sabato di Castellinaria (vademecum)

Aspettando il palmarès, gli appuntamenti conclusivi. Chiude ‘L’ombra del giorno’ di Giuseppe Piccioni, con Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli
Spettacoli
1 gior

Gospel & Spirituals, fra chiese e teatri della Svizzera italiana

La rassegna torna da giovedì 8 a venerdì 30 dicembre. Si parte con la Gospel Voices Family, nella chiesa di San Lorenzo a Losone
Concorso
2 gior

La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante

Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
2 gior

In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8

Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Culture
2 gior

‘Musica come cura’, musicoterapia al centro del sesto incontro

‘Musicoterapia per le demenze e la riabilitazione neurologica’ è il titolo dell’incontro in programma lunedì 28 novembre alle 18 al Campus Est dell’Usi
Fuori concorso
2 gior

‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore

Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
Spettacoli
2 gior

Le ‘Fessure’ del Teatro delle Radici, o come riattaccare i cocci

Nuovo spettacolo scritto e diretto da Cristina Castrillo sulle fratture (della vita) e la difficoltà di rimettere assieme ciò che si rompe. A dicembre
Il ragazzo e la tigre
2 gior

Guardandoci col filtro innocente degli animali

A colloquio col documentarista e regista Brando Quilici, che parla della scomparsa delle tigri con il suo recente film. Proiezioni oggi e domani
Pagine scelte
2 gior

‘La fornace’, storia di Konrad che uccise la moglie

Il titolo è il nome dell’assurda abitazione nella quale si rinserra il protagonista del romanzo ossessivo – e come sempre incalzante – di Thomas Bernhard
Cinema
2 gior

L’iniziativa ‘filmo’ presenta film svizzeri con impatto globale

Filmo conta inoltre tre nuovi esperti di cinema, tra cui il ticinese Niccolò Castelli, che da agosto 2022 è direttore artistico delle Giornate di Soletta
Arte
2 gior

Gian Maria Tosatti per il quarto e ultimo ‘NEL’

Martedì 29 novembre alle 18.15, sala 1 del Lac di Lugano, l’artista italiano ospite dell’associazione Fare arte NEL nostro tempo
Libri
2 gior

Posticipo de ‘Il secolo breve del calcio’ di Stefano Marelli

L’incontro pubblico (che avrebbe dovuto svolgersi domani) è stato rimandato a giovedì 1° dicembre, alle 18.30, alla libreria Casagrande a Bellinzona
Castellinaria
3 gior

‘Interactions’, dodici storie raccontano animali ed esseri umani

Al Mercato coperto di Giubiasco, venerdì 25 novembre, alle 18.15 verrà proiettato il lungometraggio antologico curato da Adelina von Fürstenberg
Locarno Film Festival
3 gior

Locarno Kids HomeMade Movies, fabbrica di supereroi

‘Il supereroe che c’è in te’, invito a elaborare una storia per immagini di cui possano essere gli stessi bambini e bambine i protagonisti
Culture
3 gior

Dacia Maraini: ‘Aggressivo provocatore? Pasolini era un mite’

La scrittrice italiana, autrice di ‘Caro Pier Paolo’, ha chiuso la ‘due giorni’ dedicata dal Lac all’intellettuale nato cent’anni fa
Spettacoli
3 gior

Cristina D’Avena, ‘eterna bambina’ con 40 anni di carriera

La regina delle sigle dei cartoni animati festeggia il traguardo con un nuovo album in uscita il 25 novembre
Castellinaria
3 gior

‘Il giovane corsaro’, Pasolini negli anni di Bologna

Tra fiction e documentario, nella sezione ‘Young’, Emilio Marrese racconta la gioventù dell’intellettuale italiano
Castellinaria
3 gior

Un giovedì tra calcio e mediazione culturale

Alle 11, al Mercato coperto di Giubiasco, Svizzera-Camerun. Nel pomeriggio, un focus sul rapporto tra Dino Buzzati e il cinema
La docu-fiction
laR
 
04.11.2022 - 10:43
Aggiornamento: 14:33

Un brutale assassino mi ha curato le rose

Per la serie nazionale ‘True Crime’, Fulvio Bernasconi ha diretto Giuseppe Cederna ne ‘Il vicino tranquillo’, sul ‘caso Tschanun’. Siamo stati sul set

un-brutale-assassino-mi-ha-curato-le-rose
Ti-Press/Elia Bianchi
Fulvio Bernasconi durante le riprese a Lugano. Alla sua sinistra la “line producer” Sara Bühring, di Central Productions

Sedici aprile 1986: reso folle dall’esasperazione, l’architetto a capo della Polizia delle costruzioni di Zurigo, Günther Tschanun, entra in ufficio, uccide 4 colleghi a colpi d’arma da fuoco e ne ferisce gravemente un quinto. Dirà di aver agito perché le pressioni sul posto di lavoro, così come l’atteggiamento di alcuni sottoposti, si erano fatti insostenibili. Terminata la mattanza fugge in Francia, dove verrà acciuffato solo tre settimane più tardi. Al processo, tenutosi in Svizzera, la giustizia lo condannerà a 17 anni per omicidio intenzionale plurimo in prima istanza, che diventano 20 per assassinio plurimo in seconda istanza. Sconterà in totale 14 anni. Uscito di galera per buona condotta, sparirà dalla circolazione. Finché nel 2021 uno "scoop" della Sonntagszeitung rivela che Tschanun è morto nel 2015 sull’argine della Maggia, battendo la testa durante un giro in bici. A Losone, dove risiedeva da anni, si faceva chiamare Claudio Trentinaglia. Per quelli del quartiere era la figura raffigurante cui diamo in mano le chiavi di casa affinché se ne occupi mentre siamo assenti. O concediamo di curarci il giardino. Ma se un giorno emerge che un uomo del quale ci fidavamo è stato in realtà un pluriomicida, allora le nostre certezze vacillano, le domande ci assalgono. Ci chiediamo cosa sia il bene e cosa il male, dove si situi il confine fra questi due estremi.

A queste stesse domande cerca ossessivamente delle risposte Marco Terzaghi, giornalista in pensione, uno del quartiere che con Claudio Trentinaglia aveva fatto amicizia.

Terzaghi, interpretato da Giuseppe Cederna, è il protagonista della docu-fiction ‘Il vicino tranquillo’ che il regista ticinese Fulvio Bernasconi ha girato a Lugano dal 18 al 29 ottobre per una produzione Srg/Rsi ‘Storie’ di Michael Beltrami, in collaborazione con la Central Productions di Lugano di Sara Bühring. Il film, che sarà montato da Bettina Tognola e che si avvale di una troupe da cui spicca un direttore della fotografia considerato un fuoriclasse (il polacco Bogumil Godfrejow), fa parte della serie nazionale Srg/Ssr ‘True Crime’ e passerà l’anno prossimo sulle tre reti nazionali; da noi, appunto, per ‘Storie’. Durante la penultima giornata di riprese, laRegione ha raggiunto sul set, in una vecchia casa disabitata in via Borromini, protagonista, regista e produttori.

Per Beltrami Cederna è una vecchia conoscenza: i loro destini si erano incrociati nel 2003 a Los Angeles, sul set del fortunato ‘Promised Land’ di Beltrami. Prima e dopo quell’esperienza condivisa, l’attore italiano ha lavorato fra gli altri con Comencini, Bellocchio, Silvio Soldini (‘Giulia in ottobre’, ‘Il comandante e la cicogna’, ‘3/19’), Monicelli, Salvatores (‘Mediterraneo’, ‘Marrakech Espress’), con Gianni Amelio in ‘Hammamet’ (nomination come attore non protagonista al David di Donatello 2021) e in diverse fiction Tv (fra cui ‘1992’, ‘1993’ e ‘1994’, nel ruolo di Francesco Saverio Borrelli).

La follia di un uomo ‘normale’

«Ne ‘Il vicino tranquillo’ Terzaghi viene a sapere che l’uomo che gli curava il giardino è morto in bicicletta; poi, molti anni dopo, che quell’uomo non era chi diceva di essere, ma un pluriomicida, autore di una delle maggiori tragedie della storia criminale svizzera – ricorda Cederna –. Così per Terzaghi, confrontato con un grave lutto del quale all’inizio si sa poco o niente, il mondo diventa incomprensibile. Com’è possibile che una persona così gentile e affabile possa aver freddato quattro colleghi e da allora abbia nascosto la sua follia e il suo dramma? Sconvolto, ne parla con la moglie (interpretata da Sandra Ceccarelli) e cerca ossessivamente tutto quanto possa chiarire i contorni della vicenda per capire chi fosse davvero il pluriomicida e cosa possa spingere un uomo "normale" a distruggere la vita di cinque persone e la propria».

La ricerca ridà un senso alla vita del pensionato, che avrà modo di confrontarsi con tutta una serie di personaggi che hanno avuto a che fare con Tschanun in vita: dalla cugina che l’ha conosciuto da piccolo a Ursula (interpretata da Anna Pieri Zürcher) – la funzionaria del Dipartimento di giustizia che aveva seguito l’iter di reintegrazione di Tschanun dopo la sua scarcerazione – fino a una donna che era stata l’amante di Tschanun e che lo ricorda come uomo raffinato e colto, ottimo ballerino. Terzaghi incontra anche un ex collega di Tschanun (interpretato da Michele Venitucci), risparmiato perché non aveva firmato una lettera di accuse nei suoi confronti e che oggi vive nel dolore per non essere morto al posto degli altri. «Ognuna di queste persone racconta un pezzo diverso della storia e noi, come il protagonista del film, rimaniamo sorpresi dalla ricchezza della vita che c’era attorno all’omicida», riflette Cederna.

Questi confronti aiuteranno Terzaghi a uscire dal suo stato di prostrazione e lo riavvicineranno alla figlia. «In realtà il protagonista non trova delle risposte, ma incontra altre storie che, come la sua, hanno a che fare con il dolore; questa sorta di fratellanza in qualche modo gli permette di uscire dalla prigionia che si era autoinflitto». Sull’idea, nata un anno e mezzo fa da Michael Beltrami e Fulvio Bernasconi (il quale ha poi scritto la sceneggiatura con Alberto Ostini), Cederna si è immediatamente buttato partecipando alla scrittura e lavorando alle scene. «Questo – dice – perché ho trovato molte affinità con il mio personaggio e sono molto vicino al tema della fragilità e alla "resurrezione", alla ritrovata voglia di vivere che passa dall’accettazione del dolore come parte della vita e come mezzo per crescere e diventare più umani».

Il regista

‘Svelare il killer indagando altri’

Reduce dalla seconda stagione di ‘Quartier des Banques’, e con in carniere esperienze importanti sia nella documentaristica, sia nella finzione (‘Fuori dalle corde’ del 2007, ‘Miséricorde’ del 2016), Fulvio Bernasconi sperimenta dunque con ‘Il vicino tranquillo’ la docu-fiction, modello in cui la fiction pura, pur basata essenzialmente su fatti realmente accaduti, è supportata da estratti documentali.

In ‘Il vicino tranquillo’ il protagonista non è Tschanun, ma una persona che aveva avuto a che fare con lui non in relazione al terribile fatto di sangue. Come avete deciso di affrontare la storia da questo particolare punto di vista?

L’idea primigenia è di Michael Beltrami, che per ‘Storie’ aveva pensato alla vicenda di Tschanun e me ne aveva parlato. Così ho approfondito la cosa, che mi ha stimolato perché parliamo di temi che mi interessano, ma ho subito capito che era impossibile raccontarla in modo bello, coinvolgente ed emozionante con un documentario. Pertanto, abbiamo deciso di affrontarla in maniera per così dire "ibrida" e nuova, anche se nuova in senso assoluto non è, perché negli ultimi anni la mescolanza tra fiction e documentario è sempre più utilizzata. Non mi riferisco comunque a quei prodotti in cui la fiction è sotto le mentite spoglie di un documentario: quel genere di film, deontologicamente, non mi piace. Il modello cui mi riferisco è quello di ‘Exterminate All the Brutes’, la miniserie documentaria di Raoul Peck. Poi, lavorandoci, abbiamo capito una cosa importante.

Quale?

Che sarebbe stato interessante affrontare e svelare la figura del killer indagando le persone che ne sono rimaste colpite, come chi lo frequentava. In questo modo abbiamo costruito una drammaturgia in cui il dolore e la sofferenza di Tschanun venissero declinate nella sua storia e in quella di un suo vicino.

La scelta di lavorare alla sceneggiatura con Alberto Ostini parte da lontano.

Sì, lui è uno sceneggiatore che viene dai fumetti. Aveva già scritto il mio film di diploma alla Scuola di cinema – parliamo di 25 anni fa – e poi abbiamo fatto un corto, ‘Goal’, e il "mockumentary" ‘Operazione Lombardia’. Ora ci siamo ritrovati su questo progetto. Lo considero il mio sceneggiatore molto intellettuale (ride, ndr).

Tempo di scrittura?

Rapido. Ci sono state più versioni, ma fra gennaio e giugno abbiamo scritto il grosso. Considerando che in Svizzera a scrivere un film ci metti 5 anni, e poi c’è ancora tutto il capitolo del finanziamento, è un ottimo risultato.

Come l’exploit di girare in 10 giorni.

Sì, più i 3 giorni di prove. Giuseppe Cederna dice che sono una rarità, ma personalmente, in quel che ho fatto, ho sempre ritenuto importante provare, se no corri il rischio di andare sul set e dover lavorare in modo un po’ superficiale. E questo gli attori lo sanno. È vero che a volte con la produzione è necessario insistere, ma alla fine capiscono che il prodotto non può che uscirne migliore. Lo dimostra del resto la qualità dei film di Silvio Soldini, uno che appunto crede molto nelle prove.

E lavorare con Cederna, che per la Svizzera italiana può essere considerato un "fuori categoria"?

Quando abbiamo cominciato a pensare a un vicino di Tschanun-Trentinaglia, ho immediatamente realizzato che sarebbe stato bellissimo lavorare con Giuseppe Cederna. Io l’avevo solo incrociato rapidamente su un set, mentre Michael Beltrami lo conosce bene. Così è stato possibile realizzare il sogno. Poi lavorare con un attore del genere è facile: più uno è bravo, meno lavoro hai da fare tu come regista. Bisogna comunque dire che a priori c’è tutto un discorso di preparazione su cosa è la scena e cosa vuole il personaggio, poi le cose si incarnano, nel senso letterale del termine.

Come si situa questa produzione nel tuo cammino professionale?

Per me è una cosa nuova, un telefilm corto non l’avevo mai fatto e ne sono veramente entusiasta, anche se generalmente l’entusiasmo del regista non è sufficiente né una garanzia di successo (ride, ndr). Scherzi a parte, mi piace molto l’assoluta libertà che mi è data da Michael Beltrami per ‘Storie’ ed è bello poter girare una fiction in italiano.

In che misura credi di voler intervenire nel montaggio?

Ogni volta parto con il piano di voler intervenire il meno possibile, perché fisicamente è il lavoro che mi piace di meno, visto che faccio fatica a star seduto tutto il giorno. In ogni caso credo che come regista corri il rischio di consumarti e di perdere la lucidità. Nei fatti, l’intervento è comunque sempre piuttosto cospicuo, anche perché bisogna considerare il "contorno" delle musiche e del "sound design" (curato da Massimo Pellegrini), che richiedono presenza. Detto questo, mi piace sempre che il montatore mi sorprenda, portandomi qualcosa a cui non avevo pensato. Un montaggio è un lavoro di scultura, come con il marmo. La differenza è che in un film puoi tornare indietro.


Ti-Press/Elia Bianchi
Giuseppe Cederna (a sinistra) in una scena del film

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved