ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
1 ora

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
2 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
3 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
4 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
5 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
11 ore

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
13 ore

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
14 ore

‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza

Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Sanremo
22 ore

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
1 gior

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
2 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
2 gior

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
2 gior

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
2 gior

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
L’intervista
laR
 
23.11.2022 - 05:30
Aggiornamento: 24.11.2022 - 17:45

Margherita è Chiara, santa femminista

A colloquio con Margherita Mazzucco, protagonista del film di Nicchiarelli, dedicato alla gioventù dell’assisana prima della canonizzazione

margherita-e-chiara-santa-femminista
Massimo Pedrazzini
Margherita Mazzucco ieri sera a Castellinaria

«Chiara è un personaggio molto determinato e coraggioso: diciottenne decide di lasciare la propria casa e seguire Francesco, riuscendo a coinvolgere molte persone accanto a sé. È una figura magnetica, con una grande energia; ma è pure molto rigorosa; anche più di Francesco». L’attrice partenopea Margherita Mazzucco descrive così Chiara d’Assisi, dopo averne interpretato la parte nel lungometraggio storico-drammatico ‘Chiara’ (2022) di Susanna Nicchiarelli, che è stato proiettato ieri sera a Castellinaria, nella sezione ‘Fuori concorso’. A presenziare alla prima svizzera, anche l’attrice ventenne che ha vestito panni duecenteschi e interpretato la ragazza che nel 1211 lascia la nobile casa paterna per seguire Francesco e vivere in estrema povertà e semplicità, secondo ciò che proferisce il Vangelo. (I due santi daranno vita agli ordini mendicanti di Francescani e Clarisse, si badi che si semplifica assai).

Insomma, il film è su Santa Chiara prima di Santa Chiara, che papa Alessandro IV canonizzò nel 1255, due anni dopo la sua morte (rinfreschiamo la memoria: era nata nel 1194). Di primo acchito, il film colpisce l’orecchio per la parlata vernacolare, un volgare umbro che la protagonista racconta di aver allenato iniziando a fare una manciata di lezioni con un coach, «poi sul set c’erano degli umbri, andavo da loro e chiedevo consiglio».


Margherita nei panni di Chiara d’Assisi

Accompagnata da un’aria di neve e camino, ieri ho raggiunto Margherita nel foyer del Mercato coperto per un’intervista, poco dopo il suo arrivo da Napoli e poco prima che le luci della sala si soffondessero per l’inizio del film. Classe 2002, la giovane donna è nota al grande pubblico per essere stata Lenù – Elena Greco – nella serie di successo ‘L’amica geniale’ (trasposizione dei romanzi di Elena Ferrante), ambientata in un rione napoletano negli anni Cinquanta. Il suo approdo alla recitazione, come lei stessa racconta, è stato "per gioco": all’età di 14 anni ha partecipato ai provini con il regista Saverio Costanzo, allora frequentava il liceo classico Antonio Genovesi (dove si è diplomata nel 2020). Viene presa per la parte di Elena e, da lì, il suo cammino nella recitazione ha spiccato il volo.

Quando hai lavorato a ‘L’amica geniale’ frequentavi il liceo classico e tutto iniziò per gioco. Quella prima esperienza come ti ha segnata, ha determinato in qualche maniera i tuoi propositi circa il futuro?

Penso di essere molto fortunata, perché per caso ho trovato quello che voglio fare nella vita. Tutto è arrivato, non me lo aspettavo e non volevo fare l’attrice; anche durante tutto il primo anno di riprese della serie. Poi però, continuando mi sono resa conto che in realtà mi piaceva molto e che mi riusciva anche abbastanza semplice.

Cosa ti dà questo mestiere?

Stare sul set mi diverte e mi piace ragionare sui personaggi. Mi piace tutto ciò che viene prima delle riprese, come la preparazione ed entrare in connessione con il ruolo che devo interpretare, cercando di capire perché fa determinate cose… Ricordo quando mi dissero che non si deve mai giudicare il proprio personaggio, anche se fa cose cattive e sbagliate…

Dopo Lenù, Chiara è la tua seconda interpretazione e la tua prima esperienza cinematografica: come è arrivato questo ruolo?

Ero a Torino – stavo ancora girando la serie – e mi è arrivata la chiamata di Susanna, che in principio mi ha raccontato il soggetto parte di una trilogia e poi mi disse che ero adatta al ruolo di Chiara. Lì per lì, son rimasta un po’ così, ho pensato ‘oddio… una santa’ (lo dice ridendo; ndr). Poi ho letto la sceneggiatura e mi è piaciuta un sacco. Non conoscevo la storia di Chiara, conoscevo meglio quella di Francesco, perché è studiata a scuola. Ne sono rimasta molto colpita e ho quindi deciso di prepararmi per il provino…

Si legge che è ‘la storia di una ragazza e della sua rivoluzione’: la protagonista rivendica il riconoscimento delle donne (non solo nell’ambiente ecclesiastico, il suo discorso è universale) e del loro posto nel mondo. A distanza di circa ottocento anni, perché raccontare questa vicenda ben poco agiografica? Che cosa trasmettono oggi la figura e la vita di Chiara?

Raccontare la storia di Chiara, in generale, è importante perché non se ne è mai parlato, è sempre stata vista come ombra di Francesco, un po’ come una classica santa. Invece, Chiara ha fatto un lavoro grandissimo: è stata la prima a scrivere una legge (o regola monastica; ndr) per le donne; non una legge maschile declinata poi al femminile. Lei voleva comportarsi come i frati, voleva camminare scalza e viaggiare per il mondo. Per l’epoca era molto rivoluzionaria. Penso poi che la storia si ripeta sempre e per me la sua è una vicenda molto attuale.

Un trittico di icone

Il film in costume è stato presentato in anteprima mondiale alla 79esima Mostra internazionale del cinema di Venezia e uscirà nelle sale italiane il prossimo 7 dicembre. Questo è il quarto lavoro di Nicchiarelli, che si è avvalsa della consulenza scientifica di Chiara Frugoni: storica, scrittrice e accademica italiana, specialista di Medioevo e Storia della Chiesa, morta quest’anno e a cui il film è dedicato. ‘Chiara’ chiude la trilogia dedicata a donne; prima di lei ‘Nico, 1988’ (2017) che narra gli anni della maturità della cantante già Velvet Underground (al fianco di Lou Reed), e ‘Miss Marx’ (2020), sulla figura di Eleanor Marx, figlia minore di Karl (quello del ‘Capitale’, natürlich). Il trittico di icone intende mostrare e scoprire l’individuo oltre il libro di storia, aveva chiarito la regista stessa.

Insieme a Mazzucco, hanno recitato fra gli altri Andrea Carpenzano (Francesco), Carlotta Natoli (Cristiana), Paolo Briguglia (Leone) e Luigi Lo Cascio (Cardinal Ugolino). Chiudiamo con una parentesi storica: l’attore e regista siculo è stato ospite di Castellinaria nel 2014, occasione in cui presentò ‘Marina’, film del regista belga Stijn Coninx, in cui interpretò il ruolo di Salvatore Granata, minatore italiano immigrato in Belgio.


Keystone
La regista Susanna Nicchiarelli

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved