ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
5 ore

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
5 ore

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
8 ore

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
8 ore

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
9 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
9 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
11 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
12 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
18 ore

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
20 ore

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
21 ore

‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza

Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Sanremo
1 gior

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
1 gior

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
2 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
2 gior

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
2 gior

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
2 gior

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
Spettacoli
2 gior

‘Dimenticando Gaber’ alla Cambusa di Locarno

L’attore e regista Emanuele Santoro, accompagnato dalla musica di Yara Mennel, propone un recital dei testi del cantautore meneghino, sabato 4 febbraio
Spettacoli
2 gior

Ai ‘Margini’ del mondo con Vischer, Lepori e Mourtzakis

La performance fra poesia e musica verrà interpretata dai tre protagonisti domenica 5 febbraio, alle 17, al Teatro San Materno di Ascona
Spettacoli
2 gior

Il futuro apocalittico di ghiacci sciolti con ‘Ulisse Artico’

Lo spettacolo scritto da Lina Prosa e diretto da Carmelo Rifici verrà rappresentato in prima nazionale martedì 7 febbraio (in replica l’8) al Lac
Locarno Film Festival
2 gior

Successione Marco Solari, c’è la commissione

Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
2 gior

Le Donne, la musica e Ornella Vanoni

Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
3 gior

Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson

È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Musica
3 gior

L’Orchestra della Svizzera romanda suonerà i Led Zeppelin

A curare gli arrangiamenti sarà il cantautore e produttore neozelandese Jaz Coleman, cantante della band britannica Killing Joke
Scienze
3 gior

San Francisco tassa le bibite zuccherate, calano i consumi

L’intento della ‘Soda Tax’ è quello di ridurre i casi di diabete e ipertensione e ha generato 15 milioni di entrate, impiegati in programmi salutari
Spettacoli
3 gior

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Locarno75
laR
 
02.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 10.08.2022 - 11:58

Il Film Festival prima della Prima: Giona A. Nazzaro

Libertà, costruzione, attesa e nessuna autocelebrazione: il 75esimo nelle parole del direttore artistico

il-film-festival-prima-della-prima-giona-a-nazzaro
Ti-Press
Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival

Non parlate al Locarno Film Festival del 75esimo. È una ricorrenza, importante sì, ma non più del cambiamento in atto nel settore audiovisivo, che non consente autocelebrazioni. Nemmeno quella di essere usciti dalla pandemia con lungimiranza, forse per quella "attitudine al cambiamento" di cui si parla in ‘Locarno on/Locarno off’, libro sul Festival di Lorenzo Buccella di cui si è scritto, e che nella sua versione televisiva intitolata ‘Locarno Confidential’ segnerà – questa sera alle 20.40 su La1 e da domani anche su Play Suisse – l’inizio del 75esimo.

Prima del documentario, e prima del Festival che parte domani, la Piazza Grande accende il suo schermo stasera alle 21.30 per il Prefestival, il film per famiglie in proiezione gratuita. Trattasi di ‘Interdit aux chiens et aux Italiens’, pluripremiato film d’animazione di Alain Ughetto, una stop motion sulla vera storia di Cesira e Luigi, coppia di emigranti italiani che negli anni Venti fuggirono dalla miseria delle vallate alpine italiane per metter su famiglia in Francia, storia che rievoca in maniera tangibile il passato migratorio del Canton Ticino.

Giornalisticamente parlando, il nostro Prefestival è un sondare gli animi al PalaCinema, prima che tutto abbia inizio.

Giona A. Nazzaro: com’è prima della Prima?

Ci sono mille cose che passano per la testa. Tutto è ovviamente stato discusso, preparato, provato. Si aspetta solo di andare in scena, consapevoli del grande impegno e del valore storico di questo anniversario.

Quanta responsabilità porta un 75esimo, più di un 70esimo che già ne portò di suo?

Gli anniversari, con questi numeri così belli e rotondi, recano con sé una domanda, anche sdoppiabile, alla quale bisogna poi dare una risposta: cosa è stato fatto e cosa sarà fatto? L’anniversario oscilla sempre tra questi due poli. Con questo anniversario abbiamo volutamente tentato di puntare l’attenzione nella direzione di quello che faremo, perché la nostra è una storia imponente, importante, bella, una storia che è stata consegnata al cinema del XX secolo. Ciò che abbiamo fatto qui è diventato patrimonio del cinema mondiale. Adesso la sfida è continuare a farlo, intuire le trasformazioni dell’intera filiera dell’industria cinematografica, capire come volgere queste trasformazioni affinché la nostra storia continui a essere rilevante e significativa e, allo stesso tempo, come costruire il Festival di dopodomani, un Festival che sia accessibile e allo stesso tempo in grado d’intuire le aperture formali e innovative del linguaggio cinematografico e, di conseguenza, come esso si cala o meno nel tessuto delle nostre società.

A che punto siamo di questa costruzione?

Domanda interessante, ma me la dovrebbe porre domani.

Non c’è alcun intento autocelebrativo, in questo 75esimo. Lo avete specificato nella conferenza stampa di presentazione, è specificato anche nella prefazione al libro di Lorenzo Buccella, ‘Locarno on/Locarno off’, dove, anzi, si dice che "accanto a pagine felici, ne troverete altre intrise di difficoltà e, talvolta, smarrimento"…

Il libro di Lorenzo Buccella è molto bello, storicamente molto utile, e ha il merito di conservare una leggerezza fondamentale, perché la storia si trasmette anche come aneddoto e mitologia, se entrambi questi aspetti sono ancorati nel tessuto di una storia condivisa. Buccella ha avuto questa straordinaria intuizione di raccontare la storia in una maniera nuova. Questo è un merito di questo libro che, in qualche modo, offre anche il passo di quello che stiamo facendo.

Un capitolo abbastanza corposo del libro è dedicato alla libertà del Locarno Festival, quel suo combattere contro definizioni colorite come "avamposto sovietico del Lago Maggiore" – erano gli anni della Guerra Fredda – per il suo originario guardare al cinema dell’Est del mondo. Lei, personalmente, sente questa tradizione di libertà e si sente libero, artisticamente parlando?

Sì, mi sento assolutamente libero e la storia del Festival dichiara che questa libertà non è mai venuta meno. La libertà è una conversazione, non si può imporre; la libertà è un processo, non è scontata; la libertà non è un paradigma, è un’invenzione che si fa di volta in volta. Tutto questo non può accadere se non esiste una comunità che si raccoglie davanti a uno schermo, e grazie alla quale si creano tante conversazioni diversificate. Motivo per il quale non credo alla polemica e alla provocazione, perché tutto questo presupporrebbe che chi lancia la provocazione o la polemica pensa di avere la risposta in tasca. Io credo che avere il privilegio di poter proporre una selezione di opere cinematografiche per essere fruite sia già in sé un privilegio enorme, e dunque tutto il lavoro lo si fa quando queste opere entrano nell’agone del dialogo.

Dico non a caso ‘agone’ e ‘dialogo’, perché a volte i dialoghi sanno anche essere forti, problematici, ma sempre dialoghi restano: non esiste una conversazione che si cala dall’alto al basso, e non esiste una conversazione che non sia orizzontale. In questo senso, credo che la libertà, più che una dichiarazione, sia una meta alla quale aspirare, tenendo sempre salda la testa su alcuni processi profondamente democratici, di condivisione. Poi, è ovvio che esista un principio editoriale, una curatela, uno sguardo. Ma questi sono gli elementi primordiali della conversazione. D’altronde, gli unici festival che hanno un motivo d’interesse sono quelli che hanno una grafia riconoscibile, e quella di Locarno, non da adesso, è sempre stata estremamente riconoscibile. È per questo che esiste una storia del Festival di Locarno.

Limitatamente all’edizione alle porte, Costa-Gavras ha un senso, in questo senso…

Costa-Gavras è un cineasta che è sempre stato al servizio del mondo, della libertà, ma anche un cineasta che si è posto delle domande importanti sulla forma del cinema; si è chiesto a cosa servisse il cinema e che cosa si potesse fare ancora con il cinema. In un anniversario come il 75esimo, una figura come la sua ci ricorda che ci sono tanti modi di stare nel mondo, ma che soltanto un paio fanno la differenza. Quello di Costa-Gavras è uno di questi.

La sua direzione artistica ha esordito in tempi pandemici: quello di quest’anno è il Festival che voleva?

Voglio che sia chiaro: il Festival dello scorso anno è stato esattamente il Festival che volevo, nato e strappato a una situazione pandemica ancora in atto, a una situazione oggettiva di coincidenze con altri grandi festival. Il Festival dell’anno scorso, per quel che riguarda i titoli, è esattamente il Festival che volevo, un Festival che il pubblico di Locarno ha fatto suo e che ha permesso a tutta una serie di film di avere una lunghissima vita post-Locarno. Quello di quest’anno è un Festival al quale abbiamo potuto lavorare con un margine forse maggiore di tempo, ma con un’intensità addirittura raddoppiata, ed è senz’altro il Festival che volevo. Ciò che quest’anno non c’è più, per fortuna, sono le misure di sicurezza sanitaria, per cui le sale sono di nuovo al massimo della capienza. Speriamo che per questo motivo il pubblico risponda ‘presente’. Ma probabilmente lei voleva chiedermi se ci è scappato qualche film…

In verità no, ma a questo punto le pongo la domanda…

Siamo riusciti ad avere tutto quel che volevamo. Per le poche, pochissime cose che non abbiamo avuto, ma che sapevamo dirette altrove, abbiamo comunque giocato la nostra partita. Alla fine però, credo che questo programma, così come si presenta, sia estremamente ricco: se fossi oggi un giovane critico metterei le tende per vedere Cineasti del presente; in qualità di cinefilo farei attenzione a non perdere nemmeno un film della retrospettiva Sirk; in qualità di critico cinematografico farei molta attenzione a non perdere nessun film del Concorso, senza parlare di quello straordinario vivaio che sono i Pardi di domani. Io credo, e lo dico con la massima obiettività, che la qualità filmica delle opere che presentiamo sia di un tenore estremamente elevato.

Tre film svizzeri in Piazza Grande è una concessione o un attestato di stima?

È ovvio che in ogni festival nazionale si pensa che la produzione nazionale stia lì per questione di quote. Grazie al cielo, non ho ancora dovuto fare ragionamenti di questo tipo. Per la produzione svizzera abbiamo lo stesso numero di film dello scorso anno. I tre film in Piazza Grande rappresentano la scelta consapevole di utilizzare la vetrina di Piazza Grande per dare un segno forte al resto dell’industria cinematografica, un segno che il cinema svizzero gode di ottima salute e che anche nelle sue punte più avanzate di cinema che guarda al grande pubblico può competere e misurarsi con il grande intrattenimento riconducibile ad altre cinematografie.

Per finire. Lo scorso anno, in occasione della sua nomina, si disse che il Festival confidava in un direttore artistico ‘integrato’. In questi due anni lei ha conosciuto Locarno nel bene e male, inteso come pandemia: si sente ‘uno del posto’?

Mi sento accolto, questo sì. Più conosco il Ticino e più mi rendo conto che ci sono tante storie e sarebbe quindi un po’ presuntuoso dire che mi sento del posto. Mi sento accolto, e mi sento parte di un processo, perché lavorare per tentare di costruire il miglior Festival possibile è un modo di mettersi al servizio di una regione e di un Paese. D’altronde Locarno è l’unico festival al mondo che è diventato sostantivo e aggettivo: è sostantivo perché Locarno significa un’idea di cinema diversificata, ricca, complessa, ma allo stesso tempo un’attenzione al cinema del passato molto premurosa. E allo stesso tempo Locarno è un aggettivo perché ‘locarnese’ significa uno sguardo audace, che ti dà il benvenuto, uno sguardo polemico ma anche generoso. È un aspetto al quale penso molto. In occasione di Festeggiamo 75, la rassegna itinerante per il 75 anni del Festival, ho trovato davvero toccante vedere come queste piccole aree abbiano ricreato lo spirito di Piazza Grande. Non voglio citare un posto a discapito di un altro, ma mi piace constatare come tutta la regione abbia risposto a questa iniziativa. Quindi, in questo senso sì, mi sento del posto e sì, spero di poterlo diventare ancora di più in futuro.


Ti-Press
Con Marco Solari

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved