ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
4 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
5 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
16 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
20 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
21 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
22 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
22 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
22 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
2 gior

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
2 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
2 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
2 gior

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
3 gior

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
3 gior

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
4 gior

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
4 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
4 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
4 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
4 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
5 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
5 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Locarno75
laR
 
02.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 10.08.2022 - 11:58

Il Film Festival prima della Prima: Giona A. Nazzaro

Libertà, costruzione, attesa e nessuna autocelebrazione: il 75esimo nelle parole del direttore artistico

il-film-festival-prima-della-prima-giona-a-nazzaro
Ti-Press
Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival

Non parlate al Locarno Film Festival del 75esimo. È una ricorrenza, importante sì, ma non più del cambiamento in atto nel settore audiovisivo, che non consente autocelebrazioni. Nemmeno quella di essere usciti dalla pandemia con lungimiranza, forse per quella "attitudine al cambiamento" di cui si parla in ‘Locarno on/Locarno off’, libro sul Festival di Lorenzo Buccella di cui si è scritto, e che nella sua versione televisiva intitolata ‘Locarno Confidential’ segnerà – questa sera alle 20.40 su La1 e da domani anche su Play Suisse – l’inizio del 75esimo.

Prima del documentario, e prima del Festival che parte domani, la Piazza Grande accende il suo schermo stasera alle 21.30 per il Prefestival, il film per famiglie in proiezione gratuita. Trattasi di ‘Interdit aux chiens et aux Italiens’, pluripremiato film d’animazione di Alain Ughetto, una stop motion sulla vera storia di Cesira e Luigi, coppia di emigranti italiani che negli anni Venti fuggirono dalla miseria delle vallate alpine italiane per metter su famiglia in Francia, storia che rievoca in maniera tangibile il passato migratorio del Canton Ticino.

Giornalisticamente parlando, il nostro Prefestival è un sondare gli animi al PalaCinema, prima che tutto abbia inizio.

Giona A. Nazzaro: com’è prima della Prima?

Ci sono mille cose che passano per la testa. Tutto è ovviamente stato discusso, preparato, provato. Si aspetta solo di andare in scena, consapevoli del grande impegno e del valore storico di questo anniversario.

Quanta responsabilità porta un 75esimo, più di un 70esimo che già ne portò di suo?

Gli anniversari, con questi numeri così belli e rotondi, recano con sé una domanda, anche sdoppiabile, alla quale bisogna poi dare una risposta: cosa è stato fatto e cosa sarà fatto? L’anniversario oscilla sempre tra questi due poli. Con questo anniversario abbiamo volutamente tentato di puntare l’attenzione nella direzione di quello che faremo, perché la nostra è una storia imponente, importante, bella, una storia che è stata consegnata al cinema del XX secolo. Ciò che abbiamo fatto qui è diventato patrimonio del cinema mondiale. Adesso la sfida è continuare a farlo, intuire le trasformazioni dell’intera filiera dell’industria cinematografica, capire come volgere queste trasformazioni affinché la nostra storia continui a essere rilevante e significativa e, allo stesso tempo, come costruire il Festival di dopodomani, un Festival che sia accessibile e allo stesso tempo in grado d’intuire le aperture formali e innovative del linguaggio cinematografico e, di conseguenza, come esso si cala o meno nel tessuto delle nostre società.

A che punto siamo di questa costruzione?

Domanda interessante, ma me la dovrebbe porre domani.

Non c’è alcun intento autocelebrativo, in questo 75esimo. Lo avete specificato nella conferenza stampa di presentazione, è specificato anche nella prefazione al libro di Lorenzo Buccella, ‘Locarno on/Locarno off’, dove, anzi, si dice che "accanto a pagine felici, ne troverete altre intrise di difficoltà e, talvolta, smarrimento"…

Il libro di Lorenzo Buccella è molto bello, storicamente molto utile, e ha il merito di conservare una leggerezza fondamentale, perché la storia si trasmette anche come aneddoto e mitologia, se entrambi questi aspetti sono ancorati nel tessuto di una storia condivisa. Buccella ha avuto questa straordinaria intuizione di raccontare la storia in una maniera nuova. Questo è un merito di questo libro che, in qualche modo, offre anche il passo di quello che stiamo facendo.

Un capitolo abbastanza corposo del libro è dedicato alla libertà del Locarno Festival, quel suo combattere contro definizioni colorite come "avamposto sovietico del Lago Maggiore" – erano gli anni della Guerra Fredda – per il suo originario guardare al cinema dell’Est del mondo. Lei, personalmente, sente questa tradizione di libertà e si sente libero, artisticamente parlando?

Sì, mi sento assolutamente libero e la storia del Festival dichiara che questa libertà non è mai venuta meno. La libertà è una conversazione, non si può imporre; la libertà è un processo, non è scontata; la libertà non è un paradigma, è un’invenzione che si fa di volta in volta. Tutto questo non può accadere se non esiste una comunità che si raccoglie davanti a uno schermo, e grazie alla quale si creano tante conversazioni diversificate. Motivo per il quale non credo alla polemica e alla provocazione, perché tutto questo presupporrebbe che chi lancia la provocazione o la polemica pensa di avere la risposta in tasca. Io credo che avere il privilegio di poter proporre una selezione di opere cinematografiche per essere fruite sia già in sé un privilegio enorme, e dunque tutto il lavoro lo si fa quando queste opere entrano nell’agone del dialogo.

Dico non a caso ‘agone’ e ‘dialogo’, perché a volte i dialoghi sanno anche essere forti, problematici, ma sempre dialoghi restano: non esiste una conversazione che si cala dall’alto al basso, e non esiste una conversazione che non sia orizzontale. In questo senso, credo che la libertà, più che una dichiarazione, sia una meta alla quale aspirare, tenendo sempre salda la testa su alcuni processi profondamente democratici, di condivisione. Poi, è ovvio che esista un principio editoriale, una curatela, uno sguardo. Ma questi sono gli elementi primordiali della conversazione. D’altronde, gli unici festival che hanno un motivo d’interesse sono quelli che hanno una grafia riconoscibile, e quella di Locarno, non da adesso, è sempre stata estremamente riconoscibile. È per questo che esiste una storia del Festival di Locarno.

Limitatamente all’edizione alle porte, Costa-Gavras ha un senso, in questo senso…

Costa-Gavras è un cineasta che è sempre stato al servizio del mondo, della libertà, ma anche un cineasta che si è posto delle domande importanti sulla forma del cinema; si è chiesto a cosa servisse il cinema e che cosa si potesse fare ancora con il cinema. In un anniversario come il 75esimo, una figura come la sua ci ricorda che ci sono tanti modi di stare nel mondo, ma che soltanto un paio fanno la differenza. Quello di Costa-Gavras è uno di questi.

La sua direzione artistica ha esordito in tempi pandemici: quello di quest’anno è il Festival che voleva?

Voglio che sia chiaro: il Festival dello scorso anno è stato esattamente il Festival che volevo, nato e strappato a una situazione pandemica ancora in atto, a una situazione oggettiva di coincidenze con altri grandi festival. Il Festival dell’anno scorso, per quel che riguarda i titoli, è esattamente il Festival che volevo, un Festival che il pubblico di Locarno ha fatto suo e che ha permesso a tutta una serie di film di avere una lunghissima vita post-Locarno. Quello di quest’anno è un Festival al quale abbiamo potuto lavorare con un margine forse maggiore di tempo, ma con un’intensità addirittura raddoppiata, ed è senz’altro il Festival che volevo. Ciò che quest’anno non c’è più, per fortuna, sono le misure di sicurezza sanitaria, per cui le sale sono di nuovo al massimo della capienza. Speriamo che per questo motivo il pubblico risponda ‘presente’. Ma probabilmente lei voleva chiedermi se ci è scappato qualche film…

In verità no, ma a questo punto le pongo la domanda…

Siamo riusciti ad avere tutto quel che volevamo. Per le poche, pochissime cose che non abbiamo avuto, ma che sapevamo dirette altrove, abbiamo comunque giocato la nostra partita. Alla fine però, credo che questo programma, così come si presenta, sia estremamente ricco: se fossi oggi un giovane critico metterei le tende per vedere Cineasti del presente; in qualità di cinefilo farei attenzione a non perdere nemmeno un film della retrospettiva Sirk; in qualità di critico cinematografico farei molta attenzione a non perdere nessun film del Concorso, senza parlare di quello straordinario vivaio che sono i Pardi di domani. Io credo, e lo dico con la massima obiettività, che la qualità filmica delle opere che presentiamo sia di un tenore estremamente elevato.

Tre film svizzeri in Piazza Grande è una concessione o un attestato di stima?

È ovvio che in ogni festival nazionale si pensa che la produzione nazionale stia lì per questione di quote. Grazie al cielo, non ho ancora dovuto fare ragionamenti di questo tipo. Per la produzione svizzera abbiamo lo stesso numero di film dello scorso anno. I tre film in Piazza Grande rappresentano la scelta consapevole di utilizzare la vetrina di Piazza Grande per dare un segno forte al resto dell’industria cinematografica, un segno che il cinema svizzero gode di ottima salute e che anche nelle sue punte più avanzate di cinema che guarda al grande pubblico può competere e misurarsi con il grande intrattenimento riconducibile ad altre cinematografie.

Per finire. Lo scorso anno, in occasione della sua nomina, si disse che il Festival confidava in un direttore artistico ‘integrato’. In questi due anni lei ha conosciuto Locarno nel bene e male, inteso come pandemia: si sente ‘uno del posto’?

Mi sento accolto, questo sì. Più conosco il Ticino e più mi rendo conto che ci sono tante storie e sarebbe quindi un po’ presuntuoso dire che mi sento del posto. Mi sento accolto, e mi sento parte di un processo, perché lavorare per tentare di costruire il miglior Festival possibile è un modo di mettersi al servizio di una regione e di un Paese. D’altronde Locarno è l’unico festival al mondo che è diventato sostantivo e aggettivo: è sostantivo perché Locarno significa un’idea di cinema diversificata, ricca, complessa, ma allo stesso tempo un’attenzione al cinema del passato molto premurosa. E allo stesso tempo Locarno è un aggettivo perché ‘locarnese’ significa uno sguardo audace, che ti dà il benvenuto, uno sguardo polemico ma anche generoso. È un aspetto al quale penso molto. In occasione di Festeggiamo 75, la rassegna itinerante per il 75 anni del Festival, ho trovato davvero toccante vedere come queste piccole aree abbiano ricreato lo spirito di Piazza Grande. Non voglio citare un posto a discapito di un altro, ma mi piace constatare come tutta la regione abbia risposto a questa iniziativa. Quindi, in questo senso sì, mi sento del posto e sì, spero di poterlo diventare ancora di più in futuro.


Ti-Press
Con Marco Solari

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved