giona-a-nazzaro-toccare-l-immaginazione-del-pubblico
Ti-Press
Giona A. Nazzaro è alla direzione artistica dal 2020
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
2 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
5 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
5 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
6 ore

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
6 ore

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
7 ore

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
7 ore

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
Locarno 75
9 ore

Zsuzsi Bánkuti è la nuova responsabile di Open Doors

Dalla guida ad interim a quella in prima persona: ‘Non vedo l’ora di scoprire e promuovere nuovi talenti provenienti da questa vibrante regione’
Spettacoli
11 ore

Anne Heche senza speranza: ‘È cerebralmente morta’

A una settimana dal terribile incidente, l’annuncio della famiglia. ‘Donerà gli organi’
Open Doors
12 ore

L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario

‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Locarno 75
06.07.2022 - 21:55
Aggiornamento: 22:46

Giona A. Nazzaro: ‘Toccare l’immaginazione del pubblico’

Oggi a Bellinzona è stata presentata la 75esima edizione del Locarno Film Festival. A margine abbiamo posto un paio di domande al direttore artistico.

In quel momento di tempo fra la conclusione della conferenza stampa di presentazione della 75esima edizione del Locarno Film Festival – tenutasi oggi alla Biblioteca cantonale di Bellinzona – e l’inizio dell’aperitivo, ci siamo intrattenuti con Giona A. Nazzaro, direttore artistico della rassegna cinematografica internazionale dal 2020, che si svolgerà dal 3 al 13 agosto prossimi.

Quali sono stati i criteri che hanno animato la selezione dei film di Piazza Grande e del Concorso internazionale?

Ciò che muove il Concorso internazionale è avere dei film che sono in grado di l’immaginazione del pubblico e che sono in grado di attivare delle toccate. Soprattutto questi film devono essere in grado di tenere pubblico il incollato allo schermo. Per ciò che riguarda la selezione di Piazza Grande il criterio è uno solo: emozioni, emozioni, emozioni!

Passiamo alla scelta della giuria. La cernita dei giudici, in generale, presuppone una scelta di sensibilità che gli stessi apportano. Quindi al presidente della giuria del Concorso internazionale Michel Merkt o al presidente William Horberg (’La regina degli scacchi’ per Netflix, ma non solo Penso) e l’elenco potrebbe continuare...

La selezione risponde al desiderio di mettere in conversazione talenti, perché di questo si tratta. L’idea è quindi mettere insieme tutte queste persone estremamente creative, per vedere cosa sortisce l’unione di sguardi molto diversi. Ed esporre tutte queste persone a film che probabilmente non avrebbero visto, se non fossero state invitate a Locarno. In fondo, è un’incognita sulla quale ci piace scommettere, perché crediamo che i film che abbiamo selezionato meritino – e lo meritano parecchio – il piacere della sorpresa.

Durante la presentazione di oggi, più volte ha sottolineato la presenza delle registe dandone i numeri. Perché esplicitarla?

È un’esigenza reale da parte degli eventi culturali di aprire e prendere in considerazione, con l’attenzione che merita, quella che una volta – banalmente – si chiamava l’altra metà del cielo. Quello che voglio dire è che, fra tutte le discussioni che abbiamo avuto in questi giorni, l’unica realmente interessante era questa, che chiedeva a gran voce che si iniziasse a fare i conti con la disparità reale, considerata tuttavia come un inevitabile e accettabilissimo dato di fatto. Questa discussione invece ha fatto sì che tutti fossimo costretti ad aprire gli occhi e a renderci conto che il cosiddetto pregiudizio inconsapevole è persino più letale del pregiudizio dichiarato.

Nel Concorso internazionale partecipa un mostro del cinema: il regista ruteno Aleksandr Sokurov…

Sokurov è uno dei più grandi maestri del cinema di tutti i tempi. Su questo siamo tutti d’accordo, mi auguro. Sokurov è un testimone del suo tempo e Sokurov, senza fare manifesti, è sempre stato critico nei confronti della direzione del suo Paese.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giona nazzaro locarno 75 locarno film festival
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved