la-lingua-giusta-di-maurizia-balmelli
BAK / Julien Chavaillaz
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
3 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
3 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
3 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
3 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
3 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
5 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
5 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
6 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
9 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
22 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
3 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
3 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
3 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
3 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
3 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
letteratura
laR
 
05.04.2022 - 09:52
Aggiornamento: 10:13
di Valentina Grignoli Cattaneo

La lingua giusta di Maurizia Balmelli

Intervista alla traduttrice ticinese, vincitrice di uno dei Premi svizzeri di letteratura

Un ambito ammantato di fascino, quello della traduzione letteraria, che si impone sempre di più nel mondo culturale. Basti pensare ai festival, le formazioni, i concorsi a lei dedicati, i premi, che con gli anni non fanno che aumentare, qui e altrove. È creazione, scrittura, riscrittura, interpretazione. A volte un’unione osmotica tra due menti, quella dell’autore di partenza e del traduttore, spesso un insieme di piccole, grandi, incalzanti sfide tra lingua e significato, frequentemente un viaggio in un Paese straniero da riproporre con linguaggio locale.

Da Fred Vargas a Cormac McCarthy

Cosa significa realmente essere traduttori oggi? Quali sono le sfide, le soddisfazioni, le occasioni che questo mestiere offre e a volte impone? Lo abbiamo chiesto a Maurizia Balmelli, insignita quest’anno del Premio speciale di traduzione da parte dell’Ufficio federale della cultura e tra le più grandi traduttrici dal francese e dall’inglese in Italia.

Siamo partite dalla notizia dell’uscita dei due romanzi di Cormac McCarthy (‘The Passenger’ e ‘Stella Maris’, previsti per il 2023 con Einaudi), nella quale la traduttrice si era appena tuffata, sullo sfondo di una Parigi sul finir del pomeriggio – dove vive. Un lavoro iniziato da qualche ora appena e del quale ci fa già generosamente parte, raccontandoci dubbi e blocchi del suo mestiere.

L’occasione dell’intervista è però quella dell’onorificenza appena ricevuta, il Premio speciale di traduzione: «A sorpresa! Credevo mi chiamassero per una traduzione, e invece… È stato particolare ricevere questo riconoscimento svizzero, perché in fondo tutta la mia carriera professionale si svolge su più esteri. In Italia, per la quale produco, e nei vari Paesi di provenienza delle opere che traduco. Particolare perché con questo premio ho sentito di non essere stata dimenticata dal mio Paese (dove comunque Balmelli ha tradotto per Casagrande, ndr). E ci vedo anche dell’allegoria in questo: parliamo di traduzione, e anche per il premio non si tratta del luogo diretto con il quale ho a che fare quotidianamente, ma di un altro».

Certo è, che essere colei che ha fatto conoscere al mondo italofono le opere di Martin Amis, Ian McEwan, Le Clézio, e Agota Kristof, tra gli altri, si porta appresso una certa dose di responsabilità…

«La prima traduzione è stata Fred Vargas, che è arrivata in Italia attraverso le mie parole! Avevo dei momenti di blocco in cui pensavo: queste parole verranno lette da migliaia di persone! Dovevo concentrarmi per dimenticare il mio futuro lettorato. Va detto anche che in realtà questo lavoro sulla carta sembra impossibile. Il gesto della traduzione è un’acrobazia ogni volta, che sia più o meno visibile. Non si tratta di un’equazione matematica, necessita di un virtuosismo per ogni opera. Se tu ti guardi fare è molto facile arrivare a un blocco in cui ti dici: no, non lo posso fare, non esiste in italiano, non lo posso tradurre, non è riproducibile e via dicendo. Se ti fermi davanti alle singole difficoltà sono sempre microsconfitte, devi fare di necessità virtù. Come ora, c’è questa parola nella prima frase del libro di McCarthy, è impossibile da tradurre in maniera che dia la stessa sensazione…».

Scrivere e tradurre

E mentre Maurizia Balmelli mi racconta i diversi modi in cui può cadere e posarsi la neve in italiano e in inglese, io le chiedo se la sua passione nasca come scrittrice o lettrice, perché ci vedo entrambe le qualità.

«Decisamente nasco come scrittrice, questa è una deviazione, un alibi. Ho iniziato a tradurre perché al termine della Scuola Holden mi è stato proposto, e io mi son detta, perché no! Ma il rapporto con la lingua si è sempre esplicato nella scrittura, sin da ragazzina».

Anche perché, quando si parla di traduzione letteraria, non si intende certo la mera trasposizione di termini da una lingua all’altra, c’è dell’altro. «Tradurre grande letteratura significa che hai qualcuno, c’è un disegno da qualche parte, non ti so dire dove, e come per osmosi il talento dello scrittore passa un po’ in te. Mi sento sostenuta da una scrittura letteraria di qualità. Capirai che per me è più difficile fare traduzioni non letterarie!».

Ma il legame si crea con l’autore o con l’opera che si traduce? Sempre che esista un legame. «Il rapporto si crea con i loro libri. Ho iniziato un’ora fa a tradurre McCarthy, ed è come se avessi ritrovato l’amore della vita dopo tanti anni. Per dire che è un po’ come tornare a casa. Il rapporto con gli scrittori è accessorio, non è assolutamente fondamentale: se fosse così smetteremmo di tradurre autori morti. Inoltre, non è detto che sia per forza utile perché l’autore vede il proprio testo da una prospettiva diversa rispetto a un traduttore. Inoltre non è italofono non avrà mai la stessa sensibilità che ho io con la mia lingua madre».

In dialogo con Sally Rooney

Arriviamo così a parlare di una delle giovani autrici contemporanee più argute e capace di restituire in maniera estremamente intelligente la sua generazione: Sally Rooney. In libreria da qualche settimana il suo ultimo ‘Dove sei, mondo bello’, atteso da molti e tradotto, come i due precedenti, da Maurizia Balmelli. «C’è un preciso motivo per il quale Einaudi me la propose all’epoca di ‘Parlarne tra amici’: quel libro aveva una forte componente dialogica. Che poi è quello che c’è anche in Fred Vargas, che ha la grazia di saper giocare con la lingua di strada. Per quanto riguarda più specificatamente la Rooney, lei lavora molto, e in questo libro ancora di più degli altri, sulla costruzione del personaggio attraverso la sua lingua specifica, il parlato. Essendo il mio punto forte il dialogo, è perfetto».

Non solo, lavorare su un libro di un’autrice simile è un piacere per la Balmelli perché «Sally Rooney è di un’intelligenza acuminata, e visto che un traduttore passa i mesi con la testa in comunicazione con quella della persona che ha prodotto l’opera, avere a che fare con persone intelligenti è fantastico!».

Ma cosa rende speciale la scrittura della giovane autrice irlandese? «Ha una capacità di leggere la contemporaneità e di metterla in discussione, la mette letteralmente all’angolo, è strabiliante. E poi c’è un’altra cosa per me irresistibile: il suo impegno politico. La critica marxista, la lettura dei rapporti tra le persone vista attraverso la lente dei rapporti di classe, è una cosa che raramente ho incontrato. La tematizza proprio, anche in maniera sexy. Quanto al sesso, in ciascuno dei suoi lavori è descritto in modo talmente realistico da risultare quasi disturbante, è un altro ambito cui Rooney ricorre per esplorare i rapporti di potere». Quel che conta, racconta la traduttrice, è poi trovare la giusta lingua, il giusto tono da dare all’opera, perché senza di quello è difficile che il lavoro riesca.

Quello verso la traduzione è un interesse ancora superficiale

Alla luce di quanto detto, del fascino che trasmette la professione di Maurizia Balmelli, mi chiedo se poi, sulla carta, questo mestiere sia adeguatamente riconosciuto…

«Io purtroppo credo che questo tanto sbandierato interesse verso la traduzione vada ancora poco in profondità, credo sia piuttosto un trend. Il corrispettivo dovrebbe essere economico, siamo tutti nel mercato! La traduzione letteraria è travolta da un’aura di fascino, ma poi come veniamo riconosciuti, concretamente? C’è anche la questione delle royalties: non esistono i diritti d’autore per le traduzioni, per cui anche se un libro vende molto e l’autore è riconosciuto mondialmente, il traduttore non percepisce assolutamente una rendita pari al successo, non è prevista una percentuale delle vendite».

Insomma, nonostante l’importanza e il grande valore di un mestiere che permette la diffusione e la conoscenza della letteratura tra Paesi e lingue diverse sia indiscutibile, i traduttori sopportano ancora tariffe troppo basse (che cambiano in modo selvaggio da una casa editrice all’altra e, soprattutto, da Paese a Paese) e non sono tutelati nel loro prezioso lavoro. Il fascino, l’interesse, la moda che ha travolto la traduzione letteraria, persino lo status autoriale dei traduttori, non bastano di certo a compensarli oggi a giusto titolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
letteratura maurizia balmelli traduzione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved