ULTIME NOTIZIE Culture
Moda
3 min

Addio a Paco Rabanne

Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia
conferenza
1 ora

I cambiamenti del clima fra percezione e scioperi

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita un incontro del ciclo ‘La memoria e i ghiacci’, martedì 7 febbraio, alle 18.30
Scienze
1 ora

Chi mangia in modo sano spreca meno cibo

Donne, anziani e famiglie con due componenti i più inclini a seguire le linee guida per un’alimentazione corretta
Arte
2 ore

Lo ‘Spazio Tempo’ di Natalia

In mostra all’Atelier Attila di Arbedo le opere della pittrice Mengoni David, visitabile da sabato 4 a domenica 19 febbraio 2023
Musica
3 ore

‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro

La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
10 ore

‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore

Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
15 ore

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
16 ore

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
19 ore

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
19 ore

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
20 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
20 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
21 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
22 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
1 gior

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
1 gior

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
1 gior

‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza

Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Sanremo
1 gior

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
1 gior

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
2 gior

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
2 gior

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
2 gior

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
2 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
letteratura
laR
 
05.04.2022 - 09:52
Aggiornamento: 10:13

La lingua giusta di Maurizia Balmelli

Intervista alla traduttrice ticinese, vincitrice di uno dei Premi svizzeri di letteratura

di Valentina Grignoli Cattaneo
la-lingua-giusta-di-maurizia-balmelli
BAK / Julien Chavaillaz

Un ambito ammantato di fascino, quello della traduzione letteraria, che si impone sempre di più nel mondo culturale. Basti pensare ai festival, le formazioni, i concorsi a lei dedicati, i premi, che con gli anni non fanno che aumentare, qui e altrove. È creazione, scrittura, riscrittura, interpretazione. A volte un’unione osmotica tra due menti, quella dell’autore di partenza e del traduttore, spesso un insieme di piccole, grandi, incalzanti sfide tra lingua e significato, frequentemente un viaggio in un Paese straniero da riproporre con linguaggio locale.

Da Fred Vargas a Cormac McCarthy

Cosa significa realmente essere traduttori oggi? Quali sono le sfide, le soddisfazioni, le occasioni che questo mestiere offre e a volte impone? Lo abbiamo chiesto a Maurizia Balmelli, insignita quest’anno del Premio speciale di traduzione da parte dell’Ufficio federale della cultura e tra le più grandi traduttrici dal francese e dall’inglese in Italia.

Siamo partite dalla notizia dell’uscita dei due romanzi di Cormac McCarthy (‘The Passenger’ e ‘Stella Maris’, previsti per il 2023 con Einaudi), nella quale la traduttrice si era appena tuffata, sullo sfondo di una Parigi sul finir del pomeriggio – dove vive. Un lavoro iniziato da qualche ora appena e del quale ci fa già generosamente parte, raccontandoci dubbi e blocchi del suo mestiere.

L’occasione dell’intervista è però quella dell’onorificenza appena ricevuta, il Premio speciale di traduzione: «A sorpresa! Credevo mi chiamassero per una traduzione, e invece… È stato particolare ricevere questo riconoscimento svizzero, perché in fondo tutta la mia carriera professionale si svolge su più esteri. In Italia, per la quale produco, e nei vari Paesi di provenienza delle opere che traduco. Particolare perché con questo premio ho sentito di non essere stata dimenticata dal mio Paese (dove comunque Balmelli ha tradotto per Casagrande, ndr). E ci vedo anche dell’allegoria in questo: parliamo di traduzione, e anche per il premio non si tratta del luogo diretto con il quale ho a che fare quotidianamente, ma di un altro».

Certo è, che essere colei che ha fatto conoscere al mondo italofono le opere di Martin Amis, Ian McEwan, Le Clézio, e Agota Kristof, tra gli altri, si porta appresso una certa dose di responsabilità…

«La prima traduzione è stata Fred Vargas, che è arrivata in Italia attraverso le mie parole! Avevo dei momenti di blocco in cui pensavo: queste parole verranno lette da migliaia di persone! Dovevo concentrarmi per dimenticare il mio futuro lettorato. Va detto anche che in realtà questo lavoro sulla carta sembra impossibile. Il gesto della traduzione è un’acrobazia ogni volta, che sia più o meno visibile. Non si tratta di un’equazione matematica, necessita di un virtuosismo per ogni opera. Se tu ti guardi fare è molto facile arrivare a un blocco in cui ti dici: no, non lo posso fare, non esiste in italiano, non lo posso tradurre, non è riproducibile e via dicendo. Se ti fermi davanti alle singole difficoltà sono sempre microsconfitte, devi fare di necessità virtù. Come ora, c’è questa parola nella prima frase del libro di McCarthy, è impossibile da tradurre in maniera che dia la stessa sensazione…».

Scrivere e tradurre

E mentre Maurizia Balmelli mi racconta i diversi modi in cui può cadere e posarsi la neve in italiano e in inglese, io le chiedo se la sua passione nasca come scrittrice o lettrice, perché ci vedo entrambe le qualità.

«Decisamente nasco come scrittrice, questa è una deviazione, un alibi. Ho iniziato a tradurre perché al termine della Scuola Holden mi è stato proposto, e io mi son detta, perché no! Ma il rapporto con la lingua si è sempre esplicato nella scrittura, sin da ragazzina».

Anche perché, quando si parla di traduzione letteraria, non si intende certo la mera trasposizione di termini da una lingua all’altra, c’è dell’altro. «Tradurre grande letteratura significa che hai qualcuno, c’è un disegno da qualche parte, non ti so dire dove, e come per osmosi il talento dello scrittore passa un po’ in te. Mi sento sostenuta da una scrittura letteraria di qualità. Capirai che per me è più difficile fare traduzioni non letterarie!».

Ma il legame si crea con l’autore o con l’opera che si traduce? Sempre che esista un legame. «Il rapporto si crea con i loro libri. Ho iniziato un’ora fa a tradurre McCarthy, ed è come se avessi ritrovato l’amore della vita dopo tanti anni. Per dire che è un po’ come tornare a casa. Il rapporto con gli scrittori è accessorio, non è assolutamente fondamentale: se fosse così smetteremmo di tradurre autori morti. Inoltre, non è detto che sia per forza utile perché l’autore vede il proprio testo da una prospettiva diversa rispetto a un traduttore. Inoltre non è italofono non avrà mai la stessa sensibilità che ho io con la mia lingua madre».

In dialogo con Sally Rooney

Arriviamo così a parlare di una delle giovani autrici contemporanee più argute e capace di restituire in maniera estremamente intelligente la sua generazione: Sally Rooney. In libreria da qualche settimana il suo ultimo ‘Dove sei, mondo bello’, atteso da molti e tradotto, come i due precedenti, da Maurizia Balmelli. «C’è un preciso motivo per il quale Einaudi me la propose all’epoca di ‘Parlarne tra amici’: quel libro aveva una forte componente dialogica. Che poi è quello che c’è anche in Fred Vargas, che ha la grazia di saper giocare con la lingua di strada. Per quanto riguarda più specificatamente la Rooney, lei lavora molto, e in questo libro ancora di più degli altri, sulla costruzione del personaggio attraverso la sua lingua specifica, il parlato. Essendo il mio punto forte il dialogo, è perfetto».

Non solo, lavorare su un libro di un’autrice simile è un piacere per la Balmelli perché «Sally Rooney è di un’intelligenza acuminata, e visto che un traduttore passa i mesi con la testa in comunicazione con quella della persona che ha prodotto l’opera, avere a che fare con persone intelligenti è fantastico!».

Ma cosa rende speciale la scrittura della giovane autrice irlandese? «Ha una capacità di leggere la contemporaneità e di metterla in discussione, la mette letteralmente all’angolo, è strabiliante. E poi c’è un’altra cosa per me irresistibile: il suo impegno politico. La critica marxista, la lettura dei rapporti tra le persone vista attraverso la lente dei rapporti di classe, è una cosa che raramente ho incontrato. La tematizza proprio, anche in maniera sexy. Quanto al sesso, in ciascuno dei suoi lavori è descritto in modo talmente realistico da risultare quasi disturbante, è un altro ambito cui Rooney ricorre per esplorare i rapporti di potere». Quel che conta, racconta la traduttrice, è poi trovare la giusta lingua, il giusto tono da dare all’opera, perché senza di quello è difficile che il lavoro riesca.

Quello verso la traduzione è un interesse ancora superficiale

Alla luce di quanto detto, del fascino che trasmette la professione di Maurizia Balmelli, mi chiedo se poi, sulla carta, questo mestiere sia adeguatamente riconosciuto…

«Io purtroppo credo che questo tanto sbandierato interesse verso la traduzione vada ancora poco in profondità, credo sia piuttosto un trend. Il corrispettivo dovrebbe essere economico, siamo tutti nel mercato! La traduzione letteraria è travolta da un’aura di fascino, ma poi come veniamo riconosciuti, concretamente? C’è anche la questione delle royalties: non esistono i diritti d’autore per le traduzioni, per cui anche se un libro vende molto e l’autore è riconosciuto mondialmente, il traduttore non percepisce assolutamente una rendita pari al successo, non è prevista una percentuale delle vendite».

Insomma, nonostante l’importanza e il grande valore di un mestiere che permette la diffusione e la conoscenza della letteratura tra Paesi e lingue diverse sia indiscutibile, i traduttori sopportano ancora tariffe troppo basse (che cambiano in modo selvaggio da una casa editrice all’altra e, soprattutto, da Paese a Paese) e non sono tutelati nel loro prezioso lavoro. Il fascino, l’interesse, la moda che ha travolto la traduzione letteraria, persino lo status autoriale dei traduttori, non bastano di certo a compensarli oggi a giusto titolo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved