ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Annullato il concerto di Céline Dion al Paléo

L’appuntamento inizialmente previsto nel 2020, ma rinviato a causa del coronavirus, è ora stato annullato per motivi di salute
Spettacoli
3 ore

Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’

Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella Chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
21 ore

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
1 gior

Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij

La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior

Perché il fascismo è nato in Italia

È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
1 gior

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
1 gior

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
1 gior

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
1 gior

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
Scienze
1 gior

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
teatro
1 gior

L’ambiente e il futuro del pianeta raccontato da ‘The Children’

Il testo di Lucy Kirkwood sarà di scena al Sociale l’8 e il 9 dicembre. Nel fine settimana gli spettacoli ‘Doppio taglio’ e ‘Bentornato Babbo Natale’.
Spettacoli
2 gior

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli, con la Compagnia Finzi Pasca e il Teatro Paravento, e il concerto punk
Società
2 gior

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
2 gior

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
2 gior

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 gior

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
2 gior

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
laR
 
18.12.2021 - 15:34

Con Flavio Stroppini nella Parigi del Re Lucertola

Da fan di Jim Morrison prima e come drammaturgo poi, ha scritto ‘Un cane senza un osso’: il live del 3 luglio 2021 alla Rsi è ora negli store digitali

con-flavio-stroppini-nella-parigi-del-re-lucertola
Dallo Studio 2 alla forma podcast (© Rsi)

Detto con le note ufficiali, “è una celebrazione, un viaggio nel tempo, un auspicio giocato tra voce, pianoforte, percussioni, chitarre, sintetizzatori, rumori e bisbigli. Un’esperienza intensa nella quale avvicinarsi alle ‘porte’”. Detto con le liriche di una canzone, “in questo mondo siamo stati gettati come un cane senz’osso”. Di ‘Riders On The Storm’, Flavio Stroppini si è preso un verso per scriverci e intitolarci un’opera drammatico-musicale dedicata al defunto leader dei Doors nel 50esimo della morte. Il tutto è andato in scena nello Studio 2 della Rsi di Besso, in collaborazione con la stessa Rsi. La ricorrenza non è esattamente quella odierna, perché il Re Lucertola (per gli Elii ‘Er Lucertolaro”) morì il 3 luglio del 1971. Oggi, pubblicata per la label parigina Another Music Records, registriamo la sola trasformazione di ‘Un cane senza un osso’ in show audio, o podcast, disponibile sui principali portali dedicati a questa forma di ascolto esplosa durante l’isolamento e divenuta appendice imprescindibile di forme alternative di comunicazione (i quotidiani, per esempio).

La ricorrenza del 50esimo, però, è stata rispettata in pieno. Quanto si ascolta su Spotify, Spreaker, Apple Podcast, Deezer, Podcastaddict e Podchaser è stato registrato dal vivo lo scorso 3 luglio da Riccardo Ruggeri (voce, chitarra elettrica, percussioni) nel ruolo di Morrison, con le musiche composte ed eseguite da Andrea Manzoni (Moog, synth, timpano, pianoforte a coda) e gli inserti sonori di Stroppini, anch’egli dal vivo, e con parti in olofonia (tecnica di registrazione e riproduzione sonora che simula le dinamiche dell’ascolto umano, per la quale è stata impiegata una ventina di microfoni). «L’idea era quella di mettere in scena Jim Morrison nella vasca da bagno di un appartamento di Parigi, nell’ipotetico suo ultimo flusso di coscienza», spiega il regista e autore ticinese. «Morrison si sentiva un poeta più che un rocker maledetto, com’è stato erroneamente dipinto nel film di Olver Stone, bellissimo ma che poco ha a che fare con il cantante. Qui abbiamo cercato di ricreare la sua visione del mondo, partendo dai sogni di bambino e arrivando fino all’ultimo».

Lunga canzone

Registrato da Claudio Kernen con Enea Adami e Gabriele Della Casa, montato, mixato e masterizzato da Yuri Ruspini, introdotto alla maniera del radiodramma (e con le voci di Margherita Coldesina e Matteo Carassini), ‘Un cane senza un osso’ – un po’ radiodramma già di suo – è una ‘lunga canzone’ che con l’incedere tipico della scrittura morrisoniana riporta ai giorni, ai pensieri e ai suoni dell’appartamento al terzo piano in Rue Beautrillis 17 a Parigi, nei giorni precedenti l’uscita di ‘L.A. Woman’, ultimo atto dei Doors con Morrison. Nelle stanze di questo palazzo del XIX secolo, ma pure nelle vie circostanti, Morrison scrisse una messe di appunti e poesie, anche abbozzate, ‘riscritte’ da Stroppini: «Ho affrontato quest’opera adattandomi allo stile dei Doors, senza l’utilizzo di citazioni, senza mai ricorrere a loro brani originali ma semmai ricreandoli, e senza servirmi di batteria e basso, cercando comunque di mantenere quello specifico clima». Tutto diventa più intimamente raccolto, senza che si perdano dinamiche e retrogusto rock. «Ho scritto leggendo biografie, cercando relazioni e significati tra le canzoni, lasciandomi trasportare da quest’onda sonora del cercar di far metafore agganciandosi solitamente ad acqua, aria e fuoco».

Di Flavio Stroppini regista teatrale e drammaturgo, dei suoi oltre trecento radiodrammi e podcast per Rete Due e dei suoi romanzi, qualcosa sappiamo. Andrea Manzoni, compositore produttore e performer (attualmente in tour con Michele Bravi), gli è assai vicino, in quanto fedele autore delle colonne sonore degli spettacoli di Stroppini. Riccardo Ruggeri – cantante di Lomé, Syndone e Lavatrici Rosse, ma anche performer e vocologo – ha vinto per due volte il Premio Demetrio Statos. A legare i tre, attualizzzando, è l’amore per Morrison: «Loro hanno iniziato a fare musica nei piano bar di Biella suonandolo, io da ragazzo volevo essere Morrison, prima di accorgermi che non so cantare e non so suonare nessuno strumento. Quello che so fare bene, invece, è invidiare qualsiasi musicista».

Chiudiamo con Stroppini, e con le arti visive. Sul proprio sito, la Rsi rende disponibile l’ascolto ma anche la visione di ‘Un cane senza un osso’, una doppia testimonianza del 3 luglio e insieme un ponte sul tempo che attraversa l’universo Morrison con la performance live allo Studio 2 e il suo audio originale, impreziosito però dal mix confluito nel podcast. «Abbiamo provato a mostrare tutte le potenzialità dell’audio oltre le normali applicazioni da podcast, e la risposta da parte del settore musicale a questo nostro viaggio sonoro di cinquanta minuti ci riempie di soddisfazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved