ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
10 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
10 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
11 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
12 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
13 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
14 ore

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
14 ore

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
15 ore

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
20.03.2022 - 12:47
Aggiornamento: 14:52

Jim Morrison al Sociale ‘Come un cane senza osso’

L’omaggio di Flavio Stroppini e Andrea Manzoni al Re Lucertola è arrivato in teatro

di Giovanni Medolago
jim-morrison-al-sociale-come-un-cane-senza-osso

Il tendaggio viola in fondo al palcoscenico svolazza al lieve vento. Vien voglia di risentire per l’ennesima volta ‘Riders on the Storm’, proprio il brano dei Doors in cui la coppia Flavio Stroppini-Andrea Manzoni ha trovato il verso (Like a dog without a bone) che dà il titolo alla loro performance "Come un cane senza osso". Gli autori scelgono però una strada diversa: nessuna cover, bensì un flusso di coscienza affidato all’intenso Riccardo Ruggeri, il quale – nei panni del Re Lucertola – si immette virtualmente in quella vasca da bagno dove Jim Morrison fu rinvenuto esanime quel maledetto 3 luglio 1971. Già trasmesso da Rete 2 giusto 50 anni dopo la morte di un’icona non solo dell’universo rockettaro, la loro opera drammatico-musicale è approdata al Teatro Sociale di Bellinzona, dove lo stesso Stroppini si è riservato il ruolo di "rumorista".

Un flusso di coscienza che inizia in modo crudele (sebbene tutti sappiamo bene come sia andata a finire): Jim ci sta lasciando per entrare in quel macabro "Club dei 27" che già comprendeva il sommo Jimi Hendrix e l’inimitabile Janis Joplin (poi sarebbe arrivato anche Kurt Cobain dei Nirvana). Forse, suggeriscono gli autori, era già tutto scritto nel destino. I suoi genitori – papà Stephen, severo ammiraglio della Marina Usa e mamma Clara – si incontrarono infatti in uno dei paradisi terrestri, quelle Hawaii che tuttavia nel 1941 (leggi Pearl Harbour) non dovevano apparire proprio come un eden. Poeta maledetto che scelse il nome della sua band dall’opera di Aldous Huxley "Le porte della percezione", dove si riporta un pensiero di William Blake (1757-1827!): "Se le porte della percezione fossero purificate, tutto apparirebbe all’uomo come in effetti è: infinito". Jim condivideva un’altra idea di Blake e cioè che l’umanità possa superare i limiti a lei posti dai cinque sensi. Infatti, mentre le poche note di Manzoni al piano riecheggiano qualcosa che sta tra Ray Manzarek (tastierista e cofondatore dei Doors) e Keith Jarrett, Ruggeri urla "ancora più in là, ancora più in là!", strapazzando la chitarra come non avrebbe mai fatto il solare Robby Krieger (ricordate il suo assolo in ‘Light my fire’?).

Lo spettacolo insiste molto sul disagio esistenziale di Morrison, persosi poi tra sciamani immaginari, alcool e droga. C’è un fil rouge – urlato più volte da Jim/Ruggeri – che ben riassume il dramma e i fatali eccessi del frontman capace di insidiare Sua Maestà Mick Jagger: "Mr. Mojo Risin". È l’anagramma di Jim Morrison, ripetuto più volte al termine del brano ‘L.A. Woman’ nell’ultimo LP inciso dai Doors, e che indica spudoratamente l’organo sessuale maschile (Got to keep on risin, deve sempre alzarsi…). Uno dei tanti eccessi, stavolta verbale, cui Jim Morrison non seppe purtroppo rinunciare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved