Ajoie
2
Lugano
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
1. tempo
(2-1)
Friborgo
1
Berna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
Zurigo
3
Davos
0
1. tempo
(3-0)
Langenthal
1
Olten
0
1. tempo
(1-0)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
2
1. tempo
(2-2)
chi-fa-la-mamma-tra-boef-asen
Al di qua o al di là del Sacro
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
46 min

Eurovision, il 25 gennaio il sorteggio delle semifinali

Passaggio di testimone fra Rotterdam e Torino e composizione del cartellone delle prime due serate, che vedranno 36 Paesi competere in due semifinali
Culture
52 min

‘Nelle vene della terra’ con Martignoni rinviato in primavera

Tratto dalla coreografia di Tiziana Arnaboldi, con le poesie di Alberto Nessi, era previsto per domenica 23 gennaio alle 17
Culture
59 min

Posizionarsi nella giungla digitale e produrre un podcast

È il titolo del corso organizzato da A*dS - Autrici ed autori della Svizzera, destinato a scrittori e operatori del mondo dell’editoria (e non solo)
Scienze
2 ore

Vaccini, se gli effetti indesiderati sono un placebo

Secondo uno studio molte delle reazioni avverse sono dovute all’effetto nocebo. Un’occasione per affrontare l’esitazione vaccinale
Scienze
1 gior

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
1 gior

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
1 gior

‘Traditi da ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
1 gior

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
1 gior

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
1 gior

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
1 gior

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
1 gior

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
Jazz in Bess
1 gior

Suisse Diagonales Jazz, Lombardi & Salis prima dei Mohs

Secondo appuntamento ticinese del festival svizzero: alle 20.30 i 30 anni di sodalizio dei due ticinesi; alle 22 il quartetto capitanato da Kysk e Valazza
Culture
1 gior

‘Shoah, tempo e memoria’, concerto-lettura per non dimenticare

Mercoledì 26 gennaio alle 19.15 alla Biblioteca di Bellinzona, pianoforte e voce narrante aspettando la giornata della memoria
Musica
1 gior

Riccardo Minasi guida l’Osi in Auditorio

Giovedì 20 gennaio alle 20.30 allo Stelio Molo, il violinista e direttore d’orchestra in un concerto incentrato sul romanticismo tedesco
Società
1 gior

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
2 gior

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
2 gior

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Teatro Sociale
27.11.2021 - 11:310

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.

Rientrando nella stalla a fine giornata, un bue e un asino trovano un bimbo nella mangiatoia; piange, fa pipì e scombina la loro quotidianità e il loro fieno. Bue e asino vorrebbero tanto liberarsi del marmocchio, ma proprio non se la sentono. Capiscono, anzi, che se ne devono occupare, che il neonato deve essere allattato, e che avrebbe tanto bisogno di una mamma. Visto che nella stalla non ve n’è traccia: chi dei due farà la mamma? Dopo un confronto a base di gag, quelle di ogni spettacolo divertente per famiglie, «bue e asino capiscono che non è importante chi è mamma e chi è papà, e se sono due papà o sono due mamme: l’importante – racconta il regista e adattatore di quanto sopra raccontato – è che non puoi abbandonare una creatura debole, che ha bisogno, ma la devi accogliere e prendertene cura».

‘Al di qua o al di là del Sacro’

Ferruccio Cainero porta al Teatro Sociale, domenica 28 novembre alle 16, ‘Boef & Asen’, un classico del teatro natalizio nel resto d’Europa e in America Latina, meno a queste latitudini e, soprattutto, non in italiano, visto che quella in scena domenica è una prima assoluta nella lingua di Dante. «Sono vent’anni che lo spettacolo viene replicato nel periodo dell’Avvento. È ormai un rito, con mamme e papà che portano i figli a vedere qualcosa che avevano visto da bambini. Ed è un classico natalizio che, spero, possa diventare classico anche dalle nostre parti».

Un classico natalizio che pare dissacrante ma che dissacrante non è, per due figure che «non hanno il concetto del Sacro, ma sentono, istintivamente, che non si può abbandonare una creatura», valore assoluto di laica solidarietà che porterà lo spettacolo anche a San Siro, quartiere di Milano «dove sono tutti musulmani». Uno spettacolo che sta «al di qua o al di là del Sacro, perché alla fine – dice ancora Cainero – che importa se sei cristiano o non lo sei, se hai sentito parlare di Gesù Cristo oppure no, se ci credi o non ci credi, se per te è una favola o una fede: cosa vuoi farne di questo bambino, lasciarlo fuori al freddo?». E i riferimenti al Sacro sono spunto per divertenti fraintendimenti: «I due protagonisti, trovandosi nel periodo natalizio, sospettano che quell’esserino sia il ‘saldatore’ o ‘salvatore’ di cui si parla. Specialmente l’asino ne è incuriosito, lui che porta in giro le vecchiette per il paese e ha origliato tutte queste storie e sa di quel re che ‘gli rode’, per esempio. Anche se non capisce per cosa ‘gli rode’».

‘Facciamo quello che si può’

Chi fa la mamma tra Boef e Asen è domanda molto attuale, inserita in uno spettacolo scritto ben 23 anni fa da Norbert Ebel, autore, drammaturgo, attore teatrale e regista tedesco. «E infatti la domanda è parte della genialità dell’opera, che contiene davvero di tutto. Io ne ho fatto un mio adattamento, nel quale, per esempio, ironizzo sulle sigle dei generi che faccio sempre fatica a ricordare. L’asino dice al bue: “Fai tu da mamma!”, e il bue risponde “Ma io non posso, io sono un FFS!”; “Sei un ferroviere?”, chiede l’asino; “No, sono Forte, Fiero e Sicuro!”, risponde il bue. E all’asino, che rivendica la sigla anche per sé, il bue dice che lui è al massimo un TDP, Tenero, Dolce e Piagnucoloso, come sono tutte le mamme. “Non è vero”, ribatte l’asino: “La mia mamma era una FFS come te; era il mio papà, invece, che era tenero e dolce e mi raccontava delle bellissime storie...”. Nel testo c’è una scena lunga, bellissima su chi debba fare la mamma, che scaturisce in un “facciamo quello che si può”».

La stessa storia

Cainero ha scoperto ‘Boef & Asen’ a Norimberga, tanto tempo fa. «L’ho visto un paio di volte, nel teatro Mummpitz», dove per altro ha recitato. «È uno spettacolo per bambini e famiglie, non ‘studiato’ per bambini. E per me è qualcosa di speciale a partire dal fatto che non l’ho scritto, ma solo adattato. E poi è stagionale, natalizio. In generale, è diverso dalla mia solita attività. L’altra particolarità è che porto in scena due attori della compagnia Barabba’s Clowns, due ex ‘barabitt’, due ex ragazzi in difficoltà». E cioè Francesco Giuggioli e Gianluca Breviato, parte di una compagnia che affonda le sue radici a metà anni 50, quando il carcere minorile di Arese fu trasformato in comunità aperta.

«Dagli anni 70 – spiega Cainero – con varie generazioni di ragazzi in difficoltà, i Barabba’s Clowns hanno fatto teatro, e in particolare clownerie. Da quarant’anni questa compagnia si spende in mille attività, dentro e fuori l’Italia, e al suo interno ha anche alcuni attori bravi come professionisti». Saranno loro ad ‘agevolare’ l’entrata a San Siro dove, si è detto in principio, ‘Boef & Asen’ sarà portato: «Hanno un contatto con un sacerdote che lavora in strada e tutti gli anni organizza un presepe vivente, sopra un campo di pallacanestro. Questa volta il sacerdote ha voluto che si facesse questo spettacolo, all’aperto, d’inverno, su di un campo da basket, in un quartiere difficile. Sarà bello e interessante, perché nessuno meglio dei ragazzi di Barabba’s è così bravo a diffondere arte tra persone che hanno vissuto e ancora vivono quella che è stata la loro stessa storia».

Biglietti presso l’InfoPoint Bellinzona di Piazza Collegiata 12, tel. 091 825 48 18, sul sito www.ticketcorner.ch e presso tutti i punti vendita Ticketcorner. ‘Boef & Asen’ sarà l’8 dicembre alle 16 al Teatro Foce di Lugano, poi a Stabio, il 24 dicembre, nel Museo della civiltà contadina, all’interno della mostra, alle 10 e alle 14. Informazioni su www.barabbas.it - www.ferrucciocainero.ch.


Ferruccio Cainero (Ti-Press)

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved