fazioli-e-bernasconi-dietro-le-vetrine-di-paradeplatz
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 min

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
7 ore

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
Spettacoli
12 ore

Peter Dinklage affossa Biancaneve: ‘Favola arretrata sui nani’

Citando la prima Biancaneve ispanica, il Tyrion Lannister del Trono di Spade dice che è giunto il tempo di riscrivere la storia in modo progressista.
Spettacoli
13 ore

Ballerini del Super Bowl in rivolta: ‘Mai più gratis’

Ad accendere la miccia, la ballerina e attivista Taja Riley, che su Instagram denuncia che la maggior parte dei ballerini non pagati sono afroamericani.
Cinema
15 ore

Cina, la censura cambia il finale a ‘Fight Club’

Nel cult di David Fincher ora è la polizia a vincere. Tutti indignati come quando il ‘Bohemian Rhapsody’ cinese fu privato dei riferimenti gay.
Villa dei Cedri
17 ore

Arte e artisti di ‘Requiem for my dream’, performance

Quando e perché è iniziato il processo di svalutazione dell’arte? In quale misura gli artisti se ne sono resi complici? Le risposte venerdì 28 gennaio
Spettacoli
17 ore

In ‘Batgirl’ un personaggio trans, la prima volta di DC Comics

Si tratta di Alysia Yeoh, il cui ruolo sarà interpretato da Ivory Aquino, lei stessa transessuale.
Spettacoli
18 ore

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero
Società
18 ore

Scagionata dopo aver baciato Richard Gere

L’attrice di Bollywood era accusata di oscenità e indecenza. Il gesto aveva scatenato la furia di gruppi radicali indù.
Spettacoli
21 ore

Premi del cinema svizzero, favorito ‘Soul of a Beast’

Otto candidature per il film di Lorenz Merz, in concorso al Festival di Locarno. Sei nomination per ‘La Mif’ di Frédéric Baillif
Scienze
21 ore

Nanoplastiche piovono a chili sulle vette alpine

Misurazioni effettuate in Austria, nei pressi dell’Osservatorio del Sonnenblick, parlano di 42 chili di particelle al chilometro quadrato
Spettacoli
1 gior

Evan Rachel Wood ancora contro Marylin Manson: ‘Stupro sul set’

L’attrice protagonista di ‘Westworld’ accusa la rockstar di aver abusato di lei approfittando di una scena di sesso simulato per un videoclip
Scienze
1 gior

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato a destinazione

Ha raggiunto il suo punto di osservazione a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Lo ha annunciato la Nasa.
Musica
1 gior

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
1 gior

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 gior

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
1 gior

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
1 gior

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
29.07.2021 - 11:310
Aggiornamento : 14:14

Fazioli e Bernasconi dietro le vetrine di Paradeplatz

Per un anno i due autori sono andati a Zurigo per raccontare di un luogo andando al di là della faccia abusata delle cose

Una conversazione telefonica a tre, con Yari Bernasconi a Berna, Andrea Fazioli a Rossura e il sottoscritto in redazione a Bellinzona: al centro ideale di questo triangolo, Paradeplatz a Zurigo, luogo in cui i due autori si sono incontrati, una volta al mese, per un anno. Ne è uscito il reportage letterario ‘A Zurigo sulla luna’, pubblicato lo scorso aprile da Gabriele Capelli editore e che sarà presentato, nell’ambito della rassegna Chilometrozero, questa sera, giovedì 29 luglio alle 19 alla Biblioteca cantonale di Bellinzona.

Un libro di viaggio, ci spiega Fazioli, ma «con una particolare modalità di viaggio: muovendosi non sulla superficie orizzontale di un luogo ma sulla verticalità, tornando più volte sullo stesso luogo. È un esperimento che avevo fatto con una piccola piazza vicino a casa mia, pubblicato insieme ad altri testi in ‘Succede sempre qualcosa’ da Casagrande». Perché proprio Paradeplatz? «Dal punto di vista del marketing, non so quanto sia stato convincente uscire in Ticino con Zurigo, e Paradeplatz, in copertina» scherza Yari Bernasconi. Questione di convenienza geografica – serviva un posto facilmente raggiungibile da Berna e dal Ticino – ma anche «un luogo che fosse ben connotato». E Paradeplatz, aggiunge Fazioli, «è un luogo legato alla Svizzera, legato ai soldi, non a caso nel Monopoli svizzero è la casella dove si guadagna e si fallisce più facilmente. E poi è una piazza dove arrivano e partono tram, una piazza in cui sembra che nessuno voglia sostare». Una connotazione, conclude Bernasconi, che assume i contorni di pregiudizi: «Anche questa è stata una cosa interessante, scrivere di un luogo per andare al di là della faccia abusata delle cose, come cantava Guccini».

Il lavoro come si è svolto? Vi davate appuntamento in piazza e poi? «Siamo entrambi dei viaggiatori ferroviari distratti per cui era già una scommessa riuscire a trovarsi e infatti qualche volta c’è stato qualche inciampo, come racconta Yari che si è perso nel tragitto dalla stazione a Paradeplatz» spiega Fazioli e Bernasconi subito precisa: «Ogni volta che raccontiamo questo aneddoto tutti sorridono bonariamente, pensando “bravi l’avete preparata bene”, e forse è vero che inconsciamente coltiviamo il personaggio del viaggiatore distratto, ma è successo davvero». Una volta arrivati in Paradeplatz, un paio d’ore per annotare e discutere quel che colpisce l’attenzione e l’immaginazione. Poi a pranzo, «e già lì – racconta Fazioli –cominciava il lavoro creativo, rielaborando quanto visto e sviluppando una prima idea del testo. Poi ognuno scriveva una parte e l’altro rispondeva, intervenendo anche nello scritto dell’altro: se all’inizio il libro è scritto “a due voci”, gli ultimi testi di fatto non sono né di Yari Bernasconi né di Andrea Fazioli, ma di Bernasconi-Fazioli che ha uno stile suo, diverso dai nostri». «Con tutte le implicazioni, anche emotive: si dice sempre che la scrittura è una cosa personale e per questo difficile. Ritrovarci a scrivere insieme è stato, almeno per me, bello e spaventoso allo stesso tempo perché bisogna tenere da parte idee personali, modi di usare le parole, bisogna mettere in discussione la propria scrittura che è una cosa affascinante e inquietante».

Anche quando i due autori dialogano, cosa che accade soprattutto nei primi capitoli del libro, i testi sono sempre rivisti a vicenda e anche le fotografie e i brani dei taccuini che abbiamo inserito alla fine «non ricordo più cosa è mio e cosa è di Yari». Unici “sprazzi di scrittura individuale”, un racconto di Andrea Fazioli e una poesia di Yari Bernasconi che sarà anche pubblicata nella nuova raccolta che uscirà a settembre.

A scandire i dodici mesi di questo reportage letterario, alcune poesie. Eppure, per quanto detto prima, se si deve pensare a un “luogo poetico”, non viene in mente certo Paradeplatz. «Qualunque altro luogo al mondo, si potrebbe dire» scherza Fazioli. «La provocazione di fondo è stata proprio quella» aggiunge Bernasconi. «Ripetiamo spesso che la poesia e la letteratura in generale possano raccontare il mondo in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, per cui la sfida è stata appunto portare della poesia, e anche della poesia sorprendente come può essere quella medievale, in un luogo così poco poetico».

Nel libro anche molte citazioni, da Gianni Rodari a Kurt Vonnegut passando per Italo Svevo, Simenon e la Linea di Cavandoli. «Semplicemente arrivavamo in piazza con il bagaglio delle nostre letture, dei nostri pensieri e dei libri che poi mettevamo sul tavolo del bistrò in cui pranzavamo, riferimenti che poi saltavano fuori e che sono finiti nel libro» spiega Bernasconi. «Citazioni casuali mentre le dodici poesie erano “programmatiche”, decise di volta in volta da uno di noi e scoperte dall’altro, per provare a leggere la piazza partendo da quella poesia».

Le ricognizioni a Zurigo si sono svolte prima della pandemia, quando le piazze, i viaggi e gli incontri avevano un significato oggi in parte cambiato. A testimoniare cosa è accaduto nel frattempo, un breve capitolo introduttivo «nel quale la voce unica è più compiuta, perché è stato scritto dopo tutto il resto e dopo che abbiamo scritto altre cose insieme. Un nostro ritorno a Zurigo durante la pandemia, a gennaio, che abbiamo voluto fare per dire che è possibile mantenere questo sguardo sulle cose, questa attenzione alla realtà nonostante quello che è successo. Anzi, paradossalmente un viaggio come questo in cui non si va lontano, in cui si torna sullo stesso luogo per cercare di capirlo in profondità, è un viaggio da pandemia, anche se chiaramente nel 2018 non ci avevamo pensato» spiega Fazioli. Un invito «a non dimenticare le piccole cose, al di là dei titoli e delle parole reboanti: in vetrina Paradeplatz mette altro, ma noi abbiamo guardato dietro la vetrina anche se è sempre più difficile, in periodo di pandemia, guardare dietro la vetrina».  Bernasconi: «Prima ho citato Guccini: la canzone è ‘Scirocco’ ed è calzante non solo perché dedichiamo anche noi un capitolo a un vento, ma perché la citazione piena è che “arrivasse ogni giorno” questo scirocco “per spingerci a guardare dietro alla faccia abusata delle cose”».

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved